LA MORTE DEL SOLE

02 gennaio 2019 ore 14:13 segnala

(...)Martin parti' al sorgere del sole,in groppa alla sua mula,diretto verso la costa.La prima notte dormi' all'aperto,al riparo delle rocce.Al tramonto del secondo giorno percorse la lingua di terra che portava al finis terræ.Il cielo era quasi del tutto sgombro di nubi e lo splendore del sole,sul punto di inabissarsi nel cupo oceano,lo accecava.Fermò la mula e scese per avvicinarsi al bordo dell'altissima scogliera che precipitava in mare sotto i suoi piedi e rendeva quel luogo ancora più maestoso.Si udiva il fragore delle onde,che si schiantavano con forza contro le rocce.Martin si senti' respinto dalla brezza:gli soffiava contro,come se volesse impedirgli di approssimarsi all'orlo dell'abisso.A un tratto,al di sopra del boato delle onde,udi' aleggiare la dolce melodia di una cornamusa,un suono familiare che tuttavia in quel luogo appariva diverso,poichè le note parevano volare e colmare quello strano universo.Si guardò intorno e vide diverse persone che come lui attendevano sedute in silenzio il grande momento di cui aveva tanto sentito parlare;la morte del sole,che scompariva ogni giorno nelle profondità dell'oceano,come un simbolo ancestrale di vita e di morte.Si sedette per ripararsi dal vento.Il sole calava lentamente sulla linea dell'orizzonte e la sua luce si rifletteva sullo specchio d'acqua,come un sentiero dorato che arrivava fino alle rocce della scogliera.Le poche nubi che solcavano il cielo si tingevano di porpora,viola e arancio:Martin non aveva mai visto niente di simile.Il sole sfiorò la superficie del mare e in pochi istanti le acque lo inghiottirono e tutto rimase avvolto in un chiarore tenue che annunciava la sera.Il suono della cornamusa ammutoli'e lentamente tutti quelli che avevano contemplato quel miracolo insieme a lui abbandonarono il grande picco che sfidava l'oceano.Martin non si mosse,rimase a fissare l'immensa superficie d'acqua cullata dal movimento costante delle onde,sempre più scura e opaca,finchè sfumò completamente nell'oascurità della notte.....
da LA CATTEDRALE AI CONFINI DEL MONDO
97d6cc70-6dcd-42f4-9b3d-c070e3fb260e
« immagine » (...)Martin parti' al sorgere del sole,in groppa alla sua mula,diretto verso la costa.La prima notte dormi' all'aperto,al riparo delle rocce.Al tramonto del secondo giorno percorse la lingua di terra che portava al finis terræ.Il cielo era quasi del tutto sgombro di nubi e lo splendor...
Post
02/01/2019 14:13:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.