I will survive

31 dicembre 2017 ore 09:03 segnala



I will survive


First I was afraid
I was petrified
Kept thinking
I could never live
without you by my side
But I spent so many nights
thinking how you did me wrong
I grew strong
I learned how to carry on
and so you’re back from outer space
I just walked in to find you here
with that sad look upon your face
I should have changed my stupid lock
I should have made you leave your key
If I had known for just one second
you’d be back to bother me

Go on now go walk out the door
just turn around now
‘cause you’re not welcome anymore
weren’t you the one
who tried to hurt me with goodbye
you think I’d crumble
you think I’d lay down and die
Oh no, not I
I will survive
as long as I know how to love
I know I will stay alive
I’ve got all my life to live
I’ve got all my love to give
and I’ll survive
I will survive

It took all the strength I had
not to fall apart
kept trying hard to mend
the pieces of my broken heart
and I spent oh so many nights
just feeling sorry for myself
I used to cry
Now I hold my head up high
and you see me
somebody new
I’m not that chained up little person
still in love with you
and so you felt like dropping in
and just expect me to be free
now I’m saving all my loving
for someone who’s loving me

Go on now go walk out the door
just turn around now
‘cause you’re not welcome anymore
weren’t you the one
who tried to hurt me with goodbye
you think I’d crumble
you think I’d lay down and die
Oh no, not I
I will survive
as long as I know how to love
I know I will stay alive
I’ve got all my life to live
I’ve got all my love to give
and I’ll survive
I will survive



Sopravviverò


All’inizio avevo paura
Ero pietrificata
Continuavo a pensare
che non sarei riuscita a vivere
Senza di te al mio fianco
Ma poi ho trascorso così tante notti
Pensando a quanto male mi hai fatto
Sono diventata forte
E ho imparata ad andare avanti
E così sei tornato dallo spazio
Sono entrata per trovarti qui
Con quello sguardo triste sulla tua faccia
Avrei dovuto cambiare quella stupida serratura
Avrei dovuto farti lasciare la tua chiave
Se avessi saputo anche solo per un secondo
che saresti tornato per infastidirmi

Vattene ora, esci dalla porta
vai a farti un giro adesso
perché non sei più il benvenuto qui
Non eri tu quello
che ha provato a ferirmi con un addio?
Pensavi che sarei crollata?
Pensavi che mi arrendessi e morissi?
Oh no, no,
Io sopravviverò
Finché saprò come amare
So che rimarrò viva
Ho tutta la mia vita da vivere
Ho tutto il mio amore da dare
E sopravviverò,
Sopravviverò

Ho raccolto tutte le forze che avevo
Per non cadere a pezzi
E ho provato a mettere insieme
I pezzi del mio cuore spezzato
E ho trascorso così tante notti
A commiserarmi
Piangevo
Ma ora tengo la testa alta
E tu mi vedrai
Come una persona nuova
Non sono più quella ragazzina incatenata
Ancora innamorata di te
E così ti senti di passare a trovarmi
e ti aspetti che io sarò libera
Ora sto tenendo da parte il mio amore
Per qualcuno che mi amerà

Vattene ora, esci dalla porta
vai a farti un giro adesso
perché non sei più il benvenuto qui
Non eri tu quello
che ha provato a ferirmi con un addio?
Pensavi che sarei crollata?
Pensavi che mi arrendessi e morissi?
Oh no, no,
Io sopravviverò
Finché saprò come amare
So che rimarrò viva
Ho tutta la mia vita da vivere
Ho tutto il mio amore da dare
E sopravviverò,
Sopravviverò



I will survive
Gloria Gaynor
Love Tracks (1978)






I Will Survive è una canzone di Freddie Perren e Dino Fekaris, interpretata e resa nota da Gloria Gaynor nel 1978.

Il testo della canzone descrive in prima persona l'esperienza del narratore che trova una nuova forza interiore dopo essersi ripreso da una rottura col partner, ora abbandonato.
La canzone è stata spesso usata sia come un inno dell'empowerment (lett. "potenziamento", cioè presa di coscienza e assunzione di responsabilità) femminile, sia come inno gay.
La Gaynor stessa è diventata una icona gay indiscussa.

I Will Survive diventò presto il più grande successo della Gaynor, ricevendo un enorme airplay nel 1979, tanto che giunse alla vetta della classifica statunitense di Billboard; è un classico della discomusic ancora molto in voga nelle discoteche e nelle radio.
Ha ricevuto il Grammy Award per la Miglior Canzone Disco nel 1980, l'unico anno in cui fu assegnato quel premio.

La canzone è stata utilizzata nel film Le riserve (The Replacements) e, proprio per il suo legame con la comunità gay, nel film Priscilla, la regina del deserto (The Adventures of Priscilla, Queen of the Desert) e in 3ciento, nonché, in Italia, dal regista Paolo Virzì nel suo Baci e abbracci (nel quale assume però un significato più neutro e generale di riscatto personale oltre le difficoltà, economiche e non, della vita: il tema della canzone viene peraltro reinterpretato in una scena dagli stessi attori).
Una parte della canzone viene invece cantata "a cappella" in Men in Black II, mentre nel film Man on the Moon è presente una interpretazione del cantante Tony Clifton.

Numerosissime sono le cover e tributi fatti da svariati artisti: fra i più famosi vi sono quello dei Pet Shop Boys nel loro Discovery Tour del 1995, la cover della rock band Cake nel 1996, ed ha costituito, nel 2000, le basi per Supreme, singolo di Robbie Williams.
La cover dei Cake è stata utilizzata come canzone simbolo nel film del 2003 Liberi di Gianluca Maria Tavarelli, in cui il protagonista, interpretato da Elio Germano, la cita e la riproduce più volte durante i suoi viaggi in auto.
Nel 1981 la cantante indiana Usha Uthup ha inciso una cover di questa canzone in lingua HIndi, Lelo dil mera inclusa nell'album 24 Carats.
Del 2003 è la versione Yo Viviré di Celia Cruz. Una cover della canzone è anche presente nell'album del 2006 delle Puppini Sisters Betcha Bottom Dollar.
Molte righe della canzone sono cantate, sebbene con un tono abbastanza differente, nella canzone dei They Might Be Giants The Biggest One.

Nel 2011, la Gaynor lo interpreta a I migliori anni di Carlo Conti.
Nello stesso anno il cast del famoso telefilm Glee ha pubblicato una cover della canzone in medley con il singolo delle Destiny's Child Survivor.
La cover ha debuttato alla no.51 della Billboard Hot 100.

Una cover del brano cantata da Jemaine Clement e da Kristin Chenoweth è presente nella colonna sonora del film Rio 2.

Nel 2014 la canzone viene utilizzata in una campagna di sensibilizzazione contro il bullismo e rivisitata in chiave punk rock nell'album Are We Not Men? We Are Diva! della cover band statunitense Me First and the Gimme Gimmes.
Inoltre nel 2014 Aretha Franklin ne ha inciso una cover di genere soul nel suo disco Aretha Sings The Great Diva Classics.

Nel 2015 è stata inserita all'inizio dei titoli di coda per il film Sopravvissuto - The Martian.

Nel 2016 la cantante Demi Lovato ne ha fatto una cover utilizzata all'inizio dei titoli di coda del film Angry Birds - Il film.

La canzone occupa la posizione 489 nella Lista dei 500 migliori brani musicali secondo Rolling Stone, la celebre rivista musicale statunitense.
0190c759-f935-46b8-b7e1-372f2e38e1e1
« immagine » I will survive First I was afraid I was petrified Kept thinking I could never live without you by my side But I spent so many nights thinking how you did me wrong I grew strong I learned how to carry on and so you’re back from outer space I just walked in to find you here with tha...
Post
31/12/2017 09:03:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.