il "caffè sospeso"...

02 novembre 2010 ore 12:04 segnala
...per motivi di lavoro, mi reco spesso a Napoli, città da me, molto apprezzata ed adorata. un giorno mentre mi trovavo, assieme ad un caro amico, in un bar del centro, mi accingevo a pagare il conto, quando il signore che mi precedeva rivolgendosi alla cassa disse: ” si paghi anche un sospeso”. la cosa destò in me molta curiosità. in seguito, il mio amico spiegava che tra le innumerevoli e curiose originalità napoletane, c’era una bella e interessante tradizione: quella del “caffè sospeso”. chi era meno abbiente poteva trovare al bar un caffè in omaggio pagato da un’altra persona, che lo lasciava appunto in sospeso per chi volesse consumarlo. in disuso da qualche anno l’usanza, a Napoli, sembra, stia per riproporsi, grazie anche al libro di Luciano De Crescenzo (caffè sospeso), così da proseguire questa opera di “solidarietà”, mi risulta che è stata accolta anche da altre città, nel mio piccolo cerco di diffonderla nella mia…. p.s. caffè pagato a chi partecipa alla diffusione di questa usanza che trovo nobile…ciao

11802464
...per motivi di lavoro, mi reco spesso a Napoli, città da me, molto apprezzata ed adorata. un giorno mentre mi trovavo, assieme ad un caro amico, in un bar del centro, mi accingevo a pagare il conto, quando il signore che mi precedeva rivolgendosi alla cassa disse: ” si paghi anche un sospeso”. la... (continua)
Post
02/11/2010 12:04:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. Chloe.69 02 novembre 2010 ore 12:23

    e' vero! questa e non solo questa e' un'usanza mai persa da decenni... molto bella!

    felice giornata :fiore

     

  2. tecerco 02 novembre 2010 ore 13:55

    Una specie di catena di S.Antonio riferita alla tazzulella 'e cafè. Strasimpatica usanza...

    Ciao, Giacomo.

    Tc

  3. gattamannara 02 novembre 2010 ore 15:40
    questa usanza…magari si potrebbe ampliare, perchè  non  pagare anche qualche panino per chi ha fame? :-)
    Un abbraccio1
    Babs
  4. melody1974 02 novembre 2010 ore 20:32
    si veramente usanza carina mi piace molto .....baci a presto :kissy
  5. spazio1969 02 novembre 2010 ore 21:12

    eccolò lì! che bella testata! fantastica! :clap :clap

      a catania non si usa fare ciò.

     io personalmente adotto un'altra maniera di far del bene a chi viene dopo, in quanto a me più di una volta mi è stato fatto con mio grande sollievo. se vado in qualche ufficio pubblico prendo il numero per il mio turno e dopo un pò ne prendo un altro. appena uscita, affianco una persona che è arrivata dopo di me di un pò, e se mi sembra una brava persona le do il numero che ho preso io..... ancora mi ringraziano!

    ciao james! :bye

  6. SOGNANDO59 03 novembre 2010 ore 09:50

    GIACOMO, non me la ricordavo, ma sono sicura di averla vista proprio in qualche film di De Crescenzo! La trovo una simpatica consuetudine che sarebbe bello espandere in altre zone e ad altre cose! Felice giornata ...un bacio:fiore

  7. klardiluna 03 novembre 2010 ore 12:31

    un gesto di solidarietà.....si può fare.    :clap Concordo con te e spero che  in molte altre città ci sia una buona adesione a questa simpatica iniziativa...:-))  ciao  ti auguro una buona giornata..:rosa

  8. tecerco 03 novembre 2010 ore 14:24

    Giacomo, leggendo il commento di spazio, mi è venuto in mente che anche io, quando vado all'ufficio postale, mentre aspetto vado prendendo altri biglietti. Li utilizzo in un altro modo: quando entra qualche "bona donna", la punto e al momento opportuno le cedo uno dei miei biglietti, dietro compenso,naturalmente. Quale compenso? Il suo numero di cellulare!!! :furbo

    Ciao, carissimo.

    Tc ;-)

  9. james54 03 novembre 2010 ore 14:35
    mi sa che con il tuo modo di essere e di fare, sono le gentil donne che chiedono il numero del tuo tel. privato...Ciao e buon proseguimento...p.s. leggi il commento da me apposto nel blog della gentile spazio e...fammi sapere... :clap  
  10. spazio1969 03 novembre 2010 ore 20:48

    alla posta nessuno mai mi ha "attraccato" il cotale bieco modo :cosaaa  .... CMQ se dovesse capitarmi darò il numero del cell. della SPA-ZIA..... ahahahahaha : così impara :punk :clava :many

     ciao ciaooooooo :bye

  11. lapiubellaromantica 03 novembre 2010 ore 21:10
    sai Giacomo anche se sono napoletana, nn sapevo di questa usanza, la prossima volta lascerò anche io un caffè in sospeso .Zio Tecercooooooooo...fai il bravo te  :haha
  12. carmenlina 04 novembre 2010 ore 00:23

    ciao grazie per il passaggio e del commento lasciato....e come ha detto anche chiara nn sapevo del caffe sospeso....bello ..hai fatto bn a scrivere un post sul caffe sospeso... cosi magari si divulghera la notizia in modo che ogni citta possa prendere l'iniziativa...bravo...

    notte carmen:-):rosa

  13. follettoarrabbiato 06 novembre 2010 ore 00:55
    Ciao Giacomo..non conoscevo qeust'usanza..ma che bella .....questo davvero lo possono fare tutti...grazie per avercelo fatto scoprire..una serena notte e felice we.... :bye
  14. bollicine.CA 07 novembre 2010 ore 23:15

    ciao,  ho letto con piacere il tuo racconto e...con sorpresa  ho appreso quest'usanza...bella senza dubbio.....io lavoro in un ufficio postale dentro un centro commerciale e......spesso le persone ci lasciano il caffe' pagato o...addiritura ce lo portano allo sportello........che fossero a conoscenza di quest'usanza? un saluto a presto.....................................Bollicine

  15. aloven 09 novembre 2010 ore 22:41

    Giuro che questa mi giunge  nuova!! 

    eppur sono di Napoli....cmq fatto sta che è una bella usanza...chiederò nel bar vicino all'ufficio se ha mai partecipato a questa "catena di S'Antonio" come dice Tecerco..!!!!

    certo che siamo stravaganti forte eh??

    un bacio fortissimo Giacomo..:kissy

  16. friscufriscu 13 novembre 2010 ore 10:21

    molto bello il gesto e ancor più bello il significato ,pensa se si diffondesse nella "padania" in favore degli extracomunitari.

    Sarebbe la prima  vera rivoluzione ,fatta a colpi di tazzine....

    ciao Antonio

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.