RICETTA PRI LU FRIDDU Giovanni Meli

12 gennaio 2017 ore 18:27 segnala
Brrr chi friddu picciotti mei! Ed ecco istantaneamenti 'na ricetta sbriciula sbriciula ppo' friddu... E 'na duna in puisia nientepocodimeno che Giovanni Meli!




RICETTA PRI LU FRIDDU

Recipe un cammarinu addammusatu,
'na buffitedda 'mmenzu, e li tarocchi,
'na braciera di bocu, e amici a latu,
chi fumanu, e pipianu locchi locchi;
cileccu, turca e cappucciu calatu,
petrafennula dura comu rocchi,
rosoli, cuddureddi, e poi muscatu,
poi lettu, e 'na mugghieri cu li fiocchi.

Giuvanni Meli

RICETTA CONTRO IL FREDDO

Prescrivo un camerino con la volta
un tavolino a centro, e i tarocchi,
un braciere di fuoco, e amici a lato,
che fumano la pipa trasognati;
panciotto, turca, e cappuccio calato,
torrone duro come rocce,
rosoli, ciambelline, e poi moscato,
poi letto, e una moglie con i fiocchi.

Giovanni Meli

L'EMIGRANTE di Michele Papa

12 gennaio 2017 ore 17:51 segnala
L'EMIGRANTE

Come profumava il pane a casa mia!
Mia madre lo preparava,
con le sue mani.
Lo condiva col sale
e con l'amore
e la speranza.
A colline di creta, gialle,
martoriato dal sole
e dall'arsura,
al suo padrone,
mio padre lo strappava.
Qui le case odorano di carni
e di grasso;
la gente non veste di nero:
tutto risplende di cromi d'acciaio e di luci.
I bimbi sono biondi
e vanno con le scarpe;
non soffrono il freddo
e la fame.
L'acqua dipinge di verde
le colline e i prati
ed è buono il mio padrone,
mi fa bere con lui,
quando s'ubriaca.
Eppure penso sempre
al sole che mi ha tinto la pelle
alla gente del mio paese,
che veste di nero,
al mio pane.
Mia madre lo preparava
con le sue mani
e lo condiva col sale
e con l'amore,
e con la speranza.
Come profumava il pane a casa mia!

Michele Papa
91ed8e5a-1309-4507-8ab6-55a31f5fe4da
L'EMIGRANTE « immagine » Come profumava il pane a casa mia! Mia madre lo preparava, con le sue mani. Lo condiva col sale e con l'amore e la speranza. A colline di creta, gialle, martoriato dal sole e dall'arsura, al suo padrone, mio padre lo strappava. Qui le case odorano di carni e di grasso; la...
Post
12/01/2017 17:51:08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

STIZZI DI CELU di Armando Carruba

12 gennaio 2017 ore 16:54 segnala
STIZZI DI CELU

'Ntà 'n cocciu
'i mari,
si chiurìu
'na stizza
'i celu.
Ccu amuri,
l'unni
'nnacaru ddù celu
'ntà ddu' cocciu
'i mari,
e mutu mutu
si persi
'ntà rina
ccò suli.
Occhi janchi
si purtaru
ddà stizza 'i celu
e 'a biddizza
ddà vita
desi ciatu
'o cuntu
di 'n'eternitati
carusa.

Armando Carruba

SICILIANANDO

11 gennaio 2017 ore 12:31 segnala
SCICCANZA

Sceccu chi havi fami, mància d'ogni strami

Scecchi e buttani: dàticci a manciari

'U sceccu pensa 'na cosa, 'u patruni nni pensa 'n'àutra

Quannu 'u sceccu ragghia o voli orzu, o voli pagghia

Sa vo' chi 'u sceccu bivi, frìscacci!

'U sceccu unni cadi 'na vota non cci cadi cchiù

Sceccu puta e Diu fa racina

Cu' non po' dari 'o sceccu duna a varda

(continua)

SICILIANANDO

10 gennaio 2017 ore 11:44 segnala
SCICCANZA

'U sceccu sapi 'a strata da casa

Sceccu cadutu, isalu ppa' cuda

'U sceccu pensa sempri 'na cosa

'U sceccu vecchiu, nun torna pudditru

Sceccu ch'addimura... torna càrricu

Sceccu e mulu, càrricalu 'i culu

A ogni sceccu piaci 'u so' ràgghiu

Sceccu ch'arràgghia, nun mancia pàgghia

'U sceccu crisci e 'a vardedda accurza

'U sceccu nun mancia pani

Sceccu chi nun si canusci, cavaddu si cridi

Sceccu vantatu 'n prima si curca

'U sceccu havi 'a cuda pi 'n aviri 'u culu a nuda

(continua)

CUCINA SICILIANA

05 gennaio 2017 ore 11:16 segnala
MINESTRA 'I TINNIRUMI

Procurativi un chilu di tinnirumi, lavatili a duviri e facitili vugghiri dintra 'na pignata cu acqua salata. A mezza cuttura sculatili e tagghiatili a pizzudda a pizzudda.
Dintra un tianu squagghiati l'ogghiu d'oliva, sei filetti d'acciuca salata, mittitici ddu' spicchiteddi d'agghia sminuzzata, menzu chilu di pumaroru pilatu, sali e pipi.
A puntu giustu, pigghiati li tinnirumi sminuzzati e jttatili dintra lu tianu juncennu 'n'autru mezzu litru d'acqua o brodu.
Faciti cociri ancora ppi cincu minuti.
A parti priparativi l'attippateddi o l'occhi di pernici e, quannu la pasta è quasi cotta, 'mmiscatila cu li tinnirumi facennu dari l'ultimu vugghiuni. Scinniti e 'mpiattati.

MINESTRA DI "TINNIRUMI"

Ingredienti:
* 1 kg di tinnirumi
* 6 filetti d'acciuga
* 2 spicchi d'aglio
* 600 gr di pomodori pelati
* sale e pepe
* 350 gr di pasta corta

I "tinnirumi" sono le foglie e i germogli della zucchina bianca, sottile e tenerissima, che si produce soprattutto nel palermitano. Procuratevene 1 chilo, lavateli bene e lessateli in acqua salata. A metà cottura, scolateli e tagliateli grossonalmente. In un tegame, fate liquefare in olio d'oliva 6 filetti d'acciuga sotto sale, unendovi poi due spicchi d'aglio affettati, 500 gr di pomodori pelati, sale e pepe. Lasciate cuocere per qualche minuto, poi aggiungete 'u tennirumi. Diluite il tutto con 1 litro e mezzo di acqua o brodo e continuate la cottura per altri 5 minuti. A parte, avrete lessato 350 gr di pasta corta, che unirete alla minestra. Un ultimo bollore e potete servire.

SICILIANANDO

05 gennaio 2017 ore 10:22 segnala
Beddi ciuriddi!
Amara 'a casa unni 'gghiorna e scura
senza sonu 'i trummetti e tammurina

Bei fiorellini!
Triste la casa in cui fa giorno e sera
senza suon di trombette e tamburini

'A ROTA

04 gennaio 2017 ore 17:01 segnala

Carmileddu di Rosa 'A Pinta 'rrivò 'e Rasuli di cursa, c'un filu 'i ciatu; i fimmini cche' panara cugghievunu nuciddi e cantàvanu:

Si maritau Rosa
Pippina e Ciccinedda
e ju ca sugnu bedda
mi vogghiu maritar

- Unn'é 'u camperi? - dumannò Carmileddu - 'U voli 'u baruni 'o biveri 'i San Pascali.
'U camperi era stinnicchiatu sutta 'a nuciara, e quannu 'ntisi chiddu ca ci dissi 'u carusu, si susiu e si misi 'n testa 'u cappiddazzu i pàgghia.
- Fimminiddi, cuntinuati a cògghiri, cugghiti e cantati; ju vaju e tornu.
I fimmini ripigghiaru a cògghiri e a cantari. Ma Cuncetta Sirna 'ssittata era e 'ssittata ristau, cu panaru ammenzu e jammi... nun cantava, pareva stralunata; e Furtunata Lena, cridennu ch'idda pinsassi a so' figghia Tiresa ch'era malata, ci vosi dumannari:
- Cummari Cuncetta, com'è vostra figghia Tiresa a cambiamentu d'aria?
- L'aria ci voli... si va ripigghiannu... 'Ntà 'sti jorna, sa voli Diu, torna a casa.
E comu sintissi rizzi di friddu, Cuncetta Sirna si susiu e turnò 'o travagghiu, cugghieva nuciddi, ma nun cantava, era idda sula ca nun cantava.
Quannu 'u camperi 'rrivò 'o biveri 'i San Pascali, 'u baruni era 'ssittatu supra 'u sidili ddo' carruzzinu:
- Camperi acchianati! Livàmmuni di ccà, v'hàju 'a dari 'a truscia e chiddu ca giuva a 'ddu viaggiu chi vi dissi... l'ultimi spiegazioni... àutri raccumanazioni... Ma livàmmuni di ccà... cci su' occhi e 'ricchi!...
'U camperi pigghiò postu supra u carruzzinu e 'u baruni cacciò "Castagna" chi si misi a truttari ppi San Pascali. Ddà scinneru, traseru 'ntà 'na stanza, e 'u baruni chiudìu a porta a chiavi.
- 'A truscia è 'ntò rituni ddu carruzzinu... Ccà c'è 'na fazzulittata 'i dinari... datacilli a Cuncetta.
- Sì, signor baruni... Ma ppi quannu?
- Ppi subbitu, camperi. Ppi sùbbitu, nun c'è tempu 'i perdiri 'ntà 'sti cosi. Cuncetta lassa 'i cogghiri nuciddi, e cu me' stissu carruzzinu passati di Pizzucorvu, 'nfasciati 'a picciridda e faciti strata ppo' cunventu 'i Sant'Anna; Cuncetta sapi chi havi 'a fari... O ritornu, di scuru a scuru, ripassati di Pizzucorvu e vi pigghiati a Tiresa ppi purtalla a so' casa cu tutti i robbi ca javi. Ju spettu cca', stanotti dormu cca'.
A Pizzucorcu 'u camperi ristò 'spittari supra 'u carruzzinu, e Cuncetta Sirna lassò 'a porta 'i casa 0bbutata; 'nchianò supra ppi 'nfasciari 'a picciridda e parrari cu Tiresa.
- Ccà c'è 'na fazzulittiata di dinari ... l'autri appressu... 'u baruni è galantomu e non n'abbannuna... cu dinari 'u maritu si trova... A 'stu mumentu pinsamu a picciridda... c'è Diu pi tutti. Stasira, a un'ura, a du' uri 'i notti turnamu pi tia: fatti truvari pronta ccu tutti i robbi... torni a casa... vita nova! Frattantu, pìgghiami 'na pinna e un fògghiu 'i carta quantu scrivu.
Quannu Cuncetta s'apprisintò ppi partiri, pareva purtassi 'na trùscia 'i robbi, ma 'ncudduriata c'ea 'n'armuzza di picciridda. 'U camperi dissi "acchià!" e Castagna si misi a truttari ppo' cunventu 'i Sant'Anna.
A scurata 'rrivaru a ghiesa; sunava a campana dell'offìziu. Cuncetta Sirna stetti a séntiri tutti i mònachi cantari arreri 'i grati; poi cota cota nisciu dda' ghiesa e 'nfilò 'u purtuni ddo' cunventu, o scuru o scuru. Ddà unn'era 'a rota, un cilindru 'i lignu comu 'n armadiu chi gira chi scaffali ammenzu a 'na finestra, pi ritirari, senza éssiri visti di ccà e di ddà, 'nguanteri di cosiduci fatti dde' mònachi, ppi pusari buttigghi d'ogghiu o saccuneddi 'i farina o tuttu chiddu ca si vuleva lassari o campavita ddo' cunventu. Cuncetta Sirna pusò dda' trùscia di robbi c'aveva purtatu da Pizzucorvu, supra supra lassò un fazzulettu cu 'na cartata di dinari e 'nu bigliettu: "Nun sugnu battiata. Chiamatimi Cuncetta, comu me' nanna".
Desi 'na girata a rota, e in punta 'i pedi scumpariu.
'U camperi non dissi "acchià!" e Castagna partìu sullicita, comu sapissi chi s'aveva ' fari prestu

(da ALMANACCO SICILIANO 1993)

JOCHI 'I 'NA VOTA

03 gennaio 2017 ore 13:08 segnala
A TOCCU CUMPAGNU

'O solitu si jucava 'ntò curtigghiu dda' scola e cchiù erumu megghiu era! 'U capu jocu faceva 'u toccu; un carusu nisceva fora e tutti l'autri si mittevunu a circulu, mani ccu mani, cche' spaddi versu fora e 'a facci versu dintra.
Chiddu c'avìa ristatu fora 'o circulu aveva ghiri giru giru sinu a quannu tuccava e spaddi un cumpagnu, e poi 'ttaccava a curriri; chistu lassati i manu ddo' cumpagnu di latu a latu, aveva a scappari e curriri ppi fari u giru ddo' latu cuntrariu. Sa chistu, sfidatu, faceva cchiù prestu dill'autru, sfidanti, ripigghiava u so' postu; sa invece arrivava tardu, ristava 'i fora, e ora tuccava a iddu girari, tuccari 'e spaddi, 'n nautru cumpagnu e curriri, curriri in tempu a pigghiarisi u postu. Sa nun cci arrinisceva, ristava ancora fora, sinu a tri voti, a terza vota di secutu era squalificatu e si puteva assittari supra u bisulu a vardari all'autri cumpagni chi ripigghiavunu a ghiucari.
Quannu supra 'u bisulu i squalificati arrivavanu a tri, 'u capujocu 'i chiamava e ci 'ssignava 'na pinitenza!

SICILIANANDO

02 gennaio 2017 ore 18:44 segnala


E' fimmini cci dissi patri Luca:
"Cu' havi figghi nichi si li 'nnaca!"