Cogli l’attimo

11 novembre 2014 ore 08:41 segnala


“La vita è breve: evitiamo, dunque, programmi troppo estesi: ogni giorno, ogni ora ci mostra la nostra nullità e ricorda a noi smemorati, con qualche nuovo argomento, la nostra fragile natura. Allora noi, che facciamo programmi come se la nostra vita fosse eterna, siamo costretti a pensare alla morte. Si volge, infatti, ad attendere il futuro solo chi non sa vivere il presente.”
0cda5de4-d655-417b-8aa7-f61fc47ce67d
« immagine » “La vita è breve: evitiamo, dunque, programmi troppo estesi: ogni giorno, ogni ora ci mostra la nostra nullità e ricorda a noi smemorati, con qualche nuovo argomento, la nostra fragile natura. Allora noi, che facciamo programmi come se la nostra vita fosse eterna, siamo costretti a p...
Post
11/11/2014 08:41:51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5

Commenti

  1. highlanderII 06 dicembre 2014 ore 21:23
    Persa nel buio della notte, persa senza via di ritorno persa in questo buio che mi spaventa... dove sono? Non lo so e mi spaventa. Come ho fatto a perdermi? Non ho risposta, non vedo la speranza, non vedo luce, angoscia di questa notte che mi lascia imperita, persa nella paura. Aspetto invano un segno che mi riporti a casa. Aspetto nel buio di questa notte un po' di luce che mi riporti a casa. Per non perdermi più nel buio di una notte........-- Susan Randall ()


    http://youtu.be/5pFDROqjFvQ

    In un tempo che non sa di sé-
    poesia di Nadezhda Slavova,
    musica- Nocturno-Chopin

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.