Senso non senso

09 aprile 2018 ore 19:09 segnala


Senso non senso


Davanti al pc cerco di dare risposte che già conosco ai miei pensieri arteriosi.

Per la prima volta non bleffo con me stesso, non uso le parole per dire ciò che non farò mai, per la prima volta mi rotolo nella tormenta dell'anima e non mi fa male, perché alzando la testa vedo un volto.

Sono salito su un aereo di carta svolazzando in lungo e in largo, ho immaginato le sue risalite mozzafiato, ma anche le sue discese inebrianti.

Ora ho tra le mani quell'aereo, presto ritornerà a volare, ma non ora, tra un po'.

Sulla scrivania pillole ed acqua a farmi perenne compagnia, insieme ad una lente di ingrandimento.

Le penne e le matite sparse a pioggia, fogli di carta pronti a trasformarsi in una squadriglia d'amore.

La spillatrice fa bella compagnia alla levapunti, illuminata da una lampada ad olio che disegna ombre in movimento su una parete di sabbia.

Fiori secchi e inusuali profumano la cassa toracica, determinando l'elettrolisi del sangue in amore e passione, il resto non conta, neanche il temperamatite che aspetta inutilmente di essere utilizzato.

Parole scritte a caso, parole per non vedente, parole senza senso che nascondono un senso: la speranza!.


df0548ea-ef48-408d-bd44-bd2c522b6917
« immagine » Senso non senso Davanti al pc cerco di dare risposte che già conosco ai miei pensieri arteriosi. Per la prima volta non bleffo con me stesso, non uso le parole per dire ciò che non farò mai, per la prima volta mi rotolo nella tormenta dell'anima e non mi fa male, perché alzando la...
Post
09/04/2018 19:09:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    7

A vita ched’è

05 aprile 2018 ore 17:22 segnala
A vita ched’è

A vita ched’è: ‘na fumata ‘e sigaretta, ‘na vutata ‘e bandiera, ‘nu sciuscio ‘e viente, ‘na filastrocca ‘mbarata a memoria, ‘na cannela ‘e notte, ‘na telefonata che nun arriva.
Quanne essa sta pe’ firnì, t’avuote arreta, ‘a guarde dall’alto in basso, e, si tenesse a capa, ‘na sputazzata dinte all’uocchie pure c’à facisse.
Te piglia cu l’inganne, cu false promesse, c’‘u tradimento, e tu, fesso fesso, ‘nce care mane e piere dinte a sta tagliola.
Te ne accuorge quanne è troppo tarde, quanne nun può chiù ritrattà o aggiungere postille al contratto e accussì te ritruove a aspettà ‘na telefonata che te leva dall’impasse e te fa turnà a respirà.
M’essE piaciute e scrivere sto pensiero in rima, comme a ‘na poesia, ma nun è mestiere mie perciò m’affido a Totò che ‘e vita pure ne capeva:

'A vita
'A vita è bella, si, è stato un dono,
un dono che ti ha fatto la natura.
Ma quanno po' sta vita è na sciagura,
vuie mm' 'o chiammate dono chisto ccà ?
E nun parlo pe me ca, stuorto o muorto,
riesco a mm'abbuscà na mille lire.
Tengo 'a salute, e, non faccio per dire,
songo uno 'e chille ca se fire 'e fà .
Ma quante n'aggio visto 'e disgraziate:
cecate, ciunche, scieme, sordomute.
Gente ca nun ha visto e maie avuto
nu poco 'e bbene 'a chesta umanità .
Guerre, miseria, famma, malatie,
cristiane addeventate pelle e ossa,
e tanta gioventù c' 'o culo 'a fossa.
Chisto nun è nu dono, è 'nfamità.


95080526-06f5-4fd8-90e2-2fdf6c746dad
« immagine » A vita ched’è A vita ched’è: ‘na fumata ‘e sigaretta, ‘na vutata ‘e bandiera, ‘nu sciuscio ‘e viente, ‘na filastrocca ‘mbarata a memoria, ‘na cannela ‘e notte, ‘na telefonata che nun arriva. Quanne essa sta pe’ firnì, t’avuote arreta, ‘a guarda dall’alto in basso, e, si tenesse a ca...
Post
05/04/2018 17:22:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    20

L’ammore ched’è?

09 marzo 2018 ore 18:29 segnala
'O sacce che te piace, te cunosco, rusella 'e maggio




L’ammore ched’è?

“Scusa, tu sapisse
l’ammore ched’è?”
“L’ammore è una cosa
che odora di rosa,
che rosa non è
induvina ched’è.”
“E’ rosa? E scusa
sapisse pecché?”
“E’ rosa ‘o colore
che serve p’ammore,
l’ammore nun c’è
si rosa nun è.”
“E l’addore che c’entra
si rosa nun è?”
“Pecché dinto maggio
si piglia curaggio,
sentendo l’addore
ti nasce l’ammore.”
“A maggio sultanto?
E sapisse pecché?”
“E’ maggio pe n’anno
pe chilli che ‘o ssanno,
pe chi nun vo’ bene
stu mese nun vene!”
“E senza l’addore
l’ammore nun c’è?”
“Nun c’è,
pecché l’ammore
è nu forte dolore,
ca pare ‘na cosa
che odora di rosa.”

Eduardo De Filippo

85989c3e-b80d-4773-bca2-74f6184c1204
« immagine » L’ammore ched’è? “Scusa, tu sapisse l’ammore ched’è?” “L’ammore è una cosa che odora di rosa, che rosa non è induvina ched’è.” “E’ rosa? E scusa sapisse pecché?” “E’ rosa ‘o colore che serve p’ammore, l’ammore nun c’è si rosa nun è.” “E l’addore che c’entra si rosa nun è?” “Pecché d...
Post
09/03/2018 18:29:42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    10

Pure stanotte va accussì

09 marzo 2018 ore 00:14 segnala


Son qui, come spesso mi capita, davanti ad un monitor per cercare libero sfogo ad un giramento degli zibedei come ultimamente mi capita una sera sì ed un'altra pure.
Metto un po' di musica, giusto per dare un'accelerazione alla predetta rotazione. Prima Vanoni, poi Paoli, ora Concato con "Non smetto di aspettarti".



Questa canzone addirittura me li frantuma, meglio andare, chiudo con "Il Silenzio" di Nini Rosso


be072f8f-f361-47aa-8d59-bc790f5d8880
« immagine » Son qui, come spesso mi capita, davanti ad un monitor per cercare libero sfogo ad un giramento degli zibedei come ultimamente mi capita una sera sì ed un'altra pure. Metto un po' di musica, giusto per dare un'accelerazione alla predetta rotazione. Prima Vanoni, poi Paoli, ora Concat...
Post
09/03/2018 00:14:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    11

'O friddo dint’all'ossa

04 marzo 2018 ore 00:03 segnala


'O friddo dint’all'ossa

'O friddo dint’all'ossa 'o siente 'e scennere, parte da capa, po' passanne pe' spalle, arriva dinto 'o core, là cerca 'e se piglià ‘na tazzulella 'e cafè pe' se scarfà, ma 'o bar sta chiuso, allora, arriva dinte 'o stommaco, là esplode e se spanne pe' dinto 'o cuorpo fino ad arrivà dint’all'ossa.
Nun ce stanno coperte o stufe ca t''o puonne levà, è 'nu friddo che esce dall'anima.
Ma forse 'nu surriso, 'na carezza, 'nu sguardo amico è 'o prezzo do' riscatto richiesto da ‘n'anima appecuntrita da brutti pensieri o da 'na triste solitudine.
Je so affurtunate pecchè ‘nce sta chi ha pavate ‘o riscatto pe' mme

2e2d10d2-f1a8-475e-90d5-387b79d7f3c0
« immagine » 'O friddo dint’all'ossa 'O friddo dint’all'ossa 'o siente 'e scennere, parte da capa, po' passanne pe' spalle, arriva dinto 'o core, là cerca 'e se piglià ‘na tazzulella 'e cafè pe' se scarfà, ma 'o bar sta chiuso, allora, arriva dinte 'o stommaco, là esplode e se spanne pe' dinto 'o...
Post
04/03/2018 00:03:48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    7

Incontro ravvicinato con una Stella

18 febbraio 2018 ore 01:26 segnala


Non avevo proprio voglia di rincasare, così con l’auto, me ne sono andato in collina nei pressi di Benevento. Intorno era tutto imbiancato, il cielo sereno e ricco di stelle. Una stella mi ha colpito in particolar modo. Sono rimasto lì in auto ad ammirarla, ma ad un certo punto, nonostante il freddo pungente e qualche fiocco di neve svolazzasse per l’aere, sono sceso per meglio osservarla. Ovviamente mi sono coperto con la mia inseparabile pashmina, ricordo della mia andata a Shanghai e che ormai logora non mi chiede altro di essere mandata in pensione, giaccone e cappellaccio Arizona ben calato sulla fronte. Lì di fianco c’era una colonnina in mattoni, mi ci sono poggiato per osservare in modo più rilassato quello spettacolo del firmamento.
La stella, luminosa, bella da morire, sembrava che mi strizzasse l’occhio, mi sono talmente concentrato a fissarla che mi è sembrato di entrare dentro di lei, di osservare due punti luminosi simili ad occhi che mi osservavano a loro volta. Mentre ero così assorto, come d’incanto, la stella si è trasformata in un volto di donna a me molto noto, sembrava che mi parlasse. Un movimento di labbra, una voce distinta, una luce dagli occhi, sento un tepore avvolgere il mio corpo, mi tolgo il giaccone, poi il cappello, la pashmina, lei continua a parlarmi, a riscaldarmi, fa caldo, mi tolgo addirittura il pile, ma resto ben protetto, ho una camicia di flanella molto calda. Ecco, sorrido, lei continua a osservarmi e a parlarmi e nel farlo gli occhi sembrano accompagnare le parole, anzi le esaltano. Ora tocca a me raccontarmi, e lo faccio senza remore, lei si diverte, assume sempre più l’aspetto della mia giovane donna, ne riconosco gli occhi, la fronte. Quel naso greco che tanto mi piace, sembra vivere i miei racconti, è partecipe, come sempre. Uno starnuto mi riporta alla realtà, ha ripreso a nevicare, ma la mia stella sta lì, mi rivesto, mi copro, ma ho voglia di stare ancora lì, un altro poco, ancora un minuto. E’ mezzanotte quando mi allontano da lei, ora la neve è più intensa, rientro in macchina, un ultimo sguardo, un bacio lanciato, un arrivederci, corro verso casa, la strada è ghiacciata, una slittata mi porta ancora più nella realtà e mi ritrovo concentrato alla guida: Con la pashmina mi asciugo gli occhi, chissà perché erano bagnati, eppure nevicava.

80d92ddf-7290-4417-b2a9-c2bdc8036b11
« immagine » Non avevo proprio voglia di rincasare, così con l’auto, me ne sono andato in collina nei pressi di Benevento. Intorno era tutto imbiancato, il cielo sereno e ricco di stelle. Una stella mi ha colpito in particolar modo. Sono rimasto lì in auto ad ammirarla, ma ad un certo punto, nono...
Post
18/02/2018 01:26:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    15
  • commenti
    comment
    Comment
    7

ESCLUSIVITA' o FIDUCIA?

11 febbraio 2018 ore 23:21 segnala


Ho letto da qualche parte che ci sono uomini che vivono circondati da fantasmi (?) delle loro ex per esibirle come trofei da poter riprendere in ogni momento. Addirittura questa cosa che ho letto parla di donne che vogliono l’ESCLUSIVA, non vogliono essere confuse con i “fantasmi”.
La prima cosa che mi è venuta in mente: come è possibile che una donna possa considerare le altre donne sempre disponibili, a prescindere da sentimenti!!! Ho trovato questo pensiero offensivo per le altre, ma anche per se stessa perché le altre potrebbero pensare lo stesso di lei.
La seconda cosa a cui ho pensato: ma quando finisce una storia occorre per forza scannarsi? Occorre per forza odiarsi e cancellarsi vicendevolmente dalla vita dell’altro/a? Non è possibile rimanere amici o conoscenti, se volete? Restare in contatto su fb o su chatta significa dichiarare l’una la disponibilità ad aprire sempre le gambe e l’altro avere sempre a disposizione una riserva? Ma che meschinità è mai questa?
La terza cosa, sicuramente la più importante: l’esclusività la si intende come fare prigioniere l’uomo? E’ questo che volete? E’ questo il significato di ESCLUSIVITA’ o forse la cosa più importante è la parola FIDUCIA? E’ più importante l’apparenza o la sostanza? Se l’uomo mostra di dare l’ESCLUSIVA e magari sotto traccia, dietro le quinte, in pvt, sul cellulare, continua a tenere i contatti con le proprie ex o spasimanti o corteggiatrici, così va meglio? Invece un uomo che mostra chiaramente le proprie amicizie, visibili a tutti, quindi nella totale trasparenza perché ritiene che non ci sia nulla di male è da condannare? Significa che non dà l’ESCLUSIVA alla propria donna? E’ più importante l’ipocrisia o la FIDUCIA?

Donne se non avete fiducia in quell’uomo lasciate perdere, non vi arrampicate sugli specchi, mostrate di essere poco credibili o forse è solo un alibi per nascondersi o nascondere altri sentimenti o interessi.
Diceva Edith Hamilton che non ci può essere amore dove non c’è fiducia e mai pensiero fu più appropriato per l’argomento in questione.
Vi regalo questa perla di Osho sulla “Bellezza della fiducia”



E non pensate che l’uomo sia solo questo:

o almeno IO non lo sono!!!!
be5c4e92-7077-4478-bda9-2b6c0d201098
« immagine » Ho letto da qualche parte che ci sono uomini che vivono circondati da fantasmi (?) delle loro ex per esibirle come trofei da poter riprendere in ogni momento. Addirittura questa cosa che ho letto parla di donne che vogliono l’ESCLUSIVA, non vogliono essere confuse con i “fantasmi”. L...
Post
11/02/2018 23:21:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    17

Si te guardasse dinte all’uocchie

05 febbraio 2018 ore 19:20 segnala
Si te guardasse dinte all’uocchie

Te vulesse guardà dinte all’uocchie, diritte comme saje, pe’ te dicere:
oi stro’, ma ‘n’omme, dinte a vita toja, t’a maje guardata cu st’uocchie accussì ‘nnammurate?
T’a maje scritte sciumane ‘e dichiarazione d’ammore comme agge fatte je dinte a chist’anne?
N’omme se mai trasformato in poeta pe’ te, scrivennete chello che ‘o core dettava? Certo si stata tu a fa ‘o miracolo e hai trasformato ‘nu vruoccole ‘e rape in un rosso papavero, un fiore di campo che se vere a luntane e se piega e se gira co’ sciato e cull’ammore tuoje.
‘O vuò capì che si nun teneva a te stu core era ancora analfabeta e accussì sarria rimaste, ma si arrivata tu, comme a ‘na stella cometa a illuminà a vita mia.
Oi stro’, quant’anne so che ce strurimme pe’ stu sentimente che nun è fatte pe’ chistu munne tante che è gruosse, ‘nu sentimente che te scave ‘e carne a sanghe quanne nun ‘o vivi, che te fa passà nuttate scetate a sentì ‘o battito do core pe’ verè si se ferme e cu isse, stu turmiente.
Ma po’ so sicure che guardannete dinte all’uocchie me sciugliesse dinte ‘e braccelle toje e muresse ‘e felicità.
Si te guardasse dinte all’uocchie.


30e7845f-c730-49ba-bbc0-006f5cbdf890
Si te guardasse dinte all’uocchie Te vulesse guardà dinte all’uocchie, diritte comme saje, pe’ te dicere: oi stro’, ma ‘n’omme, dinte a vita toja, t’a maje guardata cu st’uocchie accussì ‘nnammurate? T’a maje scritte sciumane ‘e dichiarazione d’ammore comme agge fatte je dinte a chist’anne? N’omme...
Post
05/02/2018 19:20:06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

'O rraù (ricetta di Caterina Lazoccola)

30 gennaio 2018 ore 00:29 segnala

Su gentile richiesta, dalla terza lettera di Caterina Lazoccola a Friarielle.

« 'O rraù do chianghiere (il ragù del macellaio)»


Friariè se vuoi approfondire lo spirito con cui ognuno s'addà avvicinà per poter aspirare a creare questo capolavoro della cucina, ti dovresti rivolgere a donna Rosa Priore, protagonista del ragù nel primo atto della commedia “Sabato, domenica e lunedì”, di Eduardo De Filippo.
Certo se vai in internet troverai tante e diverse ricette, questa è la mia, la più saporita, una vera leccornia, tengo la passione e mi ricorda mammà, quando da piccolina, mentre 'o sugo pipitiava mi raccontava di sua madre che l'aveva imparato a sua volta dalla nonna e prima ancora dalla bisnonna.
Modestamente per me 'o rraù è un'arte, è una benedizione di Dio saperlo fare, e io, modestamente, lo so fare.
Facciamo una preparazione per 8 persone (se siete di meno va bene lo stesso, quello che avanza lo utilizzerai in settimana, va bene?)
- Carne di manzo: una braciola (girello) da 500 gr ben aperto come se fosse una grande fetta (oppure 4 fettine per preparare 4 involtini).
- Carne di maiale: 4 costine oppure due cotiche grandi come una fettina per arrostire, ben pulite di grasso e di peli.
- Carne di agnello: un fianchetto (il macellaio dovrà ricavare una tasca profonda).

Tieni conto che per il ragù napoletano classico si fa solo con la carne di manzo, con l'aggiunta di qualche costina di maiale, ma io ti sto dando la ricetta del ragù del macellaio che si tramanda di generazione in generazione.

Prepariamo l'imbottitura per riempire il fianchetto di agnello. Guarda ti guido per la mano, ma ricordati che quello che ci metti ci trovi, più ci metti, più ci trovi:
• sbriciola la mollica di pane cafone vecchio di qualche giorno (se non ne hai prendi un panino vecchio e sbriciolalo con un frullatore, ma non farlo tipo farina però)
• trita 3 spicchi d'aglio e un bel ciuffetto di prezzemolo
• sbatti due uova e unisci un pizzico di sale, abbondante pepe nero in polvere e una bella spolverata di pecorino sardo (piccante di stagionatura e di lavorazione)
• unisci il tutto e mischia ben bene con una forchetta, poi lascia riposare
Prepariamo la braciola (o gli involtini). Apri la carne, spolverizza il lato interno con il sale, con il pecorino di prima, trita l'aglio (due spicchi) e il prezzemolo, poi arrotola la carne e attaccala (legala) con lo spago in modo che non si apre durante la cottura. Se per il maiale hai scelto le cotiche fai lo stesso procedimento. Riempi il fianchetto di agnello con l'imbottitura preparata e chiudi l'apertura con degli stuzzicadenti o cucila con dello spago sottile.
Affetta una bella cipolla sottilmente, mettila in un tianiello (tegame di creta), nello stesso tianiello, ci metti tutta la carne (fianchetto, braciola o involtini, cotiche o costine), aggiungi l'olio extra vergine di oliva, e metti a fuoco basso in modo che la cipolla si sciolga lentamente e non si bruci e intorno alla carne si formi una bella crosticina dorata. Per fare questo devi sorvegliare con una cucchiarella (cucchiaio di legno) il tianiello, girando di tanto in tanto i pezzi di carne e la cipolla.
Quando la carne ha la crosticina dorata e la cipolla si è quasi squagliata (sciolta), metti un pò di sale sulla carne, girala nel tiano e dopo 1 minuto versa un bel bicchiere di vino bianco e fai evaporare a fiamma media.
Quando il vino sarà evaporato aggiungi 3 litri di passata di pomodoro (a Napoli mettono prima un cucchiaio di conserva, viene più saporita, ma preferisco le passate di pomodoro che preparo a fine agosto inizi di settembre a casa mia), il basilico a foglie e il sale per la passata e fai cuocere a fuoco lento per 5 ore almeno, girando ogni tanto (guarda che si addensa molto).
Se il ragù lo prepari la sera prima (è meglio) quando finisce di cuocere togli la carne dal tegame e mettila in un altro contenitore.
Tieni conto che la carne poi la fai a fette e la servi dopo la pasta (magari con un contorno di patate fritte oppure peperoni arrostiti).
Se il ragù si fa solo con il manzo, la carne si fa a pezzi e si serve sopra i maccheroni.
Ti raccomando per la la pasta scegli gli ziti o le candele o i cavatelli (che è pasta fatta in casa; io qualche volta me la faccio fare dalla signora Assunta Schiavottella che abita a fianco a me, lei è brava e quando la fa per lei me la fa anche per me, poi ricambio con qualche servizio) e il formaggio grattugiato (meglio il pecorino, altrimenti va bene il parmigiano).
Infine, ti voglio regalare la poesia che Eduardo Defilippo ha scritto per il ragù in sabato, domenica e lunedì.
'O 'rraù
'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
io nun songo difficultuso;
ma luvàmmel' 'a miezo st'uso

Sì,va buono:cumme vuò tu.
Mò ce avéssem' appiccecà?
Tu che dice?Chest' 'è rraù?
E io m' 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' ' a faja dicere na parola?...
Chesta è carne c' ' a pummarola

Friariè la traduco per le tue lettrici
Il ragù
Il ragù che piace a me
me lo faceva solo mamma.
Da quando mi sono sposato con te,
ne parliamo giusto per dire qualcosa.
Io non sono difficoltoso;
ma togliamo di mezzo questa usanza (quella di fare il ragù)

Sì,va bene: come vuoi tu.
Ora per questo dobbiamo litigare?
Tu che dici? Questo che hai fatto è ragù?
E io me lo mangio giusto per mangiarlo...
Me la fai dire una parola?...
Questo è solo carne con il pomodoro

Ricordati per il ragù ci vuole tanta pazienza, è comme 'na criatura se ti distrai combina un cattivo servizio.

Caterina Lazoccola

68a482f3-a908-42d6-8b7d-9866df864bbb
« immagine » Su gentile richiesta, dalla terza lettera di Caterina Lazoccola a Friarielle. « 'O rraù do chianghiere (il ragù del macellaio)» Friariè se vuoi approfondire lo spirito con cui ognuno s'addà avvicinà per poter aspirare a creare questo capolavoro della cucina, ti dovresti rivolgere a...
Post
30/01/2018 00:29:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    8