Nuda 2020

31 luglio 2020 ore 17:27 segnala
NUDA.

SOLTANTO NUDA, SARAI;
DOPO AVERTI SPOGLIATA, CON I MIEI OCCHI;
ABBANDONANDOLI, AI MIEI.
RIFLETTE, NUDA. . . LA TUA ANIMA;
COME LA LUNA, SUL MARE;
E SUI TETTI, DELLE CITTA';
E MENTRE ALZO IL CAPO, RIVOLTO AL CIELO;
DI NOTTE. . .UN SOLO PENSIERO;
T'ASSAPORAI NUDA. . .QUANDO PIU' GIOVANE, LO ERO.

A tazz, & cafe'.

31 luglio 2020 ore 17:25 segnala
Credo di aver imparato l’arte di fare il caffè;
ma cumm è amaro cierti vot senza e te;
m’arraccumann me diciv, strigne buon a machinett;
sii cortese, generoso e con poco saccarosio;
lo offri all’ospite passante,vedrai che la gornata sarà piu’ allietante;
Il caffè , è un modo per dire a qualcuno che gli vuoi bene;
in silenzio, …lo preparo a tutti quanti;
e se da me non è gradito, io rimpianti non ne ho, basta l’invito;
a guantier è pronta già...io tra poco me ne vac a cuccà;
anche se non vi ho chiesto il permesso;
non importa, fa lo stesso... Domani sarà un altro giorno...L'’importante e che sia un buon espresso.

A putec (La bottega).

31 luglio 2020 ore 17:23 segnala
C’è stev nà putec cà purtav assajie spes;

fu di nostra proprietà e pè denar,l’avettema levà;

era nota comm "a Vaccarella", situata in via Dei Vergini;

a dujie pass da’ Sanità (noto quartiere popolare del principe Toto’);

rovistando alcune foto, mi è venuta un emozione;

e quann… a buon anima, lavorava con don gennaro (mio nonno);

egli era un grande corridore di ciclismo (mio padre);

iss …nunn a vulett fa!
Porto’ avanti la famiglia col mestiere d’infermiere;

me vulett fà istrui’ col diploma parificato;

ma di arte e di pennelli io e lui non ne abbiamo mai parlato;
Non saprei adesso cosa mi spetta,per il momento, non ho fretta;

di sicuro, in giro ci son tanti salami;

salvann a facc e coccrun,io mo’ vè saluto... Forza
Napoli! (Rivogliamo Cavani).

La coscienza.

31 luglio 2020 ore 17:21 segnala
Qannn è pulita, io me sento nu' signore;
ma sii’ faccio nu' tuorto a coccurun, non mi sento piu' a mio agio e vivo di rancore;
nun se romm a notte quann a tien sporca, e prije a maronna, cà t'assolv a ch'istu tuort;
tanti sbagli agg fatt; vulesse fà pace cu me stesso;
ma piu' di ogni altra cosa, io ve dico a verità; do' passat nun me mporta;
guardo in faccia alla realtà!
Nunn a puo' lavà ind a lavatrice, e se qualcuno ti dice : nu' ce pensà;
solo Dio te po' perdunà. . .avviate dint a nà chiesa e vatt a cunfessà.

Quattro zampe ( dedicato agli amici animali - cani)

31 luglio 2020 ore 17:20 segnala
Se te dico accuccia, o’ damme a zampa, me fai semp
cuntento…amico fedele e privo di arroganza;
dimmanimme e vote chiuse io e te dint a nà stanza;
te guardo e m’annammoro semp e cchiu’;
Me privo e nu’ divertimento pe te fa sta buon;
pe me si o’ can c’agg semp sunnat;
so’ tanto cuntento cà tu si nato;
E quando ven a sera, primm e piglià suonno;
silenzioso nella notte vegli o’ padrone;
ma quale bellezza, quale ricchezza;
io tengo quattro zampe… e m’accuntent e nà carezza!

14 anni, senza di te.

31 luglio 2020 ore 17:16 segnala
14 ANNI SENZA E TE.
Caro papà, nisciun sape a verità;
O’ munn stà cagnann…troppi guerre,indifferenza, famm & crudeltà;
ma io teng, semp l’uocchie apierte,e nà speranza dint o’ core;
vulesse cantà e ffà l’attore;
per il momento, scrivo versi d’autore,(me posso accuntentà);
ogni tanto, tento la fortuna, al lotto e al gratta e vinci;
Di sicuro, nà ricchezza laggio perso…la tua saggezza;
aggio pigliato e te con il gioco…vulesse fà pace cu’ te quann te sonn;
me sonn cà c’appiccecammo sempre, ma non è di mio intento;
L’importante…cà primm e sagli’ e scale do’ paraviso,me regalaste l’ultimo surriso.
Mi manchi…

Delicato.

31 luglio 2020 ore 17:14 segnala
Un delicato momento,io e te soli;
rimanemmo chiusi in quella stanza;
dopo ,un bivio . . .separò per sempre i nostri cuori;
Mi gira in testa ancora il nome dell’hotel;
Son ventidue anni che ci conosciamo;
ancora oggi, vorrei dirti che ti amo;
afferro il presente, non mi lascio fregare;
nonostante tutto. . .Ti continuo ancora ad amare.

Nei tuoi occhi.

31 luglio 2020 ore 17:12 segnala
Quante, ne ho dovute passare;
e quante stelle. . .ne ho viste, dal cielo cadere;
tutto puo’ invecchiare;
solo i tuoi occhi, ancora vivi…mi danno il coraggio per poter affrontare e sperare;
e finchè luce avrà il sole, non avrà, lo stesso bagliore. . . che nei tuoi occhi. . . raggi d’amore, mi sanno donare.

A casa mia.

31 luglio 2020 ore 17:11 segnala
Cu’ sacrificie e mille m’prese, arriviamo a fine mese;
benedico la pietanza, c’è chi a molti manca e a chi in abbondanza;
un cognato galantuomo fa le veci di mia madre;
e ogni tanto io me lo abbraccio comme si fosse nu’ frate;
io nu’ voglio dettà leggi, int a sta casa nu’ so’ nisciun;
resta comunque la mia dimora…e sii me vien a truà, io nu’ te jett for!
Rispettoso ed educato. . .questo mi hanno insegnato;
adesso mi faccio da parte…tra poco vado a letto;
che il buon Dio, vegli ai piu’ bisognosi…(a quelli senza un tetto).

A luna.

31 luglio 2020 ore 17:08 segnala
Vec a luna n’ciel, e me venene tanti pensier;
m’affaccio e penso a te;
o’ mare addiventa d’argiento, ess fà e nuttate;
e primm ca se ne trase, quanta giuvene cà se vasene;
dimane schiare juorno, un altro sole sorgerà;
ma quann è bell a luna stasera…nu’ me vuless mai cuccà!