Una dedica non voluta

08 ottobre 2019 ore 02:51 segnala

A volte mi sveglio improvvisamente, non so perché ciò accade, ma nello stesso modo e nello stesso momento, mi sento impotente ed inutile.
Mi guardo in giro, ma non vedo niente se non il buio della stanza e qualche ombra di mobile che ho ben in mente. E allora guardo dentro di me, e lo faccio con molta circospezione, con cautela, quasi con paura, avendo paura di leggere ciò che non vorrei mai leggere.
Nel fare questo, mi scorrono velocemente nella mente, come in un film di Ridolini, molte immagini della mia vita, delle persone care che l’hanno caratterizzata, degli episodi che hanno segnato le diverse tappe, dei baratri che spesso per puro miracolo ho evitato.
E’pensando a questo, ma anche a ciò che potrebbe riserbarmi il futuro, che mi assale l’angoscia, avendo la consapevolezza di essere poca cosa, inadeguato, di fronte alle grandi questioni che l’anima, la mia anima mi pone.
Perso e angosciato, mi capita di pronunciare, come forse fanno molti, una invocazione a mia madre, chiedendole di aiutarmi a capire e a darmi forza e coraggio per agire. Poi, pensiero e invocazione, come per incanto, come un passaggio naturale, vanno alla mamma di tutte le mamme e allora capisco che questo cercare, questo rovistare, è egoistico, capisco che le mie angosce sono ben poca cosa di fronte a quelle che il mondo quotidianamente ci presenta davanti, all’angoscia che questa mamma a cui mi rivolgo ha vissuto circa 1986 anni or sono.
Sarà per questa somiglianza, questa analogia alle nostre mamme che la Madonna è la Santa che più sentiamo vicino, che più invochiamo.
Rileggendo quanto ho scritto, mi accorgo che non voleva essere questo l’argomento del post, invece le mie mani, scorrendo anarchicamente sulla tastiera, hanno deciso di scrivere altro, ma forse, alla fine, hanno voluto scrivere dell’amore di una mamma per i figli, per tutti i figli, anche per chi, come me, spesso si scorda del tantissimo che ha, mentre si ricorda di quel poco che non ha.
Dedico questi pensieri e e questa bella interpretazione di Antonella Ruggiero dell’Ave Maria di Gounod del video alle mamme dei due carabinieri barbaramente uccisi a Trieste, il loro dolore è molto prossimo a quello che una mamma ha provato nell’anno 33 d.c.. :rosa


d92b4210-07d0-4a70-99e8-c87826595d75
« immagine » A volte mi sveglio improvvisamente, non so perché ciò accade, ma nello stesso modo e nello stesso momento, mi sento impotente ed inutile. Mi guardo in giro, ma non vedo niente se non il buio della stanza e qualche ombra di mobile che ho ben in mente. E allora guardo dentro di me, e l...
Post
08/10/2019 02:51:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Tutta pe' mme

12 giugno 2019 ore 07:18 segnala

Si tratta di un profumo tra i migliori del mondo: la creazione dell’oncia a forma di fiocco affonda le sue origini nel primo scorcio del ‘900, quando venne realizzata da Baccarat. Le note di bergamotto, anice e lavanda con fondo di vetiver, patchouli e vaniglia, nel loro mix unico, riuscirebbero a far girare la testa a uomini e donne!

Guerlain Coque d’Or, ‘nu Die ‘e profume, chest’ si tu: un corpo aggraziato in ogni punto contenente una esplosione di amore, di emozioni, di essenze rare.

165146d5-50a3-438d-965c-6c299f0867ec
« immagine » Si tratta di un profumo tra i migliori del mondo: la creazione dell’oncia a forma di fiocco affonda le sue origini nel primo scorcio del ‘900, quando venne realizzata da Baccarat. Le note di bergamotto, anice e lavanda con fondo di vetiver, patchouli e vaniglia, nel loro mix unico, ri...
Post
12/06/2019 07:18:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    22

Stanotte va così

16 gennaio 2019 ore 00:47 segnala


Vurria murì


Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje
pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore

Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja
pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene

Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje
pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature

Vurria murì ‘ncoppa ‘a pucchiacca toja
pe’ mme stunà n’ata vota cu l’addore suoje

Vurria murì comme a ‘na stella cadente
pe’ 'lluminà n’ata vota a vita toja
e po’ … niente cchiù


eec090e8-257f-4695-8edb-3e31c8b0b7ff
« immagine » Vurria murì Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature Vurria murì ‘ncoppa ‘a p...
Post
16/01/2019 00:47:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    6

LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA

22 novembre 2018 ore 12:36 segnala


LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA

Una volta erano davvero incomprensibili alcune dinamiche che si veniva a creare qui in chatta.
Oggi invece è tutto più chiaro. L'individuo partecipando attivamente ai vari social network, mette in moto delle dinamiche interne al proprio IO, prima completamente sconosciute.
Un post, un dialogo virtuale, una partecipazione su tematiche sociali-economiche-politiche, seppur a lui sconosciute nella sostanza, creano (in lui) emozioni, aspettative, o altri sentimenti, che fino ad allora neanche immaginava potesse provare così facilmente e a buon mercato.
Così capita, in chatta, che un nick (perchè alla fin fine, nel momento in cui non si manifesta nella sua vera identità, tale resta)possa addirittura innamorarsi di un altro nick senza conoscere né voce, né aspetto e neanche la sua vera personalità.
Tutto questo ovviamente nasconde mancanze che evidentemente gli pesano.
Questo capita sia al nick presunto uomo, che al nick presunto donna (già perchè speso ci si trova di fronte a nick di uomo che in verità è gestito da una donna e viceversa).
Ora, come diceva Totò "vengo con questa mia adirvi, che fino a quando queste false o improprie emozioni restano nel chiuso del proprio abitacolo corporeo, transeat, ma quando esse tentano di coinvolgere un inconsapevole(?) (ma forse spesso colpevole) nick del sesso opposto, allora diventa un problema.
Quindi è d'uopo che il sesso opposto coinvolto metta immediatamente i paletti e chiarisca BENE il rapporto eliminando così ogni e qualsiasi equivoco.
Quindi, concludendo, prendere una poesia o uno scritto qualsiasi dal blog del nick che si vuole coinvolgere, è molto sconveniente e riprovevole, primo perchè per fare questo occorrerebbe chiedere l'autorizzazione, secondo si dà l'impressione, a chi poi legge, di chissà quale tresca ci sia sotto.
Quindi, siate sempre chiari e diretti quando ambite ad un trofeo, così chiara e diretta sarà la risposta del trofeo.
Jà nun fa l'americana, lassa sta!!!!

17e7645e-b085-48d2-b523-85c71578ae2e
« immagine » LE STRANE ED ASSURDE DINAMICHE DI CHATTA Una volta erano davvero incomprensibili alcune dinamiche che si veniva a creare qui in chatta. Oggi invece è tutto più chiaro. L'individuo partecipando attivamente ai vari social network, mette in moto delle dinamiche interne al proprio IO, pr...
Post
22/11/2018 12:36:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Io vulesse truvà pace

02 novembre 2018 ore 19:05 segnala

E. De Filippo

Io vulesse truvà pace;
ma na pace senza morte.
Una, mmiez'a tanta porte,
s'arapesse pè campà!

S'arapesse na matina,
na matin' 'e primavera,
e arrivasse fin' 'a sera
senza dì: « nzerràte llà »

Senza sentere cchiù 'a ggente
ca te dice: « io faccio..., io dico »,
senza sentere l'amico
ca te vene a cunziglià.

Senza senter' 'a famiglia
ca te dice:« Ma ch' 'e fatto? »
Senza scennere cchiù a patto
c' 'a cuscienza e 'a dignità.

Senza leggere 'o giurnale...
'a nutizia impressionante,
ch'è nu guaio pè tutte quante
e nun tiene che ce fà.

Senza sentere 'o duttore
ca te spiega a malatia...
'a ricett' in farmacia...
l'onorario ch' 'e 'a pavà.

Senza sentere stu core
ca te parla 'e Cuncettina,
Rita, Brigida, Nannina...
Chesta sì... Chell'ata no.

Pecchè, insomma, si vuò pace
e nun sentere cchiù niente,
'e 'a sperà ca sulamente
ven' 'a morte a te piglià?

Io vulesse truvà pace
ma na pace senza morte.
Una, mmiez'a tanta porte,
s'arapesse pè campà!

S'arapesse na matina,
na matin' 'e primavera...
e arrivasse fin' 'a sera
senza dì: « nzerràte llà »



:bye :bye :bye :bye :bye :bye :bye :bye :bye :bye :bye
978005d7-0f8e-4d44-be0b-38901691f8b5
« immagine » E. De Filippo Io vulesse truvà pace; ma na pace senza morte. Una, mmiez'a tanta porte, s'arapesse pè campà! S'arapesse na matina, na matin' 'e primavera, e arrivasse fin' 'a sera senza dì: « nzerràte llà » Senza sentere cchiù 'a ggente ca te dice: « io faccio..., io dico », senza s...
Post
02/11/2018 19:05:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Scrivo per me

24 ottobre 2018 ore 15:16 segnala



Scrivo per me,
scrivo per ricordare o dimenticare,
scrivo per rabbia o per rasserenarmi
scrivo per maledire o perdonare,
comunque scriva,
scrivo per amore.

Parole usate,
parole dette,
parole infami,
parole senza senso,
parole sentite,
parole dette per amore.


Sguardi che annaspano nel buio dei ricordi per portare una flebile speranza al cuore.
Tutto tace, tutto si spegne, il sipario è calato.
Rien ne va plus, les jeux sont faits.

eff173e0-7662-44c1-8707-d1a4106de3b8
« immagine » Scrivo per me, scrivo per ricordare o dimenticare, scrivo per rabbia o per rasserenarmi scrivo per maledire o perdonare, comunque scriva, scrivo per amore. Parole usate, parole dette, parole infami, parole senza senso, parole sentite, parole dette per amore. Sguardi che annaspa...
Post
24/10/2018 15:16:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Dimmi qualcosa d'amore

26 settembre 2018 ore 12:34 segnala


Lei: <Dimmi qualcosa d'amore va'>
Lui: <Sei la mia speranza in un mondo migliore, baby>
Lei: <Quando leggo le poesie che hai scritto per le altre, sono gelosa>
Lui: <Non preoccuparti, sono cadute in prescrizione>
Lei: <Le poesie d'amore non cadono in prescrizione>
Lui: <Dici?>
Lei: <Dico>
Lui: <E invece sì>
Lei: <Anche quelle che hai scritto per me, dunque?>
Lui: <No, quelle no>
Lei: <E cos'hanno di diverso le poesie d'amore scritte per me?>
Lui: <Sono come l'omicidio>
Lei: <Non suona molto bene>
Lui: <Sono come l'associazione a delinquere>
Lei: <Così fa proprio schifo>
(Guido Catalano)
92106e4d-ae1c-4c5f-8ddf-22de51418821
« immagine » Lei: <Dimmi qualcosa d'amore va'> Lui: <Sei la mia speranza in un mondo migliore, baby> Lei: <Quando leggo le poesie che hai scritto per le altre, sono gelosa> Lui: <Non preoccuparti, sono cadute in prescrizione> Lei: <Le poesie d'amore non cadono in prescr...
Post
26/09/2018 12:34:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    3

Te vulesse tutta pe' mme

19 settembre 2018 ore 22:35 segnala


Te vulesse tutta pe' mme

Te vulesse tutta pe' mme
Ogni respire, ogni sguardo 'e vulesse tutti pe' mme.
'O sacce, nun è cosa bona,
ma te vulesse tutta pe' mme.

Ti alzi la mattina?
'o prime pensiere, 'o primme sguardo
'o vulesse tutti pe' mme.

'O sacce, nun è possibile,
nun è desiderio giusto,
ma je te vulesse tutta pe' mme.

'O telefono infame, maledetto,
je vulesse che sunasse sule pe' mme.
'O sacce tieni i figli, i parenti, gli amici,
tutti ti vogliono e ti cercano,
ma je, nennè, te vulesse tutta pe' mme.

E' 'na malatia 'a mia?
Nun 'o sacce, ma je te vulesse tutta pe' mme.

Sempe!


187c01ba-4d3e-4265-8b91-a952f25fbc6f
« immagine » Te vulesse tutta pe' mme Te vulesse tutta pe' mme Ogni respire, ogni sguardo 'e vulesse tutti pe' mme. 'O sacce, nun è cosa bona, ma te vulesse tutta pe' mme. Ti alzi la mattina? 'o prime pensiere, 'o primme sguardo 'o vulesse tutti pe' mme. 'O sacce, nun è possibile, nun è desid...
Post
19/09/2018 22:35:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Fenesta vascia

08 luglio 2018 ore 07:21 segnala


Fenesta vascia
E' quanno sento sta canzone che me pesa sta distanza, tu luntane a me, je luntano a te, 'nu turmiente che nun trova pace.
E' allora che 'o surche dinte 'o core se fa funne e caccia sanghe vullente che comme 'na lava me scave ll'aneme.
E sule sule cerco cumpagnia dinte i ricordi, dinte 'e chieve dell'addore tuoje che m'è rimaste appiccicato 'nguolle.
L'uocchie currene attraverso 'e ll'astre, se pierdene dinte 'o scuro, vulessere arrivà là addò nun puonno.
Accussì ll'ammore diventa triste dinte a stu core sulitario, mentre 'na lacrime scenne pe' cumpagnia.




Fenesta vascia ‘e padrona crudele,
quanta suspire mm’haje fatto jettare!…
Mm’arde stu core, comm’a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare!
Oje piglia la ‘sperienza de la neve!
La neve è fredda e se fa maniare…
e tu comme si’ tanta aspra e crudele?!
Muorto mme vide e nun mme vuó’ ajutare!?…

Vorría addeventare no picciuotto,
co na langella a ghire vennenn’acqua,
Pe’ mme ne jí da chisti palazzuotte:
Belli ffemmene meje, ah! Chi vó’ acqua…
Se vota na nennella da llá ‘ncoppa:
Chi è ‘sto ninno ca va vennenn’acqua?
E io responno, co parole accorte:
Só’ lacreme d’ammore e non è acqua!…


Per i non napoletani

fenesta vascia = finestra bassa
jettare = buttare
cannela = candela
annommenare = nominare
‘sperienza = esperienza
langella = brocca
ghire = andare
ji = andare
5e027993-bd74-48a4-923b-debc20bd12dc
« immagine » Fenesta vascia E' quanno sento sta canzone che me pesa sta distanza, tu luntane a me, je luntano a te, 'nu turmiente che nun trova pace. E' allora che 'o surche dinte 'o core se fa funne e caccia sanghe vullente che comme 'na lava me scave ll'aneme. E sule sule cerco cumpagnia dinte ...
Post
08/07/2018 07:21:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Povero core mio

07 maggio 2018 ore 10:27 segnala


Povero core mio

Ma che m'è cumbinate
a stu povero core mio,
sta sempe sul chi va là,
aspetta tue notizie,
‘nu segnale che parla 'e te.

Te cerca ‘a tutte 'e parte:
dinte a ‘nu bicchiere,
dinte a’ penna stilografica,
dinte 'o schermo do pc,
e là addò te cerca, te vede:
sorridente cu l'uocchie felice,
incazzata comme a stammatina,
oppure che braccia aperte a’ m'aspettà.

Però stu core te vulesse dicere,
ma me vuò dà ‘o tiempo ‘e m’emparà?
Te pare facile pe’ ‘nu motore
fermo ‘o maletiempo pe’ tanti anni
e se mettere in moto e camminà?
Deve esser ‘nu poco lubrificato,
levate qualche punto ‘e ruggine,
s’addà stregnere qualche bullone,
insomma addà turnà a funzionà.

E stu povero core mio ch’addà fa?
Avverte sbalzi, lampi e tuoni,
maronne comme a ‘nu terremoto,
s’addà rendere conto ‘e che se tratta?
O te pienze che all’improvviso
s’accorge che chello che sente
nun è rumore ‘e ‘nu motore,
ma è o’ ritorne dell’ammore?
(lam)

0f3ac3d0-894a-4886-8b72-c1623ba61cb3
« immagine » Povero core mio Ma che m'è cumbinate a stu povero core mio, sta sempe sul chi va là, aspetta tue notizie, ‘nu segnale che parla 'e te. Te cerca ‘a tutte 'e parte: dinte a ‘nu bicchiere, dinte a’ penna stilografica, dinte 'o schermo do pc, e là addò te cerca, te vede: sorridente cu ...
Post
07/05/2018 10:27:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment
    3