Siamo alberi senza radici..

06 febbraio 2012 ore 16:49 segnala
Una volta, salendo la scala gerarica a partire dai nostri genitori, quando si cresceva e si cominciava a lavorare si era consapevoli che quella città sarebbe stata la nostra città.
Sapevamo che li avremmo messo le nostre radici, avremmo costruito le nostre amicizie e avremmo messo su la nostra famiglia.
Oggi non è più possibile.
Il lavoro è mobilità.
Cuneo, Milano, Firenze, Napoli, Londra, Nantes, Alicante, Torino, Gallarate..
C'è chi dice che è la propria volontà ma in realtà c'è chi non capisce che questo è il nostro oggi.
Forse per chi ha la mia età è così e forse quando avremo l'età dei nostri genitori troveremo finalmente un luogo dove mettere le radici.
Ad oggi non so, non so più di dove sono, so solo di essere Europeo.
Il mercato ci vuole così, schiavi volontari.
Ha il suo fascino ma ha anche la sua instabilità, che non è solo lavorativa ma è sociale

01eb4d5b-36d2-4c6f-8ae0-987c9a8972f6
Una volta, salendo la scala gerarica a partire dai nostri genitori, quando si cresceva e si cominciava a lavorare si era consapevoli che quella città sarebbe stata la nostra città. Sapevamo che li avremmo messo le nostre radici, avremmo costruito le nostre amicizie e avremmo messo su la nostra...
Post
06/02/2012 16:49:27
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. serenella21 06 febbraio 2012 ore 18:09
    vero mia madre mi diceva si sa dove si nasce ma nn si sa' dove si muore
    anke io lavoro distante dalla mia città napoli
    ma un giorno vorrei tornare e restarci lo spero
    ciao e grazie:rosa
  2. serenella21 15 febbraio 2012 ore 17:50
    buona serata :rosa
    :rosa

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.