Ciao Nello...

02 agosto 2020 ore 15:03 segnala
Lo sò che sei qui...
continuo a parlarti...
solo adesso mi accorgo quanto sei importante per la mia vita...
ciao...
come stai?...
poche volte ti ho chiesto come stai...
tutti gli anni passati ad ignorarci...
non ti sopporto più...
e tu a dirmi "io sono qui"
Credi di saper suonare la chitarra...
ma sei una frana
Il tuo essere diretto con le donne...
fin troppo diretto...
sei una frana.
Quella volta che il cane è stato male di notte e l'hai portato all'ospedale...
ma gli hai salvato la vita
Mi fai incazzare quando ti parlo...
e tu continui a pensare a ciò che hai detto...
a ciò che vuoi dire...
senza ascoltare le mie parole...
Ogni volta devo alzare la voce per farmi ascoltare...
solo così ti fermi...
"pronto!...prontoooo!!!"....
"è caduta la linea!"....
questo è quello che ti dico quando parti per la tangente e...
in ragionamenti che stanno bene solo a te.
Quanto tempo perso in banali discussioni...
e io ha dirti...
"ma non hai niente da fare?"
"la vuoi finire di dire stronzate?"...
allora tu la smetti solo per cinque minuti...
ma poi ritorni a essere quello di sempre...
Il solito rompiballe...
cocciuto come un mulo...
ma dannatamente diretto come un treno..
La musica ci ha fatto rincontrare...
e continuo a non sopportarti...
ore e ore a discutere...
forse hai ragione tu...
ma non ti dò ragione...
Passa il tempo e le strade si dividono...
è sempre la musica a legarci...
ormai io sposato...
e tu già divorziato
con un figlio da crescere...
un amore di figlio.
Tutte le domeniche pomeriggio buttato sul nostro divano...
mi fai incazzare...
ma non voglio ammettere che riesci a tenere unito il mio matrimonio...
grazie a te dialogo e scherzo con i miei figli...
Le pause che ci offri ci fanno pensare...
ragionare...
Sei impossibile...
sfacciato...
ingenuo...
disponibile...
ficcanaso...
chiacchierone...
pettegolo...
ma sempre pronto a perdere il tuo tempo per me.
Ora ti vedo...
ti guardo...
mentre leggi il giornale seduto sul mio divano...
alzi lo sguardo e mi chiedi "che c'è?...hai detto qualcosa?"...
e torni a leggere il giornale...
Ora ti vedo...
ti guardo...
vestito con quei pantaloncini che sembrano parte di un pigiama...
quella cannottiera senza maniche...
e le scarpe classiche che si usano il mattino per andare in chiesa....
Sei unico...
inimitabile...
inconfondibile...
Talvolta ingrassi...
talvolta con quel viso un pò scavato per una dieta forzata...
e le battute...
gli scherzi...
lei che ti dice...
"fai attenzione che se l'ha intende con tua sorella"...
e insiste a ripetere questa cosa...
finchè un giorno mi prendi da parte...
e con quel tuo accento napoletano mi dici...
"Scusa...ma ti scopi mia sorella?"...
l'hai detto con quella semplicità...
con quella naturalezza che non potevo continuare a scherzare con te.
Sei stato lontano una settimana e ti ho cercato...
non succede mai...
Non stai bene?...
passerà!...
in ospedale quel vizio di alzare la voce...
non ti sopporto!...
ma poi mi manchi...
e torno a cercarti.
Non puoi farcela...
ma il tuo sguardo è sempre lo stesso...
ormai la tua voce non c'è più...
e vorrei sentirti gridare...
i tuoi occhi mi dicono cose che prima non capivo...
lei ti tiene la mano, mentre io ti guardo senza incrociare il tuo sguardo...
non voglio incrociare il tuo sguardo...
ciao a domani...
poi la telefonata...
"Nello...finalmente sta riposando!"...
ciao a domani...
ti aspetto!
ciao a domani...



7f682b32-3327-41d6-aa3b-adf05b10ae0c
Lo sò che sei qui... continuo a parlarti... solo adesso mi accorgo quanto sei importante per la mia vita... ciao... come stai?... poche volte ti ho chiesto come stai... tutti gli anni passati ad ignorarci... non ti sopporto più... e tu a dirmi "io sono qui" Credi di saper suonare la chitarra... ma...
Post
02/08/2020 15:03:34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.