Colei che è stata mia madre

01 dicembre 2011 ore 16:38 segnala

Credo che per un genitore,il dolore più grande che possa provare sia sopravvivere al proprio figlio. Per me il dolore più grande che abbia mai provato,è assistere al declino psicofisico di mia madre,rendermi conto che i suoi occhi che mi hanno guardato in passato con affetto e tenerezza, mi scrutano con sospetto,a volte addirittura con paura poichè
non mi riconosce.
Ascolto con amarezza le parole che mi rivolge,quando sostiene di
non essere mia madre,per poi scoppiare a piangere attimi dopo abbracciandomi e chiedendomi perdono...
Quante volte ricaccio le lacrime indietro, urlando dentro di me per il dolore e l'impotenza che provo in quel momento,e nonostante senta come se una mano ghiacciata mi stringesse il cuore,continuo a sorridere e cercar di portarla dolcemente alla ragione...ma l'Alzheimer è impietosa,e non conosce ragioni..
Ho scritto di getto qualche parola,mentre nella mia mente scorrono veloci le immagini di una donna attiva, solare,sempre impegnata in mille attività,e nonostante tutto è questa la donna che vorrò ricordare quando lei chiuderà gli occhi per sempre...spero di essere abbastanza forte per accompagnarla in questo difficile cammino.
3b8310a0-1304-4100-8d86-ebe10fe9c070
« immagine » Credo che per un genitore,il dolore più grande che possa provare sia sopravvivere al proprio figlio. Per me il dolore più grande che abbia mai provato,è assistere al declino psicofisico di mia madre,rendermi conto che i suoi occhi che mi hanno guardato in passato con affetto e tenerez...
Post
01/12/2011 16:38:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7

Commenti

  1. illaka 01 dicembre 2011 ore 20:11
    sono con te... pur non con l Alzheimer mia mamma non é piu quella di prima con la testa e non so arrendermi difronte a questo... spesso mi sono sentita come te adesso.
  2. gattamannara 01 dicembre 2011 ore 20:13
    Ciao illaka,ti comprendo,e non aggiungo altro..un caro saluto!
  3. unpensieroxte 01 dicembre 2011 ore 21:24
    Ciao Barbara :-) .
    Ke dirti, conoscendoti so come puoi vivere questa situazione, hai detto le cose ke senti, e io leggo ke il tuo cuore piange.

    Mi spiace, ma purtroppo queste malattie infami riescono a tenere in vita ciò ke nn ha + ragione di esistere facendo soffrire ki le subisce e ki sta accanto alla sofferenza impietosamente senza armi.

    Non so cosa dire, purtroppo noi tutti abbiamo avuto di ke raccontarci in merito, è così e nn si può fare nulla.

    Tt passa e passeremo pure noi, la vita è un dono speciale, cerchiamo proprio x questo di viverla nei migliori dei modi, se la gente riflettesse su queste cose forse si vivrebbe tt in un mondo migliore.

    Un caro bacio x te :-) :rosa :bacio
  4. gattamannara 01 dicembre 2011 ore 21:33
    Grazie Paolo, in effetti non c'è molto da aggiungere,se non che spero che mia madre possa chiudere gli occhi per sempre prima di cadere nel degrado assoluto...
    Un abbraccio a te amico mio! :-)
  5. unpensieroxte 01 dicembre 2011 ore 21:37
    Un bacione :-)
  6. gattamannara 01 dicembre 2011 ore 21:41
    Grazie amico mio.. :bacio
  7. galizius 02 dicembre 2011 ore 21:28
    "..Ricorda che la morte ti sorveglia" diceva De Andre',a volte persino la morte e' triste guardandoci e si copre gli occhi e quando non ne puo' proprio piu', si veste di pieta'..
    :rosa
  8. gattamannara 02 dicembre 2011 ore 21:38
    Galizius ciao,spero ardentemente che succeda questo...è il desiderio di mia madre, morire con dignità, per quanto possa essere possibile...

    Un caro saluto.. :-)
  9. tontone 03 dicembre 2011 ore 13:29
    Perdonami Barbara...
  10. gattamannara 03 dicembre 2011 ore 13:31
    Ton,e di che? Come ho detto ciascuno ha la sua croce...e comunque la viviamo a nostro modo, nessuno non possiede spine nel cuore, e piccole o grandi che siano fanno soffrire...
    Un caro abbraccio.ti volgio bene! :bacio
  11. MisterFM 04 dicembre 2011 ore 16:17
    Gattina, un abbraccio fortissimo,credo che a nulla servano le mie parole, ma quello che stai facendo tu per tua madre vale moltissimo!
    Ti adoro :bacio
  12. gattamannara 04 dicembre 2011 ore 16:20
    Grazie mister, le tue parole invece contano moltissimo per me...grazie per il conforto!
    Ti voglio bene anche io! :-)
  13. SiJoe 06 dicembre 2011 ore 08:05
    Barbara!!... in meno di un giorno, è la seconda volta che mi tocchi il cuore!! non aggiungo altro... e tu sai il perchè :bacio :rosa
  14. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 08:08
    Pino, lo so,e quando si riesce a tradurre in parole i sentimenti che proviamo per i nostri cari,non c'è bisogno di aggiungere altro... :-) :bacio
  15. SiJoe 06 dicembre 2011 ore 08:13
    Invece aggiungo una cosa... che ti voglio davvero bene!! DAVVERO!!... capisco quello che provi, anche se io l'ho vissuto in maniera completamente diversa e che un giorno ti racconterò!!.... un abbraccio!!
  16. trevesss 06 dicembre 2011 ore 11:07
    ciao Barbara e per un figlio,ma anche per per chiunque voglia bene,assistere ,purtroppo impotente,al progressivo avanzare della malattia.ma è in quei momenti che troviamo in noi una forza che non credevamo di possedere,dettata dall'amore,che ci fa stringere a noi ,ancora di più,la persona che amiamo.in certi casi possiamo solo dare questo,oltre a,nel tuo caso,a stimolare tua madre,impegnandola in attività che non la facciano sprofondare nell'isolamento.questo stimolo unito all'amore servirà a vivere meglio il resto della vita,è poco? per me è tanto e lei sa benissimo che tu le sei vicina sempre....un saluto ..un abbraccio.....ambedue ? il silenzio che accomuna chi ha vissuto questi momenti.......
  17. james54 06 dicembre 2011 ore 11:11
    Cara Babs, abbiamo avuto modo di parlarne, sai che ti sono vicino...un abbraccio giacomo
  18. MARANGOLAXX 06 dicembre 2011 ore 14:14
    Qual'è il livello di dolore che siamo in grado di sopportare?..sono parole di una canzone che non ricordo....un abbraccio
  19. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 15:52
    Pino,ti ringrazio, anche io te ne voglio, a volte sei rude, forse precipitoso, ma sei un uomo di grandi valori e sei sincero,noto che mi sei davvero e affezionato per questi motivi ti ritengo un amico! :-)
  20. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 15:56
    Mauro grazie,chi ha subìto e superato prove di grande dolore nella vita, riesce a comprendere sicuramente anche lo stato d'animo di chi li sta vivendo al momento momento...grazie per il tuo conforto e per la tua amicizia, che nonostante prove e divergenze di opinioni,è sempre salda... :-)
  21. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 15:57
    Giacomo, grazie per le tue parole, so che scritte da te assumono un significato particolare, per quanto ci siamo raccontati...un sorriso con affetto!
  22. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 16:01
    Cristiana, me lo sono chiesto tante volte nella vita, ed ogni volta mi era sempre sembrato di essere arrivata al culmine della sopportazione...ma mi rendo conto con l'andare del tempo, che quelle prove sono servite solo a prepararmi e temprarmi per le prove del futuro...soffro, mal tempo stesso mi sento una colonna portante nella vita di mia madre, e di mio padre, ormai troppo stanco e malato per prestare a mia madre le cure che merita...un abbraccio affettuoso ad una persona che con il tempo ho imparato a conoscere,stimare e a volerle bene...
  23. SiJoe 06 dicembre 2011 ore 16:37
    ... forse a volte lo sono... forse. Ma non parlerò di questo... questa è un'altra storia. Quel che conta è il rispetto... più che l'affezione (quella viene da se). Per il resto... forza e coraggio :-):rosa
  24. gattamannara 06 dicembre 2011 ore 16:51
    Si il rispetto...non bisogna mai dimenticarlo...un sorriso!
  25. Heropas 11 dicembre 2011 ore 12:01
    ... in effetti.... forse... lo scopo per il quale siamo stati creati.... è proprio quello di.... Riconoscere.... ed essere.... Riconosciuti..... i Ricordi sono la cartina di tornasole di questo scopo....... cosa posso dire di più?..... nulla... solo: "buona fortuna"..... da simile a simile......... Pietro
  26. Anassagora.70 12 dicembre 2011 ore 22:36
    Il ricordo di mia madre, gli insegnamenti che mi ha dato, e tutto quello che ha fatto, è e sarà sempre con me, tu la mia e la sua storia la conosci, ed è proprio in quei momenti, che certi sentimenti non hanno fine, anzi, diventano sempre più forti ed intensi, nei momenti di difficoltà interiore ... Di mamma c'è ne è una sola ...
  27. gattamannara 12 dicembre 2011 ore 22:40
    Grazie Pietro..un sorriso! :-)
  28. gattamannara 12 dicembre 2011 ore 22:42
    Infatti Anass..di mamam ce n'è una sola,ed anche se non è stata per te quella che avrest voluto,non puoi far a meno di volerle bene...
    Un caro saluto :bacio
  29. gattamannara 12 dicembre 2011 ore 22:42
    Infatti Anass..di mamam ce n'è una sola,ed anche se non è stata per te quella che avrest voluto,non puoi far a meno di volerle bene...
    Un caro saluto :bacio
  30. nicetius555 23 dicembre 2011 ore 21:45
    Posso capire. Ho vissuto lo stesso con mio padre. Si imparano tante cose sulla vita, in queste circostanze, pur soffrendo...
  31. gattamannara 23 dicembre 2011 ore 21:47
    Si, ho capito molte cose di me stessa...ma a che prezzo!
    Una buona serata!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.