Figlio della Luna

08 marzo 2010 ore 10:45 segnala
http://video.giovani.it/final-fantasy-vii-figlio-luna.html per chi non fraintenda narra la leggenda di quella gitana che pregò la luna bianca ed alta nel ciel mentre sorrideva lei la supplicava «fa che torni da me» «tu riavrai quell'uomo pelle scura con il suo perdono donna impura però in cambio voglio che il tuo primo figlio venga a stare con me» chi suo figlio immola per non stare sola non è degna di un re luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è dimmi luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai figlio della luna nacque a primavera un bambino da quel padre scuro come il fumo con la pelle chiara gli occhi di laguna come un figlio di luna «questo è un tradimento lui non è mio figlio ed io no, non lo voglio» luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è dimmi luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai figlio della luna ii gitano folle di dolore colto proprio al centro dell'onore l'afferrò gridando la baciò piangendo poi la lama affondò corse sopra al monte col bambino in braccio e lì lo abbandonò luna adesso sei madre ma chi fece di te una donna non c'è dimmi luna d'argento come lo cullerai se le braccia non hai figlio della luna se la luna piena poi diviene è perché il bambino dorme bene ma se sta piangendo lei se lo trastulla cala e poi si fa culla ma se sta piangendo lei se lo trastulla cala e poi si fa culla

e se fosse un utero?

24 febbraio 2010 ore 10:27 segnala
e poi mi fermo a pensare ... capita spesso quando dormo due ore per notte ... più sono stanca, meno sono reattiva.... più partorisco pensieri.. dev'essere una sorta di autoconservatorismo fisico, atto a bloccare lo spegnimento della macchina IO. Si, ho voglia di sentirmi coccolata, vagare in un limbo di tenerezza, come un ritorno intrauterino... però a pensarci a quanti di noi non farebbe schifo ritrovarsi annegati in una sostanza liquida dall'odore discutibile, anche un po' appiccicaticcia...senza finestre...senza possibilità di fuga...ne di svago? Ho voglia di strusciarmi su un corpo caldo...un corpo che sappia di muschio e bagnoschiuma ... un corpo accogliente... denso di promesse...dare e ricevere ... sentirlo mio... ...prenderlo...morderlo...graffiarlo... senza chiedere permesso...senza un domani... senza un dopo... sentirlo ...sotto di me...dentro di me... oltrepassare la pelle...raggiungere l'anima... raccoglierla dolcemente tra le mani...succhiarla avidameente fino a togliere il respiro... fino a sentire che non è più un'unica entità, diversa da me... è mia...parte di me...come io parte di lei... Fondere le membra lo spirito in un unico fuoco!!!! ....ardere...distruggersi ricrearsi ... Liberarsi dai pesi e dalle colpe...dai rimorsi...dai sospesi ...dai rimpianti dai perchè... riempirsi a vicenda...... Lasciarsi! Ripendersi! ESPLODERE con un grido ....gioia, spossatezza ...liberazione sciogliersi in quell'abbraccio che permette alle anima di rientrare nei propri corpi... cullati dalla pigrizia indotta... dalla soddisfazione esausta ... DORMIRE....DORMIRE...DORMIRE.... e domani? Domani è come oggi....com'era ieri...

Si je t'aime

05 febbraio 2010 ore 11:08 segnala
Quand je t'aime
J'ai l'impression d'être un roi
Un chevalier d'autrefois
Le seul homme sur la terre
Quand je t'aime
J'ai l'impression d'être à toi
Comme la rivière au Delta
Prisonnier volontaire

{Refrain:}
Quand je t'aime
Tous mes gestes me ramènent
A tes lèvres ou à tes bras
A l'amour avec toi

Quand je t'aime
Il est minuit ou midi
En enfer au paradis
N'importe où mais ensemble
Quand je t'aime
Je ne sais plus si je suis
Un mendiant ou un messie
Mais nos rêves se ressemblent
{au Refrain}

Quand je t'aime
J'ai des fleurs au bout des doigts
Et le ciel que je te dois
Est un ciel sans étoiles
Quand je t'aime
J'ai la fièvre dans le sang
Et ce plaisir innocent
Me fait peur, me fait mal
{au Refrain}

Quand je t'aime
J'ai l'impression d'être un roi
Un chevalier d'autrefois
Le seul homme sur la terre
Quand je t'aime
J'ai l'impression d'être à toi
Comme la rivière au Delta
Prisonnier volontaire
Quand je t'aime
Il est minuit ou midi
En enfer au paradis
N'importe où mais ensemble
Quand je t'aime
Je ne sais plus si je suis
Un mendiant ou un messie
Mais nos rêves se ressemblent
Quand je t'aime

 

 

 

Quando ti amo

Ho l’impressione d’essere un re

Un cavaliere d’altri tempi

Il solo uomo sulla terra

Quando ti amo

Ho l’impressione d’essere con te

Cone il fiume al delta

Prigioniero Volontario

 

Quando ti amo

Tutti i miei gesti mi riportano

Alle tue labbra o alle tue braccia

All’amore con te

 

Quando ti amo

A mezzanotte o mezzogiorno

All’inferno o in paradiso

Non importa dove, ma insieme

Quando ti amo

Non so piu’ se sono

Un mendicante o un Signore

Ma i nostri sogni s’assomigliano

 

Quando ti amo

Ho i fiori sulla punta delle dita

E il cielo che ti devo

E’ un cielo senza stelle

Quando ti amo

Mi ribolle il sangue

E questo piacere innocente

Mi fa paura, mi fa male

 

 

Acetosella

29 dicembre 2009 ore 21:57 segnala
 

Tu non hai alcun potere su di me... Labirynth

e se..potessi fermare il tempo....adesso...per sempre...

e se..potessi tornare indietro...ma...a quando...

e se..mi fermassi di più a pensare...

quante volte ci diciamo queste cose ...nell'arco di un giorno...un anno...

una vita...

quante volte ho aspettato che la corrente portasse a valle il cadavere del mio nemico...quante volte ho visto me stessa galleggiare...

quante volte sono annegata in un bicchier d'acqua...quante volte sono sfrecciata via...lontana libera nell'oceano...

ma ora...che le candele sono spente...consumate fino all'ultima goccia...

ora...che nell'aria rimane solo l'eco delle danze, le risa dei ballerini sfiniti...

...la glassa dei canditi...appiccicaticcia sulle mani...sfregate sul retro dei pantaloni...

come fanno i bambini quando mentono alla mamma dicendo di non aver nemmeno pensato alla marmellata....

...mmmmmh...la marmellata di more...

ora....che scopa e paletta alla mano mi preparo ad eliminare gli ultimi strascichi...del nulla...

ora che la mia polvere è setacciata un po' ovunque... lo zucchero a velo sulla ciambella della nonna...gustoso...appetitoso...dolci le punte delle dita...

quanto costa una lacrima? ...e se ne riempissi un catino...potrei barattarlo con l'ignoranza di un panzer? con la forza di una formica?

con un velo?

tulle e seta...bianca.....candida.....pulita...

coprire montagne.... valli...mari... voragini... che nulla si veda... che tutto sia celato....

che non si emetta un fiato...

quello strato...di liscia...morbida...candida...

Sordida Innocenza...

cosa mi resta tra le mani... rifulgere di un bagliore non mio... vederlo svanire lentamente nella nebbia...

il freddo e il gelo della NonCuranza...

Riemergere...dalla terra...

Acetosella rigogliosa verde accesa ...fucsia la testa alta...

erba infestante...

...un cancro...

Farsi largo tra la folla....gridare...

sono qui...

Inverno....

IO...sono Qui...Fastidiosa...incalzante...sempre presente e Viva...

e tu

mio caro....caro Inverno ...Ora non puoi più nulla

Verrai....ma presto ...nuovamente...

Io tornero'

Ancora...e Ancora...e Ancora...

Sguardo fisso nell'anima...

Tornerò...più forte...più dura...

più grande..

come un ricordo...

come un rimorso....

come un rimpianto...


Gioia Nera

28 dicembre 2009 ore 20:13 segnala
  Depuis que je t'ai vu

les phénomènes déscrits

comme phénomènes d'amour

connus classés ou non

arrivent

l'un après l'autre

demandent à venir

dans l'ordre exact


je les reconnais tous

même les nouveaux les inconnus


à leur arrivé je les compte

avec rire

et docilité


docilité extreme

prête à tout


à toute blessure extrême

disparition attente


et noir:

noir joie

 

Nera gioia,

è quella di un istante che fugge via, quella di un ricordo che insegue...

a volte mi nascondo dietro un'illusione che io stessa ho creato e nella quale credo fermamente...

a volte mi si addormenta una gamba mentre penso... stare seduti sul VASO DI CERAMICA, volgarmente detto Cesso, ha una sua dimensione. Un suo porco perchè... ma come ogni cosa, ha un contro... si addormentano le gambe.

Quale pensatoio migliore, più intimo, solitario, lontano dal mondo...che non è poi cosi' lontano, ma abbastanza per isolarsi da pensieri, parole, opere ed omissioni...

Ma parlavo di gioia nera... pensare sul cesso qualcosa c'entra...forse...forse no, ma anche questo ha un suo perchè...

Nelle mie inutilizzate, obsolete elucubrazioni mentali...quanto mi piace parlare difficile...ho la certezza di saltare di palo in frasca...vuoi anche per le possibili intromissioni dall'esterno... eppure anche questo ha un suo porco per

Il mondo proprio non ce la fa a farsi i cazzi suoi per quei dieci minuti...gioia nera ... il calore di un abbraccio, un amico che ti chiede come stai...una domanda idiota come....che si mangia per cena? il tutto nel momento meno opportuno ... gioia nera

Morire dentro e sputare veleno e ridere della propria cattiveria...possiamo chiamarlo anche cinismo... sarcasmo ... è gioia nera ...

 

tu, tu che sei il mio sogno, il mio incubo... tu che riemergi dal fango nel quale ti ho cacciato... tu che torni dalla terra e mi scaldi il cuore ... tu che voli via ...tu che non sei mai stato, saresti potuto essere...mai sarai...mi amerai nei secoli...ti desidererò in eterno, senza poterti sfiorare, perdermi nei tuoi occhi...

TU SEI LA MIA GIOIA NERA