Il lento piacere

24 maggio 2017 ore 07:31 segnala

E' quando lentamente accarezzo il tuo corpo nudo che sento la tua totale appartenenza.
Il tuo ansimare è il dolce canto dell'amore e allora ti apri vogliosa di ricevere il mio amore così che anch'io possa appartenerti.
Lento è il piacere che ne ricavo, ma di grande profondità e mi scuote sin dalle radici dell'anima.
Mi senti incollato al tuo corpo, sì che tu possa sentirmi come seconda pelle, perché sai che pure io ho una seconda pelle ed è il tuo corpo incollato al mio.

a523e31d-3533-4773-9bb2-8e8911a1cae4
« immagine » E' quando lentamente accarezzo il tuo corpo nudo che sento la tua totale appartenenza. Il tuo ansimare è il dolce canto dell'amore e allora ti apri vogliosa di ricevere il mio amore così che anch'io possa appartenerti. Lento è il piacere che ne ricavo, ma di grande profondità e mi sc...
Post
24/05/2017 07:31:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Mi piace parlar di te quando sei assente

22 maggio 2017 ore 22:04 segnala

Mi piace parlar di te quando sei assente:
del colore dei tuoi occhi rubato al più
azzurro dei mari in una notte di S. Silvestro,
sì che fossero tempestati di luccichii di stelle
capaci di illuminare la mia strada sino a te.
Mi piace parlar di te quando sei assente:
delle tue labbra rosse e sensuali capaci
di attrarre le mie, ed ogni sera, chiusi
gli occhi e adagiate le mie alle tue,
racchiudo la mia esistenza in un suggello d’amore.
Mi piace parlar di te quando sei assente:
della sensibilità che hai e che ti fa cogliere tutto di me,
anche quando, come un cane randagio, mi perdo
nello spazio virtuale in cerca di fuoco amico
che possa riscaldare le mie notti solitarie.
Mi piace parlar di te quando sei assente:
di quel sorrido che hai e che ti illumina il viso;
delle nostre lunghe telefonate mai scontate,
fatte non di parole, ma di suoni, ora dolci, ora duri,
dettati dal nostro modo di essere e di viverci.
Mi piace parlar di te quando sei assente:
del tuo modo di dirmi, in una piega di voce,
t’amo d’amor mai amato e mai vissuto, perduto
in un refolo di vento giunto impetuoso sino a te.
e dello stesso amor oggi ancor più t’amo.
Mi piace parlar di te quando sei assente...

lam
31020036-8cce-48ea-bd9d-6af1bb0cbf82
E'vietato qualsiasi commento a pseudo-avvocatesse e pseudo-professoresse « immagine » Mi piace parlar di te quando sei assente: del colore dei tuoi occhi rubato al più azzurro dei mari in una notte di S. Silvestro, sì che fossero tempestati di luccichii di stelle capaci di illuminare la mia...
Post
22/05/2017 22:04:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Vurria murì

02 maggio 2017 ore 01:14 segnala



Vurria murì


Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje
pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore

Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja
pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene

Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje
pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature

Vurria murì ‘ncoppa ‘a pucchiacca toja
pe’ mme stunà n’ata vota cu l’addore suoje



2aba57ea-cdfe-48c3-9f8d-66ae32b92270
« immagine » Vurria murì Vurria murì ‘ncoppa ‘o sciate tuoje pe’ mme sentì l’ultima serenata d’ammore Vurria murì ‘ncoppa ‘a vucchella toja pe’ sentì ‘o sanghe che se spanne dinte ‘e vene Vurria murì ‘ncoppa ‘e zizze toje pe’ mme sentì cunnuliato comme a ‘nu criature Vurria murì ‘ncoppa...
Post
02/05/2017 01:14:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Turmiente 'ell'anima

25 aprile 2017 ore 13:14 segnala


Sulo, dinto a 'nu lietto te ne staje,
te gire e te vuote senza 'na ragione
ma 'e piglià suono nun te ne tene maje
dinte all'uocchie, tu, quann'ire guaglione.

Notte 'e mmerda, notte 'e sufferenza,
co' chi parle 'e chisti tuoje turmiente
se t'accuorge ca chiù nisciuna te penza
e affidi 'a speranza a 'na stella lucente.

Te gire e te vuote, i pensieri vanno luntano,
'na figura 'e femmena pronta te s'affaccia,
è overe, mo' p' 'a tuccà può allungà 'na mano,
e accussì pigli suonno dinte a chelle braccia.

T'abbracce 'o cuscino fino a che fa juorne
t' 'o strigne forte 'mpietto pe' sentì calore
chiamme finanche 'o nomme senza scuorne
e accussì p'aiuto, stanotte, t'è venuto l'ammore.

bd7303f5-328f-4bcc-b655-81573b7edfe6
« immagine » Sulo, dinto a 'nu lietto te ne staje, te gire e te vuote senza 'na ragione ma 'e piglià suono nun te ne tene maje dinte all'uocchie, tu, quann'ire guaglione. Notte 'e mmerda, notte 'e sufferenza, co' chi parle 'e chisti tuoje turmiente se t'accuorge ca chiù nisciuna te penza e affid...
Post
25/04/2017 13:14:18
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Sogni irrequieti

24 aprile 2017 ore 08:12 segnala


I^ Parte "La solitudine"

Sono le 3 del mattino, ho dormito forse 2 ore, il vuoto dentro diventa pesante come un macigno, un'altra notte che si ripete, uguale all'altra, uguale a dieci, uguale a 100 notti, accendo la tele, faccio zapping più veloce di una Ferrari, no, non è questo che mi darà pace, il ginocchio mi duole, fitte stilettate lo scuotono, mi fanno sobbalzare, una, due, tre smorfie di dolore, basta, è un inferno.
Mi rivesto, pantalone e camicia, marrone scuro il primo, beige la seconda; giaccone e cappello marroni, avvolgo il collo in una pashmina comprata a Shanghai. Alle 3,30 sono in macchina, mi dirigo verso il centro della città, ho voglia di camminare, farà forse bene anche al ginocchio, un freddo umido e nebbiolina mi accolgono, l'umidità fa penetrare il freddo sin dentro alle articolazioni, alle ossa, mi alzo il bavero, sistemo meglio la pashmina, abbasso il cappello sugli occhi e cammino; negozi, negozi, negozi, pieni di offerte, di saldi, ma non vedo cosa vendono, lo sguardo perso nel vuoto, mille pensieri affollano la mente, ahhhhh una sigaretta ora, un vizio che dopo oltre 20 anni si riaffaccia sempre in questi momenti, una vetrina, riflesso, un volto femminile, leggero, luminoso, una visione.
Stringo le spalle, il freddo è pungente, mi rimetto a camminare prigioniero del vuoto, abbasso ancora di più il grande cappello sugli occhi quasi a nascondere a me stesso l'evidente smarrimento; supero un bar, fanno un buon caffè qui, certo ora mi farebbe bene berne uno, ma ... mi giro, dall'altra parte della strada, un'altra vetrina, lo stesso volto femminile mi riappare, stavolta mi sorride appena; dolce è il sorriso, tenera è l'espressione, i suoi capelli sembrano mossi dal vento, ma vento non c'è, visione, miraggio senza senso, forse è quella la mia acqua e questa, la solitudine, la mia sete.
Il mio peregrinar diventa ora ansioso, guardo le vetrine nella speranza … cerca che trovi, un vecchio proverbio mi risuona nella mente, cerca che trovi, ma niente, sono le 5 ora forse potrei trovare un caldo caffè al bar della stazione, non so, sono anni che non la frequento.
Torno verso la macchina posteggiata in piazza, mi siedo al volante, ma i miei pensieri hanno il sopravvento, ora mille volti mi passano davanti e ad uno ad uno li rammento tutti, ma mi manca un volto ancora, quando riparto per la stazione sono le 6, entro nel bar, ordino il caffè, c'è gente, ma è come se fossi solo; buono il suo profumo, ma il caffè è una vera schifezza, una ciofeca, avrebbe detto Totò, hanno bruciato la miscela, lo bevo quasi con fastidio.
Sono fuori finalmente, ai binari la gente, tanta, uomini e donne che iniziano la loro giornata lavorativa con un viaggio, studenti che si trasferiscono a Napoli con borsoni pieni, portano le provviste di una o due settimane, le mamme, le dolci, tenere e premurose mamme del sud, temono che i figli non possono vivere senza il loro ragù, la parmigiana di melanzane, i maccheroni imbottiti, la lasagna … cosa non farebbero per alleviare le fatiche ai loro piccoli scarafoni.
Mi perdo perché anche io sto nelle stesse condizioni, mi vien da sorridere a pensare i litigi a casa tra mamma e figlia, dove una vuole che porti e l'altra non vuole portare perchè "si secca", si infastidisce, vuole cavarsela da sola; è strano come la vista dei ragazzi mi abbia fatto sorridere.
Dall'altra parte dei binari una donna mi guarda, ora non è più la visione del volto, ora non è più il miraggio, è lei, ho immaginato il volto prima ancora di vederla?
Eleganza, charme, femminilità, bella, sicura nel portamento, avrà forse 44-46 anni; sento improvviso una strana sensazione di ansia mista ad angoscia, il cuore sembra scalare qualche gradino, lo sento quasi in gola, il sangue affluisce sgommando alla testa, sento quasi il suo stridio sulle pareti venose, cazzo non ho presa la mia pilloletta per la pressione ieri sera, il betabloccante, sarà per questo penso; no, no, non è questo, è quella.
Non stacco un attimo i miei occhi dai suoi, cerco di scorgere qualche cenno di ammiccamento, di incoraggiamento, gli occhi, ancora gli uni negli altri, l'arrivo di un treno mi fa voltare, attaccato al muro, una vetrina pubblicitaria riflette la mia immagine e mi porta violentemente alla realtà: la Bella e la Bestia o Quasimodo, il gobbo di Notre Dame ed Esmeralda, la bella Zingara, come può una simile creatura desiderare di sfiorare anche solo per un attimo un volto con più tempo, un corpo che porta i segni dell'abbandono, maledetta realtà che vuole inesorabile il trascorrere delle cose, il passaggio continuo tra un secondo ed un altro, tra un minuto e quello successivo.
La guardo, lei ricambia lo sguardo, ora abbozza un sorriso, un riflettore sembra illuminarla, forse è un'attrice, immagino che lei debba girare una scena di un film, magari tra poco sentirò una voce che griderà ciack si gira.
No, no, non è un'attrice, non c'è film da girare se non quello della mia vita, questo ciack riguarderà la milionesima scena e non è ripetibile, la prima è quella che conta, buona o cattiva che sia; è una donna reale, non una visione, non un personaggio di qualche film quella che mi guarda e che io guardo, perso nei suoi occhi … scappo?
Certo che devo scappare, non voglio subire l'onta di un'altra frustata in pieno viso, no, non voglio avere un'altra cicatrice da rimarginare, poi l'età, alla mia età ancora giochi proibiti, ancora giochi fatti di innamoramenti, di amori perduti, di amori portati in gestazione nel profondo del cuore, ma mai nati … la Bella e la Bestia o Quasimodo ed Esmeralda, una bruciante sconfitta o la rinascita.
Mi viene in mente una canzone napoletana di Murolo "Povero core", sento la melodia della sua chitarra, il suo canto fatto di voce naturale..

Poveru core...e comme, comme è stato
ca ô ttarde 'e ll'etá mia mme só' perduto...
Ca perdere vò' dí: chi è 'nnammurato
e ha da tené 'sta pena annascunnuta...
Core, che vuó' da me?
Essa è ll'aurora: io só' comm''o tramonto!
Essa è ll'ammore: i' sóngo 'o sentimento!
Essa mme stima: io 'a voglio bene tanto
……………………………..

… mi giro, quasi di corsa mi avvio al sottopassaggio, scendo e risalgo le scale, non sento più il ginocchio, non sento più dolore, non sento più freddo, non ci sono più i mille pensieri, né lo stridio di voci dentro di me, sbuco dalle scale, lei è di fronte a me, mi guarda, la guardo, mi avvicino, stendo la mano e …

b7b2bd1e-931e-49cb-8a55-3481fed85576
« immagine » I^ Parte "La solitudine" Sono le 3 del mattino, ho dormito forse 2 ore, il vuoto dentro diventa pesante come un macigno, un'altra notte che si ripete, uguale all'altra, uguale a dieci, uguale a 100 notti, accendo la tele, faccio zapping più veloce di una Ferrari, no, non è questo ch...
Post
24/04/2017 08:12:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

Si 'nu juorne ...

23 aprile 2017 ore 07:17 segnala
Si ‘nu jurne tenisse voglie ‘e me sentì
chiammame pecchè pur’je te voglio sentì

Si ‘nu jurne siente assaje ‘a mancanza mia
E’ sapè ca pur’je me sto strurenne senza ‘e te

Si ‘nu jurne vuò chiagnere pecchè ce simme lasciate
Je sto già chiagnenne senza ‘e te

Si ‘nu jurne suonne ‘e fa l’ammore cummè
Je te sto già aspettanne sotte ‘e lenzole

Si ‘nu jurne… Si ‘nu jurne… fa che è oggi

1f421956-1283-4f9e-95c5-c33904769a06
Si ‘nu jurne tenisse voglie ‘e me sentì chiammame pecchè pur’je te voglio sentì Si ‘nu jurne siente assaje ‘a mancanza mia E’ sapè ca pur’je me sto strurenne senza ‘e te Si ‘nu jurne vuò chiagnere pecchè ce simme lasciate Je sto già chiagnenne senza ‘e te Si ‘nu jurne suonne ‘e fa l’ammore...
Post
23/04/2017 07:17:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment

Mi piace venire a casa tua quando non ci sei

21 aprile 2017 ore 07:31 segnala


Mi piace venire a casa tua quando non ci sei, è allora che riesco a parlare di più con te, riesco a dirti cose mai dette, mai scritte, a sentire o leggere cose che non mi hai mai detto, non mi hai mai scritto.
Come l’altro ieri che ho trovato un asciugamani per terra, l’ho raccolto e la prima cosa che ho fatto, stringendolo tra le mani, è stato portarlo al viso per sentire il tuo odore; nel fare questo ho chiuso gli occhi ed ho sentito il mio profumo, ho sorriso, mi hai detto che mi ami, non l’avevo ancora sentito.
In cucina hai quella tazzina, si quella comprata al mercatino di Portobello quando sei andata a Londra l’estate scorsa, sempre vicina a quella che usi abitualmente per te per prendere il caffè, mi dicesti che l’avevi comprata per una persona che amavi, per tuo padre, ma mi ci metti sempre il caffè quando sto lì, ma prima la lavi perché è sporca dalla volta precedente, mi hai detto che mi ami, non l’avevo ancora sentito.
Sul tuo letto, sempre ordinato, fa bella mostra di se un buffo orsacchiotto di peluche che vincemmo al Luna Park dopo una estenuante gara per vedere chi abbatteva più barattoli, con grande gioia da parte del baffuto proprietario; Dio come ridevi di gusto, non ti pareva vero di avermi sconfitto. Mi hai detto che lo tieni lì perché ti ricorda la sconfitta di un uomo, ma è tutto sporco di rossetto, mi hai ridetto che mi ami, non l’avevo ancora sentito.
Sì, mi piace venire a casa tua quando non ci sei.

f1be4de6-46db-403b-9445-d0ef7cd6a24e
« immagine » Mi piace venire a casa tua quando non ci sei, è allora che riesco a parlare di più con te, riesco a dirti cose mai dette, mai scritte, a sentire o leggere cose che non mi hai mai detto, non mi hai mai scritto. Come l’altro ieri che ho trovato un asciugamani per terra, l’ho raccolto ...
Post
21/04/2017 07:31:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Virtual viandante

19 aprile 2017 ore 06:47 segnala

Virtual viandante
che passi per lo sito mio,
sofferma lo sguardo tuo benevolo
non sulla forma, che è dello studio,
ma sul contenuto, che è dell'anima.

Riposa gli stanchi polpastrelli
per lo troppo scrivere veloce
e rilassati alla lettura de lo racconto
scritto con divertimento, passione et amicizia.

Se lo scritto rallegra lo spirito tuo
o parimenti lo emoziona
lascia che lo commento sia pertinente,
ma se ciò non fosse
non mortificare lo spirito e lo intelletto mio
lasciando meco lo buongiorno
o la buonasera o una vana emoticon.

Augurotti di vivere in piena armonia
cum te stesso e cum lo creato
et possa tu trascorrere la jurnata che più te aggrada

1b582f0c-d6c4-498b-b2b2-76e0c511c029
« immagine » Virtual viandante che passi per lo sito mio, sofferma lo sguardo tuo benevolo non sulla forma, che è dello studio, ma sul contenuto, che è dell'anima. Riposa gli stanchi polpastrelli per lo troppo scrivere veloce e rilassati alla lettura de lo racconto scritto con divertimento, passi...
Post
19/04/2017 06:47:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment

Passione di chat: l'inizio ... la fine

17 aprile 2017 ore 08:27 segnala

Per il primo incontro, sono andato a casa sua, mi sono presentato con una bottiglia di Bue Apis, il vino che più amo.
Lo fanno con una vigna centenaria che si trova alle pendici del Monte Taburno, nel Sannio beneventano. L'odore ricorda le more e il ribes, ma il gusto, ciò che resta alla fine, un sapore di tabacco e di caffè tostato, un vino robusto, maschio, vigoroso, coinvolgente.
Ho evitato i fiori, li trovavo sdolcinati, scontati, banali per questa occasione.
Lei mi accoglie con un sorriso a 32 denti, e la fossettina che ha sulla guancia sembra illuminarsi; mentre prende la bottiglia che le porgo, mi bacia sulla guancia, si sofferma un attimo, giusto il tempo perché possa sentire il suo profumo, delicato che. non copre per niente quello della pelle che sa di mandorla e albicocca.
Riesco solo a sussurrarle “sei bellissima … finalmente”. Lei mi sorride e annuisce compiaciuta.
Mi fa entrare in un salone dove fa bella mostra un camino in marmo rosa, di fronte un comodo divano e a terra, tra il divano e il camino, una tappeto peruviano.
Il fuoco del camino spande un piacevole tepore tutto intorno e crea un’accattivante atmosfera per un incontro da tanto desiderato.
Resto incantato da una consolle in noce dell'800 napoletano, ben tenuta, sormontata da una specchiera ovale in ciliegio, semplicissima, senza alcun ricamo.
Lei sembra accorgersene e non so se con fare malizioso o meno, ma si dirige verso la consolle e appoggiandosi ad essa incomincia a specchiarsi.
Non posso fare a meno di soffermarmi a guardare il suo fondoschiena, un mandolino napoletano perfetto, ben disegnato, uno dei capolavori dei maestri artigiani Calace; d'impulso mi avvicino a lei mentre, guardandosi allo specchio, si sta aggiustando una ciocca di capelli ribelle.
Ha un maglioncino leggero con collo alla dolce vita, attillato quanto basta per far intravedere le forme di un seno ben sodo incastonato in un corpo ben fatto e ben tenuto.
Le sono dietro, so che può andarmi male, prendermi un ceffone, ma qualcosa mi dice che non è un azzardo; me lo dicono i nostri pour parler fatti di ore di dialoghi virtuali e di lunghe telefonate ad ore improbabili.
Aderisco al suo corpo, lei non si sottrae, mi guarda attraverso lo specchio, i riflessi della luce mi impediscono di vedere i particolari dello sguardo; con mano sicura le scosto il maglioncino là dove si congiunge con i capelli e poso le mie labbra sul collo, un tocco leggero, quasi impercettibile, timoroso, insicuro.
Ripeto con più decisione il gesto, ora sento il sapore della pelle, ne avverto il profumo nella sua intensità, ho gli occhi chiusi per non perdermi niente di quelle sensazioni, avverto che lei inclina il capo e lo gira verso di me, le piace, mi offre il collo e tutta se stessa.
Sento che preme il suo corpo sul mio ed io sul suo, avverte tutto il desiderio che è in me, vorrebbe girasi, ma trova un ostacolo in me, apro gli occhi la guardo attraverso lo specchio, i capezzoli da sotto la maglietta sembra vogliono bucarla; le mie mani ora si muovono sicure, si insinuano sotto il maglioncino, avvertono la sensibilità della su pelle mentre tenta di mettermi le mani nei capelli.
Per fare questo alza le braccia, sembra un perfetto assist per me perché ne approfitto di quel movimento per sfilarle il maglioncino e … mi appare in tutto il suo splendore. Ora è tra le mie braccia, avvinti da una passione libera da ogni vincolo e logiche convenzionali, senza tempo, consumiamo un lungo e appagante amplesso sulla consolle.
Senza mai staccarci, senza mai smettere di comunicare con i nostri occhi e le nostre mani, ci dirigiamo verso il tappeto; è lì che ci stanano le prime luci dell'alba, non sazi, ancora affamati e assetati l'uno dell'altra.
Ci siamo amati intensamente per tre giorni e tre notti, poi, consapevoli di quello che siamo, sono uscito dal suo sogno, lei dal mio.
Il viaggio di ritorno … un’eternità

8cf4a1a8-d3bc-4e27-874a-4532866076af
« immagine » Per il primo incontro, sono andato a casa sua, mi sono presentato con una bottiglia di Bue Apis, il vino che più amo. Lo fanno con una vigna centenaria che si trova alle pendici del Monte Taburno, nel Sannio beneventano. L'odore ricorda le more e il ribes, ma il gusto, ciò che resta ...
Post
17/04/2017 08:27:02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment

Scetato 'e notte

16 aprile 2017 ore 07:25 segnala

Pure stanotte me sento l’inferno,
me giro e m’arrevoto dinto a ‘sto lietto.
Mille pensieri me girano pa’ capa,
nun saccio a quale ‘e loro dà retta:
'a famiglia, ‘o lavoro, l’ammore,
mica cose ‘e poco, me levano ‘o respiro.
L’ammore? Chillo nun è chiù pe' te,
che te 'mporta, lassa stà, nun ‘o dà retta.
Tutti i pensieri di colpo s’arretreno
e resto ‘n’ata vota sulo dinto a ‘sto lietto.

cd3ee9e4-dffd-41ee-88a1-50e33d50c5d0
« immagine » Pure stanotte me sento l’inferno, me giro e m’arrevoto dinto a ‘sto lietto. Mille pensieri me girano pa’ capa, nun saccio a quale ‘e loro dà retta: 'a famiglia, ‘o lavoro, l’ammore, mica cose ‘e poco, me levano ‘o respiro. L’ammore? Chillo nun è chiù pe' te, che te 'mporta, lassa stà,...
Post
16/04/2017 07:25:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment