assonanze e dissonanze

17 agosto 2018 ore 11:38 segnala

lo stridore con il quale siamo vivendo questi ultimi giorni di vacanza, la scoperta che sotto un'apparenza di normalità esistono cancri nascosti, che come crollano i ponti crolla la fiducia, mi porta a pensare che le assonanze vacanziere diventano dissonanze la cui fragorosa tragicità soverchia la chiassosa ridancianeria.
Ci voleva un ponte crollato con tutta la sua tragicità a scoperchiare la fragilità di un paese?
Può una infrastruttura mettere in ginocchio una società?
Può una società inginocchiarsi alla speculazione finanziaria?
Possiamo noi continuare ad unirci al "Sonito di mille voci" o dobbiamo diventare voce fuori dal coro finchè il coro diventeremo noi?
Vorrei tanto che le attuali dissonanze possano diventare nuove assonanze e se un ponte crollato potrà consentire di scoperchiare il marcio nascosto sotto al cemento allora vorrà dire che quelle povere vite non saranno morte invano.
166322a2-5efe-4159-9c64-31d122c36b0d
« immagine » lo stridore con il quale siamo vivendo questi ultimi giorni di vacanza, la scoperta che sotto un'apparenza di normalità esistono cancri nascosti, che come crollano i ponti crolla la fiducia, mi porta a pensare che le assonanze vacanziere diventano dissonanze la cui fragorosa tragicità...
Post
17/08/2018 11:38:01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    3

la forza nel nulla

01 agosto 2018 ore 19:49 segnala


delle volte mi chiedo se la forza del nulla sia la capacità di farsi scivolare addosso i problemi facendo in modo che non penetrino nella carne e nella mente,
come rivestendosi di domopack trasparente, sdrucciolevole ed impermeabile.
Riuscire a farlo in due sarebbe il massimo, protezione reciproca e calore avvolgente, in un isolamento totale dal mondo.
Estraniazione totale verso il nulla.
Fuga dalla realtà.

Ci penso e mi dico....."non fa per me"
credo che la forza del nulla sia in effetti la maggiore debolezza , il riconoscimento di un fallimento, dell'incapacità di vivere, convivere e condividere.
Il domopoack lo lascio alle fantasie e alle suggestioni.
Nella pratica ci avvolgo solo gli avanzi.

25ae59fe-6def-48f3-b801-3b9c3735b303
« immagine » delle volte mi chiedo se la forza del nulla sia la capacità di farsi scivolare addosso i problemi facendo in modo che non penetrino nella carne e nella mente, come rivestendosi di domopack trasparente, sdrucciolevole ed impermeabile. Riuscire a farlo in due sarebbe il massimo, protez...
Post
01/08/2018 19:49:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    5

Lettura erotica

27 luglio 2018 ore 00:19 segnala

Da giorni sui muri delle grandi città campeggiano manifesti che ritraggono 50 quadratini grigi con la domanda “che cosa vi ricorda questa immagine”?
E così ovvio rispondere 50 sfumature di grigio ed è altrettanto ovvio il richiamo subliminale ad un messaggio erotico.
Bastano dei quadratini di un grigio diverso per stimolare retropensieri di tipo erotico più o meno fantasiosamente ricostruiti.

Le 50 sfumature sono quindi solo un pretesto di marketing per pilotare i pensieri di possibili acquirenti.
Lettura e letteratura erotica campeggiano anche fra le pagine di questo sito e le più accanite lettrici o autrici sono proprio le donne.

Alle donne non è dato di essere esplicite, rischierebbero di essere mal giudicate, ecco allora che l’erotismo resta sepolto, nascosto e mascherato. il pudore spudorato esce la dove può uscire e dove può fare meno danni: nella fantasia. Ecco perché i libri e letture erotiche trovano nel pubblico femminile la più vasta platea.
Le pagine di un libro diventano quindi le ali per volare oltre i limiti del lecito o di quello che viene ritenuto tale.


A me comunque hanno sempre insegnato che la pratica vale più della grammatica. Mai come in un caso simile questo detto trova gradevole applicazione pratica
98f8ee78-db6c-4eb5-b845-b9429c783753
« immagine » Da giorni sui muri delle grandi città campeggiano manifesti che ritraggono 50 quadratini grigi con la domanda “che cosa vi ricorda questa immagine”? E così ovvio rispondere 50 sfumature di grigio ed è altrettanto ovvio il richiamo subliminale ad un messaggio erotico. Bastano dei qua...
Post
27/07/2018 00:19:40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    3

la resilienza :la forza della debolezza

19 luglio 2018 ore 14:55 segnala


dunque, cosa è mai la forza?
Tralasciamo i concetti di forza intesa come grandezza fisica di cui "nun me pò fregà de meno" anche se è vero che molti rapporti umani, se non la quasi totalità, si basano proprio su questo.

Io parlo di forza interiore, parlo di capacità di stare al di sopra dei problemi e al di sopra delle complessità relazionali, parlo in altre parole di "resilienza" di capacità di adattamento al mutare delle condizioni di vita ed, ovviamente, delle condizioni relazionali.

Chi è sopravvissuto al "deep impact" che ha stravolto la terra milioni di anni fa?
non certo i fortissimi dinosauri che si sono estinti, ma gli animali piccoli che hanno saputo adattarsi agli stravolgimenti climatici ed ambientali.

"La resilienza, termine derivato dalla scienza dei materiali e indicante la proprietà che alcuni materiali hanno di conservare la propria struttura o di riacquistare la forma originaria dopo essere stati sottoposti a schiacciamento o deformazione, in psicologia connota proprio la capacità delle persone di far fronte agli eventi stressanti o traumatici e di riorganizzare in maniera positiva la propria vita dinanzi alle difficoltà. Non è quindi solo capacità di resistere, ma anche di “ricostruire”la propria dimensione, il proprio percorso di vita, trovando una nuova chiave di lettura di sé, degli altri e del mondo, scoprendo una nuova forza per superare le avversità." (cit)

Quindi la nostra forza sta nel viverci e ricostruirci per quello che siamo e per quello che vogliamo essere.
Se mi si chiedesse se penso di possedere questa forza mi avvarrei della facoltà di non rispondere.
9c542120-9bfc-48aa-8368-22bb36f14369
« immagine » dunque, cosa è mai la forza? Tralasciamo i concetti di forza intesa come grandezza fisica di cui "nun me pò fregà de meno" anche se è vero che molti rapporti umani, se non la quasi totalità, si basano proprio su questo. Io parlo di forza interiore, parlo di capacità di stare al di s...
Post
19/07/2018 14:55:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
  • commenti
    comment
    Comment
    9

la forza della debolezza

16 luglio 2018 ore 15:17 segnala


"Tu sarai amato, il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza, senza che l’altro se ne serva per affermare la sua forza."

Leggevo questa frase attribuita a Cesare Pavese che mi ha colpito per la sua semplice verità.
Forze debolezza sono termini che molto spesso vengono travisati o strumentalizzati.
Cos'è la forza se non la capacità di essere se stessi sopra ogni condizionamento? cos'è la debolezza se non l'incapacità di esserlo?
E' più forte chi comanda o è più forte chi ubbidisce?
E' più forte il sottomesso o è più forte il dominante?
per ora lancio solo queste domande, le mie risposte nei prossimi post.
3b78a461-f057-4d9c-a6a9-c7cc729f12c1
« immagine » "Tu sarai amato, il giorno in cui potrai mostrare la tua debolezza, senza che l’altro se ne serva per affermare la sua forza." Leggevo questa frase attribuita a Cesare Pavese che mi ha colpito per la sua semplice verità. Forze debolezza sono termini che molto spesso vengono travisat...
Post
16/07/2018 15:17:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    4

fiat voluntas tua

13 luglio 2018 ore 00:04 segnala


sia fatta la tua volontà.
Ma tua di chi?
Vi è mai balenata nella mente l'idea che quella che ritenete essere una vostra scelta di fatto altro non sia che il risultato di abili manipolazioni altrui?
Vi è mai capitato di essere spinti a praticare delle scelte o a troncare un rapporto per esasperazione per poi sentirvi dire "E' stata una tua scelta, lo hai fatto di tua volontà!"

Vi è mai balenata nella testa l'idea di essere volontariamente involontari?

A me capita quotidianamente ed è un errore e quale continuo a cadere per orgoglio e per stupidità.
la chiamo dominazione dal basso.
Ma forse sono contento di essere così perché alla fine , che sia volontà mia o di altri, l'esito è comunque quello migliore….a meno che subliminalmente, non ci si ritrovi nel mezzo di una manipolazione mediatica… quella si che non la sopporterei

specchio delle mie brame

09 luglio 2018 ore 00:32 segnala

Quando ti guardi allo specchio e non ti riconosci o non vuoi riconoscerti non è perchè sei cambiato fuori ma perchè sei cambiato dentro.

Se lo osservi con attenzione ti accorgi che lo specchio non radiografa il corpo ma ha la capacità di scansionare l'anima.

Ti vedi diverso, ti vedi cambiato, ti vedi...ma non vorresti vederti e allora menti a te stesso.

Mentre un vampiro non si può specchiare perchè morto ed incorporeo, chi muore nell'anima può ancora usare lo specchio perchè almeno il corpo gli resta.
Non so ....forse preferirei essere vampiro...
0378fa5d-2a47-4d37-a010-599cfd83f448
« immagine » Quando ti guardi allo specchio e non ti riconosci o non vuoi riconoscerti non è perchè sei cambiato fuori ma perchè sei cambiato dentro. Se lo osservi con attenzione ti accorgi che lo specchio non radiografa il corpo ma ha la capacità di scansionare l'anima. Ti vedi diverso, ti vedi...
Post
09/07/2018 00:32:26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
  • commenti
    comment
    Comment
    4

alla ricerca dell'erotismo

12 giugno 2018 ore 17:10 segnala


Qui leggo situazioni allusive, leggo di relazioni al limite del parafiliaco, leggo di donne vogliose al limite della ninfomania o maltrattate al limite della violenza psicologica...leggo di uomini ( o maschi non so) che abdicano a loro stessi pietendo carnalità di basso profilo.
Lo leggo qui, non in un sito a luci rosse.
Lo leggo andando oltre le parole scritte, lo leggo nel detto e non detto, e nelle situazioni di rapporti inespressi ed incompleti, nelle insoddisfazioni relazioni di amori non amori e di non amori scambiati per amori o millantati come tali.
Leggo paura di conoscersi e riconoscersi, leggo ciò che non vorrei leggere: ricerca dell'altro prima della ricerca di se stessi.
Credo che solo sapendo chi siamo possiamo sapere chi e cosa vogliamo.

Tu che mi stai leggendo ora sai chi sei e cosa vuoi?
Sai chi vuoi e cosa stai cercando qui dentro?
Erotismo?
Amore?
Sesso?
Emozione?
Vita?

Pensaci!
da656df1-cef7-4594-9a29-84822b3e32eb
« immagine » Qui leggo situazioni allusive, leggo di relazioni al limite del parafiliaco, leggo di donne vogliose al limite della ninfomania o maltrattate al limite della violenza psicologica...leggo di uomini ( o maschi non so) che abdicano a loro stessi pietendo carnalità di basso profilo. Lo l...
Post
12/06/2018 17:10:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    12
  • commenti
    comment
    Comment
    24

la teoria dell'unione

11 giugno 2018 ore 21:33 segnala

Questo avrebbe dovuto essere un semplice commento ad un post dedicato a Bafometto che probabilmente è stato rimosso dall'autore.

Non ritrovandolo ne faccio un post.

Si parlava della divinità che si dice fosse venerata dai templari che rappresentava in qualche modo una emanazione diabolica.

Io la riporto ad un livello pagano senza necessariamente cercavi una valenza di tipo religioso.

Parlo della quindicesima lama dei tarocchi: il diavolo che poco ha di diabolico se non l'iconografia presa in prestito dalla chiesa cattolica per "demonizzare" il dio PAN (simbolo della lussuria in quanto non faceva altro che insidiare con successo le ninfette mitologiche.)

Se vogliamo analizzare il simbolismo dell'immagine vediamo la riconduzione all'unico (una sorta di essere androgino mitizzato da Platone)..... la femminilità e la mascolinità unite in un unico corpo, i satiri legati per il collo non per costrizione ma per libera scelta.
Un solve e coaugula (sciogli e consolida) scritto nella parte femminile del corpo:un angelo o un demone al lato femminile del quale è data la capacità di sciogliere e di ricreare mentre a quella maschile è data quella di concretizzare su solide basi di razionalità e ragione.

Io ci vedo metafora dell'unione,vi vedo l'alchimia del vero amore, ci vedo il tutto alchemico della tavola di smeraldo

Leggendo
cb49c3db-77a4-4943-9c8c-ddaf5e9c8f7f
« immagine » Questo avrebbe dovuto essere un semplice commento ad un post dedicato a Bafometto che probabilmente è stato rimosso dall'autore. Non ritrovandolo ne faccio un post. Si parlava della divinità che si dice fosse venerata dai templari che rappresentava in qualche modo una emanazione dia...
Post
11/06/2018 21:33:50
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment

Amore, faresti tutto per me?

03 giugno 2018 ore 22:41 segnala


“Amore….faresti tutto per me?”
Non so se vi hanno mai fatto questa domanda e se ve l’hanno fatta non so come e se il Vostro rapporto sia sopravvissuto.

Amore ….faresti tutto per me?
E’ la domanda peggiore che vi potrebbero fare perché , essendo intrinsecamente egoistica, chi la pone si aspetta una risposta sostanzialmente altruistica per cui, qualunque risposta che non fosse “certamente amore mio…!” sarebbe sbagliata a prescindere.

Amore …..faresti tutto per me?
Questa domanda potrebbe rappresentare l’inizio della fine del vostro rapporto, cerchiamo di analizzare il perché e le ripercussioni delle varie risposte possibili.

Soluzione 1) certo amore mio, farei tutto per te, amare vuol dire non avere limiti..
Lei : felice della conferma . Riceve una promessa , un credito esigibile una sorta di cambiale.
Lui: alla riprova dei fatti si rende conto che la promessa non può essere rispettata perché quel “tutto” non può essere “tutto” e non può onorare la cambiale.
Lei: vedendo il credito non onorato, dirà:"vedi? Lo sapevo che non mi ami, se tu mi amassi come io amo te faresti tutto per me
Conclusione: lei chiede, lui non da o fa: ergo…..rapporto troncato.

Soluzione 2) no amore mio, anche se ti amo non farei tutto.
Lei: “vedi? Lo sapevo che non mi ami, se tu mi amassi come io amo te faresti tutto per me “
Lui: “amore mio, io non posso promettere ciò che non posso mantenere"
Conclusione: Lei non si sente amata come vorrebbe: ergo……rapporto troncato

Soluzione 3) amore mio farei tutto ciò che ritengo giusto fare.
Lei: vedi…tu credi chi io ti possa chiedere cose ingiuste….che opinione hai di me?...... come puoi pensare che faccia cose simili…?"
Lui: "amore, non dico che le cose ingiuste me le debba chiedere tu ed in ogni caso ho le mie idee e la mia autonomia, ritengo di avere il diritto scegliere cosa sia giusto fare per te e cosa non lo sia;"
Lei: “ vedi? Lo sapevo che non mi ami, se tu mi amassi come io amo te faresti tutto per me
Conclusione: Lei non si sente amata come vorrebbe: ergo……rapporto troncato

conclusione della conclusione: se vi dovessero chiedere “amore faresti tutto per me” potete mettere la parola fine sul vostro rapporto, mettetivi l’anima in pace.


Per amore farei di tutto... salvo perdere la stima di me stesso....
e99f93ff-0588-4e6b-8bd6-7287334296b9
« immagine » “Amore….faresti tutto per me?” Non so se vi hanno mai fatto questa domanda e se ve l’hanno fatta non so come e se il Vostro rapporto sia sopravvissuto. Amore ….faresti tutto per me? E’ la domanda peggiore che vi potrebbero fare perché , essendo intrinsecamente egoistica, chi la pone...
Post
03/06/2018 22:41:45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
  • commenti
    comment
    Comment
    6