Vasame

17 giugno 2020 ore 07:12 segnala


Vasame

Vulesse addiventà n'albero 'e rose
Pe te fa sentì l'addor e chist ammore
Vulesse addiventà nu poc e sole
Pe te fa sentí o'calore e chistu bene

Vulesse addiventà nu poc e viente
Pe trasì p'a forza rint 'a bocca toia
Vulesse addiventà comm o'silenzie
Pe te fa sentì tutt 'e respiri mie

Vasame, pe' chesta vota vasame
Crideme, po' nun te cerche chiù
Vasame, pe' chesta vota vasame
Crideme, po' nun te cerche chiù

Vulesse addiventà madre de suonn
Pe te fa sunnà ca tu cierc a me
Vulesse addiventà pullin 'e vas
Per putè cadè ngopp 'e capill tuoie

Vasame, pe' chesta vota vasame
Crideme, po' nun te cerche chiù
E vasame, pe' chesta vota vasame
Crideme, po' nun te cerche chiù

Vulesse addiventà n'albero…

ecf385d8-d8dc-4128-99ec-1fa66c207c1b
« immagine » Vasame Vulesse addiventà n'albero 'e rose Pe te fa sentì l'addor e chist ammore Vulesse addiventà nu poc e sole Pe te fa sentí o'calore e chistu bene Vulesse addiventà nu poc e viente Pe trasì p'a forza rint 'a bocca toia Vulesse addiventà comm o'silenzie Pe te fa sentì tutt 'e res...
Post
17/06/2020 07:12:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Ti aspetto

11 giugno 2020 ore 20:28 segnala


È sabato sera
Sei tutta vestita di blu
Ti sto guardando da un po'
Forse mi stai guardando anche tu
Qualcuno è corso fuori
Lasciando sottosopra il cuore di qualcun'altro
Bene, se sei in cerca d'amore
Dolcezza, io sono più duro degli altri

Alcune ragazze vogliono un Dan distinto
Oppure un Joe di bell'aspetto al loro braccio
Alcune ragazze vogliono un Romeo che parli dolcemente
Piccola, da queste parti
Ho imparato che ottieni ciò che puoi ottenere
Perciò se sei forte abbastanza per l'amore
Dolcezza, io sono più duro degli altri

La strada è buia
Ed è una linea davvero sottile
Ma voglio che tu sappia che la percorreró per te ogni volta
Forse gli altri tuoi ragazzi
Non hanno potuto superare la prova
Se sei forte e preparata all'amore
Dolcezza, io sono più duro degli altri

Non è un segreto
Sono stato qui intorno una volta o due
Piccola, non lo so, può darsi che anche tu sia stata da queste parti
C'è un altro ballo
E tutto quello che devi fare è dire si
E se sei forte e preparata all'amore
Dolcezza, io sono più duro degli altri
Se sei forte abbastanza per l'amore
Piccola, io sono più duro degli altri


0a25c025-1404-496f-9ad0-137f7f376eff
« immagine » È sabato sera Sei tutta vestita di blu Ti sto guardando da un po' Forse mi stai guardando anche tu Qualcuno è corso fuori Lasciando sottosopra il cuore di qualcun'altro Bene, se sei in cerca d'amore Dolcezza, io sono più duro degli altri Alcune ragazze vogliono un Dan distinto Oppur...
Post
11/06/2020 20:28:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

La leggenda del papavero

16 aprile 2020 ore 07:50 segnala
Si narra che un giorno, nel mese di giugno Proserpina, la bellissima figlia di Giove e della dea della Terra, mentre coglieva fiori in un prato di Sicilia fu rapita da Plutone, dio degli inferi, che volle farla sua sposa.

Quando la madre Demetra venne a sapere che la figlia avrebbe trascorso il resto dell’esistenza nel mondo sotterraneo si disperò e corse a chiedere aiuto a Giove che però non fece nulla, cercando addirittura di incoraggiare l’unione della figlia che sarebbe diventata regina.
Demetra in preda al dolore decise di non occuparsi più per la Terra. A quel punto Giove, preoccupato della morte delle creature, convinse Plutone a lasciar tornare Proserpina per almeno sei mesi ogni anno.

Così fu e leggenda vuole che quando la regina ritorna sulla terra sbocciano i papaveri che con il loro colore rosso, ricordano alla dea la passione dello sposo che l’aspetta negli inferi.

(dal web)



La meravigliosa insolenza del papavero
che cresce ovunque e incurante di tutto
regala il suo rosso a chi sa accorgersi.

(Ginevra Cardinal)

1f9b3e4f-9666-46a9-8b76-4f280d37a3e0
Si narra che un giorno, nel mese di giugno Proserpina, la bellissima figlia di Giove e della dea della Terra, mentre coglieva fiori in un prato di Sicilia fu rapita da Plutone, dio degli inferi, che volle farla sua sposa. Quando la madre Demetra venne a sapere che la figlia avrebbe trascorso il...
Post
16/04/2020 07:50:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Vurria murì

07 febbraio 2020 ore 10:22 segnala


Dopo aver ascoltato ieri sera il Cantico dei cantici di Benigni, non provo più alcun imbarazzo nel riproporre quanto scrissi qualche anno fa.

Vurria murì


Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje,
pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore.

Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja,
pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene.

Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje,
pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature

Vurria murì ‘ncoppa ‘a pucchiacca toja,
pe’ mme stunà n’ata vota cu l’addore suoje

Vurria murì comme a ‘na stella cadente,
pe’ 'lluminà n’ata vota a vita toja
e po’ … niente cchiù

(lam)

eae2f976-2d93-487d-b9cc-f1659ce3a139
« immagine » Dopo aver ascoltato ieri sera il Cantico dei cantici di Benigni, non provo più alcun imbarazzo nel riproporre quanto scrissi qualche anno fa. Vurria murì Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje, pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore. Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja, pe’ sen...
Post
07/02/2020 10:22:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    10

Un vecchio racconto. 1^ parte: la solitudine

04 gennaio 2020 ore 01:02 segnala


Sono le 3 del mattino, ho dormito forse 2 ore, il vuoto dentro diventa pesante come un macigno, un'altra notte che si ripete, uguale all'altra, uguale a dieci, uguale a 100 notti, accendo la tv, faccio zapping più veloce di una Ferrari, no, non è questo che mi darà pace, il ginocchio mi duole, fitte come stilettate lo scuotono, mi fanno sobbalzare, una, due, tre smorfie di dolore, basta, è un inferno.
Mi rivesto, pantalone, camicia, un maglione; giaccone e cappello, avvolgo il collo con una pashmina comprata a Shanghai. Alle 3,30 sono in macchina, mi dirigo verso il centro della città, ho voglia di camminare, farà forse bene anche al ginocchio, un freddo umido e nebbiolina mi accolgono, l'umidità fa penetrare il freddo sin dentro alle articolazioni, alle ossa, mi alzo il bavero, sistemo meglio la pashmina, abbasso il cappello sugli occhi e cammino; negozi, negozi, negozi, pieni di offerte, di saldi, ma non vedo cosa vendono, lo sguardo perso nel vuoto, mille pensieri affollano la mente; ahhhhh una sigaretta ora, un vizio che dopo oltre 30 anni si riaffaccia sempre in questi momenti, una vetrina, riflesso in essa un volto femminile, leggero, luminoso, una visione.
Stringo le spalle, il freddo è pungente, mi rimetto a camminare prigioniero del vuoto, abbasso ancora di più il grande cappello sugli occhi, quasi a nascondere a me stesso l'evidente smarrimento; supero un bar, fanno un buon caffè qui, certo ora mi farebbe bene berne uno, ma è chiuso. Mi giro, dall'altra parte della strada, un'altra vetrina, lo stesso volto femminile mi riappare, stavolta mi sorride appena; dolce è il sorriso, tenera è l'espressione, i suoi capelli sembrano mossi dal vento, ma vento non c'è; visione, miraggio senza senso, forse è quella la mia acqua e questa, la solitudine, la mia sete.
Il mio peregrinar diventa ora ansioso, guardo le vetrine nella speranza di rivedere qul volto, “cerca che trovi”, un vecchio proverbio mi risuona nella mente, cerca che trovi, ma niente, sono le 5 ora forse potrei trovare un caldo caffè al bar della stazione, non so, sono anni che non la frequento.
Torno verso la macchina posteggiata in piazza, mi siedo al volante, ma i miei pensieri hanno il sopravvento, ora mille volti mi passano davanti e ad uno ad uno li rammento tutti, ma mi manca un volto ancora, quando riparto per la stazione sono le 6, entro nel bar, ordino il caffè, c'è gente, ma è come se fossi solo; buono il suo profumo, ma il caffè è una vera schifezza, una ciofeca, avrebbe detto Totò, hanno bruciato la miscela, lo bevo quasi con fastidio.
Sono fuori finalmente, ai binari la gente, tanta, uomini e donne che iniziano la loro giornata lavorativa con un viaggio, studenti che si trasferiscono a Napoli con borsoni pieni, portano le provviste di una o due settimane, le mamme, le dolci, tenere e premurose mamme del sud, temono che i figli non possano vivere senza il loro ragù, la parmigiana di melanzane, i maccheroni imbottiti, la lasagna … cosa non farebbero per alleviare le fatiche ai loro scarrafoni.
Mi perdo, perché anch’io sto nelle stesse condizioni, mi vien da sorridere a pensare i litigi a casa tra mamma e figlia, dove una vuole che porti e l'altra non vuole portare perchè "si secca", si infastidisce, vuole cavarsela da sola; è strano come la vista dei ragazzi mi abbia fatto sorridere.
Dall'altra parte dei binari una donna mi guarda, ora non è più la visione del volto, ora non è più il miraggio, è lei, ho immaginato il volto prima ancora di vederla?
Eleganza, charme, femminilità, bella, sicura nel portamento, avrà forse 44-46 anni; sento improvviso una strana sensazione di ansia mista ad angoscia, il cuore sembra scalare qualche gradino, lo sento quasi in gola, il sangue affluisce sgommando alla testa, sento quasi il suo stridio sulle pareti venose, cazzo non ho presa la mia pilloletta per la pressione ieri sera, sarà per questo penso; no, no, non è questo, è quella.
Non stacco un attimo i miei occhi dai suoi, cerco di scorgere qualche cenno di ammiccamento, di incoraggiamento, gli occhi, ancora gli uni negli altri, l'arrivo di un treno mi fa voltare, attaccato al muro, una vetrina pubblicitaria riflette la mia immagine e mi porta violentemente alla realtà: la Bella e la Bestia o Quasimodo ed Esmeralda? Come può una simile creatura desiderare di sfiorare anche solo per un attimo un volto con più tempo, un corpo che porta i segni dell'abbandono, maledetta realtà che vuole inesorabile il trascorrere delle cose, il passaggio continuo tra un secondo ed un altro, tra un minuto e quello successivo.
La guardo, lei ricambia lo sguardo, ora abbozza un sorriso, un riflettore sembra illuminarla, forse è un'attrice, immagino che lei debba girare una scena di un film, magari tra poco sentirò una voce che griderà ciak si gira.
No, no, non è un'attrice, non c'è film da girare se non quello della mia vita, questo ciak riguarderà la milionesima scena e non è ripetibile, la prima è quella che conta, buona o cattiva che sia; è una donna reale, non una visione, non un personaggio di qualche film quella che mi guarda e che io guardo, perso nei suoi occhi … scappo?
Certo che devo scappare, non voglio subire l'onta di un'altra frustata in pieno viso, no, non voglio avere un'altra cicatrice da rimarginare, poi l'età, alla mia età ancora giochi proibiti, ancora giochi fatti di innamoramenti, di amori perduti, di amori portati in gestazione nel profondo del cuore, ma mai nati … la Bella e la Bestia o Quasimodo ed Esmeralda, una bruciante sconfitta o la rinascita.
Mi viene in mente una canzone napoletana cantata da Peppino Gagliardi "Povero core", la canto mentalmente ...
Poveru core...e comme, comme è stato
ca ô ttarde 'e ll'etá mia mme só' perduto...
Ca perdere vò' dí: chi è 'nnammurato
e ha da tené 'sta pena annascunnuta...
Core, che vuó' da me?
Essa è ll'aurora: io só' comm''o tramonto!
Essa è ll'ammore: i' sóngo 'o sentimento!
Essa mme stima: io 'a voglio bene tanto




Mi giro, quasi di corsa mi avvio al sottopassaggio, scendo e risalgo le scale, non sento più il ginocchio, non sento più dolore, non sento più freddo, non ci sono più i mille pensieri, né lo stridio di voci dentro di me, sbuco dalle scale, lei è di fronte a me, mi guarda, la guardo, mi avvicino, stendo la mano e …
9a3652b1-266a-40bd-acb4-57389f56f400
« immagine » Sono le 3 del mattino, ho dormito forse 2 ore, il vuoto dentro diventa pesante come un macigno, un'altra notte che si ripete, uguale all'altra, uguale a dieci, uguale a 100 notti, accendo la tv, faccio zapping più veloce di una Ferrari, no, non è questo che mi darà pace, il ginocchio...
Post
04/01/2020 01:02:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Il pastore e la stella

20 novembre 2019 ore 23:34 segnala

In quel periodo ero un lupo, amico di un pastore che aveva la passione per il canto e per la cetra.
Accompagnavo sempre questo mio buono amico, ovunque lui andasse, eravamo inseparabili.
Una notte in cui il cielo era particolarmente stellato, salimmo su una rupe ad ammirare i milioni di stelle del firmamento che splendevano come mai si erano viste.
Il pastore rimase a guardare estasiato lo spettacolo che l'universo ci offriva con tanta generosità, ma, più di altra cosa, lo attrasse una stella luminosissima.
Era davvero bella, sembrava, ai suoi occhi, che stesse lì per lui.
Egli prese la cetra e incominciò a cantare accompagnandosi con il suono della cetra.
Cantava e non smetteva di distogliere lo sguardo da quella stella. Rimanemmo lì tutta la notte.
Nelle notti successive il pastore tornò su quella rupe e, come ogni notte gli succedeva, cantava il suo amore per la stella. Era a volte un canto melodioso, pieno d'amore, altre volte il canto era straziante, perché raccontava di un amore impossibile.
Una notte il pastore sentì così forte la sua passione e l'attrazione per quella stella, che da quella rupe spiccò il volo per raggiungerla.
E così si staccò da terra e incominciò a salire nel cielo, più su, il suo cuore batteva sempre più forte e lui saliva sempre più su. Poi, dall'alto guardò un istante la terra che si allontanava, in quel momento pensò "come è possibile che volo non avendo le ali?". In quello stesso istante, nell'istante in cui aveva dubitato nel potere dell'amore, il pastore precipitò.
Da quella notte, ogni notte in cui il cielo è sereno, c'è un lupo che su quella rupe ulula alle stelle.


Bisogna crederci sempre, fino alla fine
lam
1e70160e-d2c9-414f-b49a-eddbfc9d9d42
« immagine » In quel periodo ero un lupo, amico di un pastore che aveva la passione per il canto e per la cetra. Accompagnavo sempre questo mio buono amico, ovunque lui andasse, eravamo inseparabili. Una notte in cui il cielo era particolarmente stellato, salimmo su una rupe ad ammirare i milion...
Post
20/11/2019 23:34:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    12

Una dedica non voluta

08 ottobre 2019 ore 02:51 segnala

A volte mi sveglio improvvisamente, non so perché ciò accade, ma nello stesso modo e nello stesso momento, mi sento impotente ed inutile.
Mi guardo in giro, ma non vedo niente se non il buio della stanza e qualche ombra di mobile che ho ben in mente. E allora guardo dentro di me, e lo faccio con molta circospezione, con cautela, quasi con paura, avendo paura di leggere ciò che non vorrei mai leggere.
Nel fare questo, mi scorrono velocemente nella mente, come in un film di Ridolini, molte immagini della mia vita, delle persone care che l’hanno caratterizzata, degli episodi che hanno segnato le diverse tappe, dei baratri che spesso per puro miracolo ho evitato.
E’pensando a questo, ma anche a ciò che potrebbe riserbarmi il futuro, che mi assale l’angoscia, avendo la consapevolezza di essere poca cosa, inadeguato, di fronte alle grandi questioni che l’anima, la mia anima mi pone.
Perso e angosciato, mi capita di pronunciare, come forse fanno molti, una invocazione a mia madre, chiedendole di aiutarmi a capire e a darmi forza e coraggio per agire. Poi, pensiero e invocazione, come per incanto, come un passaggio naturale, vanno alla mamma di tutte le mamme e allora capisco che questo cercare, questo rovistare, è egoistico, capisco che le mie angosce sono ben poca cosa di fronte a quelle che il mondo quotidianamente ci presenta davanti, all’angoscia che questa mamma a cui mi rivolgo ha vissuto circa 1986 anni or sono.
Sarà per questa somiglianza, questa analogia alle nostre mamme che la Madonna è la Santa che più sentiamo vicino, che più invochiamo.
Rileggendo quanto ho scritto, mi accorgo che non voleva essere questo l’argomento del post, invece le mie mani, scorrendo anarchicamente sulla tastiera, hanno deciso di scrivere altro, ma forse, alla fine, hanno voluto scrivere dell’amore di una mamma per i figli, per tutti i figli, anche per chi, come me, spesso si scorda del tantissimo che ha, mentre si ricorda di quel poco che non ha.
Dedico questi pensieri e e questa bella interpretazione di Antonella Ruggiero dell’Ave Maria di Gounod del video alle mamme dei due carabinieri barbaramente uccisi a Trieste, il loro dolore è molto prossimo a quello che una mamma ha provato nell’anno 33 d.c.. :rosa


d92b4210-07d0-4a70-99e8-c87826595d75
« immagine » A volte mi sveglio improvvisamente, non so perché ciò accade, ma nello stesso modo e nello stesso momento, mi sento impotente ed inutile. Mi guardo in giro, ma non vedo niente se non il buio della stanza e qualche ombra di mobile che ho ben in mente. E allora guardo dentro di me, e l...
Post
08/10/2019 02:51:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Tutta pe' mme

12 giugno 2019 ore 07:18 segnala

Si tratta di un profumo tra i migliori del mondo: la creazione dell’oncia a forma di fiocco affonda le sue origini nel primo scorcio del ‘900, quando venne realizzata da Baccarat. Le note di bergamotto, anice e lavanda con fondo di vetiver, patchouli e vaniglia, nel loro mix unico, riuscirebbero a far girare la testa a uomini e donne!

Guerlain Coque d’Or, ‘nu Die ‘e profume, chest’ si tu: un corpo aggraziato in ogni punto contenente una esplosione di amore, di emozioni, di essenze rare.

165146d5-50a3-438d-965c-6c299f0867ec
« immagine » Si tratta di un profumo tra i migliori del mondo: la creazione dell’oncia a forma di fiocco affonda le sue origini nel primo scorcio del ‘900, quando venne realizzata da Baccarat. Le note di bergamotto, anice e lavanda con fondo di vetiver, patchouli e vaniglia, nel loro mix unico, ri...
Post
12/06/2019 07:18:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    22

Stanotte va così

16 gennaio 2019 ore 00:47 segnala


Vurria murì


Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje
pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore

Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja
pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene

Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje
pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature

Vurria murì ‘ncoppa ‘a pucchiacca toja
pe’ mme stunà n’ata vota cu l’addore suoje

Vurria murì comme a ‘na stella cadente
pe’ 'lluminà n’ata vota a vita toja
e po’ … niente cchiù


eec090e8-257f-4695-8edb-3e31c8b0b7ff
« immagine » Vurria murì Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature Vurria murì ‘ncoppa ‘a p...
Post
16/01/2019 00:47:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    6

LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA

22 novembre 2018 ore 12:36 segnala


LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA

Una volta erano davvero incomprensibili alcune dinamiche che si veniva a creare qui in chatta.
Oggi invece è tutto più chiaro. L'individuo partecipando attivamente ai vari social network, mette in moto delle dinamiche interne al proprio IO, prima completamente sconosciute.
Un post, un dialogo virtuale, una partecipazione su tematiche sociali-economiche-politiche, seppur a lui sconosciute nella sostanza, creano (in lui) emozioni, aspettative, o altri sentimenti, che fino ad allora neanche immaginava potesse provare così facilmente e a buon mercato.
Così capita, in chatta, che un nick (perchè alla fin fine, nel momento in cui non si manifesta nella sua vera identità, tale resta)possa addirittura innamorarsi di un altro nick senza conoscere né voce, né aspetto e neanche la sua vera personalità.
Tutto questo ovviamente nasconde mancanze che evidentemente gli pesano.
Questo capita sia al nick presunto uomo, che al nick presunto donna (già perchè speso ci si trova di fronte a nick di uomo che in verità è gestito da una donna e viceversa).
Ora, come diceva Totò "vengo con questa mia adirvi, che fino a quando queste false o improprie emozioni restano nel chiuso del proprio abitacolo corporeo, transeat, ma quando esse tentano di coinvolgere un inconsapevole(?) (ma forse spesso colpevole) nick del sesso opposto, allora diventa un problema.
Quindi è d'uopo che il sesso opposto coinvolto metta immediatamente i paletti e chiarisca BENE il rapporto eliminando così ogni e qualsiasi equivoco.
Quindi, concludendo, prendere una poesia o uno scritto qualsiasi dal blog del nick che si vuole coinvolgere, è molto sconveniente e riprovevole, primo perchè per fare questo occorrerebbe chiedere l'autorizzazione, secondo si dà l'impressione, a chi poi legge, di chissà quale tresca ci sia sotto.
Quindi, siate sempre chiari e diretti quando ambite ad un trofeo, così chiara e diretta sarà la risposta del trofeo.
Jà nun fa l'americana, lassa sta!!!!

17e7645e-b085-48d2-b523-85c71578ae2e
« immagine » LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA Una volta erano davvero incomprensibili alcune dinamiche che si veniva a creare qui in chatta. Oggi invece è tutto più chiaro. L'individuo partecipando attivamente ai vari social network, mette in moto delle dinamiche interne al proprio IO, pr...
Post
22/11/2018 12:36:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    1