MEDITERRANEO

01 agosto 2020 ore 21:29 segnala

Un acchiappasogni indiano si muove leggero al primo soffio di vento, forse ricorda il sibilo della prateria da cui proviene, in questa terra mediterranea..entra soavemente il vento dell'estate facendo tintinnare i campanellini e fuori sventolano, come bandiere, lenzuola a righe blu e celeste, come corde di un marinaio che ha solcato oceani lontani.
Quel vento emana odori particolari...sa di salsedine, di tabacco, di sugo di pomodoro,
di peperoni rossi attaccati al muro con spaghi, come collane di corallo, sa di lavanda di campi viola...il tabacco e' un odore acre, ancora si fuma sui balconi, chiacchierando con gli amici, la sera, bevendo una menta fredda e dissetante...verde come un prato.
Ogni odore porta sensazioni, provoca in noi ricordi che avevamo nella memoria ed escono senza farsi scrupoli. Sono chiusi in un cassetto, da qualche parte, a volte si apre e vengono a trovarci dispettosi e inaspettati, non avevano inviti, ma sono venuti in questa sera d'estate...infrangendo le regole, fra il profumo di salvia, basilico, rosmarino.
Dondolando su un'amaca, con cuscini morbidi e nappe, fissiamo il cielo, a volte e' stellato e con un dito tratteggiamo stelle dando loro una forma immaginaria, creando corpi celesti scaturiti dalla nostra fantasia.
Il Mediterraneo parla un antico idioma, ha colori unici dalle tinte variopinte che si sfumano in un tramonto, poi in un alba e il ciclo continua fra questa gente che ha la bellezza sul viso, nelle mani che hanno lavorato e questa bellezza proviene dal cuore. Perche' non c'è nulla di piu' bello....
Un vero e proprio paesaggio olfattivo e pittoresco che si trasforma in un viaggio mistico nelle terre del Mediterraneo.
JANE-

Commenti

  1. No.moredrama 02 agosto 2020 ore 21:00
    Bellissima foto, Nn è per caso la città azzurra di marocco?..
    Un giorno vorrei andarci.. che spettacolo.
    Ciao un bacione.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.