Let Me Love You

05 gennaio 2019 ore 07:42 segnala



Let Me Love You


Over here

Let me love you, baby
You're drivin' my poor heart crazy
Let me love you, baby
You're drivin' my poor heart crazy
When I'm with you, woman
My whole life seems so hazy

Ah, don't you know that
Baby, when you walk, you shake just like a willow tree
Ah, yes, you do, darlin', every time I see ya', oh
Baby, when you walk, you know what?
You shake just like a willow tree
No, I know, I know, I know
Oo-eee, baby, you sure look so good to me

Come on, babe
Yes, I know
Yeah

Baby, when you walk
You shake like a willow tree
You oughta know that by now
Baby, when you walk
You shake like a willow tree
And oo-eee, baby, you sure look so good to me

Easy with this one

Let me love you, baby
Love you, baby
I know, I know, I know
Let me love you, baby
Ah, you, let me love you
What you got?

Let me love you, baby
Love you, baby
Any old way you choose it
I don't mind what time you call me
Ah, ah, yeah
You're drivin' my poor heart crazy

Let me love you, baby
Love you, baby
Now, early in the mornin' time
Later in the evenin'
Let me love you, baby
You're drivin' my poor heart crazy



Lascia che ti ami


Qui

Lascia che ti ami, piccola
Stai guidando il mio povero cuore pazzo
Lascia che ti ami, piccola
Stai guidando il mio povero cuore pazzo
Quando sono con te, donna
Tutta la mia vita sembra così confusa

Ah, non lo sai
Piccola, quando cammini, scuoti proprio come un salice
Ah, sì, lo fai, tesoro, ogni volta che ti vedo, oh
Piccola, quando cammini, sai cosa?
Ti agiti proprio come un salice
No, lo so, lo so, lo so
Oo-eee, piccola, sei sicuro di essere così buono con me

Dai piccola
Si, lo so
si

Baby, quando cammini
Ti agiti come un salice
Dovresti saperlo ormai
Baby, quando cammini
Ti agiti come un salice
Eo-eee, piccola, sei sicuro che mi stia bene

Facile con questo

Lascia che ti ami, piccola
Ti amo piccola
Lo so, lo so, lo so
Lascia che ti ami, piccola
Ah, tu, lascia che ti ami
Quello che hai?

Lascia che ti ami, piccola
Ti amo piccola
Qualunque sia la tua scelta
Non mi importa a che ora mi chiami
Ah, ah, si
Stai guidando il mio povero cuore pazzo

Lascia che ti ami, piccola
Ti amo piccola
Ora, al mattino presto
Più tardi nella sera
Lascia che ti ami, piccola
Stai guidando il mio povero cuore pazzo



Let Me Love You
Jeff Beck Group
Truth 1968






Truth è il primo album di Jeff Beck e del suo gruppo The Jeff Beck Group.
I tre brani migliori sono Shapes of Things, una rielaborazione di un brano degli Yardbirds, I Ain't Superstitious, cover di Willie Dixon e Greensleeves, la famosa melodia folk inglese, rivisitata per l'occasione.
L'album è considerato un antesignano del genere heavy metal.
a64e1f5e-a247-4346-b252-31651c055b50
« immagine » Let Me Love You Over here Let me love you, baby You're drivin' my poor heart crazy Let me love you, baby You're drivin' my poor heart crazy When I'm with you, woman My whole life seems so hazy Ah, don't you know that Baby, when you walk, you shake just like a willow tree Ah, ye...
Post
05/01/2019 07:42:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment

Truckin'

09 dicembre 2018 ore 09:08 segnala



Truckin'


Truckin' got my chips cashed in. Keep truckin', like the do-dah man
Together, more or less in line, just keep truckin' on.
Arrows of neon and flashing marquees out on Main Street.
Chicago, New York, Detroit and it's all on the same street.
Your typical city involved in a typical daydream
Hang it up and see what tomorrow brings.
Dallas, got a soft machine; Houston, too close to New Orleans,
New York's got the ways and means; but just won't let you be, oh no.
Most of the cats that you meet on the streets speak of true love,
Most of the time they're sittin' and cryin' at home.
One of these days they know they better get goin'
Out of the door and down on the streets all alone.
Truckin', like the do-dah man. Once told me "You've got to play your hand"
Sometimes your cards ain't worth a dime, if you don't lay'em down,
Sometimes the light's all shinin' on me,
Other times I can barely see.
Lately it occurs to me what a long, strange trip it's been.
What in the world ever became of sweet Jane?
She lost her sparkle, you know she isn't the same
Livin' on reds, vitamin C, and cocaine,
All a friend can say is "Ain't it a shame?"
Truckin', up to Buffalo. Been thinkin', you got to mellow slow
Takes time, you pick a place to go, and just keep truckin' on.
Sittin' and starin' out of the hotel window.
Got a tip they're gonna kick the door in again
I'd like to get some sleep before I travel,
But if you got a warrant, I guess you're gonna come in.
Busted, down on Bourbon Street, set up, like a bowlin' pin.
Knocked down, it get's to wearin' thin. They just won't let you be, oh no.
You're sick of hangin' around and you'd like to travel,
Get tired of travelin' and you want to settle down.
I guess they can't revoke your soul for tryin',
Get out of the door and light out and look all around.
Sometimes the light's all shinin' on me,
Other times I can barely see.
Lately it occurs to me what a long, strange trip it's been.
Truckin', I'm a goin' home. Whoa whoa baby, back where I belong,
Back home, sit down and patch my bones, and get back truckin' on.



Viaggiando


Viaggiando mi sono intascato le mie briciole
Continuando a viaggiare, come il do-dah man
Insieme, più o meno sempre dritto, semplicemente continuando a viaggiare
Freccie di neon e padiglioni lampeggianti, fuori, sulla strada principale
Chicago, New York, Detroit e tutto è sulla stessa strada
La tua tipica città immersa in un sogno ad occhi aperti
Prendila com'è e vedi cosa riserva il domani
Dallas, ha un atteggiamento permissivo
Houston, troppo vicino a New Orleans
New York ha mezzi e possibilità
Ma non ti lascerà essere ciò che sei, oh no
La maggior parte dei tizi che incontri per strada, parla del vero amore
La maggior parte del tempo se ne stanno seduti a casa a lamentarsi
Uno di questi giorni capiranno che è meglio muoversi
Uscire dalla porta, giù nelle strade, da soli
Viaggiando, come il do-dah man
Un giorno mi disse "Devi giocare la tua mano"
A volte le tue carte non valgono un centesimo, se non le scopri
A volte la luce, sopra di me, illumina tutto
Altre volte, quasi non riesco a vedere
Ultimamente mi sono reso conto
Di che razza di lungo, strano viaggio sia stato
Che ne è stato della dolce Jane?
Ha perduto il suo smalto, tu sai che non è più la stessa
Vive di stenti, vitamina C e cocaina
Tutto ciò che un amico può dire è: "Non è un peccato?"



Truckin'
Grateful Dead
American Beauty 1970






" Truckin " è una canzone dei Grateful Dead , che è apparsa per la prima volta nel loro album del 1970 American Beauty . È stato riconosciuto dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti nel 1997 come un tesoro nazionale.

Scritto dai membri della band Jerry Garcia , Bob Weir , Phil Lesh e il paroliere Robert Hunter , "Truckin" "modella i classici ritmi e strumenti Grateful Dead. I testi si riferiscono a un raid di droga negli hotel della band a New Orleans durante un tour dei concerti all'inizio del 1970:

Busted, in fondo a Bourbon Street
Impostare, come un birillo
Abbattuto, diventa sottile
Semplicemente non ti permetteranno di essere

Il ritornello della canzone, "Che viaggio lungo e strano è stato", ha raggiunto un uso culturale diffuso negli anni successivi al rilascio della canzone.
bc8d9ad7-8ee8-4dac-a0e8-33fcb031d61b
« immagine » Truckin' Truckin' got my chips cashed in. Keep truckin', like the do-dah man Together, more or less in line, just keep truckin' on. Arrows of neon and flashing marquees out on Main Street. Chicago, New York, Detroit and it's all on the same street. Your typical city involved in a ...
Post
09/12/2018 09:08:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    3

White Rabbit

05 novembre 2018 ore 13:31 segnala



White Rabbit


One pill makes you larger, and one pill makes you small
And the ones that mother gives you, don't do anything at all
Go ask Alice, when she's ten feet tall
And if you go chasing rabbits, and you know you're going to fall
Tell 'em a hookah-smoking caterpillar has given you the call
And call Alice, when she was just small
When the men on the chessboard get up and tell you where to go
And you've just had some kind of mushroom, and your mind is moving low
Go ask Alice, I think she'll know
When logic and proportion have fallen sloppy dead
And the white knight is talking backwards
And the red queen's off with her head
Remember what the dormouse said
Feed your head, feed your head



Coniglio Bianco


Una pillola ti rende più grande e una pillola ti rende piccola
E quelli che ti dà la mamma, non fanno niente
Vai a chiedere ad Alice, quando è alta tre metri
E se vai a caccia di conigli e sai che cadrai
Dì loro che un bruco fumante narghilè ti ha dato la chiamata
E chiama Alice, quando era piccola
Quando gli uomini sulla scacchiera si alzano e ti dicono dove andare
E hai appena avuto una sorta di fungo e la tua mente si sta muovendo in basso
Vai a chiedere ad Alice, penso che lo saprà
Quando la logica e la proporzione sono cadute in disgrazia
E il cavaliere bianco sta parlando all'indietro
E la regina rossa se ne va con la testa
Ricorda cosa diceva il ghiro
Dai da mangiare alla testa, dai da mangiare alla testa



White Rabbit
Jefferson Airplane
Surrealistic Pillow (1967)






White Rabbit è un brano musicale acid rock contenuto nell'album Surrealistic Pillow (1967) del gruppo rock psichedelico statunitense Jefferson Airplane.

Nel corso degli anni è diventato un brano manifesto del rock psichedelico più acido e corrosivo, e nel 2004 è stato classificato alla posizione numero 478 nella lista delle 500 migliori canzoni di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone.
68e71590-5475-481a-a701-d1769b6467dc
« immagine » White Rabbit One pill makes you larger, and one pill makes you small And the ones that mother gives you, don't do anything at all Go ask Alice, when she's ten feet tall And if you go chasing rabbits, and you know you're going to fall Tell 'em a hookah-smoking caterpillar has given...
Post
05/11/2018 13:31:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    2

I'm Glad

17 ottobre 2018 ore 09:00 segnala



I'm Glad


(so sad baby so glad girl)
When you first came round I was sad
My head hung down I felt really bad
Now I'm glad, glad about the good times that we've had

Walked in the park
kissed in the dark

leaves burned just like just like a spark
Now I'm glad
glad about the good times that we've had

You went away I cried night and day
for what you done I had to pay
Left me so blue I don't know
where to go or what to do
please come back and let the sun shine through

Sun passed behind a cloud
I felt so proud
We walk down the street people smile that we meet
And I'm glad glad about the good times that we've had
You said I was the best man that you've ever had oh!
Now I'm glad oh so glad



Sono Contento


(così triste bambina così felice ragazza)
Quando sei venuta per la prima volta ero triste
Mi sentivo davvero male
Ora sono contento, lieto dei bei momenti che abbiamo avuto

Siamo andati nel parco
baciato nel buio

le foglie bruciavano proprio come una scintilla
Ora sono contento
lieto dei bei tempi che abbiamo avuto

Sei andata via ho pianto giorno e notte
per quello che hai fatto ho dovuto pagare
Mi ha lasciato così blu, non lo so
dove andare o cosa fare
per favore torna indietro e lascia che il sole splenda attraverso

Il sole è passato dietro una nuvola
Mi sentivo così orgoglioso
Camminiamo per strada, la gente sorride che ci incontriamo
E sono contento contento dei bei momenti che abbiamo avuto
Hai detto che ero l'uomo migliore che tu abbia mai avuto oh!
Ora sono contento oh così contento



I'm Glad
Captain Beefheart & His Magic Band
Safe as Milk 1967






I'm Glad è la quinta traccia dell'album Safe as Milk che è l'album di debutto di Captain Beefheart & His Magic Band.
Venne pubblicato negli Stati Uniti nel 1967 dalla Kama Sutra Records, una etichetta sussidiaria della Buddah Records.

Il disco mostrava già tutte le particolarità e le innovazioni tipiche della carriera di Captain Beefheart, e per questo suo modo originale di intendere la musica come se fosse un'arte figurativa, come se fosse scultura o pittura, ricevette grandi elogi da parte della critica.
2a7fadcb-9af7-448d-8db5-cd51e8779707
« immagine » I'm Glad (so sad baby so glad girl) When you first came round I was sad My head hung down I felt really bad Now I'm glad, glad about the good times that we've had Walked in the park kissed in the dark leaves burned just like just like a spark Now I'm glad glad about the good tim...
Post
17/10/2018 09:00:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

I'm Going Home

29 settembre 2018 ore 11:15 segnala



I'm Going Home


Goin' home, my baby
Goin' home, my baby
Goin' home, to see my baby
Our baby, how good
My baby, be good
I'm goin' home, my baby
Home to see my girl
Oh baby, baby, I'm coming home
Baby, baby I'm coming home
Tell me Mama, baby, I'm coming home
Gonna see my baby, see my baby fine
Gonna take my baby, want to take my baby mine
Gonna take my woman treats me real kind
I'm goin' home, my baby
I'm goin' home, to see my baby
Goin' home, my baby
Gonna see my baby, see my baby fine
Take my baby, take my baby mine
Gonna tell your mama how good that love of ours
I'm goin' home, to see my baby
I'm goin' home, to see my baby
Oh, baby ooh
Want to take you back, take where love belong
Treat me baby, treat, don't treat me wrong
Oh, baby, I'm rollin'
Baby, baby, I'm rollin'
Baby, baby, I'm rollin'
Won't you shake me, baby, well get you rollin' down
Won't you shake me, baby, well get you rollin' down
Oh, baby, we're gonna have some fun
Baby, please don't go, baby, please don't go
Baby, please don't go, baby, please don't go
Please don't go, she's cold, I need you
Comin' home, ooh, hey
Come on over baby, whole lotta shakin' goin' on
I'm goin' home, to see my baby
Home, to see my girl, ooh
I'm goin' home, take my baby
I'm goin' home, see my baby
Gonna take me back, I'll take her where I belong
I'm goin' home, to see my baby
I'm goin' home, to see my baby
Come on, Take me, Yeah
I'm goin' home, I'm goin' home
I'm goin' home, hey, hoo
Gonna take me back right where I belong
I'm goin' home, I'm goin' home
I'm goin' home, I'm goin' home
Hoo, hoo, right where I belong



Vado a casa


Vai a casa, piccola mia
Vai a casa, piccola mia
Vai a casa, per vedere il mio bambino
Il nostro bambino, quanto è buono
Bambina mia, sii buona
Sto andando a casa, piccola mia
Casa per vedere la mia ragazza
Oh piccola, piccola, sto tornando a casa
Baby, baby Sto tornando a casa
Dimmi mamma, piccola, sto tornando a casa
Vedrai la mia bambina, guarda bene il mio bambino
Prenderò il mio bambino, voglio prendere il mio bambino mio
Prenderò che la mia donna mi tratti davvero del genere
Sto andando a casa, piccola mia
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Vai a casa, piccola mia
Vedrai la mia bambina, guarda bene il mio bambino
Prendi il mio bambino, prendi il mio bambino mio
Dì a tua madre quanto è bello questo nostro amore
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Oh, piccola ooh
Vuoi riportarti indietro, portare dove l'amore appartiene
Trattami baby, scherza, non trattarmi male
Oh, piccola, sto arrivando
Baby, baby, sto rollin '
Baby, baby, sto rollin '
Non mi scuoterai, piccola, e ti farò rotolare giù
Non mi scuoterai, piccola, e ti farò rotolare giù
Oh, piccola, ci divertiremo un po '
Baby, per favore non andare, piccola, per favore non andare
Baby, per favore non andare, piccola, per favore non andare
Per favore non andare, ha freddo, ho bisogno di te
Comin 'a casa, ooh, ehi
Andiamo, piccola, tutta la parte si sta muovendo
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Casa, per vedere la mia ragazza, ooh
Vado a casa, prendi il mio bambino
Vado a casa, guarda il mio bambino
Mi porterò indietro, la prenderò dove io appartengo
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Vado a casa, a vedere la mia bambina
Dai, prendimi, si
Sto andando a casa, vado a casa
Sto andando a casa, hey, hoo
Mi riprenderò proprio dove appartieni
Sto andando a casa, vado a casa
Sto andando a casa, vado a casa
Hoo, hoo, proprio dove io appartengo



I'm Going Home
Ten Years After
Undead 1968






I'm Going Home (Alvin Lee) è il quinto brano del disco Undead che è un live album dei Ten Years After ed è stato pubblicato nel 1968.
L'album è stato registrato dal vivo in un piccolo circolo jazz di Londra, il Klook's Kleek.
La ristampa del 2002 contiene quattro brani aggiuntivi rispetto all'LP originale.
dbcaad5e-de09-451f-a785-2b3e2efd695e
« immagine » I'm Going Home Goin' home, my baby Goin' home, my baby Goin' home, to see my baby Our baby, how good My baby, be good I'm goin' home, my baby Home to see my girl Oh baby, baby, I'm coming home Baby, baby I'm coming home Tell me Mama, baby, I'm coming home Gonna see my baby, see my...
Post
29/09/2018 11:15:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Alone again or

21 settembre 2018 ore 11:35 segnala



Alone again or


Yeah, said it’s all right
I won’t forget
All the times I’ve waited patiently for you
And you’ll do just what you choose to do
And I will be alone again tonight my dear

Yeah, I heard a funny thing
Somebody said to me
You know that I could be in love
with almost everyone
I think that people are
The greatest fun
And I will be alone again tonight my dear

Yeah, I heard a funny thing
Somebody said to me
You know that I could be in love
with almost everyone
I think that people are
The greatest fun
And I will be alone again tonight my dear



Di nuovo solo oppure


Si, ho detto che è tutto a posto
Non dimenticherò
tutte le volte che pazientemente ti ho aspettato
E farai solo quallo che scegli di fare
ed io sarò di nuovo solo stanotte, mia cara

Sì, ho sentito una cosa divertente
qualcuno mi ha detto
che sai che potrei essere innamorato
di quasi tutti
Penso che le persone siano
il più grande divertimento
ed io sarò di nuovo solo stanotte, mia cara

Sì, ho sentito una cosa divertente
qualcuno mi ha detto
che sai che potrei essere innamorato
di quasi tutti
Penso che le persone siano
il più grande divertimento
ed io sarò di nuovo solo stanotte, mia cara



Alone again or
Love
Forever Changes (1967)






" Alone Again Or " è una canzone originariamente registrata nel 1967 dal gruppo rock Love e scritta dal membro della band Bryan MacLean.
Appare sull'album Forever Changes, ed è stato rilasciato come singolo negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia, in Francia e nei Paesi Bassi.

Le versioni sono state successivamente registrate da una varietà eclettica di band e cantanti tra cui UFO (1977), The Damned (1986), Sarah Brightman (1990), The Boo Radleys (1991), the Oblivians (1993), Chris Pérez Band (1999) , Calexico (2004), Matthew Sweet e Susanna Hoffs (2006) e Les Fradkin (2007).
Due versioni demo dello stesso MacLean sono state rilasciate nel 1997 sul suo album Ifyoubelievein.
84878a02-d535-444c-9552-ef45760788c7
« immagine » Alone again or Yeah, said it’s all right I won’t forget All the times I’ve waited patiently for you And you’ll do just what you choose to do And I will be alone again tonight my dear Yeah, I heard a funny thing Somebody said to me You know that I could be in love with almost ever...
Post
21/09/2018 11:35:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment

Sunday Morning

30 agosto 2018 ore 11:28 segnala



Sunday Morning


Sunday morning brings the dawn in
It's just a restless feeling by my side
Early dawning, Sunday morning
It's just the wasted years so close behind
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all
Sunday morning and I'm falling
I've got a feeling I don't want to know
Early dawning, Sunday morning
It's all the streets you crossed not so long ago
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all
Watch out, the world's behind you
There's always someone around you who will call
It's nothing at all
Sunday morning
Sunday morning
Sunday morning



Domenica mattina


La domenica mattina porta l'alba
È solo una sensazione inquieta al mio fianco
All'alba, domenica mattina
Sono solo gli anni sprecati così vicini
Stai attento, il mondo è alle tue spalle
C'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
Non è niente
Domenica mattina e sto cadendo
Ho la sensazione che non voglio sapere
All'alba, domenica mattina
Sono tutte le strade che hai attraversato non molto tempo fa
Stai attento, il mondo è alle tue spalle
C'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
Non è niente
Stai attento, il mondo è alle tue spalle
C'è sempre qualcuno intorno a te che chiamerà
Non è niente
domenica mattina
domenica mattina
domenica mattina



Sunday Morning
The Velvet Underground
The Velvet Underground & Nico (1967)






Sunday Morning ("Domenica mattina") è un brano musicale dei The Velvet Underground, traccia di apertura di The Velvet Underground & Nico, album di debutto del gruppo pubblicato nel 1967.
Il brano fu anche pubblicato come singolo nel 1966, abbinato a Femme Fatale come lato B.
La particolare atmosfera sprigionata dalla canzone pose le basi per il dream pop, stile musicale che sarebbe nato durante la metà degli anni ottanta grazie a band come i Cocteau Twins.

Il brano

Registrazione

A fine 1966, Sunday Morning fu l'ultima canzone che il gruppo registrò per The Velvet Underground & Nico. La canzone venne richiesta dal produttore Tom Wilson, che pensava che l'album necessitasse di un'altra canzone che avesse il potenziale per essere un singolo di successo. La canzone fu scritta da Lou Reed e John Cale e venne registrata a New York a novembre. All'ultimo momento si decise che la canzone l'avrebbe cantata lo stesso Reed, anziché Nico come si era inizialmente pensato.

Soggetto

Dietro la descrizione di una quieta domenica mattina, tranquillo risveglio dopo una notte di bagordi, si cela un sentimento di paranoia e d'ansia strisciante che attanaglia il narratore della canzone. Il brano venne composto congiuntamente da Reed e Cale all'alba di una domenica mattina dopo una nottata passata a provare in studio. Fu Andy Warhol a suggerire a Reed di inserire il tema della paranoia all'interno del brano..
1451e471-c60a-48b8-8b83-a991e8452745
« immagine » Sunday Morning Sunday morning brings the dawn in It's just a restless feeling by my side Early dawning, Sunday morning It's just the wasted years so close behind Watch out, the world's behind you There's always someone around you who will call It's nothing at all Sunday morning an...
Post
30/08/2018 11:28:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Epitaph

05 agosto 2018 ore 13:01 segnala



Epitaph


The wall on which the prophets wrote
Is cracking at the seams
Upon the instruments of death
The sunlight brightly gleams
When every man is torn apart
With nightmares and with dreams,
Will no one lay the laurel wreath
When silence drowns the screams
Confusion will be my epitaph
As I crawl a cracked and broken path
If we make it we can all sit back
And laugh
But I fear tomorrow I'll be crying,
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Between the iron gates of fate,
The seeds of time were sown,
And watered by the deeds of those
Who know and who are known;
Knowledge is a deadly friend
If no one sets the rules
The fate of all mankind I see
Is in the hands of fools
The wall on which the prophets wrote
Is cracking at the seams
Upon the instruments of death
The sunlight brightly gleams
When every man is torn apart
With nightmares and with dreams,
Will no one lay the laurel wreath
When silence drowns the screams
Confusion will be my epitaph
As I crawl a cracked and broken path
If we make it we can all sit back
And laugh
But I fear tomorrow I'll be crying,
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Crying
Crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying
Yes I fear tomorrow I'll be crying



Epitaffio


Il muro su cui i profeti hanno scritto
Sta spaccando alle giunture
Sugli strumenti della morte
La luce del sole brilla luminosa
Quando ogni uomo viene fatto a pezzi
Con gli incubi e con i sogni,
Nessuno poserà la corona d'alloro
Quando il silenzio annega le urla
La confusione sarà il mio epitaffio
Mentre percorro un sentiero spezzato e rotto
Se ce la facciamo, possiamo tutti sederci
E ridere
Ma temo che domani starò piangendo,
Sì, temo che domani starò piangendo
Sì, temo che domani starò piangendo
Tra le porte di ferro del destino,
I semi del tempo furono seminati,
E annaffiato dalle azioni di quelli
Chi conosce e chi è conosciuto;
La conoscenza è un amico mortale
Se nessuno imposta le regole
Il destino di tutta l'umanità che vedo
È nelle mani degli sciocchi
Il muro su cui i profeti hanno scritto
Sta spaccando alle giunture
Sugli strumenti della morte
La luce del sole brilla luminosa
Quando ogni uomo viene fatto a pezzi
Con gli incubi e con i sogni,
Nessuno poserà la corona d'alloro
Quando il silenzio annega le urla
La confusione sarà il mio epitaffio
Mentre percorro un sentiero spezzato e rotto
Se ce la facciamo, possiamo tutti sederci
E ridere
Ma temo che domani starò piangendo,
Sì, temo che domani starò piangendo
Sì, temo che domani starò piangendo
Pianto
Pianto
Sì, temo che domani starò piangendo
Sì, temo che domani starò piangendo
Sì, temo che domani starò piangendo
Sì, temo che domani starò piangendo



Epitaph
King Crimson
In the Court of the Crimson King (1969)






Epitaph è un singolo del gruppo musicale britannico King Crimson, l'unico estratto dalla raccolta A Young Person's Guide to King Crimson e pubblicato nel 1976.

Il brano apparve originariamente nell'album di debutto del gruppo, In the Court of the Crimson King, uscito nel 1969.
Per la promozione della raccolta i King Crimson decisero di pubblicare separatamente Epitaph insieme a un altro brano tratto dal loro album d'esordio, 21st Century Schizoid Man
21b93e7d-1573-4583-afcd-2753f260f9cf
« immagine » Epitaph The wall on which the prophets wrote Is cracking at the seams Upon the instruments of death The sunlight brightly gleams When every man is torn apart With nightmares and with dreams, Will no one lay the laurel wreath When silence drowns the screams Confusion will be my ep...
Post
05/08/2018 13:01:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
  • commenti
    comment
    Comment

Heart Full of Soul

22 luglio 2018 ore 15:50 segnala



Heart Full of Soul


Sick at heart and lonely, deep in dark despair
When you want her only, tell me where is she where?
And if she says to you, that she don't love me
Just give her my message, tell her of my plea
And I know, if I could have her back again, I would never make her sad
I got a heart full of soul I got a heart full of soul
She's been gone such a long time, longer than I can bear
But if she says she wants me, tell her I'll be there
And I know, if I could have her back again, I would never make her sad
I got a heart full of soul I got a heart full of soul
Sick at heart and lonely, deep in dark despair
When you want her only, tell me where is she where?
And if she says to you, that she don't love me
Just give her my message, tell her of my plea
And I know, if I could have her back again, I would never make her sad
I got a heart full of soul I got a heart full of soul
I got a heart full of soul!



Cuore pieno di anima


Malato di cuore e solitario, nel profondo della disperazione oscura
Quando vuoi solo lei, dimmi dov'è dove?
E se ti dice che non mi ama
Dagli solo il mio messaggio, dille la mia richiesta
E so, se potessi riaverla, non la renderei mai triste
Ho un cuore pieno di anima, ho un cuore pieno di anima
È stata lontana tanto tempo, più di quanto possa sopportare
Ma se lei dice che mi vuole, dille che ci sarò
E so, se potessi riaverla, non la renderei mai triste
Ho un cuore pieno di anima, ho un cuore pieno di anima
Malato di cuore e solitario, nel profondo della disperazione oscura
Quando vuoi solo lei, dimmi dov'è dove?
E se ti dice che non mi ama
Dagli solo il mio messaggio, dille la mia richiesta
E so, se potessi riaverla, non la renderei mai triste
Ho un cuore pieno di anima, ho un cuore pieno di anima
Ho un cuore pieno di anima!



Heart Full of Soul
The Yardbirds
Having a Rave Up (1965)






Heart Full of Soul è un singolo del gruppo musicale britannico The Yardbirds pubblicato nel 1965.

Ha ottenuto grande successo in classifica, raggiungendo il secondo posto della UK Singles Chart nel Regno Unito e la nona posizione della Billboard 200 negli Stati Uniti.

Negli anni la canzone è stata oggetto di numero cover, tra cui si segnalano quelle di Chris Isaak, Dokken e Rush.
Il brano appare inoltre nella colonna sonora del film London Boulevard del 2010.

La canzone è stata scritta da Graham Gouldman, che anni dopo otterrà una carriera di successo come membro dei 10cc.
Musicalmente il brano si caratterizza per uno dei primi utilizzi dell'overdrive, introdotto da Jeff Beck durante l'assolo di chitarra.
In origine doveva essere usato un sitar, in accordo con le atmosfere esotiche della canzone, ma il risultato non convinceva appieno i membri del gruppo, per cui Beck decise di riprodurre l'effetto dello strumento attraverso la tecnica della distorsione del suono.
Esiste comunque una versione del brano in cui è presente la parte originaria di sitar.
Si tratta di uno degli esempi più lampanti di raga rock.
2df825ec-c2bb-43e2-971d-aa517dc7e22a
« immagine » Heart Full of Soul Sick at heart and lonely, deep in dark despair When you want her only, tell me where is she where? And if she says to you, that she don't love me Just give her my message, tell her of my plea And I know, if I could have her back again, I would never make her sad...
Post
22/07/2018 15:50:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Crossroads

15 luglio 2018 ore 13:10 segnala



Crossroads


I went down to the crossroads, fell down on my knees.
I went down to the crossroads, fell down on my knees.
Asked the Lord above for mercy, "Save me if you please."
I went down to the crossroads, tried to flag a ride.
I went down to the crossroads, tried to flag a ride.
Nobody seemed to know me, everybody passed me by.
I'm going down to Rosedale, take my rider by my side.
I'm going down to Rosedale, take my rider by my side.
You can still barrelhouse, baby, on the riverside.
You can run, you can run, tell my friend-boy Willie Brown.
You can run, you can run, tell my friend-boy Willie Brown.
And I'm standing at the crossroads, believe I'm sinking down.



Incrocio


Scesi all'incrocio, caddi in ginocchio.
Scesi all'incrocio, caddi in ginocchio.
Chiesto al Signore per pietà, "Salvami se ti piace".
Scesi all'incrocio, provai a segnalare un passaggio.
Scesi all'incrocio, provai a segnalare un passaggio.
Nessuno sembrava conoscermi, tutti mi passavano accanto.
Vado a Rosedale, porto il mio cavaliere al mio fianco.
Vado a Rosedale, porto il mio cavaliere al mio fianco.
Puoi ancora barrelhouse, baby, sul lungofiume.
Puoi correre, puoi correre, dire al mio amico Willie Brown.
Puoi correre, puoi correre, dire al mio amico Willie Brown.
E sono in piedi all'incrocio, credo che sto affondando.



Crossroads
Cream
Wheels of Fire 1968






Crossroads è la prima traccia del secondo disco del doppio album dei Cream Wheels of Fire del 1968.
Il primo disco è registrato in studio mentre il secondo è registrato dal vivo.

L'album raggiunge la prima posizione nella Billboard 200 per quattro settimane, in Australia per quattro settimane ed in Canada e la terza nel Regno Unito.

Il singolo White Room raggiunge la prima posizione in Australia, la seconda in Olanda, Canada e Nuova Zelanda e la sesta nella Billboard Hot 100.
7a838f7c-b8aa-479b-9474-dee284641cbd
« immagine » Crossroads I went down to the crossroads, fell down on my knees. I went down to the crossroads, fell down on my knees. Asked the Lord above for mercy, "Save me if you please." I went down to the crossroads, tried to flag a ride. I went down to the crossroads, tried to flag a ride....
Post
15/07/2018 13:10:46
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment