Una danese si risveglia a un passo dall'espianto

24 ottobre 2012 ore 18:38 segnala
La giovane danese Carina Melchior aveva poco meno di vent'anni quando, per un terribile incidente stradale, finý in un coma apparentemente irreversibile. Sembrava che per lei non ci fosse nulla da fare e che l'unica speranza di 'farle vivere ancora' fosse donare i suoi organi ad altre persone. Poi per˛, pochi minuti prima di subire l'espianto, all'improvviso, Carina aprý gli occhi e torn˛ alla sua vita di prima, mandando per˛ a carte e quarantotto decenni di dibattito e polemiche sul fine vita.

Il suo caso, che sconvolse la Danimarca un anno fa, continua a far discutere ed Ŕ stato anche al centro di un documentario televisivo visto da quasi due milioni di persone.

Una vicenda che ha commosso il mondo ma anche provocato un terremoto in Danimarca, che coinvolge direttamente i medici e la struttura ospedaliera di Aarhus, aprendo interrogativi sulla preparazione e dirittura morale di chi, parlando della persona che pi¨ amiamo al mondo, ci dice 'Ŕ finita, stacchiamo la spina'.

Il risveglio di Carina, non a caso, ha fatto scoppiare un profondo diverbio tra la tra la famiglia, che parla di un erroreche solo per un fortuito caso non Ŕ costato la vita di loro figlia, e i medici che fanno quadrato e derubricano la vicenda a un errore di comunicazione, un malinteso esacerbato dal dolore dei parenti della giovane.

Un quadro giÓ penoso in sŔ, nel quale per˛ non mancano le dietrologie e il sospetto che la 'fame' di organi dell'ospedale danese avesse portato i medici a liquidare con poco le condizioni di Carina, che ora, pi¨ che per miracolo, Ŕ viva per caso.
4a47b781-9d95-48e0-aa67-11ad18704d58
La giovane danese Carina Melchior aveva poco meno di vent'anni quando, per un terribile incidente stradale, finý in un coma apparentemente irreversibile. Sembrava che per lei non ci fosse nulla da fare e che l'unica speranza di 'farle vivere ancora' fosse donare i suoi organi ad altre persone. Poi...
Post
24/10/2012 18:38:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. Chemtrails 24 ottobre 2012 ore 18:45
    Ma dove stiamo andando a finire? contro un muro credo, per fortuna che la ragazza si sia svegliata in tempo.
  2. giulia711 24 ottobre 2012 ore 18:48
    penso a quelli che non sono stati cosý fortunati...e questo caso fa riflettere su quanto sia affidabile il parere dei medici
  3. Chemtrails 24 ottobre 2012 ore 18:51
    appunto io sono alquanto diffidente, riguardo ai medici. a tutti in generale.
  4. Evelin64 24 ottobre 2012 ore 19:35
    Ritengo improbabile, dopo attente analisi, ed encefalogramma piatto, che un paziente in coma irreversibile, fra l'altro constatato dopo oltre 48 ore, possa assumere reversibilitÓ "miracolosa". Penso ad un errore di valutazione, forse causato da superficialitÓ o analisi non adeguate.
    Evelin :bye

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.