Lettera a un Amico

21 agosto 2017 ore 22:21 segnala

Amico Mio.........nè è passato di tempo dall ultima volta che ci siamo parlati qui..seduti davanti a un pc....a parlare di cio' che gli ultimi anni sono stati per noi....abbiamo riso...scherzato..ma anche parlato di Noi..del nostro IO..
Un bel giorno Sei scomparso.. e nel frattempo la vita ha fatto il suo corso...gli eventi hanno arricchito la nostra esistenza ...hanno lasciato la scia dei ricordi...che preferiamo dimenticare perchè sono come un marchio indelebile che niente e nessuno puo' cancellare....Ancora oggi non so il perchè sei scappato via a quel modo...so soltanto che una profonda inquitudine caratterizzavano le tue giornate...eri sempre in cerca di TE e volevi cambiare a tutti i costi....allontanare quella sofferenza da TE.
Mi hai scritto, nelle Tue lettere, il dolore e la sofferenza che per Te è stato il dover affrontare il giorno dopo e quello dopo ancora, con quel dolore che Ti gonfiava il petto fino a toglierTi il respiro e quel pensiero costante di voler cancellare a tutti i costi quella sensazione di infelicità che aveva invaso il Tuo corpo, la Tua mente e la Tua Anima quella mente invasa da un dolore pazzesco perché non riusciva a rispondere a quei perché che la torturavano, quell’Anima così nobile e fragile al contempo che non ha avuto scampo dalle conseguenze di CIO' CHE è SUCCESSO....togliendoTi la fiducia in Te stesso, classificandoTi
come un debole, portandoTi alla chiusura totale alla vita e quindi all’Amore.Un muro la cui altezza non ha limite, il cui spessore non si riesce a misurare, la cui robustezza è fuori ogni discussione. Ti sei creato un mondo tutto Tuo, dove niente e nessuno possono più entrare, né tentare di fare breccia in quella Tua corazza. In apparenza puoi sembrare una persona felice, in apparenza puoi sembrare un Uomo brillante, ma dietro a quella bella maschera che indossi quotidianamente si nasconde un Uomo provato dalla vita, provato nel suo Io, Dietro a quella maschera si nasconde l’Uomo che Sei sempre stato, non quello che Ti sforzi di essere, perché la vita non è uno sforzo, la vita è ciò che ognuno di noi si porta dentro. Inutile scappare davanti all’evidenza dei fatti, inutile nascondersi dietro al dito, e ancora più inutile tentare di sorridere con le labbra, mentre i Tuoi occhi dicono tutt’altro. Sì, perché i Tuoi occhi parlano e anche se non Ti rendi conto, quel loro raccontare silenzioso dice molto di più di mille parole urlate al vento. puoi sbuffare quanto Vuoi per ingoiare le lacrime, ma infine, non puoi impedire ai Tuoi occhi di raccontare quella verità che solo il Tuo Io conosce. Un Io gratuitamente schiacciato dall’indifferenza, dalla superficialità. Un IO ferito gratuitamente..lacerato...ed è anora li da molto tempo e tenti di guarire quella lacerazione che solo Tu sai che esistono ..vorresti cancellarle ma piu Ti sforzi e piu sembra che non vogliono andar via... Il Tuo è un continuo affaticarsi, un continuo affannarsi per raggiungere quella felicità dietro alla quale stai correndo inutilmente, perché “la felicità è come una farfalla, più le corri dietro, più lei Ti sfugge… fermati, ed essa si poserà sulla Tua spalla”. Non voglio fare morali, né mi reputo in grado di poter minimamente esprimere nel mio piccolo questo pensiero, ma sappi che il Tuo dolore è anche un po’ il mio, che la Tua sofferenza mi appartiene, che il Tuo sforzarti è il mio specchio. Non ho avuto bisogno di mettermi nei Tuoi panni per riuscire a capire ciò che provi; semplicemente, perché l’ho vissuto anche io. Vedi, gli anni si susseguono uno dopo l’altro, il tempo a volte sembra quasi che voli, che ti passi accanto silenzioso; ma è proprio in quel silenzio che il tempo Ti parla, Ti parla in modo che Tu non riesci a percepirne il suono, Ti parla in modo incomprensibile, perché non riesci a collocare quell’avvenimento in quel momento storico della Tua vita. Eppure Ti garantisco, che prima o poi, la vita Ti risponde. La vita risponde sempre ai mille perché; la vita risponde sempre, perché la vita è un impegno, un impegno che non ha mai fine. Qualcuno mi dice sempre “non vi è sosta se non in cima”… sarà pur vero, ma non è importante arrivare in cima, importante è vivere la scalata per arrivarci, perché è lì che si nasconde la felicità. La felicità non assume sembianze stratosferiche, la felicità si nasconde in un uccellino che canta; si nasconde in un girasole che per nutrirsi del calore si volta verso il sole; si nasconde negli occhi di un bambino a cui viene porto un gelato; si nasconde nella mano di una persona che aiuta un altro ad alzarsi perché è caduto; la felicità si nasconde nel Tuo cuore, ma Tu non riesci a vederla, perché se pur le ferite che Ti porti dentro si saranno cicatrizzate, alcune sotto la superficie sanguinano ancora. BASTA! Sarà questa la Tua espressione nei confronti della vita che magari pensi di vivere oppure è semplicemente un atto di sopravvivenza? Perché tra il vivere e il sopravvivere c’è un abisso. Rendiamoci conto che la sofferenza fa parte della vita, che magari ci sarà sempre una persona che Ti farà soffrire, che magari ci sarà sempre un Amico a tradirti, oppure il lavoro non va come dovrebbe andare, che la famiglia non è come Tu la vorresti, magari un giorno qualcuno a Te caro parte per il paradiso celeste. Ci sarà sempre un “ma”, un “se”… ma non è così che si fa la storia. Non puoi proteggerTi contro il corso naturale delle cose; e se pensi realmente che erigendo una barriera, Tu possa fermare dietro a questa tutto ciò che potrebbe venire a nuocerti, non fai altro che soffrire maggiormente e sai perché? Perché il pensiero che dietro a quella barriera c’è la vera vita, Ti lascerebbe continuamente nel dubbio. Un dubbio atroce che non Ti permetterebbe di vivere, ma di sopravvivere semplicemente.
BASTA! Non voglio più dare niente di me;BASTA! Non voglio più lasciarmi andare; BASTA! Ho sofferto troppo, non reggo altro; BASTA! Non voglio più avere quella sensazione di non essere amato, pur donandomi completamente; BASTA! Non voglio più essere preso in giro; BASTA! Non voglio più dovermi preoccupare per un altro; BASTA! Non voglio più amare; BASTA! BASTA! BASTA! Il Tuo è un grido, un grido che fa paura, un grido di disperazione, un grido che Ti fa chiudere a riccio. Mi fa rabbia, grande rabbia, vedere radicato così profondamente il dolore dentro di Te e non poter far nulla; no, non è vero; qualcosa c’è che posso fare per te: pregare! Pregare e pregare ancora. cmq ciò che volevo dirti è semplicemente racchiuso tra queste righe. Non ho pretese, né mai ne avrò; sono solo una presenza silenziosa che desidera allietare la tua quotidianità; sono solo una donna che sa ascoltare anche ciò che non dici.. Una donna che sta scalando anche lei la montagna per arrivare in cima e sta tentando di apprezzare la salita, per quanto faticosa possa essere. Una donna che aveva detto BASTA! Una donna che sta cercando di vivere e non di sopravvivere. Una donna che sa aspettare. Una donna pronta a rimettersi sempre in gioco, pur avendo la consapevolezza che per quanto possa tentare di proteggersi dal dolore e dalla sofferenza, ha la possibilità di assaporare un attimo di felicità, di gustare un attimo di gioia, di arricchire il proprio io con l’investimento che nella vita non fallisce mai, e cioè l’Essere se stessi. Nulla può valere un attimo di felicità, nulla può valere un attimo di gioia e nulla può valere proprio l’attimo in sé, perché sono sicura che un giorno mi volterò indietro e non avrò assolutamente rimpianti perché ancora una volta avrò donato un po’ di me ad una persona Speciale.

93397fcf-da12-48fc-84e7-aea9c53f3700
« immagine » Amico Mio.........nè è passato di tempo dall ultima volta che ci siamo parlati qui..seduti davanti a un pc....a parlare di cio' che gli ultimi anni sono stati per noi....abbiamo riso...scherzato..ma anche parlato di Noi..del nostro IO.. Un bel giorno Sei scomparso.. e nel frattempo la...
Post
21/08/2017 22:21:11
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. friar 22 agosto 2017 ore 07:41
    Un racconto che fa pensare e che non mi consente di fare commen ti appropriati perchè non conosco le motivazioni del suo allontanamento. Viene fuori una figura che ha molto sofferto, che vive continui disagi, per non dire drammi, interiori, ma che si presenta sorridente, brillante, felice. Beh francamente è una maschera che stento ad accettare e che, secondo me, quella drammaticità interiore non consentirebbe di indossare. Buongiorno Lady e scusa la franchezza :rosa
  2. ladyfalco.63 22 agosto 2017 ore 07:53
    Buongiornoooooooooo :-)..sai bene che ognuno reagisce a modo Suo.....e bisogna accettare qualsiasi comportamento...specie se è un Amico...anche se non condivisibile........ :rosa perchè ci sono drammi che fanno anche perdere il senno
  3. Cristiano.47 22 agosto 2017 ore 18:32
    Questo tuo amico è "una ipocrisia di vita"...un debole, un coniglio. Sicuramente la sua pace, la sua sosta è in cima, e credo sia essere la fine dei suoi giorni la sua cima. Non può sempre far venire a galla il suo problema in ogni cosa, gli manca aprire i suoi orizzonti. Magari fa tante cose belle importanti e giuste ma al primo alito di vento sente la vocina del suo malessere. E' condannato da lui stesso per tutta la vita. Troppo severo con se stesso. :ok
  4. s.hela 27 agosto 2017 ore 21:10
    Ho letto con attenzione questa lettera ad un tuo amico ... che dire , mi auguro che passi di qui' e ti legga , hai una delicatezza incredibile nel descrivere , bravissima .
    Un ciao :rosa
    Giulia
  5. ladyfalco.63 27 agosto 2017 ore 21:12
    @Cristiano.47 parli proprio tu? e poi non si giudica maiiiiiiiiiiiiiiiii
  6. ladyfalco.63 27 agosto 2017 ore 21:16
    @s.hela Storia lunga Giulia......e datata.....Lui l ha letta al tempo ...eccome se l' ha letta......ma.....purtroppo certi Uomini si perdono davvero in un bicchier d acqua......non porto rancore...maiiiiiiiii perchè il bene porta anche a perdonare :rosa
  7. s.hela 27 agosto 2017 ore 21:19
    @ladyfalco.63
    Capisco Lady , e' proprio vero che gli uomini si perdono in un bicchiere d'acqua :-)
    Il rancore non serve , sono sempre le buone intenzioni che guidano il cammino.
    Grazie una dolce sera , complimenti per come scrivi .
    Giulia :rosa
  8. ladyfalco.63 27 agosto 2017 ore 21:21
    @s.hela Grazie a Te..Giulia.... :rosa
    Isabel :-)
  9. Alexandro58 05 giugno 2018 ore 22:44
    Commovente, mi sono rivisto in tanti particolari che hai raccontato, mi piacerebbe conoscerlo questo tuo amico, avrei da dirgli tante cose :-(
  10. ladyfalco.63 06 giugno 2018 ore 06:33
    @Alexandro58.....Vorrei tanto risentirlo anch io...solo per sapere se sta meglio...ma non si sa perchè......SI SCOMPARE
  11. Alexandro58 06 giugno 2018 ore 23:29
    Per scomparire avra avuto motivi piu che valudi. Non sempre è cio che vediamo, molto spesso si va via per paura.
  12. ladyfalco.63 07 giugno 2018 ore 06:00
    @Alexandro58..Buongiorno...paura di cosa? Noi due eravamo solo ottimi Amici....null' altro

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.