Una razza in via d'estinzione!

26 novembre 2016 ore 21:19 segnala

A volte prima di un colloquio i geni della selezione chiedono ai candidati di scrivere la loro lettera di presentazione.
Quale persona scriverebbe mai di sé di essere inaffidabile, ritardatario, incapace, incompetente o un’antipatico di merda?
Ma vabbè, ognuno è libero di giustificare la propria posizione dietro una scrivania come può, pure chiedendo letterine di presentazione che non leggeranno mai, perchè in fondo l’unica cosa chiara è che non ti prenderanno mai per quel lavoro.
Però noi povera gente che cosa possiamo farci? Ci proviamo e scriviamo sta benedetta letterina di presentazione.

E così oggi mentre parlavo al telefono con una persona a cui voglio molto bene ho buttato lì la domanda a bruciapelo: “Ma tu se dovessi descrivermi cosa diresti di me? Ho qualche pregio o sono ufficialmente una merda?”
E da questa domanda è scaturita una discussione filo-antropologica sulla mia personalità tendente al bipolarismo.
Sorvolando i difetti che sono emersi pur avendo solo chiesto i pregi, l’esito superficiale è stato: “Sei buono, ma non lo sa quasi nessuno”.
Vabbè questo non lo so nemmeno io, quindi è una cosa che non posso mettere in una lettera di presentazione, e poi a meno che tu non stia facendo un colloquio per scrivere le frasi per i Baci Perugina a chi vuoi importi della tua bontà?

Quindi l’attenta analisi è continuata con:
- “Sei sincero, anzi sei limpido, tipo uno che non tramerebbe mai nulla di losco”;
- “Sei spontaneo, uno su cui contare....come si dice? affidabile o corretto?”;
- “Sei divertente, uno spasso. Ironico forse è l’aggettivo giusto perchè tu fai ridere e hai la battuta sempre pronta....anzi no, se scrivi la lettera metti che hai l’argento vivo pare più figo”.
Ok, io sta lettera alla fine non l’ho scritta, però una cosa l’ho capita:
a detta del mio campione di riferimento sono sincero, spontaneo e divertente!
Un coglione in sintesi!
Caratteristiche che sono l’antitesi dell’evoluzione umana, la mia razza rischia d’estinguersi. Sono come la balena, il panda e la foca monaca. Ed io non ho manco il WWF a proteggermi dalla barbaria umana.

Sono spacciato!!!

0af27fd9-0384-4e01-b35b-8704324cd623
« immagine » A volte prima di un colloquio i geni della selezione chiedono ai candidati di scrivere la loro lettera di presentazione. Quale persona scriverebbe mai di sé di essere inaffidabile, ritardatario, incapace, incompetente o un’antipatico di merda? Ma vabbè, ognuno è libero di giustificare...
Post
26/11/2016 21:19:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

La befana quest'anno viene con le Donne Skydive

28 dicembre 2015 ore 20:17 segnala
Donne Skydive indossano nient'altro che la biancheria intima!


Un gruppo di donne ha formato una società dedicata al paracadutismo "intimo", si perchè in effetti è solo questo che indossano durante i lanci.

Jennifer Hoffman e Marisa Gallegos sono le fondatrici di Esme ed Eva Fotografia a Los Angeles. Loro saranno entrambi su un display pubblico mentre praticano il paracadutismo con nulla addosso, a parte la loro biancheria intima.

Il 06 gennaio, Hoffman e Gallegos, insieme ad altre cinque donne coraggiose, proveranno a saltare da un aereo nei pressi di Lake Elsinore, California, con indosso solo la biancheria intima e paracadute.

Il salto è parte di Esme ed Eva "Be Bold. Fare il salto" iniziativa, che spingono le donne "ad affrontare le loro paure, prendere un rischio e una spinta contro tutto ciò che impedisce loro di realizzare i loro sogni."

Ognuna delle donne che partecipano al salto è passata attraverso qualcosa di traumatico, come un lutto in famiglia, essere una vittima di stupro, o superare un disturbo alimentare. Loro si riuniscono per trovare il modo di mettere questo momento difficile alle spalle.

"Tutte queste donne hanno storie terribili", ha detto Hoffman. "Vengo molto motivato da queste donne. Seguiamo tutte le loro tragedie della loro vita, ma non seguiamo il loro successo. Quindi vogliamo evidenziare i loro trionfi.

Abbiamo voluto garantire che le donne avevano diverse storie che le persone possano conmprendere e capire sino in fondo. Sappiamo quanto una persona può cambiare la vita di un'altra persona, e stiamo cercando di farlo al massimo livello .

Non ci aspettiamo alcun cambiamento massiccio al di fuori di questo, ma ci piacerebbe che questa iniziativa avesse un effetto domino.

8b04fa95-aa9f-4536-979f-86d8f16ac5f6
Donne Skydive indossano nient'altro che la biancheria intima! « immagine » Un gruppo di donne ha formato una società dedicata al paracadutismo "intimo", si perchè in effetti è solo questo che indossano durante i lanci. Jennifer Hoffman e Marisa Gallegos sono le fondatrici di Esme ed Eva...
Post
28/12/2015 20:17:04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

In Giappone inventano le mutande antipervertito.

05 giugno 2015 ore 20:34 segnala
Un paio di giorni fa ero in metrò e sfogliavo il numero di giugno di un noto mensile quando mi è cascato l’occhio su un inquitante trafiletto: sembra che in Giappone stiano vendendo in grandi quantità un nuovo paio di mutande che, se indossate, proteggono dai cellulari ad infrarossi che un consistente numero di giapponesi usano con fini poco ortodossi.

Il giornalista racconta che “in Giappone salire in gonna su un treno è ancora un invito a farsi fotografare il sedere dal primo pervertito di passaggio”.
Tutto questo grazie agli infrarossi, una funzione ormai comune sui cellulari di nuova generazione (anche se chiaramente si usa più spesso il bluetooth).

E’ sufficiente usare la visione notturna della videocamera del vostro cellulare. Il risultato? Bè, grazie agli infrarossi, almeno in teoria, non solo riuscirete a filmare situazioni poco illuminate, ma riprenderete anche la pelle nuda sotto i vestiti delle vittime.

Ed è proprio in seguito a questa diffusa deviazione mentale che Cramer Japan ha iniziato a produrre (con grande successo) il modello di mutande che vedete in foto. Essendo costruite in nylon e poliuretano, le indossatrici non corrono il rischio di vedere violato il loro pudore.
Non so se siano più preoccupanti i pervertiti che modificano il loro cellulare per farne questo uso, oppure le decine di migliaia di giapponesine che si credono su una passerella e, convinte di essere al centro dell’attenzione, fanno a gara per difendersi da qualche maligno Nokia o Motorola e, in sostanza, da una minaccia che non esiste. Tutto questo alimentando un tristissimo mercato di mutande di nylon!

Un mio amico (che non ama le bellezze orientali) ha subito commentato: “Tutto questo sforzo solo per vedere una giapponese mezza nuda…?”.
4e3730b8-502d-42d1-964b-57d85f258392
« immagine » Un paio di giorni fa ero in metrò e sfogliavo il numero di giugno di un noto mensile quando mi è cascato l’occhio su un inquitante trafiletto: sembra che in Giappone stiano vendendo in grandi quantità un nuovo paio di mutande che, se indossate, proteggono dai cellulari ad infrarossi c...
Post
05/06/2015 20:34:41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Il silenzio, il regalo più bello che fai ad ogni violenza!

09 aprile 2015 ore 09:31 segnala

Gli episodi di violenza verbale e spesso fisica ai danni di persone gay, lesbiche e transessuali sono in continuo e allarmante aumento.

Oggi più che mai è tempo di alzare la testa e raccontare e denunciare queste violenze anche mantenendo l'anonimato.

Il circolo Pink mette a disposizione due numeri di telefono e una mail per ascoltare, raccogliere questi fatti che accadono a Verona e provincia.

Noi ci siamo! Affrontiamo assieme ogni forma di discriminazione e intolleranza. Diciamo No! all'Omofobia e alla Transfobia.

Tutte le segnalazioni che arriveranno verranno affrontate a seconda della loro gravità e specificità .

Una rete di avvocati/e, di psicologi/e, professionisti del mondo del lavoro e associazioni presenti sul territorio nazionale sono i partner in questo progetto.
Con il supporto della "rete" si potrà intervenire nel modo più efficace dove si verificasse una qualsiasi discriminazione.

Dove sarà possibile interverremo con specifiche attività culturali e di formazione.

La violenza non è fatta solo di botte, spesso quella più difficile da affrontare e individuare è quella che non si vede: le battute, le offese, il mobbing nei luoghi di lavoro, la difficoltà di vivere la propria omosessualità e transessualità.

Tali forme di violenza sono purtroppo frequenti in tanti ambienti: la famiglia, i luoghi di lavoro, la scuola, i gruppi, il bar, la strada, i luoghi di incontro per gay, lesbiche e trans.

Non abbiate paura a farvi sentire, usciamo insieme da questo silenzio



dacd7fe5-8927-4434-834b-1a9d18c47d86
« immagine » Gli episodi di violenza verbale e spesso fisica ai danni di persone gay, lesbiche e transessuali sono in continuo e allarmante aumento. Oggi più che mai è tempo di alzare la testa e raccontare e denunciare queste violenze anche mantenendo l'anonimato. Il circolo Pink mette a disposi...
Post
09/04/2015 09:31:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    3

HOLLISTER MANIA!

16 marzo 2015 ore 00:04 segnala
Chi ha un'amica, anche se non più adolescente, mi capisce benissimo ... HollisterMania ... ore ore nel negozio piu cool di Milano, file chilometriche ai camerini, file chilometriche alla cassa ... eppure tutte pazze per Hollister. Beh a giudicare dall'immagine qui sopra si capisce il perché.

Sognato da folle di teenager per il suo mix di abbigliamento, musica fra gli 85-90 decibel è questo il format tradizionale dei negozi Hollister, caratterizzati in particolare, dalla facciata esteriore che ricorda quella di un capanno della spiaggia dei surfisti californiani.
Per capire meglio Hollister Co. è un lifestyle brand Usa della Abercrombie & Fitch Co. Il concept è ideato per attrarre il target young teens (tra i 14-18 anni) attraverso la sua immagine ispirata all’abbigliamento casual South California.
Come ogni altro brand di A&F (inclusi Ruehl No. 925 e Gilly Hicks), l’immagine è costruita su una romantica storia di fantasia divenuta leggenda e legata a John M. Hollister. Personaggio del primo ‘900, che rimanda all’amore, alla bellezza, alla
gioventù, al mare ed in particolare allo sport del surf e per finire all’avventura.

Il negozio è tutto al buio sembra di essere in una discoteca, quando si è giovani ci si vede bene e ti muovi d'istinto ... non importa capire il colore, blu o nero fa lo stesso l'importante è trovarti lì, sei dentro Hollister!!!
Dei ragazzi bellissimi ti accolgono col sorriso e dicono What's up!
Luci soffuse quindi, ragazze e ragazzi in visibilio disposti a stare mezz'ora in fila per il camerino, tra l'altro anche questo al buio e poi fila alla cassa.
Una volta a casa pure lo scontrino diventa reliquia ed insieme alla busta è tenuto da parte come un oggetto prezioso.

SESSO SCRITTO RELOADED spot di solidarietà per un amico.

22 febbraio 2015 ore 20:26 segnala
dal blog di 1BRIVIDO un post per promuovere il GRUPPO SESSO SCRITTO
non occorre necessariamente essere dei pervertiti per iscriversi, basta avere un po' di passione ed uno spiccato senso dell'umorismo ...

SE NON VI ISCRIVETE MI UCCIDO!*


:smile1 SESSO SCRITTO :smile1

alternativa protetta al sesso orale

un gruppo per estimatrici e simpatizzanti ironici ed equilibrati.



se la numerazione digitale è esatta dovremmo essere in:




un contatore satellitare registra tutte le nuove iscrizioni!
(praticamente, quando passo io aggiorno)



da questa notte gemellato con il santo gruppo. io ero indeciso, ma Francy ha tanto insistito che alla fine ho dovuto cedere.
risultato: un gemellaggio at divinis con in omaggio, a tutti gli iscritti, della pergamena pass oro per un soggiorno all-inclusive nelle catacombe vaticane.


ed infine é, con sommo orgoglio e perplessità, che annuncio che il nostro gruppo
:koka :koka :koka :koka :koka :koka :koka :koka SESSO SCRITTO :koka :koka :koka :koka :koka :koka :koka :koka :koka

per l'impegno animalista ...


per aver bandito la violenza gratuita (si accetta solo quella a pagamento)...

per l'autocensura più estrema e responsabile


e per un sacco di altre ragioni che non sto qui ad elencare, é uno dei rari gruppi consigliati dal grande fratello:
(che te possino...!)

NdR:qui in segreteria si accettano le iscrizioni, così potrete ridere
andando in giro a piede libero per il nostro gruppo.
affrettatevi però, perchè potreste non trovarci più, se il
GRANDE FRATELLO GOOGLE cazzia la CHATTA DIRECTION ci vaporizzano come neve al sole!


*so che a qualcuno potrebbe far piacere, ma non contateci sto bleffando.
1a25a1a7-7cb5-410a-b823-e5ba778f3bff
dal blog di http://blog.chatta.it/1brivido/post/brividotutorial-fermi-tutti-questa-e-una-rapina-.aspxun post per promuovere il http://gruppi.chatta.it/sesso-scritto-reloaded/default.aspx non occorre necessariamente essere dei pervertiti per iscriversi, basta avere un po' di passione ed uno...
Post
22/02/2015 20:26:25
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

Una donna no..........

01 febbraio 2015 ore 16:32 segnala

Le sue mani erano calde e leggere, le sue dita affusolate mi sfioravano con delicatezza e abilità.
Vibrava il mio cuore, anche se non l'amavo. Il suo odore forte mi trapassava la pelle e quando mi baciò, chiusi gli occhi dalla passione.
Respiravo il suo respiro, abbracciati come lo fossimo da sempre, ci stringevamo fino al dolore per ratificare il possesso reciproco dei nostri corpi.
Sentii la sua mano, la sua mano prima lo accarezzò col dorso poi si girò e lo impugnò come una spada.
Il sangue pareva schizzare nelle vene, le tempie pulsavano e tutto sembrava accelerato come il battito dei nostri cuori.
Le mie mani scivolarono lungo i suoi fianchi, il suo corpo morbido e sodo le aspettava accendendosi di brame al loro passaggio.
Solo le mie carezze saziavano le sue voglie e nel silenzio di gemiti e sospiri i nostri sguardi penetravano fino in fondo all’anima.
Sentii l'umido del suo desiderio, si chinò e iniziò a baciarmi mentre io con le mani tormentavo i suoi capelli.
Non ci volle molto a raggiungere il piacere, e dopo il mio fu il suo.

584d3fb0-c71c-4808-829a-470641c115e6
« immagine » Le sue mani erano calde e leggere, le sue dita affusolate mi sfioravano con delicatezza e abilità. Vibrava il mio cuore, anche se non l'amavo. Il suo odore forte mi trapassava la pelle e quando mi baciò, chiusi gli occhi dalla passione. Respiravo il suo respiro, abbracciati come lo fos...
Post
01/02/2015 16:32:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Una razza in via d'estinzione.

09 ottobre 2014 ore 01:15 segnala

A volte prima di un colloquio i geni della selezione chiedono ai candidati di scrivere la loro lettera di presentazione.
Quale persona scriverebbe mai di sé di essere inaffidabile, ritardatario, incapace, incompetente o un’antipatico di merda?
Ma vabbè, ognuno è libero di giustificare la propria posizione dietro una scrivania come può, pure chiedendo letterine di presentazione che non leggeranno mai, perchè in fondo l’unica cosa chiara è che non ti prenderanno mai per quel lavoro.
Però noi povera gente che cosa possiamo farci? Ci proviamo e scriviamo sta benedetta letterina di presentazione.

E così oggi mentre parlavo al telefono con una persona a cui voglio molto bene ho buttato lì la domanda a bruciapelo: “ma tu se dovessi descrivermi cosa diresti di me? Ho qualche pregio o sono ufficialmente una merda?”
E da questa domanda è scaturita una discussione filo-antropologia sulla mia personalità tendente al bipolarismo.
Sorvolando i difetti che sono emersi pur avendo solo chiesto i pregi, l’esito superficiale è stato: “sei buono, ma non lo sa quasi nessuno”.
Vabbè questo non lo so nemmeno io, quindi è una cosa che non posso mettere in una lettera di presentazione, e poi a meno che tu non stia facendo un colloquio per scrivere le frasi per i Baci Perugina a chi vuoi importi della tua bontà?

Quindi l’attenta analisi è continuata con:
- “sei sincero, anzi sei limpido, tipo uno che non tramerebbe mai nulla di losco”;
- “sei spontaneo, uno su cui contare....come si dice? affidabile o corretto?”;
- “sei divertente, uno spasso. Ironico forse è l’aggettivo giusto perchè tu fai ridere e hai la battuta sempre pronta....anzi no, se scrivi la lettera metti che hai l’argento vivo pare più figo”.
Ok, io sta lettera alla fine non l’ho scritta, però una cosa l’ho capita:
a detta del mio campione di riferimento sono sincero, spontaneo e divertente!
Un coglione in sintesi!
Caratteristiche che sono l’antitesi dell’evoluzione umana, la mia razza rischia d’estinguersi. Sono come la balena, il panda e la foca monaca. Ed io non ho manco il WWF a proteggermi dalla barbaria umana.

Sono spacciato!!!

4869c0e8-d83e-4555-8eb6-a3f6e3d7b665
« immagine » A volte prima di un colloquio i geni della selezione chiedono ai candidati di scrivere la loro lettera di presentazione. Quale persona scriverebbe mai di sé di essere inaffidabile, ritardatario, incapace, incompetente o un’antipatico di merda? Ma vabbè, ognuno è libero di giustificare...
Post
09/10/2014 01:15:49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

SESSO SCRITTO RELOADED spot di solidarietà per un amico.

28 maggio 2014 ore 18:36 segnala
dal blog di 1BRIVIDO un post per promuovere il GRUPPO SESSO SCRITTO
non occorre necessariamente essere dei pervertiti per iscriversi, basta avere un po' di passione ed uno spiccato senso dell'umorismo ...

SE NON VI ISCRIVETE MI UCCIDO!*


:smile1 SESSO SCRITTO :smile1

alternativa protetta al sesso orale

un gruppo per estimatrici e simpatizzanti ironici ed equilibrati.



se la numerazione digitale è esatta dovremmo essere in:




un contatore satellitare registra tutte le nuove iscrizioni!
(praticamente, quando passo io aggiorno)



da questa notte gemellato con il santo gruppo. io ero indeciso, ma Francy ha tanto insistito che alla fine ho dovuto cedere.
risultato: un gemellaggio at divinis con in omaggio, a tutti gli iscritti, della pergamena pass oro per un soggiorno all-inclusive nelle catacombe vaticane.


ed infine é, con sommo orgoglio e perplessità, che annuncio che il nostro gruppo
:koka:koka :koka :koka :koka :koka SESSO SCRITTO :koka :koka :koka :koka :koka :koka

per l'impegno animalista ...


per aver bandito la violenza gratuita (si accetta solo quella a pagamento)

per l'autocensura più estrema e responsabile


e per un sacco di altre ragioni che non sto qui a menzionare, é uno dei rari gruppi consigliati dal grande fratello:

(che te possino...!)
NdR: QUI
in segreteria si accettano le iscrizioni, così potrete pregustare tutto il nettare goliardico di cui é intriso il nostro gruppo. affrettatevi però, perchè potreste non trovarci più, se il GRANDE FRATELLO GOOGLE cazzia la CHATTA DIRECTION ci vaporizzano come neve al sole!


*so che a qualcuno potrebbe far piacere, ma non contateci sto bleffando.

Il regalo più bello che fai a ogni violenza!

18 maggio 2014 ore 11:36 segnala

Gli episodi di violenza verbale e spesso fisica ai danni di persone gay, lesbiche e transessuali sono in continuo e allarmante aumento.

Oggi più che mai è tempo di alzare la testa e raccontare e denunciare queste violenze anche mantenendo l'anonimato.

Il circolo Pink mette a disposizione due numeri di telefono e una mail per ascoltare, raccogliere questi fatti che accadono a Verona e provincia.

Noi ci siamo! Affrontiamo assieme ogni forma di discriminazione e intolleranza. Diciamo No! all'Omofobia e alla Transfobia.

Tutte le segnalazioni che arriveranno verranno affrontate a seconda della loro gravità e specificità .

Una rete di avvocati/e, di psicologi/e, professionisti del mondo del lavoro e associazioni presenti sul territorio nazionale sono i partner in questo progetto.
Con il supporto della "rete" si potrà intervenire nel modo più efficace dove si verificasse una qualsiasi discriminazione.

Dove sarà possibile interverremo con specifiche attività culturali e di formazione.

La violenza non è fatta solo di botte, spesso quella più difficile da affrontare e individuare è quella che non si vede: le battute, le offese, il mobbing nei luoghi di lavoro, la difficoltà di vivere la propria omosessualità e transessualità.

Tali forme di violenza sono purtroppo frequenti in tanti ambienti: la famiglia, i luoghi di lavoro, la scuola, i gruppi, il bar, la strada, i luoghi di incontro per gay, lesbiche e trans.

Non abbiate paura a farvi sentire, usciamo insieme da questo silenzio