evento

02 giugno 2012 ore 14:50 segnala
.........l'essere METAEVENTO l'essere è Nihil Nello spaziotempo spazioTempo spazia L'Essere di essere METAEVENTO dell'Essere è '"in sé""Si dà l'essere" physisevento eventoEssere è c'è Disvelatezza che è METAEVENTO dell'essere è l'essere daessere dell'essereMETAEVENTO dell'esserephysis dell'Essere è METAEVENTO dell'Essere È METAEVENTO. È creare estatico Disvelatezza dell'Essere creazione del METAEVENTO "Ge-Stell"Nello spazio-tempophysis physisessere esserephysis è disvelatezza di essere nell'esserephysis"Ge-Stell"eventoDaesserephysis. L'essereGe-Stell è l'"Essere"Spazio-tempo di gioco quale spaziotempo spazio-tempo di gioco-spazio-gioco-evento spazio-tempo di gioco è spazio-tempo di gioco Spazio-tempo di giocodell'essere È Evento della poesia di Hölderlin è l'eventospazio-tempo di gioco tempo-spazio-gioco è lo spazio-tempo di giocoEreignisevento dell'esserevuoto è il vuotonulla dell'essere il nulla nel vuotospazio-tempo di gioco evento eventodasEreignis da essere È spaziotempo dell'"essere"physisEreignis disvelatezzaSpaziotEmpophysis della physis è l'essereMETAEVENTO è l'essere? L"Essere è il vuoto METAEVENTO. L'Essere è METAEVENTO. Essere è vuoto daessereEreignis Crea la physis della physis nell'esserephysis L'essere è al di là physisDaessereEvento in sé è METAEVENTO dell'essere evento l'evento è EventoEreignis È di per sé là dà Ereignis dell'essere eventoradura Disvelatezza Evento:nihil est sine ratio: Nulla è esserenulla dell'essereAbgrundEvento nulla crea l'evento è in sé Lo spazio in sé METAEVENTO in sé è in sé è la creazione Dell'essereNientenulla è Ereignis di 'nulla' è l'eventocreazione dell'essere CreaNulla crea È la
vedi tutto l'essere METAEVENTO l'essere è Nihil Nello spaziotempo spazioTempo spazia L'Essere di essere METAEVENTO dell'Essere è '"in sé""Si dà l'essere" physisevento eventoEssere è c'è Disvelatezza che è METAEVENTO dell'essere è l'essere daessere dell'essereMETAEVENTO dell'esserephysis dell'Essere è METAEVENTO dell'Essere È METAEVENTO. È creare estatico Disvelatezza dell'Essere creazione del METAEVENTO "Ge-Stell"Nello spazio-tempophysis physisessere esserephysis è disvelatezza di essere nell'esserephysis"Ge-Stell"eventoDaesserephysis. L'essereGe-Stell è l'"Essere"Spazio-tempo di gioco quale spaziotempo spazio-tempo di gioco-spazio-gioco-evento spazio-tempo di gioco è spazio-tempo di gioco Spazio-tempo di giocodell'essere È Evento della poesia di Hölderlin è l'eventospazio-tempo di gioco tempo-spazio-gioco è lo spazio-tempo di giocoEreignisevento dell'esserevuoto è il vuotonulla dell'essere il nulla nel vuotospazio-tempo di gioco evento eventodasEreignis da essere È spaziotempo dell'"essere"physisEreignis disvelatezzaSpaziotEmpophysis della physis è l'essereMETAEVENTO è l'essere? L"Essere è il vuoto METAEVENTO. L'Essere è METAEVENTO. Essere è vuoto daessereEreignis Crea la physis della physis nell'esserephysis L'essere è al di là physisDaessereEvento in sé è METAEVENTO dell'essere evento l'evento è EventoEreignis È di per sé là dà Ereignis dell'essere eventoradura Disvelatezza Evento:nihil est sine ratio: Nulla è esserenulla dell'essereAbgrundEvento nulla crea l'evento è in sé Lo spazio in sé METAEVENTO in sé è in sé è la creazione Dell'essereNientenulla è Ereignis di 'nulla' è l'eventocreazione dell'essere CreaNulla crea È la physisontologicaEinbildungskraft spaziotempo Crea l'eventophysis dell'EssereEreignis. La physis METAEVENTO physis la physis dell'essereGe-Stellphysis Ge-Stell è EssereGe-Stell perché L'essere è Ge-Stell dell'esserephysis è physis-Disvelatezza nullaEssenza dell'essereDisvelatezza evento physis physis daphysisDisvelatezza è disvelatezzaphysis dell'essereGe-Stell Ge-StellEssere la physis è la physisEreignisevento physis È physiscreazione dell'essere È Ge-Stellphysis della physis, la physis è physis nella physis dell'essere physisdell'essere physisdaessere è l'essere nulla nulla della physis dell'essere che è physisevento crea lo spazio-tempo di gioco. Lo spazio-tempo di gioco lì è creazione della creazione crea METAEVENTO Crea: l'Essere è EreignisSpazio-tempo di giocODisvelatezzanulla creaphysis dell'essere è Lo spaziotempo del gioco spazio-tempo di gioco ontologico dell'essereontologia. L'ontologia è creata per essere METAEVENTO dell'essere È METAEVENTO dell'essere lì lo spazio È evento di sé crea spazioEreignisNihilEvento dell'essere evento che è lì per "creare"Evento. L'evento eventoEventoevento dell'essere spazio Dell'essere è di per sé Spazioessere-là dell'essere il Nulla evento'da' esser-ci 'dell'essere catastrofeEvento evento
...............
90111ee8-faec-4a05-83c3-b4e09f591f05
.........l'essere METAEVENTO l'essere è Nihil Nello spaziotempo spazioTempo spazia L'Essere di essere METAEVENTO dell'Essere è '"in sé""Si dà l'essere" physisevento eventoEssere è c'è Disvelatezza che è METAEVENTO dell'essere è l'essere daessere dell'essereMETAEVENTO dell'esserephysis dell'Essere è...
Post
02/06/2012 14:50:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
  • commenti
    comment
    Comment
    1

nietz

04 giugno 2010 ore 15:54 segnala
Quello che si cela,
infatti, dietro la volontà della
tecnica è
nient’altro che la volontà del
capitale, si
tratta dell’autovalorizzazione de l capitale per mezzo delle macchine, non di un
destino a cui abbandonarsi; e questo non certo per esaltare le scoperte
scientifiche come fossero la laica salvezza dell’umanità, in quanto, anch’esse
sono, in questo mondo, strumentali al capitale. Parinetto al
contrario, elabora una critica affine alle posizioni di V. Schiva sul concetto
di ‘Mal Sviluppo’(violento ed al maschile), di cui la scienza moderna è
portatrice e riporta la questione della tecnica su di un piano reale-razionale,
che avvia la possibilità di un intervento (la rivoluzione
anti-capitalista). Ecco, come si evince, il metodo di Parinetto, applicato alle
tematiche trattate, m’è parso assai significativo e fruttuoso per far luce su di un tema
poco approfondito, se non scansato con sufficienza ed in modo imprudente, quale
la connessione fra ontologia e nazismo, e nello specifico sul ‘mostruoso’
principio völkisch, sostenuto da Heidegger.

stringontologia

01 ottobre 2009 ore 16:10 segnala

funzione complessa) in uno spazio "interno". Il fotone (il bosone di gauge) è la risposta a ripristinare l'aspetto ", che significa matematicamente l'invarianza della" azione "con questa rotazione interna. I fisici teorici sono appassionato di mettere oggetti simili insieme chiamato gruppo. Per il caso di interazione elettromagnetica, vi è un solo tipo di oggetti - le due dimensioni rotazione interna. Gli spostamenti diversi rotazione formare un gruppo, questo gruppo particolare è chiamato U (1). Il simbolo U indica che la trasformazione (la rotazione interna) è unitaria, che conserva la normalizzazione (probabilità). Questa U (1) gruppo ha la proprietà che le operazioni interne di rotazione sono commutative - matematici chiamano questo tipo di gruppo di un gruppo abeliano. Invarianze calibro simili esistono per le interazioni forti e deboli, la rotazione "interno" dipende da più di un parametro in questi casi. Gruppo di oggetti può essere formata da queste generalizzata "spostamenti di rotazione". Tuttavia, questi elementi non sono più commutativa. Tali gruppi sono chiamati non-abeliane. La teoria di gauge per la U (1) si chiama L'elettrodinamica quantistica (QED).

Il gruppo non abeliano chiamata SU (2) è applicabile al caso di interazione debole. La rotazione interna è generalizzata a tre parametri corrispondenti a tre bosoni di gauge diversi - W+, W--, E Z0. Le particelle partecipanti sono il mancino coppia di leptoni. Nel modello di Weinberg-Salam, il mancino leptoni possono subire sia le interazioni elettromagnetiche e deboli, mentre la mano destra elettrone può partecipare solo in interazione electronmagnetic. Così il modello unifica queste due interazioni. Questa asimmetria in chiralità è legato al fenomeno della violazione di parità in interazione debole, ed è stata verificata definitivamente nel 1950. L'unificazione elettrodebole si verifica al di energia superiore a 102 Gev. Una complicazione deriva per quanto riguarda la massa dei bosoni di gauge per le quali, l'originale teoria di Yang-Mills ha omesso di tener conto. Nella versione moderna, la massa viene generato con un processo chiamato il meccanismo di Higgs, che propone alcuni campi scalari chiamato i campi di Higgs esiste nel vuoto. Nel formalismo matematico questi campi di Higgs sono aggiunti alla "azione" per l'interazione elettrodebole. Alla temperatura di transizione (è accaduto nei primi mesi del Big Bang), questi campi di Higgs passare per gli Stati più stabili del livello di energia più bassa. Una volta che questo accade, tutte le particelle (sia bosoni e fermioni) avrebbe acquisito massa interagendo con i condensati di Higgs. Vi è ora un consenso convincente dei risultati sperimentali a sostegno di questa teoria elettrodebole.

Quando la rotazione interna è generalizzata a SU (3), La teoria di gauge può essere applicata al caso di interazione forte. Ci sono otto parametri per questo gruppo di corrispondenti a otto bosoni di gauge chiamati gluoni. Le particelle partecipanti sono i quark con 3 diverse cariche di colore - rosso (R), Verde (G) e blu (b). Tre quark con diverse cariche di colore si combinano per formare un barione. Ogni quark possono svolgere diverse cariche di colore in tempi diversi, a condizione che la combinazione di colori è "bianco". A differenza del caso della U (1) gruppo, dove il bosone di gauge (il fotone) non portano carica, i gluoni esegue egli stesso le spese di colore. Tale differenza produce fenomeni come la libertà asintotica e confinamento dei quark. La teoria di gauge SU (3) gruppo si chiama cromodinamica quantistica (QCD). Il formulism per QCD e l'interazione elettrodebole insieme è conosciuto come il Modello Standard, Che descrive tutti i fenomeni connessi con leptoni e quark.
 


--------------------------------------------------------------------------------

La libertà asintotica
  In interazione elettromagnetica del Coulomb legge dell'inverso del quadrato diventa sempre più inadeguato a piccola separazione tra le due cariche, perché cominciano a penetrare l'elettrone virtuale scudo positrone come mostrato nella parte (a) della Figura 15-07 e 15-08. Un fenomeno parallelo esiste in forte interazione. Tuttavia, vi è il gluone in più virtuale di schermatura, che ha l'effetto opposto e produrre la forza apparente della carica di colore, come mostrato nella parte (b) di Figura 15-08. Essa mostra che la forza di interazione diminuisce con la diminuzione della separazione. A separazione molto piccoli i quark appaiono come libero - non interagiscono tra di loro. Così a piccola separazione, i metodi della teoria delle perturbazioni è applicabile per calcolare le quantità di interesse fisico. 
Figura 15-07 Vacuum Polarization
  Figura 15-08 libertà asintotica  

--------------------------------------------------------------------------------

Quark Confinement
 In interazione elettromagnetica, le linee del campo elettrico si sviluppa quando le accuse si allontanano gli uni dagli altri, come indicato nello schema di sinistra della Figura 15-09. La stessa situazione in QCD provoca una risposta diversa, perché i gluoni stessi trasportano anche le spese di colore. Le linee di campo (delle sorgenti in movimento) sono disegnate insieme dalla reciproca attrazione, invece di diffondere fuori. (Vedi diagramma di destra della Figura 15-09.) Quanto l'attrazione sempre più forte con ulteriore separazione, il sistema di guadagno abbastanza energia per promuovere una coppia di quark-antiquark virtuale dal vuoto nella realtà fisica. Questo darà luogo alla creazione di un nuovo mesone come mostrato nel diagramma in basso a destra della Figura 15-09. Così l'energia 
Figura 15-09 Quark Confinement
 
 spesi nel tentativo di separare i quark ha portato alla produzione di un altro mesoni, quark libero non è stata prodotta. 

--------------------------------------------------------------------------------

Teoria della Grande Unificazione (GUT)
Anche se il Modello Standard ha avuto molto successo nella contabilizzazione di tutti i fenomeni sperimentali, essa non dovrebbe essere la teoria definitiva a causa della sua grande complessità e le numerose questioni ancora senza risposta. Queste obiezioni sembrano suggerire che ci possa essere simmetrie più profonda alla base del modello standard, che porterà forse per l'unificazione delle interazioni forti ed elettrodeboli in un unico "grande teoria unificata", o intestino. Tale sistema è infatti possibile se il gruppo interno di rotazione è ulteriormente generalizzata a SU (5) con 24 parametri. Tutte le particelle elementari vengono assegnate in

  due 5-multipletti e due 10-multipletti. Figura 15-10 mostra uno dei 5 - multipletti con l'assegnazione 24 bosoni di gauge disposti in una matrice. Di questi, 12 sono a conoscenza (il fotone, W+, W--, Z0 e 8 gluoni). I 12 rimanenti sono bosoni nuovi denotato da X; svolgere queste nuove forze in grado di trasformare i quark in leptoni e viceversa. La massa dei bosoni X sono stati calcolati in base al meccanismo di Higgs, e risulta essere di circa 1015 Gev. Questi super-particelle pesanti si trovano molti ordini di grandezza al di là delle gamme di energia di un acceleratore immaginabile. Tuttavia, essi saranno presenti in grande abbondanza nei primi 10-35 secondi dopo il Big Bang.
Figura 15-10 SU (5) Symmetry Figura 15-11 Teoria della Grande Unificazione   

Ad energie ben al di sopra 1015 Gev, tutti i bosoni di gauge (comprese le X) possono essere liberamente prodotti e tutte le interazioni hanno la stessa forza e quark può trasformarsi in leptoni stessa facilità con cui cambia i colori, e il Grand SU (5) la simmetria è manifesto. Ad una energia di circa 1015 Gev, SU (5) simmetria si rompe per separare SU (3) e SU (2) XU (1) simmetrie e il Grand separa interazione unificato le interazioni forti ed elettrodeboli. A circa 102 Gev, SU (2) XU (1) simmetria diventa rotto, che riflette la separazione delle interazioni elettrodeboli le interazioni deboli ed elettromagnetiche distinti. Questo quadro di unificazione delle interazioni incorpora anche la variazione dei punti di forza delle tariffe, a seconda della distanza dalla quale sono attuate come mostrato nella Figura 15-11. La conseguenza più drammatica di grande unificazione è che il protone non è più stabile, ha una piccola probabilità di decadimento in un pione neutro e un positrone (con un tempo di dimezzamento di circa 1031 anni). Decadimento non sia stata finora rilevata.


--------------------------------------------------------------------------------

Supersimmetria
Supersimmetria si differenzia da tutte le altre simmetrie che si riferisce in due classi di particelle elementari, che sono così radicalmente diversi - il fermioni e bosoni. Secondo la supersimmetria, tutti i "normali" particella ha una particella compagna - che differiscono nella spin da mezza unità, ma con proprietà altrimenti identiche. Inoltre, i punti di forza delle interazioni del superpartner sono identiche a quelle della particella corrispondente ordinaria.
 

 L'ultima colonna nella Figura 15-12 mostra i nomi e simboli per tutte le superpartner - "s" di fronte alla Superpartner fermione, "ion" dietro il bosone Superpartner, e una "~" sulla cima di un simbolo per designare i Superpartner.
Come indicato nella GUT, X le particelle hanno una massa dell'ordine di 1015 Gev, mentre i bosoni elettrodeboli hanno una massa dell'ordine di 102 Gev. Questa enorme differenza di massa richiede sintonia fine dei parametri numerici di meglio di una parte su 1012, Ed è spesso indicato come il problema "gerarchia". Supersimmetria, tuttavia, porta a cancellazioni delicato nel calcolo di queste masse in modo del tutto naturale. Quindi, l'enorme differenza tra la scala elettrodebole e la scala GUT è una caratteristica non artificiosa di modelli supersimmetriche, vale a dire, la supersimmetria fornisce una spiegazione.

Un'altra motivazione per la supersimmetria è la sua intima connessione con la gravità. Se la supersimmetria è promosso a una simmetria locale di gauge, la teoria riprende automaticamente la teoria di Einstein della relatività generale. Teorie con supersimmetria locali sono chiamate super-teorie della gravità. Anche se tali tentativi di unire la relatività generale con la meccanica quantistica in ultima analisi, è incontrato con il fallimento, l'applicazione più promettente è associata con dieci teorie di stringa dimensionale. Super-gravità è il limite di bassa energia in cui il punto senza struttura delle particelle
 
Figura 15-12 Supersimmetria   

è una buona approssimazione. Supersimmetria affronta anche una serie di altri misteri della fisica moderna, come la concentrazione enorme di energia dell'universo (il problema della costante cosmologica), l'origine dell'inflazione cosmica, la materia / antimateria asimmetria, la natura della materia oscura fredda, e le forme speciali delle interazioni Higgs.

Se la supersimmetria fosse una esatta, la simmetria ininterrotta, il superpartner avrebbe la stessa massa delle particelle ordinarie. Tuttavia, tali particelle non sono mai state osservate, e di particelle supersimmetriche, quindi, se si tratta di una vera simmetria della fisica delle particelle, deve essere spezzato. Se la rottura della supersimmetria in modo tale che la spiegazione per il problema della gerarchia è ancora valido, allora la massa del superpartner sarebbe nell'ordine di 103 Gev - proprio nel range di massa accessibile la nuova generazione di acceleratori.


--------------------------------------------------------------------------------

Superstringhe
Secondo la teoria delle superstringhe, i costituenti fondamentali del mondo materiale non sono punto-come particelle elementari, ma tiny uno stringhe di dimensioni aventi una lunghezza di circa 10-33 cm (la lunghezza di Planck). Come la corda di un violino, che può vibrare in molti modi diversi (diversi modi), che corrispondono alle diverse particelle elementari osservate in natura. Si tratta di una teoria quantistica che incorpora la gravità naturalmente. Nel suo quadro più ampio di M-teoria, i punti di forza di tutte le quattro forze fondamentali si fondono a distanza molto ridotta (~ 10-33 cm.) come mostrato nella Figura 15-13.

  Ci sono due classi di stringhe, quelli con le estremità (corde aperte), e quelle senza (stringhe chiuse - un ciclo), come mostrato nella Figura 15-14. Le particelle associate con le corde aperte sono le spin-1 bosoni di gauge e fermioni. Il loro movimento è limitata sulla superficie di una membrana da alcune condizioni al contorno. Gravitone con spin-2 è un esempio di stringa chiusa, che possono viaggiare liberamente in tutte le dimensioni spaziali. Questi sono gli ingredienti per la teoria della manyfold universo. 
Figura 15-13 Super-UNIFI -
zione  Figura 15-14 String, aperto e chiuso   

Quando una particella si muove punto attraverso lo spazio-tempo, segue una geodetica (un percorso di lunghezza minima) e spazia su una curva tridimensionale, che viene indicato come il suo mondo-line. Tuttavia, quando una stringa si propaga attraverso lo spazio-tempo, spazza una superficie bidimensionale che, per analogia, viene chiamato il suo mondo fogli, e si muove lungo una superficie di superficie minima. (Vedi Figura 15-14).

Quando la supersimmetria è incorporato nella teoria stringa originale, si risolve il problema con Tachyon (piazza di massa è negativo), ospita il modello ferminonic vibrazionale, e unire la relatività generale con la meccanica quantistica. La teoria delle stringhe diventa la teoria delle superstringhe.

Il "eterotica" teoria delle superstringhe è una teoria di stringhe chiuse. In aperto contrasto con le stringhe con oneri misuratore gli endpoint, qui le accuse sono gauge "spalmato" su tutta la stringa eterotica. Vibrazioni (onde) possono viaggiare intorno a qualsiasi stringa chiusa in due direzioni, ma la particolarità della stringa eterotica è che le onde in movimento in ogni direzione, sono completamente differenti. Le onde che si spostano in senso orario, sono le onde del 10-dimensionale delle superstringhe, mentre le onde si spostano in senso antiorario, sono quelli dei 26 originali-dimensionale stringa bosonica. Per ottenere una coerente teoria dimensionale 10, 16 delle dimensioni extra sono interpretati come gradi di libertà interni, che si trovano ad essere legati alla simmetria di gauge locale.

              
 
 
Figura 15-15 Compattificazione 
 
Figura 15-16 Calabi-Yau Space

                                              

A dieci spazio tridimensionale è necessario al fine di eliminare i fantasmi (probabilità negative) nel formalismo. Per specificare un punto in questo 10 spazio tridimensionale richiede i soliti quattro (x, y, z, t), maggiorato di un ulteriore sei più coordinate. Supponiamo che uno di questi extra coordinate è rannicchiata in un piccolo cerchio, 
 

(si veda la Figura 15-15.) il suo valore è l'angolo nel cerchio. Perché il raggio del cerchio è così piccolo (~ 10-33 cm), il valore dell'angolo è completamente invisibile. Di conseguenza, le leggi della fisica devono essere invarianti sotto sposta in un angolo. Questo comportamento ricorda la rotazione interna detto in precedenza U (1) simmetria e possono essere identificati con ciascuno degli altri. Di conseguenza, la distorsione di questo accartocciate dimensione corrisponde alla presenza di spin-1 bosoni di gauge. In realtà la compattazione si trova su un sei-spazio tridimensionale, la teoria delle superstringhe limitare severamente la forma geometrica. E 'stato dimostrato che una particolare classe di sei-dimensionali forme geometriche chiamato Calabi-Yau spazi in grado di soddisfare queste condizioni. Figura 15-16 mostra lo spazio ordinario (in due dimensioni) con il accartocciate Calabi-Yau spazio in ogni punto. E 'redatto solo sulle linee di intersezione della griglia per la chiarezza visiva.

  Topologia diventa uno strumento importante per superstringhe quando è trattata come oggetto della meccanica quantistica. Questo ramo della matematica si occupa di regolare, graduale e continuo cambiamento di forma geometrica. Ad esempio, un quadrato può essere continuamente deformato in un circolo spingendo negli angoli e arrotondamenti ai lati. La regola fondamentale è che nessun nuovo buco possono essere creati nella nuova forma di strappi. Alcuni oggetti topologici equivalenti sono mostrati nella Figura 15-17. 
Figura 15-17 Topologia  Figura 15-18 String Storia   

E 'stato citato inArgomento 12che il passaggio dal classico al quantistica dei campi è tramite la somma su tutti i percorsi possibili per valutare la Azione. In superstringhe, ci sono due parametri lungo il worldsheet (nell'integrale che definisce l'azione) e la somma è superiore a tutti collegati possibili superfici. In particolare, esso include tutte le superfici formata da stretching, trazione, torsione e la deformazione in caso contrario (senza strappare), il mondo classico-sheet. Così incluso nella somma con superfici sono molto lunghi, sottili tentacoli come mostrato nella Figura 15-18. Tali tentacoli può essere interpretato come molto piccole stringhe chiuse che appaiono da fuori il vuoto e di partecipare alla stringa originale, o come chiuso stringhe che si staccano dagli originali e poi sparire nel vuoto.

 Interazione tra due stringhe può essere rappresentato da uno schema simile a quello Diagramma di Feynman per l'interazione di due particelle punto. Al posto di linee e punti in quest'ultimo caso, i percorsi delle corde diventano tubi. Le due stringhe non si incontrano in un punto, che interagiscono mediante la fusione (dal arrivo) e la divisione (al uscita). Tale sbavature dell'interazione evita la singolarità nel punto in cui le due particelle si incontrano e quindi la teoria delle stringhe non è afflitto da infiniti al punto di particelle 
Figura 15-19 stringhe di interazione  

teorie quantistiche di campo. Perturbazione teoria viene utilizzato per ampliare l'interazione in una somma di diagrammi individuali come mostrato nella Figura 15-19. Il primo è la parte principale chiamata albero diagramma dei livelli. Gli altri con crescente numero di fori sono chiamati diagrammi di ciclo, sono i contributi di coppie di particelle virtuali. Se la forza di interazione è di piccole dimensioni, la serie sarebbe convergono rapidamente, altrimenti il calcolo diventa sempre più difficile in quanto il numero di cicli cresce.


Figura 15-20 Superstrings Teorie

Secondo le differenze di simmetria di gauge, i tipi di stringhe o brane, ecc ci sono cinque versioni differenti teorie delle superstringhe come mostrato nella Figura 15-20. Esse sono collegate con la S-dualità, che riguarda il limite di accoppiamento forte di una teoria del limite di debole accoppiamento di un'altra teoria, e la T-dualità, che riguarda una teoria che è compattificata su un cerchio di raggio R, un'altra teoria compattificata su un cerchio di raggio 1 / R. 
 

Nel 1995, Edward Witten ha dato prova di un nuovo tipo profondo della dualità. Egli ha suggerito che le cinque teorie, anche se apparentemente diversi nella loro struttura di base, sono solo diversi modi di descrivere la stessa fisica di base. Le cinque teorie sono solo cinque diverse finestre su questo unico quadro teorico (in 11 dimensioni), che oggi si chiama l'M-teoria. M-teoria contiene oggetti estesi di una grande quantità di differenti dimensioni spaziali chiamati p-brane (un oggetto di dimensioni spazio p, fino a nove). Sembra che gli ingredienti fondamentali della M-teoria sono "brane" di una varietà di dimensioni. Gli oggetti in cinque teorie visualizzate solo come stringhe (o delle membrane raggomitolato a guardare come stringhe), che sono la luce sufficiente per entrare in contatto con la fisica come noi la conosciamo. Le analisi perturbativa non sono raffinati abbastanza per scoprire anche l'esistenza del super-massiccia oggetti estesi di altre dimensioni; stringhe dominato le analisi e le teorie fu dato il nome di "teorie delle stringhe".

Attualmente non ci sono previsioni verificabili da superstringhe. Tuttavia, si può dimostrare che ad energie inferiori a 1016 GeV, la teoria delle stringhe eterotiche porta effettivamente a un normale grande teoria unificata. Nel frattempo, in questo momento, le superstringhe è l'unica teoria valida in grado di unificare le quattro interazioni (vedi Figura 15-04), e hanno il potenziale per fornire spiegazioni per tutti i fenomeni fondamentali. Si potrebbe prendere il posto alla fine del lungo viaggio verso la teoria definitiva come illustrato nella Figura 15-05 e 15-06.


--------------------------------------------------------------------------------

Molteplice, l'energia del vuoto, e Multiverse
 Ricerca nel primi anni del 2000 indica che la teoria delle stringhe possono fornire le spiegazioni per "l'energia oscura"E l'origine delle"Bing Bang". Come accennato in precedenza, le sei dimensioni extra curl in sei piccolo spazio tridimensionale conosciuto come collettore di aspirazione (si veda la Figura 15-21). Le equazioni della teoria delle stringhe specificare la sistemazione del collettore di configurazione, insieme con i loro associati brane (verde) e linee di forza conosciuta come linee di flusso (arancione). La fisica che si osserva nelle tre grandi dimensioni dipende dalle dimensioni e la struttura del collettore: ciambella come molti come "maniglie" che ha, la lunghezza e la circonferenza di ogni gestire, il numero e le posizioni dei suoi brane, e il numero di linee di flusso avvolto attorno ad ogni ciambella. 
Figura 15-21 Manifold
   

Ogni collettore ha un potenziale di energia unica, hanno contribuito per flussi, brane e la curvatura della accartocciate dimensioni. Questa energia viene chiamata energia del vuoto, perché è l'energia dello spazio-tempo, quando le grandi quattro dimensioni sono completamente privi di materia o campi. La geometria del collettore di piccole cercherà di adattarsi a minimizzare questa energia. Come

 Di conseguenza, ogni configurazione stabile stabilirsi in un minimo di l'energia del vuoto, come mostrato dal alfabeti in Figura 15-22, dove l'energia negativa è tracciata in blu. Il diagramma mostra una versione semplificata di soli due parametri. In realtà, il numero di parametri regolabili è enorme. Ci sono soluzioni con un massimo di circa 500 manici e il numero di linee di flusso può essere ben 10. Così, il numero di configurazioni possibili molteplici sarebbe intorno al 10500, E ciascuno di essi occupano una posizione stabile nella mappa di energia di più parametri. Il nostro universo (vedi Us nel diagramma) sembra essere uno di questi, con una piccola costante cosmologica (corrispondente all'energia piccola ma positiva sotto vuoto), che sta ora guidando l'accelerazione osservata cosmica. Grande energia del vuoto positivo produrrà un'accelerazione troppo, e l'energia del vuoto negative inducono il collasso. Secondo il principio antropico, siamo anche vivere in un collettore di aspirazione (delle sei piccole dimensioni) che le leggi fisiche sono adatti per lo sviluppo della vita. 
Figura 15-22 Energia del vuoto
   
 La possibilità di decadenza da un vuoto stabile ad un altro suggerisce un quadro radicalmente nuovo dell'universo. Figura 15-23 mostra l'ampio spazio dimensione a colori. La regione blu rappresenta un universo inizialmente seduto in energia del vuoto minimo A (come mostrato nella Figura 15-22). Decadimento di una linea di flusso in A crea un collettore diverso, che le gallerie a un nuovo minimo in B (si veda la Figura 15-22 e la bolla rossa nella Figura 15-23). Poi un'altra linea di decadimento del flusso di B crea un altro collettore, che tunnel a un altro nuovo minimo in C (si veda la Figura 15-22 e la bolla verde nella Figura 15-23), e così via ad infinitum. L'intero universo è quindi una schiuma di espansione all'interno di bolle bolle, ognuna con proprie leggi della fisica. Pochissime delle bolle sono adatti 
Figura 15-23 Multiverse
  per la formazione di strutture complesse come le galassie e la vita. L'universo osservabile è una regione relativamente piccola in una di queste bolle, come mostrato nella Figura 15-23. Il Big Bang è stato solo l'inizio di un nuovo collettore all'interno di un universo più anziani.

Quantum Foam e Loop Quantum Gravity
Combinando le leggi della meccanica quantistica e della relatività generale, si deduce che in una regione delle dimensioni della lunghezza di Planck (10-33 cm.), la fluttuazioni di vuoto sono così enormi che lo spazio come noi lo conosciamo "bolle" e diventa una spuma di schiuma quantistica.

 In uno scenario del genere, lo spazio appare completamente liscia alla scala di 10-12 cm., una certa ruvidità inizia a mostrare fino a livello di
10-30 cm. e alla scala dello spazio lunghezza di Planck diventa una spuma di schiuma quantistica probabilistici (come mostrato nella Figura 15-24) e la nozione di un semplice spazio continuo diventa incoerente. Secondo l'ultima idea in teoria delle superstringhe, lo spazio a così piccola non può essere descritto dalle coordinate cartesiane, x, yez, che dovrebbe essere sostituito da "la geometria non commutativa", in cui le coordinate sono rappresentate da matrice non diagonale. Questo è essenzialmente l'espressione di principio di indeterminazione nella meccanica quantistica. 
Figura 15-24 Quantum Foam  

Una teoria per descrivere lo spazio con la dimensione della lunghezza di Planck è stato sviluppato recentemente. Si chiama teoria della gravità quantistica a loop, che postula che la dimensione minima lineare dello spazio è dell'ordine della lunghezza di Planck. Spazio con grande distesa sono costruiti su queste dimensioni più tali che la superficie e il volume sono quantizzati come mostrato nella Figura 15-25. Nel quantistica a loop

  formulazione di gravità, la lunghezza non è l'attributo fondamentale. La teoria si basa su quantizzato momento angolare, che corrisponde ad un elemento orientato zona. Così l'area è più importante della lunghezza. Vi è una assoluzione zero volume minimo di circa 10-99 centimetro3, E si limita la serie di volumi a una discreta serie di numeri. Questi stati quantistici sono simili ai livelli energetici dell'atomo di idrogeno. L'idea è simile a quella vista macroscopica e microscopica della materia, per i quali la continua comparsa è gradualmente trasformato in un insieme di atomi discreti su piccola scala. 
Figura 15-25 Quantum Space Figura 15-26 Net Spin-lavoro   

Descrizione di un quantum di spazio può essere semplificato che rappresenta il volume con un punto o nodo, e la zona (che racchiude il volume) con una linea perpendicolare alla faccia (si veda la Figura 15-26 a e b). I numeri per il nodo o la linea (in Figura 15-26 b) indica la dimensione del volume o della zona. In questo caso, il quantum del volume è dotato di otto unità della lunghezza di Planck cubi. Figura 15-26 C e D mostra il collegamento di due volumi e la sua rappresentazione in nodi e linee. La rete di Figura 15-28 mostra la connessione di molti volumi discreti, ma è chiamata la rete di "spin". Particelle, come gli elettroni, corrispondono a determinati tipi di nodi, che sono rappresentati con l'aggiunta di etichette più sui nodi. Campo, come ad esempio il campo elettromagnetico, sono rappresentate da etichette supplementari sulle linee del grafico.


 Proprio come lo spazio è definito da una geometria discreta di una rete di spin, il tempo è definito da una sequenza di mosse diverse che riorganizzare la rete, come mostrato nella Figura 15-27. Il tempo non scorre come un fiume, ma come il ticchettio di un orologio, con le "zecche" che sono circa fino a quando il tempo di Planck: 10-43 secondo. O, più precisamente, il tempo nell'universo flussi dal ticchettio degli orologi innumerevoli - in un certo senso, in ogni punto della rete in cui uno spin quantum "mossa" si svolge, un orologio in quella posizione ha spuntato una volta. Nella Figura 15-27, le linee della rete di spin aerei diventano, ed i nodi diventano linee. Il risultato è chiamato una schiuma di spin. Prendere una fetta con una schiuma di spin in un particolare momento produce una rete di spin, tenendo una serie di fette in tempi diversi (saltando da una linea tratteggiata ad un altro) produce fotogrammi di un filmato che mostra la rete spin evoluzione nel tempo. La sequenza sul lato destro della Figura 15-27 mostra un gruppo collegato di tre volumi quanti si fondono per diventare una sola. 
Figura 15-27  Quantum Spacetime 

Previsioni e test:


Una prova importante è se classica, la relatività generale possono essere recuperati come approssimazione della gravità quantistica a loop. E 'stato dimostrato che a lungo-lunghezza d'onda di onde gravitazionali di moltiplicazione degli spazi altrimenti piatto può essere descritto come eccitazioni degli stati quantici specifiche nella teoria della gravità quantistica a loop. La teoria può anche riprodurre le radiazioni blackhole e il rapporto tra entropia blackhole e la sua superficie.
La scala di Planck è di 16 ordini di grandezza al di sotto della scala sondato nel più alto dei acceleratori di particelle di energia attualmente previsto (di energia più elevata è necessaria per sonda scale distanza più breve). Così sembra esserci speranza per la conferma delle teorie di gravità quantistica.


Figura 15-28 Test

Tuttavia, la radiazione dalla lontana esplosioni cosmiche chiamato gamma-ray burst potrebbe fornire un modo per verificare se la teoria della gravità quantistica a loop è corretta. Gamma-ray burst si verificano miliardi di anni luce di distanza ed emettono una quantità enorme di raggi gamma in un breve arco. In base alla gravità quantistica a loop, ogni fotone occupa una regione di linee in ogni istante, come si muove 
attraverso la rete di spin. La natura discreta dello spazio cause superiore raggi gamma di energia di viaggiare un po 'più veloce di basso

quelli di energia. La differenza è piccola, ma il suo effetto costante accumulo durante i raggi 'miliardi di viaggio di anni. Se uno scoppio di raggi gamma arrivano sulla Terra in tempi leggermente diversi a seconda della loro energia, che sarebbe la prova della gravità quantistica a loop (si veda la Figura 15-28). Il satellite GLAST, che dovrebbe essere lanciato nel 2005, avrà la sensibilità richiesta per questo esperimento.

Un altro possibile effetto dello spazio-tempo discreto coinvolge i raggi cosmici di altissima energia. E 'stato previsto che i protoni dei raggi cosmici con una energia superiore a 3x1019 ev si disperdono al largo della radiazione cosmica di fondo che riempie lo spazio e quindi non dovrebbe mai raggiungere la Terra. Tuttavia, più di 10 raggi cosmici di energia oltre questo limite sono state rilevate in un esperimento chiamato Agasa. Si scopre che la struttura discreta dello spazio può aumentare l'energia necessaria per la reazione di scattering, permettendo più alta energia cosmica protoni-ray per raggiungere la Terra. Se le osservazioni ASASA reggere, e se non si trova altra spiegazione, allora può succedere che la discretezza dello spazio è già stato rilevato.
Gravità quantistica a loop ha aperto una nuova finestra di indagare in profondità le questioni cosmologiche, come l'origine dell'universo. Recente ciclo di gravità quantistica calcoli indicano che il Big Bang è in realtà un grande rimbalzo, prima che il rimbalzo l'universo è stato rapidamente contraenti. Una questione di preoccupazioni analoghe profondità la costante cosmologica. Recenti osservazioni di supernove lontane e la radiazione cosmica di fondo fortemente indicare che si è associato con una energia positiva, che accelera l'espansione dell'universo. Gravità quantistica a loop non ha alcuna difficoltà a integrare questo fatto nella teoria.
Resta da dimostrare che classica, la relatività generale è una buona descrizione approssimativa della teoria della gravità quantistica a loop per distanze molto più grandi rispetto alla lunghezza di Planck, in tutte le circostanze, e se la relatività speciale deve essere modificato a energie estremamente elevate (gravità quantistica a loop indica che la velocità della luce universale è valida solo per i fotoni a bassa energia).
A differenza della teoria delle superstringhe, la gravità quantistica a loop è completamente unperturbative ed è anche background-indipendente (geometria dello spazio-tempo non è fisso), e sembra condurre a una pregeometry in cui lo spazio e il tempo sono concetti derivati (invece di essere un pre-definito un'entità ).
Non vi è alcun nesso tra la teoria quantistica a loop e la teoria delle superstringhe. Mentre i sostenitori dello stress ex il difetto di basarsi su un pre-definito lo spazio-tempo di frame (nella teoria delle superstringhe), e pertanto non fornisce una descrizione adeguata della gravitazione su piccola scala, i sostenitori della teoria delle superstringhe punto che l'interazione tra gravitoni e altre particelle è in contraddizione nella teoria quantistica a loop. Si suggerisce che entrambi i campi percepire solo un piccolo aspetto di tutto - come gli uomini bilind e l'elefante.

--------------------------------------------------------------------------------

Note
1Sistemi inerziali di riferimento sono sia a riposo o in movimento a velocità costante l'uno rispetto all'altro.

2In generale, la funzione di un campo F è complessa, che può essere scomposto in forma: F = FR + IFIo simile al numero complesso c = a + ib. La parte reale FR e la parte immaginaria FIo corrispondono a particelle con carica negativa e positiva, rispettivamente.

3Si è constatato che solo con chiralità fermioni left-handed partecipa interazione debole. La chiralità in particelle elementari è legata alla proprietà di spin. A mano destra particella ha il suo spin orientato lungo la direzione della particella di movimento, mentre lo spin di un mancino di particelle punti nella direzione opposta. Tutti i neutrini sono mancino, e tutti gli antineutrini destrimani (se il neutrino di massaè rigorosamente a zero). Altre particelle possono esistere in uno stato.

4Parità è circa il comportamento della materia al momento l'inversione di coordinate (x, y, z) (-x,-y,-z). O anche parità dispari si riferisce al caso in cui il campo resta invariato o cambiare solo un segno. E 'stato a lungo ritenuto che la parità è conservata per tutti i processi fisici. In altre parole, la parità complessiva (per le particelle di partecipanti), dopo una interazione dovrebbe essere la stessa di quella iniziale. Questa semplice regola è molto utile per la selezione dei processi ammissibile. Con alcuni suggerimenti da risultati sperimentali, T.C. Lee e C.N. Yang ha sottolineato che la conservazione della parità può essere violata nelle interazioni deboli. Un test è stato organizzato dal CS Wu di osservare il decadimento beta di cobalto-60 in un campo magnetico. Esso mostra una direzione preferenziale per gli elettroni emettono (il mancino elettroni) e convalida in tal modo l'ipotesi di violazione di parità per l'interazione debole - il mondo specchio comporta in modo diverso dal mondo reale.

5Nell'estate del 1953

nihileggia

18 settembre 2009 ore 22:04 segnala
zza, aldilà:la the history of the myth is the history of the places of the myth, the history mitika of the myth is the history of the Being mitiko, or the eternal return of the myth or the infinite resonance of the being in the myth, in the latenza, guarded, cured for eventuarsi in the epokè mythical. The history of the myth is the history of the glade of the Being, of the diradato Being, clears, free of Being in the abyss mitiko, without null, nothing, aim, sunset, eclisse. Nobody still has been free to search the history of the ontologia of the myth, afterlife of the theological ermeneutica, beyond the categorical, epistemica, paradigmatica metaphysics nichilista. Not there is neither the ontologia of the mythical being, neither ontosofia of the myth or the history mitika of the myth. The history of the myth I found myself on the mythical history of the libertà:senza it are free to contemplate the myth, not is myth but single theological fondamentalismo, teocrazia:la history mitika of the myth is the history mitika of the freedom of Being in presence of the contemplation of the Being divinity. The myth is when the being places itself dinanzi in the contemplation of the Being that gives itself, throws itself to the presence in the glade, in the topology of the Being, which ontologia of the poetante Being, the Gegengrundsein that eventua in the ontovarietà of the gettatezza of the myth is the poetante glade that it guards, kriptata, latent the cure of the Being. The places of the Gegengrundsein are the kaosmici spaces where are thrown dinanzi, It are mitiko the places of the myth are those that are are found to us of forehead not to a horizon of the world, or to one perspective mondana, or a sunset or eclisse cosmic, but the Being is inhabited poeticamente from the horizon and the perspective of the Being without aim, decline, sunset, without eclisse, which eternal return of the resonance of the Being mitiko. Only therefore eventua the epochè of the history mitika, not teokratica, of the myth. A lot for being rigorous until in fondo:il myth are not the topology of the teocrazia, neither the myth are the cosmic nichilista singolarità of the imaginary time, giacchè those evocative topologies are always categories of the perspective of the tramontante world while the horizon of the Being mitiko is not never found of forehead to the eclisse, to the sunset, to the end of the history, the time, the space, the kosmo. In the myth instead there is the eternal return of the ontologica difference between the Gegenseyn and the Widerseyn: not null or the nothing, but the Being that us comes encounter, the Being that is thrown to the presence, in order to inhabit the Being that contemplates the glade. The history mitika of the myth is the history of the difference that eventua in the poetante ontologia, which presence that inhabits the kaosmico place. The history mitika of the myth is the history of the Being that contemplates the being of forehead, which presence of the glade, never has where not inhabited neither the entity, neither Is to us, neither the mondità, neither the metaphysics, neither the teocrazia, but only the resonance of the Being that us encounter comes, which eternal return. Pag. 06 the history mitika of the myth of the Physis is the history from the origins to the templari, a lot in order to inhabit the historical places of the myth, eventua in the resonance which To be itself mitiko divine Being that us comes encounter, Being that inhabits the Being, Being that meets itself kriptato in the Being mitiko of the Physis. The topology, the place where the Being us comes encounter and it lives to us is "mithos": the topology of the myth is mitika the topology of the history of "mithos" only in the topology of "mithos" the history eventua which history mitika of "mithos": giacchè lì it is only the free of being history mitika of "mithos" and never more history of the teocrazia, metaphysical history of the teocratica theology, metaphysical history of the teocratica theology, history of the will of power of the teocrazia, history of teocratica ethics. The places where "mithos" us come encounter, or where the being meets the being that eventua and inhabits the essence of the poetante thought, they are the places of "mithos" sacred, dark, the misterici ones, kriptati, because that proximity of the being with its ikona that it is thrown to the presence and inhabits it is mythical in the sense of inexpressibile, inaudita, and from the cosmic physical paradigms, the history mitika of the myth it is the history of the free spaces, inhabits solo to you the Being that us comes encounter, which Gegenseyn, never invalidity, and in contempo:Essere that it is met in the being that is thrown and lived, in the contemplation, The varieties of coming encounter of the Being are infinite, inexpressibile, without eclipse: because the places of "mithos" escape to the classification of the categorical imperative of the rigor ration them or of the nichilista ideal metaphysics, sinergetica, supersymmetrical, inferenziale, logistic, teocratica. The events of "mithos" are always in relativity with the events and the ontovarietà of the Being that us comes encounter, than eventua which ontologica freedom: the Being meets itself, contemplates the freedom of being kaosmica. The places of "mithos" are the topologici spaces where the Being are arranged in the contemplation, listen, the vision, the sensibility and the poetante thought of the Being of forehead, dinnanzi, that encounter comes us, in the kaosmica Gegenseyn. The history mitika of "mithos" is the history of the glades, the empty ontologici of the Physiseyn, where the being eventua for being contemplated and in order to inhabit the forehead being poeticamente, beyond that to inhabit only the world, the "Physis poeticamente", the kosmo. When a place, a glade, an empty one is inhabited poeticamente the Being that throws itself and that encounter to the Being comes, eventua "mithos" and the its history which mythical history of the mitiko to inhabit the poetante Being poeticamente, in freedom, truth, proximity with the ontosofico Being. The freedom of search on the mythical history of "mithos" of the Physis eventua in the history of the ordinary places of the sense of "mithos", of its essence, its presence here and afterlife of the world the places of "mithos", indeed better the topology of "mithos", the empty space, the glade, the free space from the mondità where is guarded, cured, evoked and contemplated the Gegenseyn: the Being that comes encounter in order to live poeticamente, not only the world, but the ikona of the Being, the essence of the Being, the poetante Being, the ontologico Being, the ontosofico Being. Eventua therefore in the space and the time of the world the ontologica difference: the topology of the Being is introduced mitiko, the fluctuating topology of the world of Is to us here and here, of the virtual world, the imaginary world, the ontologico world, the poetante world. The world of the Being mitiko throws itself in the mondità also which world mitiko, chaotic world cosmic world, caosmico world, onirico world, estatico world and its metaphysical infuence unfolds itself in the ethical world, epistemico, paradigmatico, ermeneutico, constituent, noetico. Which foundation of the truth of Is mitiko its infuence gives sense to the kaos, to the invisibile, the inexpressibile one, the inaudito one, the present absence of its providential sacralità: the only one that can save to us or cure in the world of the afterlife, the good and the evil. the Topology of ssere mitiko and its animated topology of the animated Being that it extends It are to us, but is not the ontologico or poetante Being. That ontovarietà unfolds the complexity of the fondatezza of the Being mitiko in virtual, animated, ontologico, imaginary, onirico, metaphysical, sinergetico, supersymmetrical the world and disvelano how much will of power is in the history mitika of "mithos" of the Physis. Will of power of the eternal return of the Being "mithos", in the epochè of the history of Are to us, but also will of categorical imperative hegemonic infuence in the metaphysics, ermeneutica, poetica, aesthetic, epistemè, virtual, imaginary, onirica, estatica, mythical, magical ethics. In the Being "mithos", the animated Being does not adapt itself, in truth neither to Is to us, neither to the ontologico or poetante Being. In the world of "mithos" the animated world it does not find again the metaphysical adequacy, epistemica, rations them, poetica, aesthetic, ethics with the world of It are to us, neither with the Being in cosmic, imaginary, virtual, kaosmico the world. But that ontologica difference of the adequacy does not neglect the influential ortogonalità of the will of metaphysical power of the history mitika of "mithos", indeed its categorical imperative gives sense, identity, teocrazia historical and transcendental. The Being "mithos", which to be animated in the mythical world is the measure of all: of the kosmo that there is and of the world that not is, or invisibile, inexpressibile, it is inaudito, mythical, magical, estatico; the Being "mithos" is indeed the only gravitational center that gives sense, stability, peace, and above all and for more it gives the system, the creation, the Gestell to the world of It are to us, of It are here, of It are here, of It are afterlife. The topology of "mithos", which history mitika of the myth of the Physis is the Gestell of the world and the animated Being, which Is to us that encounter in its morfogenesi of being animated comes us: and therefore to contemplate and venerare. Giacchè only that Being is "mithos" of the physis that it will be able to save to us, or to cure, or to console, or to guide in the destiny in the fate, in the adventure of the history mitika of "mithos". The Topology of the Being "mithos" is implemented in the bistability of the paths that are branched off: the world is the surface of the founding Gestell of Is to us, virtual, important, imaginary, metaphysical, ethical, poetico, aesthetic, sinergetico, cosmic, epistemico, ermeneutico, but there is, which eternal return in the supersymmetrical surface, the animated Being that encounter in the empty ontologico comes us, in the free glade from the nichilismo, in the kaosmica singolarità of the null one, which Gestell: Contro-Essere, Being that meets to us and happens, is thrown in the Being but also in Is to us, in order to live to you with the sense of "mithos" of the Physis or the animated Being. The history of the myth has been, and is, always interpreted which will of power of the influential imperative metaphysics: not poetante history of the myth is one, neither one ontologica history, neither one mythical history, neither one ontologica history, neither one mythical history in the sense of Topology of "mithos" of the Being more than of the world or the mondanità. The future of the freedom of search of the mythical history of "mithos" is introduced in the plesso, or chiasma, of the Being the history of the Gestell mitika of Is to us and of the world, and history of the Gegenseyn of Is mitiko that which resonance of the always animated Being meets us, that happens encounter, eternally returning in the aldiqua from the afterlife. It are to us mitiko that encounter comes us, which Gegenseyn is the donation of measure, the topologica measured one of "mithos" and the history mitika of "mithos" animated that it inhabits the Being poeticamente, beyond that the world and Is to us, eventua which stability of the Kaos, morfogenesi visible of the invisibile, koinè, ethical and ethnic common language of the inexpressibile one, of the inaudito one, mystery of undecidable, the mystical one revealed of the ermeneutica eternally and infinitely interpreted myth of the empty one Hush of the singolarità of "mithos", which history mitika of "mithos". The history mitika of Is "mithos" is the history of the abandonment, the kriptazione, the latenza, the oblivion of the ontologico Being in is animated: it is which vivenza of It are to us, is which vivenza of eternal, infinite, mythical, inexpressibile the mondanità, inaudita. The Being that you comes encounter or that it is met is the being animated that from the kriptata, guarded latenza, cured, of the glade of the Topology of the Being, eventua imperatively which measure of the time and the space, ethics and the aesthetic one, the kosmo and the Kaos, the good and the evil. But that gettatezza of Is "mithos" is not simply imperative metaphysician of the power will that one is only its teocratica, influential metamorphosis, otherwise "mithos" would be only one of ermeneutiche, epistemiche, aesthetic, astronomical the varieties Is throws to you, which "mithos" of the animated Being it gives stability to the most complex Ontoteologia or Teoontologia. Afterlife of the good and the evil, indeed which fondatezza that eventua hour one hour the other or destroys is the unit, is the alterità the history that is thrown, which history mitika of "mithos" is always introduced in its influential ontoteologica variety that is given, than us comes encounter, than it is met in the paths interrupted of "mithos", which metastabilità of the Kaos, perspective horizon of it are animated that it gives sense to It are to us, to the vivenza, the creation, the mondità, the afterlife. The animated Being that it is met throws in Is to us, in the world, the vivenza which stable imperative system of the will of power of the Mithos Being: it is the Gestell of the animated Being that encounter, not that comes us metaphysics, or ethics, epistemica, but that metastabilità that destroys the Kaos, the null one, the nothing oltrechè It are to us preesistente, in order to found the Topology of "mithos" from the null one, the invisibile, the inaudito one, empty the cosmic one. The Topology of the Being "mithos" that it meets to us inhabits the foundation mistericamente of is animated, of Is us of the vivenza of the world: it inhabits the stability of the Gestell which to come encounter of the presence that meets to us in the Essence of the Being. The stability of is animated is the history mitika of "mithos" which controkaos and resonance that introduces to us of forehead of the Kaos for Being topologica Gestell of the glade, of the empty one of the invisibile, the inexpressibile one, of the inaudito one: the history of "mithos" is the history of Is of forehead to the Kaos, which to be animated that encounter comes us and that is met in the essence of the vivenza, of Is to us, of the mondità. The history of "mithos" is the history is mitika of the metastabilità of is animated that it is introduced, eventua, meets to us in the fondatezza of the Being, of Is to us which vivenza, of the world, the Being afterlife. The Metaodoseyn is the uninterrupted path of the Gegenseyn: eternal return of resonance of Being that us comes encounter, and that it is thrown to the presence of the Being that is met of forehead, dinnanzi, which event of the animated Being. Throwing itself encounter in the metastabilità of the presence is which presence will or teocrazia, is which of the Ontoteologia or gift measure "mithos", the history mitika of "mithos" gives sense to the categorical imperative of the Gegenkaos To be of forehead, encounter to the Kaos of the world. But its presence eventua also in throwing in the essence of the foundation of Is to us and of the vivenza the encounter of the animated Being, which Topology of the Being or variety of the ontologico Being. The history of "mithos" will be the history of the interface, intervolto, to interessere animated that encounter in the path of the Being comes us. The intervolto and field "mithos" of animated topologico interessere. The paths of the field of "mithos" are the resonance of the eternal return of the history of "mithos". The field mitiko is the intervarietà of the Topology of the Being which metamorfico field that gives ortogonalità to the abyss, gives the vision of the animated Being to the invisibile, gives I listen to Hush inaudito, it gives breast to "mithos" throws the paths of the being animated in the Abgrundseyn, in without bottom of the foundations of the Being: the field mitiko is the Gestellsein of the Abgrundseyn, the system of the metastabilità that s' eventua in the paths of the abyss. The history of "mithos" is the history of the sacred field, which intervarietà of the topology of the animated being. The sacred field is the metastabilità, the Gestell of the abyss, the Abgrundseyn, interessere, the intervolto, the imperative orthogonal interface of the cosmic which empty afterlife that eventua, glade of the invisibile, Hush of the inaudito one, inexpressibile. The sacred field of "mithos" is the resonance of the eternal return of the animated Being that which history is thrown in the history of "mithos". The sacred field of the world is the Gestell in the Abgrundseyn, which imperative ortogonalità without bottom in the afterlife, beyond the horizon, the sunset of the history, the end of the history, the eclisse of the world of the classic history. The sacred field of "mithos", the Gestell mitika, the system mitiko where the animated Being that it happens, throws itself from the afterlife, encounter comes us and it is met in the Gegenseyn which To be afterlife that forehead presence, dinnanzi which intervolto, of the invisibile, inexpressibile, inaudito of the myth in the will of influential metaphysical power, in Ethics, the Aesthetic one, the Noetica, the Ermeneutica. The field of "mithos" the sacred one introduces always afterlife of the simple one teocrazia, which will of power of the ideal metaphysics of the afterlife, in its intervarietà of ontoteologia or Teontologia: event that is met in the Seynweg paths of the gettatezza of interessere animated which intervolto interimmagine of the Abgrundseyn, of the abysmal Being that meets itself in the topologica glade, in the empty ontologico, cosmic, in the singolarità nichiliste of the cronotopia imaginary. The ontologica difference between the sacred field of the history mitika and the classic history of "mithos" eventua in the difference between the history of the will of power of Is to us metaphysician and the history of the Topology of the animated Being that encounter comes us, than is met, of forehead which Gegenseyn of the afterlife, the abyss, which matastabilità, Gestell of the Abgrundseyn. The history of the sacred field is the history mitika of the image of the Being that meets us of forehead: intervolto of the image, Interbild. The field of "mithos" is the Bildseyn of the abyss that is always of forehead, lives to us and that which afterlife meets us. But the sacred field of "mithos", is introduced also which metastabilità, system, ontologica structure, in quality of salvation, cures, poetante thought of the Physis. The history of the sacred field of "mithos" is also the history of the Being to the power of the myth: but only in its variety of Bildseyn, image of the Being animated, never which will of power of the metaphysics of the image of the world. Indeed the sacred field of "mithos" with its Bildseyn influences the mondità, never can be subject, giacchè its fondatezza disvela always from the metastabilità of the abyss, the invisibile, the inexpressibile one, the inaudito one, the afterlife that are introduced of forehead, encounter to the mondanità, and never throws in its fo ndatezza without being founds to you. In that sense the sacred field of "mithos" is free, is freer, from the images of the world: the history mitika of "mithos" is the freedom from the will of power of the nichilista metaphysics, of the end of the history; it is freer, giacchè abandons the images of the world in order to throw encounter the images of the animated Being. The field mitiko has not been, and new metaphysics, if never it is the Teontologia, without being will not be never one ontologica: eventua instead which alterità, without being difference, and which relativity without being deployment. The sacred field of "mithos" is the glade where is thrown and the event of the image of the animated Being is always met of forehead. The history of "mithos" is the history of happening of the presence, will and power of the image of the Being that unfolds itself from the abyss, the afterlife, the invisibile, the inexpressibile one, the inaudito one: that decostruisce the time and the image of the world, of Are to us, of the nichilista imperante metaphysics. The sacred field of "mithos" creates the space to the Bildseyn that eventua from the metastabilità of the Abgrundseyn, but does not give fondatezza to the Grundseyn: encounter is revealed, of forehead, in relativity, which image of the Being never founded, neither fondabile from the image of the world, or of Is to us, or of the Physis: Teontologia of the Bildseyn which intervolto, intervarietà of the Ikonaseyn of the poetante thought. The sacred field of "mithos" of the Physis is the history of the difference of coming to us encounter of the Being and its to throw itself in the world, in the cosmic Physis: in quality of image of the Being that eventua, which to be animated metastabile of the intervarietà of the Abgrundseyn: in its variety of the simple gettatezza in the history of It are to us, or of the Being to the world. Never world in the Being or will of Being mondità of the image of the Being. Daseyn and Bildseyn are the paths of the sacred field of "mithos" where eventua the encounter the Gegenseyn of the ontologica Physis. Lì the resonance of the Being that meets to us, gives sense to the Teontologia, which alterità of the nichilista metaphysics, in relativity with the poetante ontologia of the Physis. The history of that encounter is met in the resonance of the history of "mithos", which history of the image of Being that it is thrown of forehead to the image of the world or of It are to us: Bildsetn that throws encounter to the Daseyn. The sacred field of "mithos" of the Physis is that Topology where the history mitika eventua which Bildseyn of the Daseyn, and also of the image of the world, through the image of the Being animated in relativity with the image of the Being that throws itself from the afterlife, the invisibile, the abyss, Abgrundseyn, inexpressibile, inaudito. Pag. 11 But the sacred field of "mithos" of the ontologica Physis is also the metastabile Topology of the Bildabgrundseyn: image of the abyss of the Being or the abysmal Being that throws themselves in the history of "mithos". In quality of Bildabgrundseyn the sacred field of "mithos" metastabilizza in Bildgestellseyn, ikona of its ontologica structure, where eventua the encounter between the animated Being, Bildseyn and the image of Are to us. The sacred field of "mithos" of the Physis is al stable same time and instabile:la its stability is relative to the animated Being that eventua which to be mitiko: from the abyss of the Being encounter comes us and meets Is to us and the world, the Physis and its ontologica structure. Stable E' in the Gestell of the image of the Gegenseyn Is mitiko but unstable in the intermittent Abgrundseyn, which resonance of the poetante Being of the Physis. The amphibology of the sacred field of "mithos" gives to its Gestellseyn the essence of the metastabilità in relativity with the ontologia, which Teontologia, in relativity with the image of Is to us and of the world which teokrazia of the classic history of "mithos". That difference is essential, because it creates the bifurcation between the image of the history mitika and the image of the world of the history of "mithos" of the Physis. The path in the sacred field of "mithos" of the image of the history of "mithos" of the Physis has been interrupted, giacchè the history has been unfolded, and also, or image of the will of power of the metaphysics or teocrazia. The Teontologia, which image of the Being mitiko that it is thrown in the image of the history of "mithos" is not more present neither in the world, neither in the sacred world, neither in the sacred world, neither in Is us of the sacred field of "mithos" of the Physis. Only the freedom of search eventuerà in the future an image of the history of "mithos" which the gettatezza of "mithos" is animated, than disvela from the abyss of the afterlife. Only therefore the sacred field of "mithos" of the Physis which the animated field of the image or interimmagine of the history of "mithos" eventua the history of the world animated, while fin' hour the history of the myth has been introduced in the interpretation of the image of the imperative and influential world, which will of metaphysical power on the image of the history of the myth of the Physis. In the history of "mithos" of the Physis eventua one interference: which image of the history of the sacred field of "mithos" that it not only gives the measure to the world, to the image of the world, to It are to us, to the vivenza, the null one but also unfortunately to the fundamental essence of the Being, the free history mitika, expresses, disvela the truth, but also the hidden one, forgets it, the kripta under the appearance of the cure, of the latenza that guards conserve, attends to, consecrates and contemplates. The ontologica interference in the ermeneutica difference of the sacred head of "mithos" of the Physis gives the measure of its will of kategorica imperative power, but also the valence of Is myth which path, of freedom of svelatezza of the freedom, contemplation that dekripta the event of the encounter that meets to us in the chiasma of is animated, which image in relativity with the ontologico Being. That interference that appears originally in the sacred field of "mithos" of the Physis, but also eventua in other fields which the Psychè or the Physis or the koinè, disvela the ontologica difference between Be-himself of Are to us in the world and be-himself which Selbstsein: in the history of "mithos" of the Physis there is always the trivarietà of the Topology of the Being: Seyn, Daseyn, das Selbstseyn where Are to us or the Being are indeterminato, but always in relativity which Daselbstseyn: It are to us always in Be-himself and the Being to di.là.dal himself, from the Selbstseyn, without paradoxes of identity or logical principles of contradizione, indeed those evenienze do not make other that to relieve the categorical imperative of the sacred field of "mithos" of the Physis. the interference of that presence, in the sacred field of the ontologico myth of the history mitika of "mithos" of the Physis gives the measure of the indeterminatezza, the invisibile, the infinitesimale, the inexpressibile one, the inaudibile, the good and the evil, but also of das the Selbstsein of the adilà of the good and the evil, of the afterlife of the world and the null one, of the afterlife of the time and the space, of the afterlife of the report and the history mitika, of the adilà of ethics and the aesthetic one, of the afterlife of the war and the peace. In the ontologica interference those varieties are alone eventual episodes of the image of the sacred field of "mithos" that it gives the measure of It are to us which Be-himself in the Being animated in the animated world, in the animated Physis. The mythical history of "mithos" is creatrice of history, not only in its sacred field del"mithos" of the Physis, but in a generalized manner and in the sense of the globality, which event of the new freedom: freedom of being animated in quality of variety of das the Selbstsein: It are to us, To be mitiko, To be in relativity with the Being afterlife. The new freedom of being animated is creatrice of history of the sacred field of "mithos" of the Physis, but also of that imaginary, virtual, orthogonal, metaphysical influential nichilista, decostruttivo, ermeneutico, epistemico, ethical, aesthetic, sinergetico. The sacred field of "mithos" which sacred history of "mithos" of the Physis will be therefore the foundation of the new freedom: freedoms of Being at the same time, which das Selbstseyn, Are to us, To be alterità in the afterlife, Being mitiko of the animated Being. The sacred field of the mithos therefore is, not the only one, but most obvious in the creation of the history, it is Gestell, it is Gegen-Gestell: or better, and than more, it is the Gegen-Stell: the system of the history mitika of the Physis, ontologica structure that us comes encounter from the adilà, from the alterità, but that it meets to us in the path of the animated Being. The Gegen-Stell, its ontologica structure, is the metastabilità that us comes encounter, which presence that meets to us in the sacred field of "mithos" of the Physis in order p........

m

18 settembre 2009 ore 00:23 segnala



» Margherita Dotta Rosso – Gruppo Le Ombre

comunità linguaggi territorio
festa

Festa per me è sinonimo di fuochi artificiali.
Quand'ero bambina l'anno scolastico si concludeva con la festa di Sant'Antonio. Al mattini la Messa e il banco di beneficenza. La sera i fuochi artificiali. Occhi sgranati per la meraviglia, cuore che palpita all'unisono con i cuori degli altri.
A Torino i fuochi ci sono per San Giovanni, Patrono della città.
In Francia il 14 luglio, la presa della Bastiglia, la Festa della Repubblica.

Sempre vivo io, si vive, la stessa atmosfera di gioia e comunanza, lo stesso clima di festa. Si ripetono nel tempo (il legame con la tradizione) ma mai totalmente identici. Accanto agli elementi fissi di anno in anno ci sono variazioni che fanno cogliere il trascorrere del tempo. Ognuno ha un ricordo individualizzato nella memoria collettiva.

Tempo ciclico, tempo soggettivo non lineare, struttura, storia.

Nei fuochi artificiali c'è traccia del fuoco naturale, selvaggio che è stato addomesticato, dell'appropriazione del fuoco, dei rapporti tra il fuoco e l'uomo, delle tecniche per produrlo, utilizzarlo, conservarlo ma anche per dare forma, visibilità e memoria al proprio immaginario con i racconti attorno al fuoco, con le ombre che la luce della fiamma proietta su di un telo.

Nella festa si vive insieme uno stato di effervescenza nel quale la comunità che vi partecipa diventa visibile a se stessa come tale. Cadono le barriere artificiali di status, di classe, di gruppo e la società diventa comunità armonica che prova piacere. Finalità della festa, qualunque forma abbia, è quella di provare piacere. Piacere estetico. Piacere nel riconoscere lo stesso piacere provato negli altri. Il piacere prodotto dall'esperienza vissuta nel tempo della festa fa sì che sia ricordata nella memoria ed anticipata nell'immaginazione. 
E' riconoscendo il sé negli altri e gli altri nel sé che si accede allo spirito festivo; per questo la festa accresce solidarietà e rinnova il legame sociale.

Festa spontanea. Festa gratuita. Festa che sovverte il quotidiano: il tempo, lo spazio, i rapporti. Tempo e spazio sono lasciati all'immaginario. Il tempo della festa è un tempo sociale, mediazione tra il tempo matematico lineare scandito dall'orologio e la soggettiva solitaria percezione del tempo. Un tempo senza l'ansia di programmare, di prenotare, di arrivare in ritardo, di fare code, di dover scegliere. Cadono le barriere artificiali tra le persone. L'essenza della festa sta nell'esperienza immediata e senza ostacoli di rapporti che non è lecito o non è facile percepire nella realtà quotidiana perché nella festa non ci sono utenti, non ci sono spettatori ma chi ospita e chi è ospitato. Utenti, attori, spettatori li lasciamo ai festival, alle rassegne, ai concorsi. Nella festa accade un accrescimento di senso, perché ri-unisce nell'esperienza ciò che normalmente è separato: le parti frammentate del sé e della società, i cui effetti si prolungano nella società del quotidiano.

L'organizzazione della festa è invece un lungo e faticoso lavoro e per questo la comunità si impegna da un anno all'altro per la sua preparazione: perché la festa dà senso a ciò che nel quotidiano sfugge al sens



sublime-g

28 luglio 2009 ore 15:59 segnala
I M P P L E S C I A5 mins agoEdit | Delete I L C A N T O D I C A ...6 mins agoEdit | Delete M. P O N T Y7 mins agoEdit | Delete Un Modello Topologico Di ...8 mins agoEdit | Delete I L C A18 hours agoEdit | Delete I L C A18 hours ago1 viewEdit | Delete Un Modello Topologico Di ...2 days agoEdit | Delete M.Ponty2 days ago1 viewEdit | Delete Imp Plescia2 days agoEdit | Delete Il Canto Di Calipso2 days agoEdit | Deletesublime-g

nulleggia nella musica

20 luglio 2009 ore 23:10 segnala

ritmeggia l'Estética musicale, Leibniz svelò l'estetica dell'armonia,
lì arte-scienza sono il pensiero musicale: nella Techne armonica pitagorica-

kepleriana c'è la teoria matematica. Interpretanze pitagoriche in sintonia con
l'infinito. La scienza armonica strutturale matematica o Techne armonica della tonalità E' la musica-arte-scienza, nella musica c'è la dissonanza Möbiusiana,
la dissonanza sublime, o dissonanza nel sublime. LA dissonanza discontinua Möbiusiana, o dissonanza della techne è musica in consonanza nella dissonanza,
la dissonanza sublime o dissonanza Möbiusiana ritmeggia suoni intermittenti e dissonanti in consonanza, o consonanza di dissonanza Sublime o dissonanza della
dissonanza Möbiusiana in dissonanza, è lì in dissonanza la dissonanza, o è la dissonanza della dissonanza Möbiusiana, o consonanza in dissonanza o dissonanza
in musica della consonanza o dissonanza nella musica tonale di dissonanza della dissonanza. Musica o matematica, musica o estetica matematica? L' ORIGINe DELLA
MUSICA MITOLOGICA museggia in poesia o danza: è mousikè technè, o arte delle muse, musica che museggia o MUSICA delle supercorde o musica che risuoni nella
natura. LUCREZIO nel De Rerum Natura svelò l'origine nell'acustica, JEAN-JACQUES ROSSEAU immaginò il suono nella musica cantata o musica vocale. WAGNER o
SPENCER svelarono la musica nel canto o musica delle superonde sonore delle membrane tese vibranti, nei Suoni ritmeggia la COSMOGONIA: la musica è il
Nulleggiare che echeggia, la musica è canto o SUONO, è l'oscillare vibrante, sismico, sonoro naturale sinusoidale. La musica museggia in Pitagora, la Musica
è ARMONIA, è bellezza armoniosa. Il mondo è l'armonia, perché è armonica bellezza, è l'armonia naturale nel mondo della musica, Gioberti spaziò così
nell'estetica. Gioberti consentì alla verità infinita l'architettura del mondo: la "scienza dell'infinito" È nel tempo eterna e crea il dicibile, la verità
luce è la luce dello spazio suono, è il tempo Sublime che nulleggia dal nulla un nulla, è Lo spazitempo o Cronotopo in un sol tempo. Lì nulleggia LA MUSICA
SublimE Möbiusiana. La più sublime, è siderale armonia Sublime Pitagorarica, o musica delle sfere celesti o canto cosmico celeste. La stella del mattino canta
quale MONadeCHORDa SUblImE o Musica nella musica. L' essere in armonia E' la monade-chorda eterna delle sfere celesti armoniche nella Natura, in movimento,
che canta. Pitagora museggia la celeste musica, è Pitagora che ritmeggia il cosmo in immensa monadechorda-singolarità o superstringa, la monade-corda tesa
tra il celeste e la gea fullerenica, o sfera vuota delle stelle sfere, è pitagorica la scala diatonica delle sfere infinite nello spazio, è il suono
æthere in movimento armonico, è la sfera stella o Musa sinfonica, è Mnemosyne o sfera sacra. Il primeggiare celeste o suono sacro è il sacro cantare in
perfetta armonia o lode dell'essere, Pitagora museggia la sfera, Pitagora ritmeggia la stringa-lira-corda dell'essere armonia. La MONadeCHORDa SUblImE
canta nel sacro e suona nell'essere Divinità nel mondo-della-Musica. I pitagorici ritmeggiano la spirale nella musica delle sfere quale armonia
transinfinita dell'Essere-MONadeCHORDa SUblImE Misterica, la musica è ac-cordo musicale, è armonia matematica armonica nel suono. Goethe museggia
l'architettura nèlla musica cristall-fullerenica. Nei templi l'essere vibra Misterico oscillante sismatico, l'essere, legno pietra sacri, vibra nella
natura. LA FILOSOFIA della MONadeCHORDa SUblImE è Luce che svela il mondo, è bellezza che svela la bellezza di per sé, è la verità flusso infinito, il
flusso svela l'essere luce e i colori la Luce e luce è splendezza, è natura divina o luce che vibra nella TEORIA DELLA MUSICA o della MONadeCHORDa sismatica
SUblImE. È armonia pitagorica della natura-sfera-armonica-MONadeCHORDa in SUblImE-sfera armonica nell'armonia-sfera o armonia sfera in armonia-sfera-
MONadeCHORDa SUblImE in armonia, luce dell'essere o suono dell'essere MONadeCHORDa SUblImE dell'essere Möbiusiano, o essere nulla in sé che vibra sismatico, è la filosofia dell'essere natura musicale che violeggia, o essere musicale Möbiusiana del violeggiare in Luce musicale cromatica o musica
vibrante invisibile nella MONadeCHORDa SUblImE Möbiusiana che violeggia consonanze Musicali. Pitagora colora la musica o i suoni musicali, o la musica
della MONadeCHORDa SUblImE o musica Möbiusiana. È lì suono nella musica mondana, lì la musica è risonanza nelle cattedrali senza inizio e senza fine. La
musica ritmeggia in sé sismatica, nulleggia senza tempo né inizio né fine, la musica della MONadeCHORDa SUblImE è la musica nel mondo dell'essere, è fluire
nella musica, museggiare la musica. La musica ritmeggia la musica o le musiche, è musicale sisma Möbiusiano, è musica che museggia il musicale nella musica, è
musica che nimfeggia la musica di Mozart, è la musica della dissonanza Möbiusiana, è musica della melodia o risonanza Möbiusiana. Suona lì sismatica
la musica in dissonanza nella musica Möbiusiana o musica infinita, la musica vibra, il suono vibra, il suono è il vibrare, il suono è corda tesa o membrana
crepitante sismatica della MONadeCHORDa SUblImE, il vibrare del suono Möbiusiano è l'aria. La MONadeCHORDa SUblImE, o CORDaFONè, è il vibrare, il
suono è la corda fibra, è l'arco cordafonè o telaio triangolare o arpa o giogo o cetra o MUSICA MITOLOGIca o filosofia della musica degli dei, è il suono, è
l'evento sismatico naturale tuonante, è MUSICA in sé Möbiusiana, filosofia della musica o musica nel suono che muove le pietre nel sisma, musica che
museggia la musica divina: Apollo ritmeggia e Dioniso museggia, o interpreta sogni, la musica ritmeggia la poesia, è il museggiare del dio della natura, o
il dio della danza con le ninfe, è equilibrio armonico o dionisiaco, è MUSICA Sublime, è musica tetracorda con suoni discendenti nel tempo, successioni di
tetracordi armonici. I tetracordi della musica o la musica tetracorda sono la dispieganza della MONadeCHORDa SUblImE, la musica Möbiusiana è Musica che
museggia. LA MUSICA della MONadeCHORDa SUblImE o MUSICA SUbliME è Plexora Möbiusiana, fluida e vibrante sisma, è l'Evento Möbiusiano che vibra nella
MONadeCHORDa SUblImE o vibra abissale, o vibra cromodinamicamente nel Mythos della plexMONadeCHORDa SUblImE o plexora Möbiusiana o plexromatica MONadeCHOra
SUblImE, o plexromatica Abyssale, o Abyssale MONadeCHORa SUblImE o Abysso plexromatico, o Abysso Möbiusiano o Abysso che nulleggia. Jacob Böhme svelò
l'Abyssale nulleggiare o l'Abyssale MONadeCHORDa SUblImE Abyssale. Jacob Boehme ritmeggia l'Abysso, museggia l'Abysso, o l'AbyssAle MONadeCHORDa SUblImE
Abyssale, o l'evento AbyssAle, o l'AbyssAle Chora della MONadeCHORDa SUblImE Möbiusiana plexmonade plexromAtica, o Chora-musica AbyssAle vibrante e
sismatica. L'AbyssAle Choralogia o Chora Abyssale risuona in PITAGORA, il filosofo della musica. Pitagora museggia il numero o monadecorda o corda
vibrante o suono stabile, o suono musicale. La consonanza MONadeCHORDa SUblImE è la Möbiusiana consonanza dissonanza, è consonanza tra suoni in dissonanza
Möbiusiana, è il contrasto o stridore o tendenza o eristica in consonanza Sublime, è la supercorda dell'essere MONadeCHORDa SUblImE nella supercorda
vocale dell'esserci, è la supercorda Möbiusiana. Pitagora ritmeggia la dissonanza musicale, Pitagora museggia La musica cosmica-musicale dell'armonia
delle sfere, museggia la distanza armonica graviquantica tra le sfere celesti. Eraclito nulleggia la musica. È il filosofo della MONadeCHORa SUblImE. Gioberti
ritmeggia quel sublime. È lì che nimfeggia la musica Möbiusiana. Il tempo della musica è tempo che eclissa nella musica, la musica c'è nella MONadeCHORDa
SUblImE, l'armonia è aritmetica melodia. La musica è in Proust e risveglia la memoria mondana, la musica cattura la parola, seduce, nimfeggia la seducenza
con l'indifferenza. La musica c'è nel fluire, nel timbro, nell'accento. Quella musica cattura, seduce ed esalta l'oralità, detteggia o echeggia platonica.
Tant'è musica indicibile, è il senso della musica. La musica in Gioberti atteggia cronodinamica Nella musica aritmetica e pitagorica, ritmeggia lì il
numero della musica armonica, l'armonia lì è la bellezza armoniosa armonica, è natura armoniosa. Armonia è così lA FILOSOFIA DELLA MUSICA della MONadeCHORDa
Möbiusiana SUblImE. È la filosofia della musica delle superstringhe o la concavità della musica nelle supercorde. Platone Museggia la MONadeCHORDa
SUblImE fisica, le supercorde musicali ritmeggiano le armonie dis-cordi, la natura musica-poesia è Pitagorica matematica, è musica Pitagorica, è divina
teoria della musica misterica, o Pitagorica dissonanza armonica, o Pitagorica tonalità di suoni e armonie dis-cordi, eristiche, suoni musicali dis-cordi,
Pitagora così discopre le superstringhe del suono armonico, o la superstringa Möbiusiana. La tensione nella superstringa è l'esserci della corda, è l'essere PLExstringa Möbiusiana, l'armonia è La tensione della stringa-chora o l'esserci della superstringa, o essere stringa-corda armonica. Pitagora museggia le
superstringhe armoniche in tensione della stringa-corda o stringa-chora, lì c'è l'essere stringa-corda, l'armonia delle superstringhe armoniche è MONadeCHORDa
Möbiusiana. Il SUblImE Pitagora museggia la tetractys, o piramide puntuale. La tetractys è il ritmeggiare numerico che disvela intervalli in ottava. Museggia
lì la MOnadeCHORDa SUblImE, Möbiusiana armonia delle supersfere celesti. La Filosofia Pitagorica è la musica delle supersfere celesti, la supersfera
stellare è la perfetta armonia. L'accordo è la musica della supersfera stellare. Dalla supersfera alla sfera c'è la tonalità, dalla supersfera stellare La
consonanza mondana MONadeCHORDa Möbiusiana. Fludd ritmeggia la Musica Mundysfera, Fludd museggia la piramide o tetraktys, lì c'è la superficie
concava, c'è l'empireo Piramidale convesso, c'è la supersfera inscritta e circoscritta nelle piramidi o tetraktys dell'essere MONadeCHORDa. La SUblImE
piramide-sfera-tetraktys o piramide-supersfera è la sfera celeste monodechorda, la superstringa della piramide-tetraktys Möbiusiana è la piramide Pitagorica
dell'armonia della monadechorda-singolarità della superstringa tesa, elastica, cromodinamica, mobile Pitagorica della musica, è divina matematica, o armonia
flessibile matematica pitagorica, o matematica Möbiusiana. Lì il Numero è l'armonia, è il ritmeggiare armonico del museggiare armonico Pitagorico. I
misteriosi sferitoni armonici-numerici-cromatici-dell'esattezza geometrica ritmeggiano in quel pleroma. La musica esattezza è solo Pitagorica armonia della
natura armonica stellare, o è la filosofia armonica atomica, è l'armonia matematica pitagorica musicale o Sublime armonia dell'essere MONadeCHORDa,
SUblImE armonia della musica Pitagorica, o musica Pitagorica della supercorda che consente il ritmeggiare dei suoni nei flauti o cembali, è l'essere anima
pura delle armoniche Pitagoriche, lì la musica è intenzionalità, flautante museggiare Pitagorico, o musica che ritmeggia Sublime. Pitagora museggia la
musica, è Pitagora che cura la musica pitagorica. Pitagora ritmeggia La musica. Pitagora museggia la tetraktys Pitagorica. Pitagora sofisteggia la musica
pitagorica dell'esserci, da lì la musica Platoneggia, la musica nulleggia, è nulla melodia, ritmeggia nella musica Platone, la musica è la fondatezza, lì la
musica pura melodiosa è la musica che cura, è l'essere musica della musica o museggiare della filosofia musicale. LA musica è il tempo del Sublime
nell'anima. PLATONE muSeggìa in Platone la musica dei suoni. La musica è il pensiero Sublime, la musica è l'essere in armoniA ideale. Platone svela
l'estetica musicale quale catarsi tragica o negativa nella natura. L'essere MONadeCHORDa SUblImE pitagorica è numerica splendezza. Niente sismico. L'attimo
del sisma. Il tempo nella Filosofia della musica di Marsilio Ficino spazia nella