TRE LACRIME SOTTO LA CROCE

14 aprile 2017 ore 11:08 segnala
Erano passate ormai otto albe da quando il piccolo Morin giunse in quel regno, ma quella nuova condizione d’essere, non era ancora riuscito ad accettarla.
Giocare con gli amici; ascoltare le storie che raccontava il suo maestro; andare per le campagne con suo padre a raccogliere la legna; oppure fare qualche piccolo dispetto al vecchio Horly: momenti quotidiani diventati soltanto un ricordo. Erano le piume che accarezzavano la sua schiena… quelle piume speciali perché appartenevano alle ali di un piccolo angelo, gli ricordavano in ogni momento, quello che era stato sulla vita terrena e ciò che ora si ritrovava ad essere.
Quel giorno Morin si sentì turbato, avvertiva dentro di sé una certa tristezza, ma non riusciva a capire il perché. Decise di confidarsi con due angeli, probabilmente avrebbero potuto aiutarlo e consigliarlo, così come avevano fatto tante altre volte.
- Perché i Cherubini non cantano più? - chiese il piccolo angelo ancor prima di arrivare dai suoi amici. Una delle due creature celesti si chinò davanti a lui e posò le mani sulle sue spalle in segno di affetto. Sorrise.
- Piccolo Morin… Questo non è un sorriso di felicità. Nessuno più sorride qui, perché siete tutti così tristi? - continuò a chiedere il piccolo.
L’angelo di fronte a lui sospirò profondamente ed attese un po’ prima di rispondere. - Il tuo Maestro… nostro Signore Gesù, è stato crocifisso dagli uomini e adesso sta morendo… -
- NON E’ VERO! - esclamò Morin allontanandosi da lui.
- Mi dispiace, ma è la volontà del Padre Altissimo… vieni, unisciti a noi in preghiera. - lo invitò l’angelo porgendogli la mano.
Morin indietreggiò ancora un po’ scuotendo la testa per negare a se stesso quanto gli era stato riferito. Aveva tanto bisogno di piangere ma non riusciva a farlo perché in quel regno, la tristezza era stata da sempre una sensazione sconosciuta, fino a quel momento.
- Perché nessuno di voi è sceso sulla terra per salvarlo? Come potete restare qui senza far nulla mentre l’uomo più buono al mondo sta morendo sulla croce? -
L’angelo cercò di avvicinarsi e ancora una volta lo invitò a seguirlo. - Così è scritto, sia fatta la volontà dell’Altissimo Padre… - rispose.
Il piccolo Morin non sarebbe mai riuscito ad accettare una simile ingiustizia, il Maestro aveva reso felici tanti uomini e donne, e anche tanti bambini.
Ricordava ancora il giorno del loro primo incontro, erano trascorse tre primavere, ma quei momenti li rammentava benissimo.
Accadde che in occasione dell’arrivo al villaggio di Gesù e dei suoi discepoli, ai bambini del tempio fu chiesto di portare un piccolo dono, per alleviare le fatiche del lungo viaggio. Così furono offerti dei frutti e del pane, ma il piccolo Morin, cresciuto in una famiglia molto povera, decise di portare in dono soltanto tre fiori che aveva appena raccolto da un campo abbandonato. Quel gesto non fu accolto molto bene dagli altri bambini: Morin venne deriso ed anche insultato perché quei fiori non furono considerati un’offerta dignitosa per il Maestro. Ma Gesù lasciò da parte tutti i doni, prese in braccio il piccolo Morin ancora in lacrime, e si avvicinò al resto dei bambini con espressione seria.
- Piccoli amici… con questi frutti, sazierete il mio corpo per qualche giorno, e di questo vi ringrazio. Ma queste tre piccole viole, sono un segno di rinnovamento perché nate fra i primi fiori in questa primavera. Rappresentano il rinnovo dell’amore, del volersi bene… e il rinnovo della pace. Con questi fiori, Morin sazierà il mio spirito per un intero anno! - affermò con piacere.
Poi adagiò il bambino sul terreno, s’inginocchiò per poterlo guardare negli occhi e gli disse: - Tu sarai portatore di rinnovamento. Da ora in poi, ogni primavera raccoglierai tre viole e le porterai al tempio, cosicché ogni anno sazierai i nostri spiriti. E’ questa la volontà del Signore. -
E così fu per le due primavere successive. Purtroppo una terribile malattia stroncò la giovane vita del piccolo Morin, e per quell’anno non riuscì a raccogliere quei fiori.
I due angeli restarono ad osservarlo in silenzio, avevano capito che lo spirito del loro piccolo amico era ancora troppo legato alla vita ed alle sensazioni terrene. Improvvisamente ruppe il silenzio e dichiarò la sua decisione: - Se non salvate il Maestro… sarò io a farlo! -.
Fece alcuni “passi” spiegando le ali, un piccolo salto e spiccò il volo. Si portò ancora più in alto per poi lasciarsi andare giù verso la vita terrena e verso i luoghi dove aveva vissuto le sue undici primavere.
Trapassò alcune nubi, e già percepì quell’aria che fino a qualche giorno prima era stata così indispensabile per lui. In lontananza, riconobbe quei luoghi: era una terra avara di boschi, con suo padre aveva viaggiato tanto per aiutarlo a raccogliere la legna che poi vendeva per guadagnare quei pochi denari che avevano permesso alla sua famiglia di vivere in modo dignitoso.
Stranamente sentì dentro di sé la volontà di seguire una direzione ben precisa: doveva raggiungere una collina, l’unica ricoperta da un velo di tristezza e di dolore. Poco dopo, vide le tre croci che si ergevano maestosamente mostrandosi per quello che erano state create: strumenti di tortura, morte ed insegnamento. Oltre a punire, dovevano insegnare agli altri uomini… insegnare a rispettare le leggi, anche se ritenute ingiuste. Quando Morin raggiunse la collina, istintivamente si avvicinò alla croce centrale, il Maestro era lì. Vide che i suoi occhi erano chiusi, e tanto tanto sangue su tutto il suo corpo. Gesù aveva la testa rivolta in basso, verso la spalla destra. Respirava ancora.
- Una corona di spine… grandi chiodi conficcati nelle mani e nei piedi… e il petto trafitto da una lancia… PERCHE’? PERCHE’? - Senza perdere neanche un attimo così prezioso, il piccolo si avvicinò con agilità alla mano del Cristo.
- MAESTRO! MAESTRO! - gridava sconfortato con la speranza di sentire una sua risposta.
- Maestro non preoccupatevi, vi salverò e vi porterò in un posto sicuro dove nessuno potrà farvi ancora del male! -
Ben presto capì che lui era un essere di spirito, non poteva afferrare oggetti o interagire con qualunque cosa, nella vita terrena. Nonostante ciò, continuava a muovere velocemente le sue mani per cercare di afferrare ed estrarre quel grosso chiodo conficcato nella mano del Cristo. Era disperato! Le sue dita trapassavano la mano del Maestro ed attraversavano anche il chiodo e l’asse di legno della croce.
- NOOO! Non è possibile! Non ci riesco! - Con un veloce battito delle sue ali raggiunse l’altro lato della croce, ed anche lì cercò invano di estrarre l’altro chiodo.
Per un attimo si guardò intorno: anche altri due uomini stavano soffrendo su una croce. Senza restare a riflettere, raggiunse la mano di uno dei due ladroni per cercare di liberarlo, ma il risultato era sempre lo stesso. Si precipitò sull’altra mano… e poi sull’altra dell’altro ladrone. Poi l’altra ancora. Ma fu tutto inutile.
Decise di ritornare alla mano destra del Cristo, cercando per l’ennesima volta l’impossibile estrazione del chiodo.
- Che qualcuno mi aiuti per favore! Da solo non ci riesco, AIUTATEMI VI PREGO! - E le sue mani non smettevano più di cercare di afferrare…
- Morin…
Era la voce di Gesù.
Aveva rivolto lo sguardo verso il piccolo angelo che cercava in tutti i modi di salvarlo.
- Morin, tu sei un bambino dall’animo nobile, sento tanta bontà in te. -
Il Maestro gli parlava con la mente, e Morin riuscì ad avvertire uno straordinario senso di serenità nella sua voce. L’angelo bambino abbandonò il chiodo portandosi velocemente di fronte al volto di Gesù. - Maestro! Ditemi come posso fare per salvarvi! - implorò il piccolo.
- Il tuo Maestro è sulla croce per salvare, non per essere salvato. Questi uomini, non sono cattivi. Le loro menti sono offuscate, vagano nel buio in cerca di un sentiero che li porti alla Luce Divina. - rispose il Cristo.
- Ma io… Non capisco. Come possono trovare la Luce Divina, torturando e uccidendo un uomo buono come te? -
Gesù sospirò e una fitta di dolore gli attraversò tutto il corpo. - Uccideranno questo corpo già martoriato… Quando io risorgerò, questi uomini acquisteranno la fede e crederanno in me. Arriverà la Luce su di loro, e vivranno in eterno. -
A sentire quelle parole, Morin porse le braccia verso il Maestro, come se volesse abbracciarlo. - Signore, datemi la forza per sorreggervi, cosicché io possa alleviare tutto questo dolore! -
- No figlio mio, servirebbe soltanto a prolungare la mia agonia… ormai tutto è compiuto. E’ questa la volontà del Signore. Ora sono stanco, torna nel regno del Padre Nostro e prega per questi uomini. -
Il piccolo angelo fece il gesto di avvicinare la mano sulla fronte di Gesù per cercare di pulirla dalle gocce di sangue che scendevano lentamente ma copiose, dalle ferite provocate dalla corona di spine.
- State morendo su questa croce… non vi lascerò da solo! Resterò qui a vegliare su di voi. Vi chiedo soltanto una cosa per me molto importante, se potete… Concedetemi di poter piangere ancora una volta, e di farlo accanto alle persone che vi vogliono bene. - implorò ancora una volta il bambino.
Gesù sorrise e socchiuse gli occhi. - Così sia! -
Poco dopo, Morin percepì l’ultimo respiro del suo Maestro e improvvisamente la luce del giorno fu oscurata da dense nubi. Il piccolo angelo si posò sul terreno ai piedi della croce per raccogliersi in preghiera. Iniziò un lungo pianto pieno di rabbia per tutto il dolore e le ingiustizie patite dal suo Maestro, ma anche di gioia perché di lì a poco il Cristo sarebbe risorto. Tre lacrime furono versate ai suoi piedi, ma nessuno potrà mai dire se quelle fossero delle timide gocce di pioggia, o suggestive lacrime di un angelo. Il giorno dopo, proprio nel punto in cui quelle tre gocce di pianto toccarono il terreno, nacque una piantina, e successivamente spuntarono dei fiori: tre piccole viole che il portatore di rinnovamento volle donare per l’ultima volta al suo Maestro.

Carmelo Trianni
9da6c202-1eb4-47db-bb3e-7f3899cd30c2
Erano passate ormai otto albe da quando il piccolo Morin giunse in quel regno, ma quella nuova condizione d’essere, non era ancora riuscito ad accettarla. Giocare con gli amici; ascoltare le storie che raccontava il suo maestro; andare per le campagne con suo padre a raccogliere la legna; oppure...
Post
14/04/2017 11:08:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.