VINCENZO CARDARELLI, “Estiva” (1915)

29 febbraio 2020 ore 15:28 segnala



Distesa estate,
stagione dei densi climi
dei grandi mattini
dell’albe senza rumore –
ci si risveglia come in un acquario –
dei giorni identici, astrali,
stagione la meno dolente
d’oscuramenti e di crisi,
felicità degli spazi,
nessuna promessa terrena
può dare pace al mio cuore
quanto la certezza di sole
che dal tuo cielo trabocca,
stagione estrema, che cadi
prostrata in riposi enormi,
dai oro ai più vasti sogni,
stagione che porti la luce
a distendere il tempo
di là dai confini del giorno,
e sembri mettere a volte
nell’ordine che procede
qualche cadenza dell’indugio eterno.
c0dfa2e3-f8e3-479e-952a-eb826ea79e87
« immagine » Distesa estate, stagione dei densi climi dei grandi mattini dell’albe senza rumore – ci si risveglia come in un acquario – dei giorni identici, astrali, stagione la meno dolente d’oscuramenti e di crisi, felicità degli spazi, nessuna promessa terrena può dare pace al mio cuore quant...
Post
29/02/2020 15:28:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    1

La petite promenade du poète-Dino Campana

25 febbraio 2020 ore 14:23 segnala
Me ne vado per le strade
strette oscure e misteriose
vedo dietro le vetrate
affacciarsi Gemme e Rose.
Dalle scale misteriose
c'è chi scende brancolando
dietro i vetri rilucenti
stan le ciane commentando.
...
...
La stradina è solitaria
non c'è un cane; qualche stella
nella notte sopra i tetti:
e la notte mi par bella.
E cammino poveretto
nella notte fantasiosa
pur mi sento nella bocca
la saliva disgustosa. Via dal tanfo
via dal tanfo e per le strade
e cammina e via cammina,
già le case son più rade.
Trovo l'erba: mi ci stendo
a conciarmi come un cane:
Da lontano un ubriaco
canta amore alle persiane.
d6ff46f0-ef8a-45cd-856c-f7380aca7909
Me ne vado per le strade strette oscure e misteriose vedo dietro le vetrate affacciarsi Gemme e Rose. Dalle scale misteriose c'è chi scende brancolando dietro i vetri rilucenti stan le ciane commentando. ... ... La stradina è solitaria non c'è un cane; qualche stella nella notte sopra i tetti: e la...
Post
25/02/2020 14:23:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

QUALCUNO E’ IN GRADO DI DIRMI CHI HA SCRITTO QUESTI VERSI?

12 gennaio 2020 ore 11:42 segnala
QUALCUNO E’ IN GRADO DI DIRMI CHI HA SCRITTO QUESTI VERSI?

maledetti e maledette
voi che spegnete le sigarette
negli occhi dei nostri morti
come in una torta avanzata
sulla tavola apparecchiata