racconto...

25 settembre 2010 ore 11:33 segnala
Ogni giorno, un contadino portava l'acqua dalla sorgente al villaggio
in due grosse anfore che legava sulla groppa dell'asino,
che gli trotterellava accanto.
Una delle anfore, vecchia e piena di fessure,
durante il viaggio, perdeva acqua.
L'altra, nuova e perfetta, conservava tutto il contenuto
senza perderne neppure una goccia.
L'anfora vecchia e screpolata si sentiva umiliata e inutile,
tanto piu che l'anfora nuova non perdeva l'occasione
di far notare la sua perfezione:
"Non perdo neanche una stilla d'acqua, io!".
Un mattino, la vecchia anfora si confido con il padrone:
"Lo sai, sono cosciente dei miei limiti.
Sprechi tempo, fatica e soldi per colpa mia.
Quando arriviamo al villaggio io sono mezza vuota.
Perdona la mia debolezza e le mie ferite".
Il giorno dopo, durante il viaggio,
il padrone si rivolse all'anfora screpolata e le disse:
"Guarda il bordo della strada".
"Ma e bellissimo! Tutto pieno di fiori!" rispose l'anfora.
"Hai visto? E tutto questo solo grazie a te"disse il padrone.
"Sei tu che ogni giorno innaffi il bordo della strada.
Io ho comprato un pacchetto di semi di fiori e li ho seminati lungo la strada,
e senza saperlo e senza volerlo, tu li innaffi ogni giorno".
La vecchia anfora non lo disse mai a nessuno,
ma quel giorno si senti morire di gioia.

Siamo tutti pieni di ferite e screpolature,
ma se lo vogliamo,
possiamo fare meraviglie con le nostre imperfezioni...
11755427
Ogni giorno, un contadino portava l'acqua dalla sorgente al villaggioin due grosse anfore che legava sulla groppa dell'asino,che gli trotterellava accanto.Una delle anfore, vecchia e piena di fessure,durante il viaggio, perdeva acqua.L'altra, nuova e perfetta, conservava tutto il contenutosenza...
Post
25/09/2010 11:33:59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. tecerco 26 settembre 2010 ore 00:12

    C'è una qualche somiglianza tra i nostri pensieri di oggi. Riuscire a ribaltare una situazione, sulla carta negativa, in positiva. E' la sfida di cui parlo anche io, a carattere generale, dando un senso alla vita, comunque accettabile.

    Ciao, Giacomo. Buona serata.

    Tc

  2. prontaarespirarti 26 settembre 2010 ore 11:29

    Buona domenica

    che tu possa godere una giornata di sole
    e sorrisi intorno a te  :micio

  3. stregattablu 26 settembre 2010 ore 16:13
    " Sono le nostre imperfezioni che ci rendono unici "buona domenica........ :kissy
  4. nuitdoucenuit 27 settembre 2010 ore 10:46

    pere che tutti siamo unici,con le nostre esperirnze e e pensieri:rosa

  5. didi71 27 settembre 2010 ore 23:34

    tutti perfetti......sai che noia:-))) quando uno riesce a vedere il buono e il bello nelle imperfezioni allora è amore!;-) (inteso anche come amicizia).Buona settimana DiDi:kissy

  6. libellulach 28 settembre 2010 ore 10:48
    SERENA GIORNATA
    GRAZIE.
  7. SOGNANDO59 28 settembre 2010 ore 11:24

    Il racconto, di per se, e'  molto bello ma ancora piu' bello quello che vuole trasmettere! L'anfora vecchia e screpolata rappresenta la fase della vecchiaia che troppo spesso si vive in maniera adeguata a causa dei tabu' della societa' contemporanea e della condizione del corpo! Io l'ho letto e interpretato così! Credo che le persone anziane sono come pozzi dai quali bisognerebbe "attingere" per imparare a vivere meglio, se non hanno piu' la "forza fisica" possono  dare e danno molto! buona giornata GIACOMO:rosa

  8. SOGNANDO59 28 settembre 2010 ore 11:25

    ho scritto adeguata ma e'...inadeguata

    ciao:-)

  9. sciaula1979 28 settembre 2010 ore 12:56
    . :rosa
  10. haida.CA 28 settembre 2010 ore 18:29

      .... è bel racconto, molto profondo e fa riflettere....... "siamo tutti pieni di ferite e screpolature,ma se vogliamo possiamo fare meraviglie con le nostre imperfezioni".....

    in fondo non sono le nostre imperfezioni a renderci unici ?:fiore

    ciao buona serata:-) :fiore  

     

       

  11. semplicemente.gio 29 settembre 2010 ore 01:15
    bell'insegnamento di vita...........

    buonanotte :rosa
  12. gattamannara 30 settembre 2010 ore 13:07
    Grazie di cuore…le mie ferite non le sento più ormai..fanno parte della mia vita, e mi hanno resa migliore…Un abbraccio!
    Babs
  13. Niky.09 30 settembre 2010 ore 22:48

    Molto significativo il tuo racconto...una lezione di vita!

    Un caro saluto:batabacio

    Fiore

  14. aurora.CT 02 ottobre 2010 ore 12:27
    E' perfetto, hai rappresentato  stupendamente  uno stato di saggezza. 
    Ciao, a presto.
     
  15. klardiluna 06 ottobre 2010 ore 16:36

    è una bellissima storia.....nulla è inutile....tutto serve .....ciao Giacomo  :fiore

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.