Mi manca il silenzio...

22 maggio 2018 ore 07:38 segnala
Mi manca il silenzio di certi sguardi,
il sussurro delle cose mute
che seducono il cuore nei loro giardini assenti.
Mi manca quel dolore
che descrive la perfezione di certe passioni
ladre di pensieri e di respiro,
irriverenti prostitute vestite di memoria e presente.
Ma più di tutto
mi manca morire di quegli attimi
che incatenano l'anima alla follia di un bacio,
alla carezza delle tue notti carnali.

3e0701d3-cacc-4ffa-b411-16b283436d4c
Mi manca il silenzio di certi sguardi, il sussurro delle cose mute che seducono il cuore nei loro giardini assenti. Mi manca quel dolore che descrive la perfezione di certe passioni ladre di pensieri e di respiro, irriverenti prostitute vestite di memoria e presente. Ma più di tutto mi manca morire...
Post
22/05/2018 07:38:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

AMARTI

21 maggio 2018 ore 07:42 segnala
Non ho labbra né silenzi
per tacere questo desiderio
che schiude nella mia carne
il suo fiore incendiato.
Amarti
è come lasciar fiorire il cuore nell’ombra.
È una fuga di corpi feriti da un unico brivido
e una lotta di labbra da un solo bacio sconfitte.
Alla notte bagnata dal tuo odore
legai la mia pelle orfana della tua
e nelle tue mani restarono le mie
come carezze raminghe.
No… non ho labbra né silenzi
in cui seppellire i tuoi baci distanti.
Ti vorrei per sempre mia,
per sempre arresa all’onda del mio corpo
smarrito nel tuo.

01ec735c-a8d2-4604-8bb8-79ea06b294cb
Non ho labbra né silenzi per tacere questo desiderio che schiude nella mia carne il suo fiore incendiato. Amarti è come lasciar fiorire il cuore nell’ombra. È una fuga di corpi feriti da un unico brivido e una lotta di labbra da un solo bacio sconfitte. Alla notte bagnata dal tuo odore legai la mia...
Post
21/05/2018 07:42:54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

GRANO FREDDO

20 maggio 2018 ore 09:56 segnala
È solo un pugno di grano freddo
che semina nel sangue tremanti vendemmie
quest’assenza di te,
maschera infranta sulla mia carne condannata.
Dalla pelle al cuore corre uno spasimo
di rinnovata fuga
che miete rose bagnate nel pianto,
grano freddo di carezze perdute nella pioggia,
e infine silenzio,
profondo silenzio
che mi ritrae giocoliere e amante
sui tuoi seni troppo distanti.

(dalla mia raccolta di poesie "Mandragora")

868643f0-0521-461e-8b3c-9a693ccd503e
È solo un pugno di grano freddo che semina nel sangue tremanti vendemmie quest’assenza di te, maschera infranta sulla mia carne condannata. Dalla pelle al cuore corre uno spasimo di rinnovata fuga che miete rose bagnate nel pianto, grano freddo di carezze perdute nella pioggia, e infine...
Post
20/05/2018 09:56:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

SOGNO E VIOLENZA

19 maggio 2018 ore 08:21 segnala
Sogno e violenza,
il tuo eterno sfuggirmi,
lo sguardo in cui ritrovo il volto
della mia eterna solitudine.
Sogno e violenza
sulla mia carne orfana di un dire.
Ti appartengo e ti condanno
perdendomi in giri di anima e sesso
che vorrei compiere sulle tue labbra schiuse.
Ancora un attimo di silenzio,
sogno e violenza che non si pronunciano,
non si pronunciano.
Sono carnefice, sei carnefice,
siamo vittime di noi stessi,
piegati sulle nostre stesse voglie,
taumaturghi di uno stesso dolore.
E tu resti sogno e violenza,
sogno e violenza.

eab827ec-08e8-46a1-b49d-dbefbc783fc8
Sogno e violenza, il tuo eterno sfuggirmi, lo sguardo in cui ritrovo il volto della mia eterna solitudine. Sogno e violenza sulla mia carne orfana di un dire. Ti appartengo e ti condanno perdendomi in giri di anima e sesso che vorrei compiere sulle tue labbra schiuse. Ancora un attimo di...
Post
19/05/2018 08:21:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Spiegami...

18 maggio 2018 ore 07:30 segnala
Spiegami il peso che certe lacrime feroci
riservano all'anima.
Spiegami il morso di certi brividi
che solo la notte segretamente lavora
e questa confusione che fa danzare la tempesta col mio sangue.
Tutto di me si ferisce del tuo sguardo,
di me che ti desidero con parole d'oblio e ceri spenti,
con passione di selve sanguinanti.
Lasciami il silenzio della tua pelle
a cui spiegare i battiti di questo cuore
che sussurra il tuo nome, sempre.

4216358b-9e36-4c7c-9c8d-9ac28f9bf79a
Spiegami il peso che certe lacrime feroci riservano all'anima. Spiegami il morso di certi brividi che solo la notte segretamente lavora e questa confusione che fa danzare la tempesta col mio sangue. Tutto di me si ferisce del tuo sguardo, di me che ti desidero con parole d'oblio e ceri spenti, con...
Post
18/05/2018 07:30:57
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    2

IL PENSIERO DELLE TUE LABBRA

17 maggio 2018 ore 07:34 segnala
Il pensiero delle tue labbra
è una metamorfosi di gelo e vento,
una fuga bagnata di ossessione
che ha il sapore di certe notti insonni.
Ansia di te che miete nella memoria
un campo di girasoli e brezza.
Ansia di te che invade il sangue
come acqua d'inquieta risacca.
Ho visto correre una nuda ombra sulla mia pelle:
era la tua bocca affamata;
era il tuo sudore di femmina
che vestiva di follia i miei silenzi.

ACQUERELLO AMARO

16 maggio 2018 ore 07:33 segnala
Ti ho cercata tra le dita di notti milanesi,
mentre la luna si affacciava
da un soppalco di bruma e catrame
e i sorrisi della folla dipingevano un sabba di Goya.
Ho respirato il tuo profumo
nella cenere dei cuori in flambé di due amanti,
mentre Monet bagnava le sue mani
nell’acqua del mare e il cielo arrossiva.
Ho ascoltato il tuo respiro allontanarsi indolente
come lo sbuffo di un treno Parigi – sola andata,
mentre nei miei occhi Van Gogh mescolava viola e blu cobalto
e non vi era alcuna notte stellata.

(dalla mia raccolta di poesie "I silenzi dell'anima")

STRATEGIE

15 maggio 2018 ore 07:39 segnala
Fra sottili logiche
che consegnano la mente a masochismi di velluto
stiamo già cavalcando l'illusione di un angelo:
una violenza di fiori,
una felicità di sorrisi crudeli che rinnegano le labbra.
Cedere alla seduzione di parole
che marchiano il cuore è la nostra maschera di peccatori liberi
sotto la quale raccontarci altri sogni,
altre lune bastarde come perle sul collo d'ignare notti.
Strategie di sguardi in cui c'inseguiamo,
nascondendoci dietro confessioni inconfessabili,
uccidendoci con la lama di una stessa voglia.
Certe promesse infrante sono come tradimenti scritti da lacrime:
ossessioni bagnate per giocolieri troppo poco esperti,
troppo colpevoli di una sporca innocenza che ci vede tutti lupi,
che ci vede tutti pecore.
Strategie per addolcire il palato di certi incubi,
per vederti più bella su uno specchio dal riflesso distorto,
per sognare ancora bene su guanciali di spine.

5c12a564-609e-4fb0-a54a-6abb42457ffa
Fra sottili logiche che consegnano la mente a masochismi di velluto stiamo già cavalcando l'illusione di un angelo: una violenza di fiori, una felicità di sorrisi crudeli che rinnegano le labbra. Cedere alla seduzione di parole che marchiano il cuore è la nostra maschera di peccatori liberi...
Post
15/05/2018 07:39:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

SINONIMI INCOMPRESI

14 maggio 2018 ore 07:32 segnala
Sotto un florilegio di deliri
voglio sfogliare confidenze mai udite tra le tue palpebre,
voglio che la tua bocca apra sull'anima
ferite profonde come abissi.
Tu le chiamerai paure,
io le chiamerò desiderio di viverti,
un arabesco di pelle e vento
dove sarai definizione troppo lontana dal dire,
parola sempre più distante dalla mia lingua.
Il bianco di questi fogli di carta mi strazia dentro,
mi alberga nella carne come un grido di stella.
Sono punte di acuminato silenzio i tuoi spazi bianchi,
sono potenza di oscuro oceano i tuoi occhi.
Voglio scrivere il tuo nome sulle pagine di un mistero
che mi possieda come fosse il sorriso di uno splendido demone,
e tutto deve avvenire in un insieme d'istanti
caduti uno dopo l'altro nel mio sangue,
pietre di te che la mia corrente non può arginare.
Voglio ritrarti così, carnale e santa, puttana e arcangelo,
solo per me, solo dentro me.
E se ti accosto ad una definizione è solo perchè la carne
ha bisogno di un fuoco fisico,
tanto quanto la mente ha bisogno di un'idea concreta
cui prostrare la sua infinita algebra.

8c5bb831-4407-4b65-98e7-c8bea32a7eb1
Sotto un florilegio di deliri voglio sfogliare confidenze mai udite tra le tue palpebre, voglio che la tua bocca apra sull'anima ferite profonde come abissi. Tu le chiamerai paure, io le chiamerò desiderio di viverti, un arabesco di pelle e vento dove sarai definizione troppo lontana dal...
Post
14/05/2018 07:32:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

SE TI OSSERVO CAMMINARE DA SOLA

13 maggio 2018 ore 09:14 segnala
Se ti osservo camminare da sola,
come una foglia cullata dal languore autunnale,
il cuore mi si stringe, come fosse la strada su cui la tua malinconia si posa.
Amo la tua solitudine.
Se ti osservo mentre taci,
con gli occhi che toccano infinite distanze
e le labbra appena schiuse come in attesa di un tenero bacio,
il respiro mi vola via,
e anche io mi ritrovo immensamente distante da te.
Amo il tuo silenzio.
Se tu non ci sei e le mie carezze non ti possono raggiungere,
ciò che resta è un frammento di pensiero,
un amaro smarrimento che mi lascia parole fugaci come il vento… cupe come la cenere.
Amo anche la tua assenza.


(dalla mia raccolta di poesie "I silenzi dell'anima")

0fed95df-6a90-4870-bc8b-36dd05f82b86
Se ti osservo camminare da sola, come una foglia cullata dal languore autunnale, il cuore mi si stringe, come fosse la strada su cui la tua malinconia si posa. Amo la tua solitudine. Se ti osservo mentre taci, con gli occhi che toccano infinite distanze e le labbra appena schiuse come in...
Post
13/05/2018 09:14:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment