mai troppo folle...

18 ottobre 2018 ore 21:18 segnala



Ci sono dei momenti in cui non fa bene pensare.
Più ci rifletti e più ti sembra Folle.
Più cerchi di trovare la via, e più ti appare come labirinto.
Più tenti di arrivare al nodo problematico,
più i fili della ragione si aggrovigliano,
ti si attorcigliano intorno.
Sono quei momenti in cui devi fare una sola cosa: agire d’istinto.
Non pensarci più.
Decidi,
Agisci,
Corri,
Dillo,
Fallo!


ANTON VANLIGT, MAI TROPPO FOLLE.




il destino...

17 ottobre 2018 ore 20:57 segnala
Il destino di un rapporto
è negli indizi degli inizi.
I dettagli sono sempre presenti all’origine delle cose,
li ignoriamo volutamente.

— Massimo Bisotti


ci sono uomini....

12 ottobre 2018 ore 20:17 segnala



Ci sono uomini che fanno una fatica immensa ad amare.
Non sanno da dove iniziare e se si imbattono in qualcosa di grande,
difficilmente lo sanno gestire.
Quando te li trovi di fronte,
non illuderti mai di poterli cambiare.
Con te conosceranno il senso più profondo dell’amore,
ma non saranno mai abbastanza coraggiosi da restare.

(S. Santorelli)



amami....

09 ottobre 2018 ore 20:42 segnala



"Amami" le disse lui.
"Per che motivo" rispose lei,
"solo per soffrire dopo?"
"Per un motivo o per un altro, soffrirai ugualmente.
Gli stati di neutralità non durano a lungo, perché vanno contro la vita stessa. Se gli elementi nell'universo si fossero mantenuti neutrali, la vita neanche avrebbe avuto inizio."
"Se io devo soffrire per te, il mio desiderio è, allora, che anche tu senta angoscia per me", ella insistè.
"Sto soffrendo" fu la sua risposta.
E col piacere della sofferenza che cominciava già ad invaderli,
si amarono.


Los Amantes, Jorge Braña


il miracolo...

08 ottobre 2018 ore 20:58 segnala



“Io non mi presto a chiacchiere da poco.
Sto zitta.
Mi sottraggo, mi allontano.
Sono sempre catturata dalla natura profonda della gente,
impegnata nella ricerca della loro verità
e il mio interesse si sveglia solo quando è questa natura che parla.
Il miracolo che mi aspetto,
un miracolo di chiarezza, si verifica sempre.”

Anais Nin




b231ca7b-536e-46ee-b457-1b64c4d51278
“Io non mi presto a chiacchiere da poco. Sto zitta. Mi sottraggo, mi allontano. Sono sempre catturata dalla natura profonda della gente, impegnata nella ricerca della loro verità e il mio interesse si sveglia solo quando è questa natura che parla. Il miracolo che mi aspetto, un miracolo di...
Post
08/10/2018 20:58:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

leggerezza...

04 ottobre 2018 ore 20:49 segnala



Io voglio invece leggerezza,
libertà, comprensione
– non trattenere nessuno,
e che nessuno mi trattenga.
Tutta la mia vita
è una storia d’amore con la mia anima,
con la città in cui vivo,
con l’ albero al bordo della strada,
con l’aria.
E sono infinitamente felice.

Marina Cvetaeva




dc31ac78-81a2-4e84-bf71-e760b79e2f78
Io voglio invece leggerezza, libertà, comprensione – non trattenere nessuno, e che nessuno mi trattenga. Tutta la mia vita è una storia d’amore con la mia anima, con la città in cui vivo, con l’ albero al bordo della strada, con l’aria. E sono infinitamente felice. Marina Cvetaeva «...
Post
04/10/2018 20:49:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

continuerò...

26 settembre 2018 ore 21:25 segnala



«Continuerò ad azzardare,
a cambiare,
ad aprire la mente e gli occhi,
rifiutando di lasciarmi incasellare e stereotipare.
Ciò che conta è liberare il proprio io:
lasciare che trovi le sue dimensioni, che non abbia vincoli».

Virginia Woolf, “Diario di una scrittrice”




290eb623-5eeb-43de-8414-997fd2e0483b
«Continuerò ad azzardare, a cambiare, ad aprire la mente e gli occhi, rifiutando di lasciarmi incasellare e stereotipare. Ciò che conta è liberare il proprio io: lasciare che trovi le sue dimensioni, che non abbia vincoli». Virginia Woolf, “Diario di una scrittrice” « immagine »
Post
26/09/2018 21:25:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

che.....

24 settembre 2018 ore 21:12 segnala



Come farti capire che c’ è sempre tempo?
Che uno deve solo cercarlo e darselo,
Che nessuno stabilisce norme salvo la vita,
Che la vita senza certe norme perde forma,
Che la forma non si perde con l’ aprirci,
Che aprirci non è amare indiscriminatamente,
Che non è proibito amare,
Che si può anche odiare,
Che l’ odio e l’ amore sono affetti,
Che l’ aggressione è perché sì ferisce molto,
Che le ferite si rimarginano,
Che le porte non devono chiudersi,
Che la maggiore porta è l’ affetto,
Che gli affetti ci definiscono,
Che definirsi non è remare contro corrente,
Che non quanto più forte si fa il segno più lo si scorge,
Che cercare un equilibrio non implica essere tiepido,
Che negare parole implica aprire distanze,
Che trovarsi è molto bello,
Che il sesso fa parte del bello della vita,
Che la vita parte dal sesso,
Che il “perché” dei bambini ha un perché,
Che voler sapere di qualcuno non è solo curiosità,
Che volere sapere tutto di tutti è curiosità malsana,
Che non c’ è nulla di meglio che ringraziare,
Che l’ autodeterminazione non è fare le cose da solo,
Che nessuno vuole essere solo,
Che per non essere solo devi dare,
Che per dare dovemmo prima ricevere,
Che affinché ci dìano bisogna sapere anche come chiedere,
Che sapere chiedere non è regalarsi,
Che regalarsi è, in definitiva, non amarsi,
Che affinché ci vogliano dobbiamo dimostrare che cosa siamo,
Che affinché qualcuno “sia” bisogna aiutarlo,
Che aiutare è potere incoraggiare ed appoggiare,
Che adulare non è aiutare,
Che adulare è tanto pernicioso come girare la faccia,
Che faccia a faccia le cose sono oneste,
Che nessuno è onesto perché non ruba,
Che quello che ruba non è ladro per suo piacere,
Che quando non c’è piacere nelle cose non si sta vivendo,
Che non ci si deve dimenticare che esiste la morte,
Che si può essere morto in vita,
Che si sente col corpo e la mente,
Che si ascolta con le orecchie,
Che costa essere sensibile e non ferirsi,
Che ferirsi non è dissanguarsi,
Che alziamo muri per non essere feriti,
Che chi semina muri non raccoglie niente,
Che quasi tutti siamo muratori di muri,
Che sarebbe meglio costruire ponti,
Che su di essi si va all’altro lato e si torna anche,
Che ritornare non implica retrocedere,
Che retrocedere può essere anche avanzare,
Che non per il molto portarsi avanti si leva prima il sole,
Come farti sapere che nessuno stabilisce norme salvo la vita?
Come farti sapere che c’ è sempre tempo?


Mario Benedetti





a2f48b6e-a098-46b5-9d5c-ecb6f354fb88
Come farti capire che c’ è sempre tempo? Che uno deve solo cercarlo e darselo, Che nessuno stabilisce norme salvo la vita, Che la vita senza certe norme perde forma, Che la forma non si perde con l’ aprirci, Che aprirci non è amare indiscriminatamente, Che non è proibito amare, Che si può anche...
Post
24/09/2018 21:12:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

ti temo...

19 settembre 2018 ore 20:57 segnala


Ti temo vicina, ti amo lontana;
la tua fuga mi attira,
il tuo cercarmi mi blocca: soffro, ma che cosa non ho sofferto volentieri per te!
La cui freddezza accende, il cui odio seduce, la cui fuga lega, il cui sarcasmo commuove:
chi non ti odierebbe, grande irretitrice, ammaliatrice, tentatrice, cercatrice, scopritrice?
Chi non ti amerebbe, peccatrice innocente, impaziente, rapida come il vento, dagli occhi di bimba!
Ove mi attiri ora, mostro e bambina selvaggia? E ora mi fuggi di nuovo, dolce preda ingrata!

Friedrich Wilhelm Nietzsche



6d44b943-2f33-452d-a75f-547722d6f35f
Ti temo vicina, ti amo lontana; la tua fuga mi attira, il tuo cercarmi mi blocca: soffro, ma che cosa non ho sofferto volentieri per te! La cui freddezza accende, il cui odio seduce, la cui fuga lega, il cui sarcasmo commuove: chi non ti odierebbe, grande irretitrice, ammaliatrice, tentatrice,...
Post
19/09/2018 20:57:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

ci si innamora...

18 settembre 2018 ore 20:41 segnala





«Ci si innamora così,
cercando nella persona amata il punto a nessuno rivelato,
che è dato in dono solo a chi scruta,
ascolta con amore.
Ci si innamora da vicino, ma non troppo,
ci si innamora da un angolo acuto un poco in disparte
in una stanza, presso una tavolata,
seduto su un gradino mentre gli altri ballano».

Erri De Luca, “Tu, mio”