MADRE NOTTE

22 febbraio 2018 ore 07:16 segnala
Ho tenuto il tuo respiro nella mia bocca
per potere raccontare alle tenebre
le fughe che consumano il nostro cuore,
il sapore di tempesta che palpa l'anima
con parole implacabili,
gli affamati silenzi che divorano il pudore
con carezze d'incendio.
Ho tenuto il tuo bacio fermo sulle labbra
per potere serbare nella mia intimità
una ferita inguaribile che mi ricordi la tua pelle,
la violenza di una voglia che leghi con fiori esangui
i nostri corpi,
un palpito animale che resti ad annusarci ancora
come prede cacciate dall'istinto.
La notte lascia cadere la sua veste
ed il tuo sguardo torna ad abitarmi la mente
col suono di oscure cavigliere.

2854c7a3-2806-4a55-96dc-8eaa6945b445
Ho tenuto il tuo respiro nella mia bocca per potere raccontare alle tenebre le fughe che consumano il nostro cuore, il sapore di tempesta che palpa l'anima con parole implacabili, gli affamati silenzi che divorano il pudore con carezze d'incendio. Ho tenuto il tuo bacio fermo sulle labbra per...
Post
22/02/2018 07:16:39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.