CRISALIDE

22 settembre 2017 ore 17:48 segnala
Tre quarti di luna
mi parlano di te ogni sera,
quando il cielo
corteggia la terra con ciglia di mercurio
e il vento seduce le foglie con le note di Bach.
Il mare in tempesta
mi canta di te ogni sera,
mentre cammino per le strade vergini di Port Royal
come un cristo in frac che attende l’ultima onda,
senza croce né corona.
Il silenzio mi parla di te sempre,
quando anche il sole più caldo
bacia il cuore con labbra fredde
e l’inchiostro inodore della tristezza
disegna un’ombra
che torce l’anima e non svanisce.

d721581d-b70d-421a-b168-fe34932f5999
Tre quarti di luna mi parlano di te ogni sera, quando il cielo corteggia la terra con ciglia di mercurio e il vento seduce le foglie con le note di Bach. Il mare in tempesta mi canta di te ogni sera, mentre cammino per le strade vergini di Port Royal come un cristo in frac che attende l’ultima...
Post
22/09/2017 17:48:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

INFERNO AZZURRO

22 settembre 2017 ore 07:31 segnala
La tentazione di disegnare il tuo volto sulle mie vene
con la lama del desiderio
somiglia alla nota di una tempesta che corre nel sangue,
ad una danza d'intenti che camuffano il pudore
con maschere oscene.
Come un'idea vestita di fuoco e vento la mente ti accoglie,
indecente come una notte screziata di sperma e labbra
dove il mio cuore si strazia in eterno.
Sei un dolore azzurro ancora impresso sull'anima
che non sa più nascondersi sotto la pelle.

49449949-a01f-4bb1-b7eb-e37a1db0ae32
La tentazione di disegnare il tuo volto sulle mie vene con la lama del desiderio somiglia alla nota di una tempesta che corre nel sangue, ad una danza d'intenti che camuffano il pudore con maschere oscene. Come un'idea vestita di fuoco e vento la mente ti accoglie, indecente come una notte...
Post
22/09/2017 07:31:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    2

SIGNORE DEL SILENZIO

21 settembre 2017 ore 20:24 segnala
Oltre il confine delle parole,
oltre questo pianto di spine,
oltre il respiro spezzato
sulle labbra del ricordo,
un sorriso di pioggia e autunno
donato da chissà quale fantasma
nella notte che spaventa e ammalia.
No, il cuore sarà un castello abbandonato
E sulla sua cima confinerò
Il vano senso delle parole.
Abbandonato in un verso mai scritto,
sarò io stesso libro del mio dolore,
velo del mio spettro inquieto.

f0947bac-aeb5-4ed3-a9f8-f6846b7c7f59
Oltre il confine delle parole, oltre questo pianto di spine, oltre il respiro spezzato sulle labbra del ricordo, un sorriso di pioggia e autunno donato da chissà quale fantasma nella notte che spaventa e ammalia. No, il cuore sarà un castello abbandonato E sulla sua cima confinerò Il vano senso...
Post
21/09/2017 20:24:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

DEUS EST GLOBAL

21 settembre 2017 ore 07:22 segnala
Desidero imprimere tachicardie d’autore
sulla carne di emozioni consumate,
onanismi mentali
sul velluto di idee abortite.
È l’uomo che crea Dio,
souvenir dal sublime prezzo
negli empori della mistificazione globale.
C’è un silenzio per ogni confessione
e un rosario per ogni sintesi proteica:
redenzioni biologiche
per chi teme l’eternità del respiro
e la leggerezza dello spirito.
Globalismi salvifici abbandonano la parola
nella bocca di piccole solitudini,
simili ad intime detonazioni
che ingoiano antipiretici multinazionali.
Ancora una marca, un simbolo, un colore
per la bara dell’uguaglianza.

45c5d91d-6fe1-4d42-9bba-b834750e83e8
Desidero imprimere tachicardie d’autore sulla carne di emozioni consumate, onanismi mentali sul velluto di idee abortite. È l’uomo che crea Dio, souvenir dal sublime prezzo negli empori della mistificazione globale. C’è un silenzio per ogni confessione e un rosario per ogni sintesi...
Post
21/09/2017 07:22:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

OLTRE IL TUO SGUARDO

20 settembre 2017 ore 20:31 segnala
Oltre il tuo sguardo
resta solo un brivido agrodolce
che spoglia l'anima
come una morte delicata.
Oltre le tue labbra
c'è solo il freddo di un oblio
dove il cuore grida cercandoti.
Oltre le tue mani
resta solo un'apnea che incatena il mio respiro
ad una folle corsa verso te.
Oltre te c'è un niente
dove la mia fiamma geme invocandoti.

9ac7c781-1090-4135-a913-809658c98eef
Oltre il tuo sguardo resta solo un brivido agrodolce che spoglia l'anima come una morte delicata. Oltre le tue labbra c'è solo il freddo di un oblio dove il cuore grida cercandoti. Oltre le tue mani resta solo un'apnea che incatena il mio respiro ad una folle corsa verso te. Oltre te c'è un...
Post
20/09/2017 20:31:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

MANCANZA

20 settembre 2017 ore 07:21 segnala
"Mancanza" è una parola che contiene infinite parole,
una lacrima che indugia fra ciglia
che non vogliono consegnare il cuore ad un oblio.
Ti penso
e sei miele nel sangue,
violenza rubata ad un fuoco d'inverno
che rovescia nel cuore il suo calice ignoto.
Ti desidero
e sei un brivido rubato ad un autunno
che la mia pelle si ostina a trattenere.
Ma più di ogni altra cosa mi manchi
e la bocca smette di definirti
e questo buio è una carezza che mi affama del tuo odore.

f8d3ac0a-61ff-4831-abcd-af2d049dc884
"Mancanza" è una parola che contiene infinite parole, una lacrima che indugia fra ciglia che non vogliono consegnare il cuore ad un oblio. Ti penso e sei miele nel sangue, violenza rubata ad un fuoco d'inverno che rovescia nel cuore il suo calice ignoto. Ti desidero e sei un brivido rubato ad un...
Post
20/09/2017 07:21:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    3

I MIEI LIBRI

19 settembre 2017 ore 22:38 segnala

85050000-95f4-4b13-986e-cb0b62d02bf6
« immagine » « immagine » « immagine » « immagine »
Post
19/09/2017 22:38:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

DISSOLVENZA

19 settembre 2017 ore 18:54 segnala
Mi scompongo
in foglie bruciate
e sospiri spezzati,
umido di pioggia e di desiderio,
come una prigione di buio e carne
che libera un grido di luce e anima.
Umido di labbra,
toccato dalle infinite dita del tuo respiro,
immerso nelle tiepide strade del tuo sangue,
fino a divenire sangue io stesso
e ardere nelle tue vene,
in ogni goccia del tuo sudore,
in ogni lacrima stillata dai tuoi occhi.

7b5606dd-a9b7-4681-bd0f-b84fc251387b
Mi scompongo in foglie bruciate e sospiri spezzati, umido di pioggia e di desiderio, come una prigione di buio e carne che libera un grido di luce e anima. Umido di labbra, toccato dalle infinite dita del tuo respiro, immerso nelle tiepide strade del tuo sangue, fino a divenire sangue io stesso e...
Post
19/09/2017 18:54:28
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

ODE AL FUOCO

19 settembre 2017 ore 12:40 segnala
La pietra infranse il suo singhiozzo
sulla gola di altra pietra
e da quel dialogo incomprensibile
nacque una scintilla,
un’eco luminosa
che lanciò parole atterrite nella notte.
Un altro colpo fu scagliato
in quel duro silenzio
e la scintilla divenne fulgore,
fremito bruciato,
rivelazione.
La bocca delle tenebre
accolse il calore di un bacio strano,
un palpito sconosciuto
si annidò nei suoi freddi anfratti,
e le fronde sussurrarono insieme al vento
il nome del fuoco.
Così è il fuoco…
Una metà di luce e ombra
che danza in una sola morte,
un mistero affondato nelle carni della terra
col suo respiro affamato,
la sua ipnosi raccolta.
Pittore di ombre e visioni,
potenza consumata nella sua stessa cenere,
amante definitivo che non conosce resa.

9a382675-50b4-4671-9e2e-f90ff585a874
La pietra infranse il suo singhiozzo sulla gola di altra pietra e da quel dialogo incomprensibile nacque una scintilla, un’eco luminosa che lanciò parole atterrite nella notte. Un altro colpo fu scagliato in quel duro silenzio e la scintilla divenne fulgore, fremito bruciato, rivelazione. La bocca...
Post
19/09/2017 12:40:23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

SOGNO E VIOLENZA

19 settembre 2017 ore 07:18 segnala
Sogno e violenza,
il tuo eterno sfuggirmi,
lo sguardo in cui ritrovo il volto
della mia eterna solitudine.
Sogno e violenza
sulla mia carne orfana di un dire.
Ti appartengo e ti condanno
perdendomi in giri di anima e sesso
che vorrei compiere sulle tue labbra schiuse.
Ancora un attimo di silenzio,
sogno e violenza che non si pronunciano,
non si pronunciano.
Sono carnefice, sei carnefice,
siamo vittime di noi stessi,
piegati sulle nostre stesse voglie,
taumaturghi di uno stesso dolore.
E tu resti sogno e violenza,
sogno e violenza.