Orvieto, Il Pozzo di San Patrizio, un tunnel verso l'aldilà?

05 gennaio 2017 ore 05:35 segnala








Papa clemente VII reduce dal sacco di Roma, decise di costruire questo profondo pozzo per assicurare l’acqua alla città di orvieto in caso di assedio. Orvieto si erge infatti su un’alta collina già di per sé inespugnabile, con questo pozzo lo divenne definitivamente. Alto circa 62 metri e largo circa 13 metri, giunge a toccare le acque delle fonti di S. Zeno. Il progetto è da attribuire a Sangallo il Giovane, un genio in fatto di architettura se consideriamo la complessa struttura del pozzo.




Esso è circondato da due indipendenti scalinate a doppia elica che non si incontrano mai. Infatti a scendere il pozzo si giunge alla zona della sorgente ed a risalire non si incontra chi ridiscende di nuovo.



Questo venne fatto per facilitarne la presa dell’acqua e non ostacolare chi andava a prendere l’acqua con chi la trasportava in superficie. Il pozzo è illuminato da 72 finestroni che danno all’intero complesso un’immagine davvero strana e inquietante.



Il nome non è casuale. San Patrizio è stato un santo evangelizzatore dell’Irlanda, una figura molto importante di transizione tra la religione celtica e il cristianesimo, si diceva che pregava nei pressi di una caverna molto profonda che si trovava in un isolotto dell’isola di Derg, nell’Irlanda nord-occidentale, perché solo lì poteva essere in contatto con l’aldilà.



Si dice che Cristo stesso gliel’abbia indicata, come porta per il mondo degli spiriti. Fu chiusa dal papa nel 1457, perché era divenuta meta di “troppi pellegrini”. Ed ecco che il Pozzo di S. Patrizio diviene un tunnel di contatto con l’altra parte del mondo, non quello materiale, ma quello spirituale



Scenderne la scalinata ti riporta infatti verso l’ignoto, verso la profondità della terra, un lungo viaggio nel buio dove alla fine si incontra l’acqua la fonte della vita. Non per nulla non venne realizzato mattone su mattone ma scavando direttamente nella nuda terra, come appunto la caverna di San Patrizio.



Sull'entrata la scritta

"QUOD NATURA MUNIMENTO INVIDERAT INDUSTRIA ADIECIT"
("ciò che non aveva dato la natura, procurò l'industria")




BENE, QUI FINISCO CON IL POZZO DI ORVIETO ED INIZIO CON QUELLO IRLANDESE.



Una storia a sé stante è quella del Pozzo di S. Patrizio, entrato da secoli a far parte dell’immaginario comune come metafora di infinita ricchezza.
Da cosa nasce questa immagine?
Secondo una leggenda medioevale, il cosiddetto pozzo di san Patrizio era una caverna molto profonda che si trovava su un isolotto del Lough Derg, nell’Irlanda nord-occidentale.



Qui San Patrizio era solito ritirarsi in preghiera e si narra che Cristo gli aveva indicato la caverna per far vincere l’incredulità dei fedeli poco convinti a proposito delle pene dell’aldilà: chi fosse riuscito a raggiungerne il fondo, superando una serie infinita di prove, avrebbe ottenuto la remissione dei peccati e l’accesso a un luogo di delizie e infine al Paradiso.
L’isola del Lough Derg è meta di moltissimi pellegrini ancora oggi, ma la grotta fu chiusa nel 1457 per ordine di Papa Alessandro VI.






qui San Patrizio avrebbe trascorso, secondo la tradizione, quaranta giorni di preghiera e digiuno e si narra che Cristo gli aveva indicato la caverna per far vincere l’incredulità dei fedeli poco convinti a proposito delle pene dell’aldilà: chi fosse riuscito a raggiungerne il fondo, superando una serie infinita di prove, avrebbe ottenuto la remissione dei peccati e l’accesso a un luogo di delizie e infine al Paradiso.



L’isola del Lough Derg è meta di moltissimi pellegrini ancora oggi, ma la grotta fu chiusa nel 1457 per ordine di Papa Alessandro VI.
Nel periodo dei pellegrinaggi (tra giugno e agosto), l’isola è accessibile solo ai fedeli, che vi soggiornano per tre giorni e tre notti, cibandosi solo di the e toast.




LA CATTEDRALE DI SAN PATRIZIO

bb838f75-5e94-4aab-bb26-b724de3b42e9
« immagine » « immagine » « immagine » « video » Papa clemente VII reduce dal sacco di Roma, decise di costruire questo profondo pozzo per assicurare l’acqua alla città di orvieto in caso di assedio. Orvieto si erge infatti su un’alta collina già di per sé inespugnabile, con questo pozzo...
Post
05/01/2017 05:35:03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. antioco1 05 gennaio 2017 ore 12:00
    ci sono stato tre volte ad Orvieto stupendo ciao Virg
  2. LaFataDelleAcque 05 gennaio 2017 ore 12:47
    @antioco1
    io prtroppo mai! e mi dispiace perchè deve essere bellissimo.
    Ciao anti

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.