FIGURACCIA......

15 dicembre 2011 ore 22:38 segnala
Avevo spostato il letto giusto quel tanto da poterci passare dietro, la signora,( splendida mammifera di razza umana) di circa quaranta anni, la presa del telefono la voleva vicino il comodino sinistro, la porta era rimasta chiusa, anche se con la scaletta avevo finito.
Quella camera era cosi pulita, che se non era per quella forte presenza di donna che si avvertiva, sembrava disabitata, alzai la testa per un attimo asciugandomi il sudore e lo sguardi mi ando li.
Sulll'antico comò con un grade specchio attaccato alla parete, c'èra una zanna di elefante, adagiata su un piccolo piedistallo di marmo, formava una quasi perfetta mazzaluna.
Non so a cosa pensai, forse a niente, ma mi avvicinai al comò e dopo avermi pulito per bene le mani, come se dovessi toccare la cosa piu preziosa del mondo, l'afferrai delicatamente togliendola dalla sua base, non era d'avorio chiaramente, era di ceramica, con un piccolo riquadro sulla base che raffigurava un paesaggio in bassorilievo, molto pesante, ma a mio avviso troppo tozza per la sua lunghezza, per poter sembrare una vera zanna, circa cinquanta centimetri e la punta troppo arrotondata.
Avvicinai la finta zanna al naso, chiusi gli occhi e dalla punta verso la base aspirai profondamente, ripetento piu volte sempre piu concentrato, senza rendermene conto cercai piu dentro di me che in quella finta zanna, quell'odore che quelle ormai rare volte che mi capita la fotuna di risentire, mi rapisce la mente, toglindomi ogni possibile pensiero razionale, in quei momenti riesco solo a sognare.
Niente, non sentii niente, ma quando tornai in me e riaprii gli occhi la porta era spalancata, e lei era li, ad un metro da me....
Come quando mia nonna mi beccava in punta di piedi sulla sedia, vicino il vecchio stipo, con le dita affondate nel grosso vaso di miele... non è che potevo inventare una scusa come ero solito fare...Il vaso era li, e le dita grondavano di miele....
"lei" con una tranquillita superlativa, non mi fece per nulla sentire nessun imbarazzo, e con la sua bella voce mi disse...: Le preparo un caffe????? : SSII grezie se non la disturba.....: NOOO, nessun disturbo e si allontanò ancheggiando leggera, sembrava stesse danzando....
Riponendo il dente delicatamente al suo posto gli sussurrai,: -Vai piccolino, torna al tuo posto.... MA, CHE FIGURA DI M..... MI HAI FATTO FARE!!!!!!
de084e6f-9c5e-49cd-9945-883fdb419ef1
Avevo spostato il letto giusto quel tanto da poterci passare dietro, la signora,( splendida mammifera di razza umana) di circa quaranta anni, la presa del telefono la voleva vicino il comodino...
Post
15/12/2011 22:38:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. Fata.Tatuata 27 dicembre 2011 ore 15:02
    :bye

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.