[momenti di piacere]

02 febbraio 2010 ore 11:48 segnala

Il dono è un gentile atto di presunzione. Invade lo spazio altrui con la pretesa: sono tuo. Che sia utile o no, esige che uno si occupi di lui. ...di mio preferisco regalare vino, che è un modo di essere ricordati brevemente, a sorsi. [*se] poi un sorso tira l'altro raggiungi quella sensazione di -irragionevolezza-, -lievitazione-, -trans-.

Se riesci ad assaporarlo bene, poi, il vino sembrerà il più buono che tu abbia mai bevuto, sembrerà l'unico in grado di regalarti certe sensazioni, e ne vorrai sempre di più. Quando svaniscono gli effetti, però, le uniche testimonianze di quella passione che c'è stata sono qualche ricordo offuscato e un petulante mal di testa.

[*gradisci ancora un sorso?]

11398520
Il dono è un gentile atto di presunzione. Invade lo spazio altrui con la pretesa: sono tuo. Che sia utile o no, esige che uno si occupi di lui. ...di mio preferisco regalare vino, che è un modo di essere ricordati brevemente, a sorsi. [*se] poi un sorso tira l'altro raggiungi quella...
Post
02/02/2010 11:48:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. STARLIGHT 04 febbraio 2010 ore 23:10

    Nelle parole leggo  una Sinfonia Musicale: parte piano e aumenta d'intensità..inizia il violino e si termina con tutta l'orchestra...

    :bye

  2. ragno777 08 marzo 2010 ore 09:57
    questa piccola poesia me appartiene e' proprio tutto vero parola x parola mi e' piaciuta un sacco se e' tua complimenti se no, nn l avevo mai sentita! ciaooooooooooooooooooooo ;-)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.