La luce in fondo al tunnel

20 maggio 2020 ore 21:47 segnala
A piccoli passi, o forse è meglio dire "fasi", stiamo tornando a vivere una vita quasi normale: bar e ristoranti, seppur con limitazioni, hanno riaperto così come parrucchieri, barbieri ed estetiste e, finalmente, molte persone potranno sistemarsi quelle masse informi di capelli che adornavano i loro capi come i colbacchi delle Coldstream Guards inglesi.

I runners irriducibili, dopo aver consumato le piastrelle dei loro balconi, sono tornati a sgambettare allegramente nei parchi, i ciclisti inguainati nelle loro tutine aderenti possono finalmente tornare a far bestemmiare gli automobilisti lungo le strade ed i single possono tornare a godersi il sesso in compagnia delle loro amanti, concedendo così requie ai loro tunnel carpali.

Molto probabilmente riusciremo a goderci un'estate relativamente tranquilla ma...evitate comunque di infilare la lingua in bocca a chi starnutisce e/o tossisce: se proprio volete manifestargli il vostro affetto, sostituite il bacio con una sessione di sesso orale che, a quanto pare, là sotto il virus non si prende.

Pur appartenendo a coloro i quali pensano che tra qualche settimana si potrebbe pure andare in giro senza essere bardati come se dovessimo maneggiare il virus dell'ebola, sono convinto che a settembre/ottobre avremo ancora a che fare con il nostro "amico" e fedele al detto "prevenire è meglio che curare" è bene prepararsi fin da ora a quello che (probabilmente) ci aspetterà.

L'emergenza da Covid19 ha mostrato chiaramente chi sono le persone con minori probabilità di contrarre il virus; caratteristiche fino a ieri osteggiate e derise, si sono rivelate cruciali per la sopravvivenza.
Ecco un vademecum (era una vita che sognavo di scriverne uno anche io) da studiare e mettere i pratica non appena inizieranno a tornare in TV i virologi, sperando che ora si tolgano dal cazzo che non ne posso più: sono riusciti a farmi rimpiangere i cuochi, il ché è tutto dire.

#1 - coltivate la misantropia
È fin troppo ovvio:
meno persone incontrate e meno probabilità avrete di venire contagiati.

#2 - praticate l'ozio
Che scritto così potrebbe quasi sembrare un ossimoro.
I pigri sono quelli che nei lockdown stanno meglio di tutti gli altri perché non faticano a stare in casa sul divano a fare un cazzo, anzi ne sono felici e lo vivono con gioia.

#3 - lavatevi di meno
Se puzzate come una malga alpina le persone vi staranno alla larga: più emanerete cattivo odore e più le persone si manterranno a distanza da voi.

#4 - mogli e buoi dei paesi tuoi
Se siete single e vivete, quindi, sole, cercatevi amanti in zona:
almeno uno/a nel comune di residenza, per il periodo di lockdown, uno/a o due in provincia o in regione, per quando inizierà la fase 2.

#5 - adottate un cane
Si sa che la pigrizia è una virtù (come l'intelligenza, stando ad uno studio pubblicato tempo fa) più comune tra i gattofili; se siete quel genere di persona che sclera a rimanere in casa, adottate un cane, così da avere un valido motivo per uscire durante i lockdown.

#6 - fate sesso 2 volte la settimana
Uno studio condotto svolto presso la Wilkes-Barre University in Pennsylvania dagli psicologi Carl Charnetski e Francis Brennan ha dimostrato che fare sesso una/due volte la settimana aumenta i livelli di immunoglobulina A (IgA), la prima linea di difesa dell’organismo contro i virus del raffreddore.

#7 - fate sesso anche più di due volte la settimana
Lo stress abbassa le difese immunitarie; il sesso abbassa lo stress, quindi: "less stress, more sex".

E funziona eh… Io metto in pratica queste piccole regole ed oltre ad essere anni, se non decenni, che non vengo colpito da virus influenzali, ho passato il lockdown serenamente.
Beh in realtà non le metto in pratica tutte:
ho la pessima abitudine di curare l'igiene personale ed ho amanti fuori dal comune (anche in senso geografico) il ché ha messo a dura prova la la resistenza dei miei arti superiori, principalmente il destro, ma per il resto lo confermo: funziona.

9780d96e-effd-4bc2-9888-972bb686e738
A piccoli passi, o forse è meglio dire "fasi", stiamo tornando a vivere una vita quasi normale: bar e ristoranti, seppur con limitazioni, hanno riaperto così come parrucchieri, barbieri ed estetiste e, finalmente, molte persone potranni sistemarsi quelle masse informi di capelli che adornavano i...
Post
20/05/2020 21:47:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. ombra.dargento 20 maggio 2020 ore 22:06
    :yoyo :yoyo :yoyo
  2. LazyNik 20 maggio 2020 ore 22:16
    :-)))

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.