Adesso mi farò odiare. Dico la mia sul concetto di famiglia.

23 gennaio 2016 ore 15:03 segnala
Adesso mi farò odiare ancor di più. Dico la mia sulla famiglia.
E' evidente che oggi siamo chiamati a parlare del concetto di famiglia, che in nessun modo è slegato da quello del concetto gender o di tutte le tematiche che ruotano intorno all'omosessualità.

Intanto mi fa sorridere quando si contesta l'esistenza di una teoria "gender". Certo non è che troverete il manuale del gender ma è evidente che esista e si può riassumere grosso modo così.
Con ideologia gender ci si riferisce al quel movimento di pensiero nato negli Usa a partire dagli anni 70, che predica l'inesistenza delle differenze sessuali. Ma nessuno dice mai che esisteva una clinica per il gender dove i dottori Money e Kinsey e molti altri, tennero banco negli ambienti scientifici per quasi 20 anni dove alimentarono un dibattito che la sessualità era un fatto culturale e non naturale, con i loro esperimenti. Il più famoso fu quello di Brenda poi finito in tragedia.

L'indistinzione fra i cosidetti "GENERI" (e non SESSI), ragione per la quale la tendenza etero sarebbe equiparabile non solo all'omosessualità ma anche al transessualismo e l'affermazione dei nuovi diritti come il matrimonio omosessuale. Si tende così a sfumare la distinzione binaria tra uomo e donna e la distinzione sessuale non è più biologica ma diventa un fatto sociale e culturale. Ecco perché hanno cambiato la parola "sesso" in "genere" e hanno cambiato in molti paesi le parole padre e madre, con genitore 1 e genitore 2. In pratica diventa una battaglia all'annientamento di una identità, anziché un GIUSTO, riconoscimento dei diritti degli omosessuali.

Una volta sfumato il concetto binario tra uomo e donna e assodato che una persona può decidere il sesso in corso della vita, lo si cambia rispetto al passato. Prima il sesso lo decideva la natura. Se avevi il pene eri uomo, se la vagina eri donna. Adesso pur avendo il pene ad esempio, ti fai chiamare donna come nel caso del transessualismo. Quindi fatto sociale o culturale e non di natura.

Come si lega tutto ciò al concetto di famiglia?
Beh...è molto semplice. Una volta cancellato con termini volutamente ambigui, il sesso di una persona è evidente che in automatico smonti anche l'altro concetto. Ma dove è che casca l'asino? Ve lo spiego subito. Casca nel momento in cui chi difende il concetto di famiglia tradizionale è definito un retrogrado e viene emancipato come omofobo. Quindi si sta sostituendo una forma di denigrazione con un'altra. Omofobia quindi paura dell'omosessuale. E' un concetto chiuso che in automatico esclude una spiegazione e un approfondimento. Se non accetti l'omosessualità sei omofobo e sei un insensibile su quante persone che invece soffrono e in casi estremi si sono tolte la vita per atti di bullismo.
In realtà molte persone si sono tolte la vita per atti di bullismo. Bambini troppo intelligenti, derisi dai compagni di scuola. Oppure bambini più deboli derisi dai ragazzi più arroganti e forti fisicamente. Bambine e ragazzi troppo grassi che derisi dalla società o sono ricorsi all'estremo gesto oppure hanno passato anni di sofferenza. In tal caso però non si è coniato il termine grassofobo oppure intelligentofobo. No..si è creato solo omofobo o xenofobo (che è un altro discorso).

E se invece lottassimo contro ogni forma di discriminazione ma più che di discriminazione, accettassimo la diversità? Non siamo tutti uguali..siamo solo tutti meravigliosamente unici e diversi. In questo caso proteggeremo le identità delle persone e le rispetteremo. Anzi le tuteleremo come dono della natura.

Finisco come sono partito sul concetto di famiglia. E' evidente che si debba permettere a chi non si sposa, con matrimonio tradizionale e che invece vuole convivere come coppia innamorata, di avere gli stessi diritti degli altri. Ma non serve distruggere le identità.

Da sesso maschile a sesso femminile, siamo passati a genere maschile e genere femminile. Da padre a madre, siamo passati a genitore 1 e genitore 2. Ecco cosa significa distruggere l'identità, cosa che è ben diversa dal rispetto della diversità. E quindi mentre padre e madre prima erano le parole più belle del mondo, stanno lentamente diventando un insulto denigratorio. Per fortuna ci saranno persone sveglie che non si faranno annullare e per sfortuna a difendere la famiglia tradizionale c'è il vaticano e tanti cattolici che invece poi divorziano oppure non rispettano la propria donna. Ma qui si apre un dibattito sui comportamenti umani e parleremmo di altro. Invece io qui parlo di concetti di valenza generale.

Se qualcuno volesse parlare costruttivamente di questa cosa senza offendersi, ne sarei felice.
866aab0e-ffc5-40f9-a135-0f8c00049fab
Adesso mi farò odiare ancor di più. Dico la mia sulla famiglia. E' evidente che oggi siamo chiamati a parlare del concetto di famiglia, che in nessun modo è slegato da quello del concetto gender o di tutte le tematiche che ruotano intorno all'omosessualità. Intanto mi fa sorridere quando si...
Post
23/01/2016 15:03:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. E.Straniante 03 febbraio 2016 ore 16:10
    Scrivendo ed opinando, non impediremo di certo il libero* amarsi di altre persone.
  2. Xjane.eyreX 28 ottobre 2016 ore 14:36
    In genere si è sempre considerato il termine famiglia per padre- madre coetanei o al massimo con il padre di qualche anno più vecchio sposati e con 1 o 2 bambini massimo avuti dopo il matrimogno . preferibilmente maschietto e femminuccia, se vogliamo rimanere ancora piu nei ruoli che tutti ci hanno sempre imposto il termine famiglia sarebbe inteso per padre lavoratore e madre che sta a casa a fare l'angelo del focolare. ovviamente sposati, con 2 bambini.
    Adesso il termine famiglia, con tanta fatica e zoppicando sta aprendosi alla realtà. famiglia possono essere 2 papà, 2 mamme, un padre e una madre che non sono sposati, un papà molto piu vecchio, o una madre giovanissima, una madre che lavora, una famiglia composta da 3 4 5 6 10 bambini e una famiglia con bambini adottati, anche non necessariamente Italiani... è giusto che la parola famiglia si evolva così come sarebbe giusto far evolvere tante altre parole

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.