Ninfomania

27 agosto 2018 ore 11:06 segnala
La morbosa ricerca del soddisfacimento degli istinti sessuali nella donna (e anche nella femmina degli altri mammiferi),ovvero ninfomania.
Dopo aver scritto dell'asessualità,cioè delle persone che rifiutano il sesso,cerco di scrivere del contrario,con garbo.
Una ninfomane(satrapo e' l'uomo) cerca in continuazione sesso,anche con sconosciuti,ad libitum.
Questo perchè a monte ha avuto problemi seri,di vari natura.
Ci sono casi tristi di ragazze abusate che sono diventate ninfomani.
E' un bisogno impellente,che tra l'altro non le soddisfa.
Non tiro in ballo Freud e la sua teoria della libido,spesso contestata(Freud in fondo non era certo per il femminismo).
In alcuni casi,alcune ninfomani,con supporti psicologici,sono riuscite ad uscire da questa situazione triste.
Iniziai a curiosare su questo argomento,quando,da ragazzo a Bologna,tutti conoscevano Maria(definita la matta)una bella donna che abbordava gratis chiunque volesse avere rapporti con lei.
L'ho incontrata e anche con me ci ha provato,inconsciamente o no,ho rifiutato.
Quando lo seppero i miei "amici",mi diedero dello sfigato.
Ora,a distanza di anni,sono convinto che gli sfigati fossero loro.

35c3558a-2c91-40a5-b0bc-4a8fe74647c8
La morbosa ricerca del soddisfacimento degli istinti sessuali nella donna (e anche nella femmina degli altri mammiferi),ovvero ninfomania. Dopo aver scritto dell'asessualità,cioè delle persone che rifiutano il sesso,cerco di scrivere del contrario,con garbo. Una ninfomane(satrapo e' l'uomo) cerca...
Post
27/08/2018 11:06:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    18

Commenti

  1. dodicicmdidonna 27 agosto 2018 ore 11:44
    Da non tralasciare comunque che stiamo parlando di una Malattia e come tale va rispettata e capita.
    Sempre post interessanti. E' un piacere leggerli!
  2. klimo05 27 agosto 2018 ore 12:44
    Ti ringrazio,ho scritto con garbo,e' chiaramente una malattia e va rispettata anche chi ne soffre,questo fu il motivo per non accettai le avances di Maria.
    E' un piacere leggere anche te.
  3. avanzidizucca 27 agosto 2018 ore 12:50
    Sono d'accordo con dodicicmdidonna è una malattia, e molte donne soffrono per la loro situazione. Sicuramente c'è un qualcosa come hai detto tu, che ha scatenato ciò.
    Argomenti interessanti Klimo.
  4. klimo05 27 agosto 2018 ore 12:52
    Ringrazio anche te,faccio post particolari,spero che siano utili.
    Buona giornata
  5. EtruscanLady 27 agosto 2018 ore 14:12
    Anche io credo si tratti di una malattia l'essere ninfomane, non so da cosa venga scatenata e non essendo una psicologa non potrei nemmeno dare giudizi su certi comportamenti femminili.
    Leggendo il tuo post credo anche che tu abbia fatto bene a non accettare l'invito, imitarti altro non è che il rispetto che molti uomini dovrebbero avere nei confronti di queste donne che, nonostante tutto meritano comprensione.
    Buona giornata :-)
  6. leggendolamano 27 agosto 2018 ore 14:15
    credo tu abbia ragione, ritengo che approfittare di un bisogno patologico sia quanto di meno etico possa esistere oltre al fatto che non vedo quale piacere ci sia nell'avere rapporti con chi ti "usa".
    Il bello di un amplesso sta nella conquista e nella tensione di desidero reciproco che si crea. Non accetterò mai di essere trattato come se fossi uno psicofarmaco.
  7. leggendolamano 27 agosto 2018 ore 14:37
    Consentimi una citazione "dotta" che descrive benissimo una ninfomane. Il pezzo è tratto dalla Lupa di Verga.
    Era alta, magra, aveva soltanto un seno fermo e vigoroso da bruna - e pure non era più giovane - era pallida come se avesse sempre addosso la malaria, e su quel pallore due occhi grandi così, e delle labbra fresche e rosse, che vi mangiavano.
    "Al villaggio la chiamavano la Lupa perché non era sazia giammai - di nulla. Le donne si facevano la croce quando la vedevano passare, sola come una cagnaccia, con quell'andare randagio e sospettoso della lupa affamata; ella si spolpava i loro figliuoli e i loro mariti in un batter d'occhio, con le sue labbra rosse, e se li tirava dietro alla gonnella solamente a guardarli con quegli occhi da satanasso, fossero stati davanti all'altare di Santa Agrippina"
  8. klimo05 27 agosto 2018 ore 17:36
    Anna,ci sono sempre motivazioni per comportamenti che escono molto dalla norma,ma se tempo fa credevo in quello che diceva Freud,ora ho molti dubbi,per cui lo lascio dove sta' e come te penso che sia una malattia.Sono contento di non essermi comportato come tanti altri,nei confronti di Maria,poiche' come dici tu,il rispetto verso le donne e' basilare e in quel caso,per me lo era.
    Buona giornata a te:)
  9. klimo05 27 agosto 2018 ore 17:42
    leggendo la mano,condivido il tuo commento,giusto definire non etico non avere rapporti con chi li "usa"(questo vale anche per le prostitute costrette o no,pagare per avere amplessi)
    Mi colpisce molto il tuo:"essere trattato come fosse uno psicofarmaco".
    Ti ringrazio anche per la citazione tratto dalla "Lupa" di Verga:ci sta a pennello in questo contesto,buona giornata anche a te.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.