Suca.

13 febbraio 2018 ore 13:39 segnala


Sono davvero pochi i siciliani che, nell’arco della loro vita, non hanno mai pronunciato la parola Suca. E sono pochissimi quelli che non l’hanno mai scritta da qualche parte, chi sul diario del compagno di banco, chi su una saracinesca o su un muro, chi in un social. La parola, peraltro, si presta molto: bisillabica, immediata, efficace e liberatoria. Nel mondo, forse solo la parla Fuck può eguagliarla. Ma, mentre fuck è usata come interiezione tra un discorso e l’altro, sostanzialmente come la parola Minchia (Es: What the Fuck do you want? – Che minchia vuoi?), Suca viene utilizzata in numerosissime circostanze e con diverse intonazioni, cioè, secondo come la si pronuncia, se ne capisce il senso che può essere offensivo ma anche no.

Per chi non conosce la parola Suca è la terza persona singolare dell'indicativo presente di sucare e anche la seconda persona singolare dell'imperativo di sucare.
Originariamente è nata come termine offensivo. Suca, infatti, era, diciamo così, un “incitamento” a praticare una fellatio. Col tempo ha allargato i suoi significati. Oggi, ad esempio, il portiere della squadra avversaria, nel momento del rilancio, viene gratificato dallo stadio con un solo urlo: SUCA!!!

Ma il motivo per cui ho scritto un blog su “Suca” è che la parola, oggi, è uscita dai vicoli del volgo per entrare nelle aule austere dell’università di Palermo. Una studentessa, infatti, è diventata neo dottoressa proponendo Il “Suca” come argomento della sua tesi in Scienza della comunicazione. L’essenza della sua tesi è: quando una parola diventa virale, mantiene ancora il suo significato cioè indica ancora l’atto sessuale oppure se ne stacca?
Mi chiedo un Luigi Pirandello, giusto per fare un nome, che in questa prestigiosa università iniziò i suoi studi universitari, di fronte a una tesi del genere, cosa avrebbe detto.

3b39c48d-38f7-488a-aa31-16d97f695135
« immagine » Sono davvero pochi i siciliani che, nell’arco della loro vita, non hanno mai pronunciato la parola Suca. E sono pochissimi quelli che non l’hanno mai scritta da qualche parte, chi sul diario del compagno di banco, chi su una saracinesca o su un muro, chi in un social. La parola, pera...
Post
13/02/2018 13:39:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. leonardo2018 13 febbraio 2018 ore 14:22
    Avrebbe detto: Suca.
  2. f.ear 13 febbraio 2018 ore 15:02
    suca sta per chupa ...ahahahahahahahaha
    e' divertentissima
  3. francuzzoserpico 13 febbraio 2018 ore 15:52
    @ leonardo2018
    Pagherei per sentire Pirandello dire, tra una maschera e l'altra, SUCA.
  4. francuzzoserpico 13 febbraio 2018 ore 15:56
    @ f.ear
    Non sapevo che suca si dicesse chupa in napoletano. Quindi per voi un chupa chupa (la caramella) è come per noi un suca suca? Non riuscirei mai a chiedere un negoziante un suca suca, mi farebbe fuori all'istante.
  5. leonardo2018 13 febbraio 2018 ore 16:05
    Anche i grandi dicono le parolacce, suca lo diceva anche Archimede
  6. francuzzoserpico 13 febbraio 2018 ore 16:06
    beh lui parlava di leve...
  7. leonardo2018 13 febbraio 2018 ore 16:09
    in effetti la leva con suca si abbina perfettamente
  8. francuzzoserpico 13 febbraio 2018 ore 16:14
    esatto, anzi uno non vive senza l'altro.
  9. leonardo2018 13 febbraio 2018 ore 16:18
    Ci siamo capiti.
  10. evasione1955 15 febbraio 2018 ore 20:38
    eeeh... lo vorrei vedere anch'io Pirandello davanti a cotanta ...diciamo, esuberanza?
    cmq molto divertente con passi storici... SUCA!!!! :-))) :-))) :-)))
  11. francuzzoserpico 15 febbraio 2018 ore 22:26
    @ evasione1955
    Grazie. Naturalmente ricambio il tuo...SUCA :-))) :-))) :-)))
  12. leonardo2018 16 febbraio 2018 ore 08:34
    Se non vi dispiace, ricambio anch'io :-))) :-))) :-)))

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.