Presa bene

25 luglio 2016 ore 15:27 segnala
Che vuol dire?
beh, che mi sento a posto, sia mentalmente che fisicamente : sono più serena di prima.
Nel mio 'viaggio' sto riscoprendo me stessa, ho una maggiore consapevolezza di quello che sono , certo, ancora conosco una piccola parte di me e della mia potenzialità, ma mi sento più forte, e soprattutto più vera.
Non so se si possa esprimere al meglio questa mia sensazione tramite uno scritto, e ci terrei a precisare che non è nemmeno una tediosa retorica sul 'senso della vita' che un 25enne ha finora potuto lambire.
Il mio scritto è come la cristallizzazione di un'osservazione, sì, di quello che sento sia cambiato in me, e per fortuna sento che il cambiamento , lento, sta maturando buoni frutti.
Non potevo non riconoscere i miei limiti se non viaggiando, ed è solo così che ho capito che effettivamente al mondo non siamo mai soli quando abbiamo la certezza di chi siamo e della forza che possediamo.
la mia voglia di crescere culturalmente non ha limiti. Se vedo un libro che mi interessa lo leggo subito, se c'è un convegno corro ad ascoltare, se c'è la possibilità di scambiare due chiacchiere con persone che possono insegnarmi qualcosa non ne perdo la possibilità.
Ammetto però che a volte credo di ragionare così solo io al mondo. La maggior parte della gente parte con grandi promesse, poi per una serie di scuse, trovano sempre il modo di rimandare 'alla prossima'.
E 'alla prossima' vado a correre, 'alla prossima' leggerò quel libro, 'alla prossima' farò quell'esperienza di viaggio che tanto desidero.
Alla prossima, sta diventando un modus facendi che non riesco a mandare giù.
Sia ben chiaro, non parlo dei giustificabilissimi impedimenti/impegni che ci costringono a 'derogare', sto parlando di quell'atteggiamento lassista della maggioranza, che rimane ferma a piangersi addosso e che , per pigrizia, non asseconda nemmeno i propri interessi.
Ma passiamo a me.
Inami, un nick creato da una ragazza che ha tanta voglia di parlare, e, per farlo liberamente , sceglie questo posto dietro questo nickname, alibi perfetto per poter parlare senza remore.
Sono circa 10 mesi che vivo a Bologna, e mi sto trovando davvero bene.
Sono stata fortunata forse, ma sento di essermela sudata la vita qui.
Non sempre è facile prendere e trasferirsi in un'altra città dopo che la tua vita è stata vissuta da tutt'altra parte: quindi devi ricominciare.
Cercare persone fidate, capire come funziona la vita qui, riuscire in quello che stai facendo e soprattutto : NON PERDERE MAI LA GRINTA.
Insomma, non è facile mantenere fede a tutti questi intenti. Ma ne vale la vita, credetemi.

Io vi auguro di 'accrescervi' mentalmente e culturalmente e di non trascurare mai voi stessi, perché essere vivi e sentirsi vivi non sono la stessa cosa, per nulla!


Un grande abbraccio,

Marta :*
5fb5ab6f-7bc4-48be-9784-586458711913
Che vuol dire? beh, che mi sento a posto, sia mentalmente che fisicamente : sono più serena di prima. Nel mio 'viaggio' sto riscoprendo me stessa, ho una maggiore consapevolezza di quello che sono , certo, ancora conosco una piccola parte di me e della mia potenzialità, ma mi sento più forte, e...
Post
25/07/2016 15:27:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.