Momenti surreali

08 dicembre 2018 ore 13:21 segnala
...In alcuni momenti,lui non sapeva cosa fare.
In altri si rendeva conto di chi cosa avrebbe potuto rifare.
Un'unica cosa era certa:si sentiva annebbiato,svuotato,percosso.
Non aveva pių alcun ideale.
Aspettava solo che qualcuno lo andasse a trovare,che parlasse con lui.
E a chi teneva a lui immancabilmente diceva:oggi non so chi sono,forse e' solo un brutto sogno da cui non potro' mai risvegliarmi.Mi sento appeso a un filo fragile,la liberta' non mi e' concessa.
Storia vera,dedicata ad una persona schizofrenica(molti direbbero un matto)rinchiuso in una struttura ad hoc,colma solo di medicine e di nessuna speranza.
Posso dire che,andandolo a trovare,mi ha insegnato molto.
mai fermarsi alla prima osteria,nel giudicare le persone malate di mente.
e2dcc9f6-0a5d-443d-aa7d-e598de1eae54
...In alcuni momenti,lui non sapeva cosa fare. In altri si rendeva conto di chi cosa avrebbe potuto rifare. Un'unica cosa era certa:si sentiva annebbiato,svuotato,percosso. Non aveva pių alcun ideale. Aspettava solo che qualcuno lo andasse a trovare,che parlasse con lui. E a chi teneva a lui...
Post
08/12/2018 13:21:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12

Commenti

  1. Evelin64 08 dicembre 2018 ore 15:54
    le malattie mentali sono un po' dappertutto.... per fortuna non dentro delle gabbie come ai tempi prima di Basaglia :rosa
  2. kl.imo 08 dicembre 2018 ore 20:03
    cero che si,la persona di cui parlo,purtroppo,vivena in una pessima struttura:)

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.