Want You Bad

07 maggio 2018 ore 16:11 segnala



Want You Bad


If you could only read my mind
You would know the things between us, ain't right
I know your arms are open wide
But you're a little on the strange side, I cant lie

Your one vice
Is you're too nice
Come Around now
Cant you see

I want you
All tatooed
I want you bad
Complete me
Mistreat me
I want you to be bad, bad, bad, bad, bad

If you could only read my mind
You would know that I feel waited, so long
Someone almost just like you
But with attitude, I've waited
So come on

Get out at close time
Pull out those highlights
Come around now can you see

I want you
In a final soon
I want you bad
Complicated
X Rated
I want you bad, bad, bad, bad, bad

Dont get me wrong
I know your only being good
But if thats whats wrong
I guess I just misunderstood

I want you
All tatooed
I want you bad
Complicated
X rated
I want you bad
I mean it
I need it
I want you bad, bad, bad, bad, bad
Bad, really, really bad



Ti Voglio Cattiva


Se solo potessi leggere nella mia mente
sapresti che le cose tra noi non vanno bene
so che le tue braccia sono aperte
ma tu sei un pò strana, non posso mentire

la tua unica debolezza
è che sei troppo buona
fatti un giro adesso
non riesci a capire?

ti voglio
tutta tatuata,
ti voglio cattiva
completami
maltrattami
voglio che tu sia cattiva cattiva cattiva

se solo potessi leggere la mia mente, sapresti
che mi è sembrato di aspettare così a lungo
qualcuno che fosse quasi come te
ma tenendo posizione, ho aspettato
quindi, andiamo

smettila di stendere i panni
perdi questi modi di fare
dai su non riesci a vederlo

Ti voglio
molto presto
ti voglio cattiva
complicata
vietata ai minori
ti voglio cattiva, cattiva, cattiva

non fraintendermi
so che sei solo una buona
ma se è questo quello che non va bene
credo di essere stato proprio frainteso

ti voglio
tutta tatuata,
ti voglio cattiva
complicata,
vietata ai minori
voglio che tu sia cattiva
lo intendo,
ne ho bisogno
ti voglio cattiva, cattiva, cattiva
ma davvero, davvero cattiva



Want You Bad
The Offspring
Conspiracy of One (2000)






Want You Bad è il secondo singolo dell'album Conspiracy of One della band punk Offspring.

Ha raggiunto la posizione numero 10 nella classifica Billboard Alternative Songs.

La canzone presenta un gioco di parole nella lingua inglese: il narratore non vuole che qualcuno agisca in una maniera "cattiva" (I Want You Bad), ma, semplicemente, desidera una persona fortemente.

Il video della canzone raffigura la band che suona in uno "schiuma-party" di un college.

Il protagonista è un ragazzo che probabilmente cerca un'avventura sessuale con una delle donne presenti al party ma ogni volta che prova riceve in cambio solo schiaffi.

Alla fine una delle donne del party, shackerando una delle lattine presenti che hanno il logo degli Offspring, la fa esplodere davanti al ragazzo, facendolo dissolvere.

Dexter Holland odia questo video, perché lo ritiene troppo "mieloso".
404c5584-fd47-4ad3-9210-61464ec744a0
« immagine » Want You Bad If you could only read my mind You would know the things between us, ain't right I know your arms are open wide But you're a little on the strange side, I cant lie Your one vice Is you're too nice Come Around now Cant you see I want you All tatooed I want ...
Post
07/05/2018 16:11:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment

Inside Looking Out

24 aprile 2018 ore 16:30 segnala



Inside Looking Out


I'm sitting here lonely like a broken man
I serve my time doin' the best I can
Walls and bars they surround me
But, I don't want no sympathy
No baby, no baby,
All I need is some tender lovin'
To keep me sane in this burning oven
And, when my time is up, you'll be my reefer
Life gets worse on God's green earth
Be my reefer, got to keep smokin' that thing
No, no, no, no, no, no
No, no, no, no, no, no, no
I said now baby baby , let me smoke it smoke it
Makes me feel good feel good, yes, I feel good ahhhhh
Yes, I feel alright feel alright , yes, I feel alright feel
Alright
Yes, I feel alright Ahhhhh
Ohhhhh
Ice cold water is runnin' through my veins
They try and drag me back to work again
Pain and blisters on my mind and hands
I work all day making up burlap bags
The oats they're feeding me are driving me wild
I feel happy like a new born child
Now, when my time is up, you wait and see
These walls and bars won't keep that stuff from me
No, no, baby,
Won't keep that stuff from me
No, no, no, no, no, no, no, no, no, no
No, no, no, no, no, no, no
I need you right now mama
I need you right now baby
Right by my side, honey
All my love
Make me feel alright
Yes, all , yes, all , yes, all alright
You better come on up and get down with me
I'll make you feel real good, just you wait and see
Make me feel alright , yes, I feel alright
Yes, all , yes, all , yes, alright



Guardando fuori da dentro


Sono seduto qui solo come un uomo distrutto
Servo il mio tempo facendo il meglio che posso
Pareti e bar mi circondano
Ma non voglio simpatia
Nessun bambino, nessun bambino,
Tutto ciò di cui ho bisogno è un tenero amore
Per mantenermi sano di mente in questo forno acceso
E, quando il tempo è scaduto, sarai il mio reefer
La vita peggiora sulla terra verde di Dio
Sii il mio reefer, devi continuare a fumare quella cosa
No, no, no, no, no, no
No no no no no no no
Ho detto ora baby baby, lasciami fumare fumalo
Mi fa sentire bene mi sento bene, sì, mi sento bene ahhhhh
Sì, mi sento bene, sì, mi sento bene
Tutto apposto
Sì, mi sento bene Ahhhhh
Ohhhhh
L'acqua ghiacciata mi scorre nelle vene
Cercano di trascinarmi di nuovo al lavoro
Dolore e vesciche sulla mia mente e mani
Lavoro tutto il giorno a preparare sacchi di juta
L'avena che mi danno da mangiare mi sta facendo impazzire
Mi sento felice come un bambino appena nato
Ora, quando il tempo è scaduto, aspetti e vedi
Questi muri e barre non manterranno quella roba da me
No, no, piccola,
Non manterrà quella roba da me
No, no, no, no, no, no, no, no, no, no
No no no no no no no
Ho bisogno di te adesso mamma
Ho bisogno di te adesso baby
Proprio al mio fianco, tesoro
Tutto il mio amore
Fammi sentire bene
Sì, tutto, sì, tutto, sì, tutto a posto
Faresti meglio a salire e scendere con me
Ti farò sentire veramente bene, solo tu aspetti e vedi
Fammi sentire bene, sì, mi sento bene
Sì, tutto, sì, tutto, sì, va bene



Inside Looking Out
Grand Funk Railroad
Grand Funk (1969)





" Inside-Looking Out ", spesso scritto " Inside Looking Out ", è un singolo del 1966 degli Animals.
E'stato un successo notevole, raggiungendo il numero 12 sulla UK Singles Chart, numero 21 in Canada, e il numero 34 negli Stati Uniti sulla classifica pop singles degli Stati Uniti.
La canzone è liberamente basata su un canto di prigione intitolato "Rosie", attribuito a CB e Axe Gang, che è stato raccolto dal musicologo Alan Lomax e pubblicato nel suo album Popular Songbook.

Nel 1969 fu interpretato da Grand Funk Railroad, che nel loro album Grand Funk aggiunse alcuni riferimenti alla marijuana come cambiare la "rinascita" originale in "reefer" e "borse di tela" in "borse di nichel" ("sacchi di juta") in successive ristampe).
E'stato un concerto di base della band per anni ed è incluso nel loro Live Album.

Una rivisitazione di parti della canzone è stata anche registrata dalla band austriaca Novak's Kapelle nel 1969 come "Hypodermic Needle".
Successivamente è stato coperto dalla band doom metal Obsessed, pubblicato nel loro compilation del 1999, Incarnate e di nuovo dai Greenhornes nel loro secondo album omonimo del 2001.
Nel 2001, Eric Burdon ha pubblicato una cover dal vivo su Official Live Bootleg 2000.
461091d6-beea-407a-959a-6219657a591b
« immagine » Inside Looking Out I'm sitting here lonely like a broken man I serve my time doin' the best I can Walls and bars they surround me But, I don't want no sympathy No baby, no baby, All I need is some tender lovin' To keep me sane in this burning oven And, when my time is up, you'll b...
Post
24/04/2018 16:30:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment

Girls Just Want To Have Fun

09 marzo 2018 ore 10:59 segnala



Girls Just Want To Have Fun


I come home in the morning light
My mother says when you gonna live your life right
Oh mother dear we're not the fortunate ones
And girls they wanna have fun
Oh girls just want to have fun
The phone rings in the middle of the night
My father yells what you gonna do with your life
Oh daddy dear you know you're still number one
But girls they wanna have fun
Oh girls just want to have
That's all they really want
Some fun
When the working day is done
Oh girls, they wanna have fun
Oh girls just wantna have fun (girls and boys wanna have fun, girls wanna have)
Some boys take a beautiful girl
And hide her away from the rest of the world
I want to be the one to walk in the sun
Oh girls they wanna have fun
Oh girls just wanna have
That's all they really want
Some fun
When the working day is done
Oh girls, they wanna have fun
Oh girls just want to have fun (girls and boys wanna have fun, girls wanna have)
They just wanna, they just wanna
They just wanna, they just wanna, oh girl
Girls they wanna have fun
They just wanna, they just wanna
They just wanna, they just wanna, girls
They just wanna, they just wanna, oh girls
Girls just want to have fun
When the working
When the working day is done
Oh when the working day is done oh girl
Girls, they wanna have fun
They just wanna, they just wanna
They just wanna, they just wanna, oh girls
Girls just want to have fun
When the working
When the working day is done
Oh when the working day is done oh girl
Girls, they wanna have fun



Le ragazze vogliono solo divertirsi


Torno a casa alle prime luci del mattino
mia madre dice "Quand'è che vivrai per bene?"
mamma cara, non siamo noi i fortunati
e le ragazze, loro vogliono solo divertirsi
oh le ragazze vogliono solo divertirsi

il telefono suona nel bel mezzo della notte
mio padre sbraita "Che farai mai di buono nella tua vita?"
papà caro, sai che sei sempre tu il numero uno
ma le ragazze, loro vogliono divertirsi
oh le ragazze vogliono solo...

è tutto quello che vogliono davvero:
divertirsi
quando il giorno di lavoro è finito
le ragazze vogliono divertirsi
oh le ragazze vogliono solo divertirsi

alcuni ragazzi prendono una bella ragazza
e la nascondono dal resto dal mondo
Io voglio essere l'unica a camminare nel sole
oh le ragazze, loro vogliono divertirsi
oh le ragazze vogliono solo divertirsi

è tutto quello che vogliono davvero:
divertirsi
quando il giorno di lavoro è finito
le ragazze vogliono divertirsi
oh le ragazze vogliono solo divertirsi
vogliono solo divertirsi
vogliono solo divertirsi
vogliono solo, vogliono solo
vogliono solo, vogliono solo
le ragazze vogliono solo divertirsi



Girls Just Want To Have Fun
Cyndi Lauper
She's So Unusual (1983)






Girls Just Want to Have Fun è una canzone scritta da Robert Hazard nel 1979, è stata riadattata da Cyndi Lauper, e pubblicata nel 1983 dalla Epic, nell'album She's So Unusual.

La versione che Cyndi Lauper propone è contraddistinta da sonorità pop e da falsetti acuti che fanno di Girls Just Want To Have Fun uno dei brani più celebri della cantante newyorkese.

Il singolo Girls Just Want To Have Fun (1983) è stato pubblicato in un vinile da 7" con Right Track Wrong Train, non presente nell'album "She's So Unusual", e in un vinile da 12", in cui è presente una versione estesa di Girls Just Want To Have Fun, una versione strumentale dal titolo "Fun With V. Knutsn" e un riarrangiamento, dal titolo "Xtra Fun".
c492f114-3ed4-4fbd-8389-586e1e99d320
« immagine » Girls Just Want To Have Fun I come home in the morning light My mother says when you gonna live your life right Oh mother dear we're not the fortunate ones And girls they wanna have fun Oh girls just want to have fun The phone rings in the middle of the night My father yells what...
Post
09/03/2018 10:59:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment
    2

A Whiter Shade of Pale

04 marzo 2018 ore 11:31 segnala



A Whiter Shade of Pale


We skipped the light Fandango
turned cartwheels 'cross the floor
I was feeling kinda seasick
but the crowd called out for more
The room was humming harder
as the ceiling flew away
When we called out for another drink
the waiter brought a tray

And so it was that later
as the miller told his tale
that her face, at first just ghostly,
turned a whiter shade of pale

She said, 'There is no reason
and the truth is plain to see.'
But I wandered through my playing cards
and would not let her be
one of sixteen vestal virgins
who were leaving for the coast
and although my eyes were open
they might have just as well've been closed

And so it was that later
as the miller told his tale
that her face, at first just ghostly,
turned a whiter shade of pale

And so it was...



Di un Bianco Immacolato


Saltammo quel Fandango leggero
facemmo la ruota sul pavimento
mi sentivo come con il mal di mare
ma la folla ne voleva ancora
la stanza vociava così forte
che il tetto stava per volare via
Quando chiedemmo un altro drink
il cameriere ci portò un vassoio.

E fu così che più tardi
non appena il mugnaio finì la sua storia
la sua faccia, all'inizio quasi spettrale,
diventò di un bianco immacolato.

Lei disse "Non vedo il motivo
e la verità è facile da capire"
Ma io vagai tra le carte che potevo giocare
e non avrei permesso che lei diventasse
una delle sedici vergini vestali
che stavano partendo per la costa
e sebbene i miei occhi fossero aperti
potevano benissimo anche essere chiusi.

E fu così che più tardi
non appena il mugnaio finì la sua storia
la sua faccia, all'inizio quasi spettrale,
diventò di un bianco immacolato.

E così fu...



A Whiter Shade Of Pale
Procol Harum
A Whiter Shade Of Pale 1967






A Whiter Shade of Pale è un singolo dei Procol Harum, pubblicato il 12 maggio 1967.
È stato scritto da Gary Brooker, Keith Reid e Matthew Fisher, prodotto da Denny Cordell e distribuito dalla Deram Records.

La canzone riscosse un notevole successo, restando in cima alle classifiche del Regno Unito per 6 settimane, dall'8 giugno 1967, in Italia per sette settimane, in Germania per due settimane, nei Paesi Bassi per otto settimane, in Irlanda per cinque settimane, in Australia per tre settimane ed in Francia per nove settimane; in Norvegia arriva terza, in Austria quarta e nella Billboard Hot 100 quinta.
2985dadd-8cdf-4143-9a7e-229c53550ca0
« immagine » A Whiter Shade of Pale We skipped the light Fandango turned cartwheels 'cross the floor I was feeling kinda seasick but the crowd called out for more The room was humming harder as the ceiling flew away When we called out for another drink the waiter brought a tray And so it was ...
Post
04/03/2018 11:31:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment

Take On Me

17 febbraio 2018 ore 11:44 segnala



Take On Me


We're talking away
I don't know what I'm to say, I'll say it anyway
Today isn't my day to find you
Shying away
I'll be coming for your love, okay?

Take on me
(Take on me)
Take me on
(Take on me)
I'll be gone
In a day or two

So needless to say, I'm odds and ends
But I'll be stumbling away
Slowly learning that life is okay
Say after me
It's no better to be safe than sorry

Take on me
(Take on me)
Take me on
(Take on me)
I'll be gone
In a day or two

Oh, things that you say
Is it live or just to play my worries away?
You're all the things I've got to remember
You're shying away
I'll be coming for you anyway

Take on me
(Take on me)
Take me on
(Take on me)
I'll be gone
In a day
(Take on me, take on me)
(Take me on, take on me)

I'll be gone
(Take on me)
In a day
(Take me on)



Prendimi


Stiamo chiacchierando
Non so cosa devo dire ma lo dirò lo stesso
Oggi non è una bella giornata per trovarti
Stai rifuggendo
Tornerò per il tuo amore, va bene?

Prendimi
(Prendimi)
Prendimi
(Prendimi)
Me ne andrò
Tra un giorno o due

Non c'è bisogno di dire che sono confuso
Ma barcollerò lontano
Imparando piano piano che la vita non è male
Tu dici dopo di me
Non c'è alcun "prevenire è meglio che curare"

Prendimi
(Prendimi)
Prendimi
(Prendimi)
Me ne andrò
Tra un giorno o due

Oh le cose che dici
Sono vere o le dici solo per tenere le mie paure lontane?
Tu sei tutto ciò che devo ricordare
Stai rifuggendo
Tornerò lo stesso per te

Prendimi
(Prendimi)
Prendimi
(Prendimi)
Me ne andrò
Tra un giorno

(Prendimi, prendimi)
(Prendimi, prendimi)
Me ne andrò (prendimi)
Tra un giorno



Take On Me
a-ha
Hunting High and Low (1985)






Take On Me è la prima canzone della band norvegese a-ha, pubblicata sull'omonimo singolo del 1984, successivamente rimasterizzata e commercializzata tra il 1985 e il 1986.
Il brano anticipa l'album Hunting High and Low (1985).

Il titolo originale Lesson One, era un brano ideato, con diverso sound, dai "Bridges", prima band dei due a-ha Paul Waaktaar-Savoy e Magne Furuholmen.

Il singolo inizialmente stentò a decollare (fu un flop per due tentativi di pubblicazione), ma ebbe poi un notevole successo, diventando un classico della musica anni ottanta.

Pur essendo un brano impegnativo vocalmente è stato eseguito dal gruppo in ogni concerto (fino al dicembre 2010, data dello scioglimento) con l'inconfondibile e adatta voce di Morten Harket.

Il celebre e pluripremiato video musicale, al terzo posto della classifica dei video più importanti della storia dopo Thriller e Sledgehammer, fu trasmesso inizialmente da un'emittente locale di Boston e successivamente da MTV: l'innovazione risiede nello stile simil-rotoscopico delle immagini che mescolano persone del mondo reale e del mondo dell'animazione.

Una ragazza bionda, interpretata dall'attrice Bunty Bailey (all'epoca accreditata come la compagna del leader degli a-ha Morten Harket), seduta in una caffetteria (il Kim's Cafe, ora Savoy Cafè, di Londra, al 390 di Wandsworth Road, angolo Pensbury Place), sta leggendo un fumetto su una gara motociclistica.
Dopo aver vinto la competizione, Morten Harket, durante la premiazione, la guarda, le fa l'occhiolino e tende la sua mano in bianco e nero che lentamente fuoriesce dal fumetto, invitandola nel suo mondo. Dopo un attimo di sbalordimento, la ragazza accetta, prende la mano e si lascia trasportare nel mondo animato.

Attraverso uno specchio presente in questa realtà virtuale, Morten mostra alla ragazza come sia possibile diventare alternativamente ora una persona in carne ed ossa ora un cartone animato a seconda che ci si trovi davanti o dietro lo specchio.

Intanto la cameriera del locale, non vedendo più la ragazza seduta al tavolo e pensando che sia andata via senza pagare, accartoccia furiosa il fumetto e lo getta nella spazzatura.
Come conseguenza di tale azione nel mondo animato irrompono due motociclisti inferociti per la sconfitta che, brandendo un giratubi, distruggono lo specchio e si mettono a inseguire i due che scappano lungo un corridoio senza via d'uscita.
Lentamente e minacciosamente i malintenzionati si avvicinano alla fine del corridoio: Morten ricava un buco nella parete consentendo alla ragazza di tornare nel mondo reale e di mettersi in salvo mentre lui rimane nel mondo animato alle prese con i due motociclisti.

La ragazza, che improvvisamente si ritrova a terra nella caffetteria circondata dai clienti stupefatti, raccoglie il fumetto dalla spazzatura e fugge a casa.
Una volta in camera da letto continua ansiosamente a leggere il racconto: scopre che Morten giace a terra incosciente e comincia a piangere.

Ma d'un tratto lo vede animarsi dentro il fumetto e dare dei colpi al riquadro in cui si trova nel tentativo di uscirne fuori. Contemporaneamente, girandosi, lo vede apparire nel corridoio che porta alla sua camera mentre sfonda a spallate la barriera del mondo di animazione trasformandosi così in una persona in carne ed ossa: lei gli sorride e si dirige verso di lui per abbracciarlo.

Quest'ultima scena si ispira al film Stati di allucinazione di Ken Russell.
5f3bde10-f98a-4796-9079-88b14ead5bb7
« immagine » Take On Me We're talking away I don't know what I'm to say, I'll say it anyway Today isn't my day to find you Shying away I'll be coming for your love, okay? Take on me (Take on me) Take me on (Take on me) I'll be gone In a day or two So needless to say, I'm odds and ends But I'...
Post
17/02/2018 11:44:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
  • commenti
    comment
    Comment

Foibe

10 febbraio 2018 ore 08:38 segnala



Foibe


Eran giorni di sangue, eran giorni senza fine
Per le orde slave l'ultimo confine
Erano gli ultimi fuochi di un'infinita guerra
E quei barbari feroci volevan quella terra!

Uomini e donne venivan massacrati
Loro sola colpa italiani essere nati
Vecchi e bambini gettati negli abissi
Spinti giù nel vuoto dal gendarmi rossi!

Foibe nella roccia e di roccia era anche il cuore
Di un maresciallo boia, di tanta gente senza nome
Venivano sospinti con furore e odio
Vittime prescelte per un vero genocidio!

E dopo cinquant'anni han finito di scoprire
Ciò che sempre si è saputo continuano a mentire,
Ma non avranno mai pace quelle nude ossa
Finché esisterà l'immonda bestia rossa!

È passato tanto tempo, ma il mio cuore gioisce ancora
Quando Signora Morte suonò la sua ultima ora
Per quel maresciallo assassino d'innocenti
Per quel boia immondo assassino di tanti!

E non posso più scordare, il mio cuore piange ancora
Al ricordo di un presidente che ha baciato la sua bara
Presidente di quell'Italia che ha voluto dimenticare
Chi fu massacrato perché italiano volle restare!

Maresciallo assassino!
Maresciallo assassino!
Maresciallo assassino!
Maresciallo assassino!

Maresciallo assassino! Tito boia, Tito boia!
Maresciallo assassino! Tito boia, Tito boia!
Maresciallo assassino! Tito boia, Tito boia!
Maresciallo assassino! Tito boia, Tito boia!



Foibe
Gesta Bellica



819cf5bb-d448-4ad8-9b61-1d4e0d6060e1
« immagine » Foibe Eran giorni di sangue, eran giorni senza fine Per le orde slave l'ultimo confine Erano gli ultimi fuochi di un'infinita guerra E quei barbari feroci volevan quella terra! Uomini e donne venivan massacrati Loro sola colpa italiani essere nati Vecchi e bambini gettati n...
Post
10/02/2018 08:38:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
  • commenti
    comment
    Comment

L'Assenzio

04 febbraio 2018 ore 11:33 segnala



L'Assenzio


Il mondo è così
privo d'amore,
io disimparo ad odiare in fondo
se perdi il controllo non fai niente di male
io ricerco lo scontro
ma conosco la pace pensi a quello che farai
e a quello che smetterai di fare
la pioggia, le feste, il dottore,
l'alcohol, i discorsi, le moto degli altri,
l'acqua calda, il fumo, l'arrosto,
costruire una capanna, i massaggi,
la crisi, le associazioni, la suora,
il prete, gli sposi,
la marijuana fanno bene fanno male,
sto bene sto male fanno bene fanno male,
sto bene sto male
farsi domande a risposte che non avete affatto
fai una cosa poi non sai più se ci credi
poi tanto avere orologi sballati
o non averne affatto (strano, strano)
se non sbaglio stamattina
era il 1904 le sfide, l
e vacanze, lo stato, la frutta,
i soldi, mangiarsi le unghie
gli amici imborghesiti, sado-maso,
l'erba voglio, cibo giapponese,
i dischi, capire Battiato, film d'orrore,
le case chiuse fanno bene fanno male,
sto bene sto male (the song of nothing)
fanno bene fanno male, sto bene sto male
(the power of nothing) fanno bene fanno male,
sto bene sto male, infatti fa bene fa male
gli effetti speciali, la polizia,
travestirsi, la censura, l'oppio,
la religione, il lego,
l'assenzio fanno bene fanno male,
sto bene sto male (the song of nothing)
fanno bene fanno male, sto bene sto male
(the power of nothing)
fanno bene fanno male, sto bene sto male,
fa bene fa male,
fate male e state bene invece...
sto bene sto male



L'Assenzio
Bluvertigo
Pop Tools (2001)






L'assenzio (The Power of Nothing) è un brano del gruppo musicale italiano Bluvertigo, pubblicato nel 2001 come singolo tratto dall'album Pop Tools.

Con questa canzone il gruppo ha partecipato al Festival di Sanremo 2001 nella sezione "Campioni", classificandosi al 16º ed ultimo posto.

Secondo le dichiarazioni degli stessi componenti del gruppo, il pezzo è figlio dello stato fisico in cui essi si trovavano al momento della stesura, ovvero sotto gli effetti dell'assenzio.
Ma il titolo sarebbe anche legato ad un gioco di parole, in quanto, in una parte del brano nella quale non sono presenti strumenti musicali ma solo una parte cantata, si ode un suono prodotto tramite un programma alfanumerico chiamato absinth, cioè ab (a favore di) e sinth (sintetizzatore), e dunque "assenzio" significherebbe "a favore del sintetizzatore".
a92edf2b-4c3c-4194-b276-27b1e385099c
« immagine » L'Assenzio Il mondo è così privo d'amore, io disimparo ad odiare in fondo se perdi il controllo non fai niente di male io ricerco lo scontro ma conosco la pace pensi a quello che farai e a quello che smetterai di fare la pioggia, le feste, il dottore, l'alcohol, i discorsi, le mot...
Post
04/02/2018 11:33:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment

Stop the Rock

28 gennaio 2018 ore 11:45 segnala



Stop the Rock


Stop the rock. Stop the rock.

Stop the rock. Stop the rock.

Stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, stop the rock

Stop the rock, can't stop the rock

You can's stop the rock, can't stop the rock (repeated 4 times)

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Come move me move me

Dancing like Madonna, into the groovy

Shake that paranoia, can't stop the rock!

Come move me move me

Dancing like Madonna, into the groovy

Stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock

Let's get down and dirty baby

Come get down and dirty babe

Come get down and dirty babe

Come get down and dirty babe

Down and dirty baby

Down and dirty baby

Down and dirty baby

Down and dirty baby

Shape the rock like Henry Moore

Aphrodite at the waterhole

Shape the rock like Henry Moore

Aphrodite at the waterhole, come on!

Stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock

You can't stop the rock, can't stop the rock



Ferma il rock


Ferma il rock. Ferma il rock.

Ferma il rock. Ferma il rock.

Ferma il rock, non posso fermare il rock.

Non puoi fermare il rock, fermare il rock.

Ferma il rock, non posso fermare il rock.

Puoi fermare il rock, ferma il rock. (ripetuto 4 volte)

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Andiamo muovimi muovimi

Danza come Madonna, tra la folla

Scuoti quella paranoia, non posso fermare il rock!

Andiamo muovimi muovimi

Danza come Madonna, tra la folla

Ferma il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.

Andiamo giù e sporcacciona

Vieni giù e sporcacciona

Vieni giù e sporcacciona

Vieni giù e sporcacciona

giù e sporcacciona

giù e sporcacciona

giù e sporcacciona

giù e sporcacciona

Forma il rock come Henry Moore

Afrodite nella pozza d'acqua

Forma il rock come Henry Moore

Afrodite nella pozza d'acqua, andiamo!

Ferma il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.

Tu non puoi fermare il rock, non posso fermare il rock.



Stop the Rock
Apollo 440
Gettin' High on Your Own Supply (1999)






Stop the Rock è un singolo estratto dall'album degli Apollo 440 Gettin' High on Your Own Supply ed è considerato il brano che ha portato il gruppo al successo.

È ispirata a Caroline degli Status Quo.
La parte vocale del brano è eseguita da Ian Hoxley, precedentemente parte del gruppo Gaye Bykers on Acid.
Trevor Gray, Howard Gray, Ian Hoxley e Noko sono accreditati come compositori della canzone.
Il singolo fu pubblicato il 22 maggio 1999 da Stealth Sonic e distribuito da Sony Music.
e5d7487e-2677-48cb-8cd4-e498586d8559
« immagine » Stop the Rock Stop the rock. Stop the rock. Stop the rock. Stop the rock. Stop the rock, can't stop the rock You can't stop the rock, stop the rock Stop the rock, can't stop the rock You can's stop the rock, can't stop the rock (repeated 4 times) Shake that paranoia, can't ...
Post
28/01/2018 11:45:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8
  • commenti
    comment
    Comment

Maniac

20 gennaio 2018 ore 09:33 segnala



Maniac


Just a still town girl on a saturday night,

Lookin’ for the fight of her life

In the real-time world no one sees her at all,

They all say she’s crazy



Locking rhythms to the beat of her heart,

Changing woman into life

She has danced into the danger zone,

When a dancer becomes a dance



It can cut you like a knife, if the gift becomes the fire

On a wire between will and what will be



She’s a maniac, maniac on the floor

And she’s dancing like she’s never danced before

She’s a maniac, maniac on the floor

And she’s dancing like she’s never danced before



On the ice-build iron sanity

Is a place most never see

It’s a hard warm place of mystery, touch it, but can’t hold it

You work all your life for that moment in time,

It could come or pass you by

It’s a push of the world, but there’s always a chance

If the hunger stays the night



There’s a cold connective heat, struggling,

Stretching for defeat

Never stopping with her head against the wind



She’s a maniac, maniac, I sure know

And she’s dancing like she’s never danced before

She’s a maniac, maniac, I sure know

And she’s dancing like she’s never danced before



(Solo)



It can cut you like a knife, if the gift becomes the fire

On a wire between will and what will be



She’s a maniac, maniac, I sure know

And she’s dancing like she’s never danced before



Maniaca


Semplicemente la stessa ragazza di città il sabato notte

Che cerca la battaglia della sua vita

Al tempo reale intanto, nel mondo nessuno se ne frega di lei

Tutti dicono che lei sia pazza



Custodendo il ritmo del battito del suo cuore

Una donna che è cambiata nella sua vita

Lei ha danzato in una zona pericolosa

Quando un ballerino diventa danza



Può ferirti come un coltello se il regalo diventa fuoco

Su un filo conduttore tra volontà e quello che sarà



Lei è una maniaca, maniaca sul pavimento

E lei sta danzando come se non l’avesse mai fatto prima

Lei è una maniaca, maniaca sul pavimento

E lei sta danzando come se non l’avesse mai fatto prima



Sull’edificio di ghiaccio la sanità di ferro

È un posto che la maggior parte delle persone non vede mai

È un posto caldo e misterioso molto difficile toccalo ma non stringerlo

Lavori tutta la tua vita per quel breve momento nel tempo

Può venire o può sfuggirti e sorpassarti

È una spinta del mondo, ma c’è sempre una possibilità

Se ti viene fame la notte



C’è un’eccitazione connettiva, combattiva

Che si distende per sconfiggere

Non si ferma mai la sua testa contro il vento



Lei è una maniaca, maniaca sul pavimento

E lei sta danzando come se non l’avesse mai fatto prima

Lei è una maniaca, maniaca sul pavimento

E lei sta danzando come se non l’avesse mai fatto prima



(assolo)



Può ferirti come un coltello se il regalo diventa fuoco

Su un filo conduttore tra volontà e quello che sarà



Lei è una maniaca, maniaca sul pavimento

E lei sta danzando come se non l’avesse mai fatto prima



Maniac
Michael Sembello
Bossa Nova Hotel (1983)






Maniac è un singolo di Michael Sembello pubblicato nel 1983 dall'etichetta discografica EMI, estratto dall'album Bossa Nova Hotel.
Una differente versione del brano è inclusa nella colonna sonora del film Flashdance.

La titletrack è stata composta da Dennis Matkosky e Michael Sembello, e da quest'ultimo interpretata.
L'assolo di chitarra è stato suonato dallo stesso Sembello.

Sembello rivelò che l'idea del brano venne dal film Maniac del 1980 e faceva riferimento ad un assassino spietato e psicopatico.
Quando il brano venne scelto dalla Paramount Pictures, per essere inserito nella colonna sonora del film Flashdance, Sembello modificò il testo cosicché il "maniaco" del titolo si identificasse con Alex (Jennifer Beals), la ragazza con la passione per la danza protagonista del film.

Maniac arrivò in vetta alla classifica Billboard Hot 100 nel settembre 1983, e fu nominata all'Oscar per la migliore canzone nel 1984, vinto poi da Flashdance... What a Feeling cantata da Irene Cara, e sempre facente parte di Flashdance.
a575fa54-17b1-4f7b-9990-8d6508728c18
« immagine » Maniac Just a still town girl on a saturday night, Lookin’ for the fight of her life In the real-time world no one sees her at all, They all say she’s crazy Locking rhythms to the beat of her heart, Changing woman into life She has danced into the danger zone, When a dan...
Post
20/01/2018 09:33:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment

Holding Back the Years

15 gennaio 2018 ore 11:14 segnala



Holding Back the Years


Holding back the years...

Thinking of the fear I've had so long

When somebody hears...

Listen to the fear that's gone...

Strangled by the wishes of pater

Hoping for the arms of mater

Get to neither sooner or later...

Oh-oh-oh

Holding back the years

Chance for me escape from all I know

Holding back the tears...

Cause nothing here has grown...

I've wasted all my tears

Wasted all those years

Nothing had the chance to be good

Nothing ever could y-e-a-h...

Oh-oh-oh

I'll keep holding on

I'll keep holding on

I'll keep holding on

I'll keep holding on...

So tired

Alright oh now

Well I've wasted all my tears

Wasted all those years

And nothing had the chance to be... good...

Cause nothing ever could

Oh yeah oh...

I'll keep holding on

I'll keep holding on

I'll keep holding on

I'll keep holding on

Holding holding holding

A-a-a-h... va-la-la-la-la-la-la-la la

I said ooh yeah

That's all I have today

It's all I have to say

That's all I have today

It's all I have to say...



Fermando gli anni


Fermando gli anni

Pensando alla paura che ho avuto per così tanto tempo

Quando qualcuno sente....

Ascolta la paura che se n'è andata....

Strangolato dai desideri del padre

Sperando nell'abbraccio della madre

La rincontrerò prima o poi....

Oh-oh-oh

Fermando gli anni

L'occasione per me di scappare da tutto quello che avevo conosciuto

Fermando gli anni....

Perché niente qui è cresciuto....

Ho sprecato tutte le mie lacrime

Ho sprecato tutti questi anni

E niente ha avuto la possibilità di andare bene

Niente mai potrà yeah....

Oh-oh-oh

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Così stanco

Va bene oh adesso

Bè ho sprecato tutte le mie lacrime

Ho sprecato tutti questi anni

E niente ha avuto la possibilità di andare bene

Perché niente potrà mai

Oh yeah oh....

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Continuerà ad aspettare....

Aspettare aspettare aspettare

A-a-a-h.... va-la-la-la-la-la-la-la-la

Ho detto ooh yeah

Questo è tutto quello che ho oggi

È tutto quello che ho da dire....

Questo è tutto quello che ho oggi

È tutto quello che ho da dire....



Holding Back The Years
Simply Red
Picture Book (1985)






" Holding Back the Years " è la settima traccia dell'album di debutto in studio Picture Book (1985) dei Simply Red.
Resta il loro singolo di maggior successo, avendo raggiunto il numero uno nella classifica statunitense Hotboard Hot 100 e il numero due nella classifica UK Singles .
È una delle due canzoni Simply Red (l'altra è la loro cover di If You Don't Know Me by Now) per raggiungere il numero uno negli Stati Uniti.
"Holding Back the Years" era stato inizialmente pubblicato nel Regno Unito l'anno precedente, raggiungendo il numero 51.
La canzone è stata nominata nella categoria Best Pop Performance di un Duo o Group With Vocals ai 29 Grammy Awards annuali.
963763b3-9399-4ca7-8553-d35f3e331cd4
« immagine » Holding Back the Years Holding back the years... Thinking of the fear I've had so long When somebody hears... Listen to the fear that's gone... Strangled by the wishes of pater Hoping for the arms of mater Get to neither sooner or later... Oh-oh-oh Holding back the years ...
Post
15/01/2018 11:14:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
  • commenti
    comment
    Comment