.....In nessun posto...

25 ottobre 2017 ore 12:47 segnala

Una giornata tranquilla, l'orologio segna il suo tempo, ancora solare, non sei sola senti tanti suoni, rumori, clacson che suonano, sirene, campane, squilli di cellulare, gente che parla a voce alta...questi rumori ti arrivano, potrebbero essere normali, ma oggi vorresti essere sola, magari sul comodo divano di casa, lasciando filtrare dalla finestra ancora un bagliore di sole che questo autunno ci regala.Senti dentro....vedi tanti pezzi di un puzzle bellissimi e colorati provenienti da scatole magiche che a volte si aprono, ma oggi non riesci a ricomporlo e' come quando l'acqua scivola via e non si ferma, come quando le gocce della pioggia scorrono lente, poi veloci su un vetro della finestra...e forse mi piace questo momento perche' mi fa unire l'amore con un cuore lontano e ti assaltano mille pensieri in questo imperfetto momento, ma riesci a trovare nel fondo del tuo cuore pedine di un vissuto di cui non ricordavi, a volte malinconiche che ti riportano a estati passate, al bagliore della neve sulla vetta di una montagna, oppure sono pietruzze di un mosaico allegro, colorato...forse quando eri bambina e ti accarezzavi una ciocca di capelli, o ti mettevi il dito in bocca....chissa' perche', ma quei gesti sono rimasti...quando sei o pensierosa o attenta...e senti le note di una canzone, cantata mille volte...da un cd quasi consumato.Ecco un po' di malinconia che arriva con un ritmo alterto, mentre fuori tutto accade...questa la incontro spesso nel mio cuore, nella mia anima, nella mia testa, ma non mi mette tristezza, mi fa pensare, ricordare...un bicchiere di vino bevuto su una terrazza al mare, una canzone stonata cantata al suono di una chitarra, con un falo' sulla spiaggia...mentre la tua cavigliera tintinnava quando accennavi a ballare a piedi nudi e intanto un'onda ti bagnava i jeans arrotolati alle caviglie. In fondo i ricordi sono un modo di ritrovarsi di nuovo e non esiste una separazione definitiva, netta , brusca col tuo passato. E in una notte con la luna, tu la guardi brillare e ti riaccendono il cuore...i ricordi, quel caleidoscopio di colori brillanti e fosforescenti, fanno parte di noi. Cos' un ricordo? Esso non nulla: non puoi vederlo, non puoi toccarlo, non puoi udirlo... ma cos grande che non puoi distruggerlo.
E poi ...e poi...ti alzi dal divano, lentamente ti prepari un caffe', forte, al ginseng...che dia come una scossa al tuo umore....senti l'aroma del caffe' che sale e lo bevi nella tua tazzina preferita...si proprio quella "rubata" in quella caffetteria, con un gesto spavaldo e coraggioso, sotto la luce di un sole orientale con quella bandiera a mezza luna...poi ti stiri come un gatto, il tuo, ti guardi allo specchio, ti pettini con calma, ti metti un po' di rossetto e guardi i tuoi occhi se hanno ancora il segno di quella lacrima che ti era scesa giu' sulla guancia e la sentivi sulle labbra, salata come una goccia di mare...ti dici tutto a posto...!!Sei pronta..sei tu, come sempre, pronta di nuovo a lasciare il tuo angolo e tornare nel rumore chiassoso delle vie della citta' che si prepara a festeggiare Halloween.
2d0dc03d-06c9-4b80-900f-d83d75232f0b
video immagine Una giornata tranquilla, l'orologio segna il suo tempo, ancora solare, non sei sola senti tanti suoni, rumori, clacson che suonano, sirene, campane, squilli di cellulare, gente che parla a voce alta...questi rumori ti arrivano, potrebbero essere normali, ma oggi vorresti ess...
Post
25/10/2017 12:47:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    8

Commenti

  1. trenolento 25 ottobre 2017 ore 15:14
    emozioni emozioni emozioni... bellisssimooooooooooooooooooooooooo :rosa
  2. Janellaz 25 ottobre 2017 ore 15:41
    Grazie Ciuf Ciuf
  3. 11.valerio 26 ottobre 2017 ore 00:20
    Ho letto e riletto con attenzione....mi si aperta una finestra dove mi hai fatto rivivere le tue stesse emozioni.Grazie!
  4. Janellaz 26 ottobre 2017 ore 00:35
    grazie vale!
  5. du.e 27 ottobre 2017 ore 21:31
    ... come quando l'acqua scivola via e non si ferma, come quando le gocce della pioggia scorrono lente, poi veloci su un vetro della finestra..

    https://www.youtube.com/watch?v=E1tOV7y94DY

    Le piogge di marzo

    legno, pietra, la fine della strada
    un resto di tronco, (qualcuno) un po' solo
    un pezzo di vetro, la vita, il sole
    la notte, la morte, un laccio, l'amo
    un albero in un campo, il nodo del legno,
    Caing candela, il Matita-Pereira

    flauto, tuffo dalla sponda del fiume
    il profondo mistero, il volere o non volere
    il vento che soffia, la fine della discesa,
    la trave, il vuoto, la festa del tetto
    la pioggia che cade, l'incontro con il ruscello
    Delle piogge di marzo, la fine della fatica

    il piede, il suolo, la marcia forzata,
    Uccellino nella mano, sasso lanciato con la fionda
    E' un uccello in cielo, un uccello a terra,
    E' un ruscello, una fonte, un pezzo di pane
    E' il fondo del pozzo, la fine della strada,
    Sul viso il disgusto, (qualcuno) un po' solo

    una spina, un chiodo, una punta, un punto,
    una goccia che cade, un conto, un racconto
    un pesce un gesto, argento che brilla
    la luce del mattino, il mattone che arriva
    un fal, il giorno, il punto finale,
    una bottiglia di liquore, una fenditura nella strada
    il progetto della casa, il corpo nel letto,
    la macchina bloccata, il fango, il fango
    un passo, un ponte, un rospo, una rana,
    un po' di erbacce nella luce del mattino
    Sono le piogge di marzo che chiudono l'estate,
    la promessa di vita nel tuo cuore

    un serpente cobra, un bastone, Joo, Jos,
    un taglio nella mano, una ferita nel piede
    Sono le piogge di marzo che chiudono l'estate,
    la promessa di vita nel tuo cuore

    legno, pietra, la fine della strada
    un resto di tronco, (qualcuno) un po' solo
    un passo, un ponte, un rospo, una rana,

    un bell'orizzonte, una febbre terzana
    Sono le piogge di marzo che chiudono l'estate,
    la promessa di vita nel tuo cuore
    legno, pietra, la fine della strada
    un resto di tronco, (qualcuno) un po' solo
    legno, pietra, la fine della strada
    un resto di tronco, (qualcuno) un po' solo.
  6. Janellaz 27 ottobre 2017 ore 21:43
    Grazie due! Anche tre e quattro! Bella!
  7. Janellaz 02 novembre 2017 ore 20:54
    " un flauto
    un tuffo nel fiume
    il mistero profondo
    il volere o non volere...."
  8. antioco1 30 novembre 2017 ore 18:03
    ciao Jane buona serata ciao

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.