intimità

21 novembre 2016 ore 18:00 segnala


Lei era stufa di guardarsi allo specchio e vedere solamente un volto, lei era stufa della sua esteriorità, di capelli da mettere a posto, di trucco da sistemare, di quella ruga da nascondere e di un altro segno del tempo da mascherare.

Era stufa di guardarsi per guardare quello che gli altri dovevano vedere.

Era stufa di apparire per essere, voleva finalmente poter essere senza apparire.

Essere lei, donna , nella sua intimità, nella sua essenza, vedere dove nessuno poteva vedere, guardare dove pochi avevano potuto guardare e soprattutto dove neppure lei aveva mai guardato.

Uno specchio che non restituisse un volto ma una emozione ed una sensazione,
uno specchio che riflettesse ciò che lei per pudore aveva sempre nascosto a se stessa : la propria femminilità.

L'intimità di un gesto e di un desiderio represso era ora palesemente e impudicamente esposto alla propria vista: quell'atto usciva dalla sfera del proibito per esplodere nella propria violenta carnalità fino ad un estasi contemplata e finalmente riconosciuta come tale.

Delle volte basta poco per intraprendere un viaggio dentro se stessi: uno specchio, uno sgabello ed un pò di impudicizia. Il dialogo e la crescita interiore può nascere anche dalla riappropriazione consapevole del proprio corpo e del proprio essere.

Leggendo..
2e8edc01-75f5-40d2-9239-0079b626fdb6
« immagine » Lei era stufa di guardarsi allo specchio e vedere solamente un volto, lei era stufa della sua esteriorità, di capelli da mettere a posto, di trucco da sistemare, di quella ruga da nascondere e di un altro segno del tempo dal mascherare. Era stufa di guardarsi per guardare quello ch...
Post
21/11/2016 18:00:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Commenti

  1. Etty73 21 novembre 2016 ore 18:09
    Si, come sempre perfettamente azzeccato, il tuo post potrebbe averlo scritto una donna tanto sei riuscito ad entrare nel profondo dell'animo femminile. Bello mi piace molto.
  2. leggendolamano 21 novembre 2016 ore 18:13
    grazie, ma la coscienza del proprio essere e le strade per arrivarci non hanno sesso. Gli uomini nel loro intimo non sono poi così diversi...
  3. vagarsenzameta 21 novembre 2016 ore 18:33
    Mi ha emozionto questo post,mi ha riportato alla mente le figure dipinte da Tolouse Lautrec,linee ai margini di figure ai margini della vita normale,eppure straordinarie,bravissimo,scritto breve ed intenso.
  4. leggendolamano 21 novembre 2016 ore 18:36
    Grazie, ma il quadro di Vittriano mi ha aiutato molto.
  5. vagarsenzameta 21 novembre 2016 ore 18:37
    Non lo conosco ma e una bella immagine
  6. Evelin64 21 novembre 2016 ore 19:23
    Certe volte basta un'immagine riflessa per farci guardare oltre cio' che si vede...
  7. leggendolamano 21 novembre 2016 ore 19:27
    Sempre che si abbia la capacità o la volontà di farlo.....
  8. vagarsenzameta 21 novembre 2016 ore 20:47
    in questo caso i pensieri oltre le immagini e le parole che scrutavo mi sono venuti automaticamente,senza volonta,anzi,di soppiatto ed inaspettatamente.
  9. leggendolamano 21 novembre 2016 ore 20:55
    Esistono pensieri che sovrastano i pensieri.
  10. dadalory 22 novembre 2016 ore 14:22
    e meno male :) se ci tolgono anche questo siamo alla catastrofe totale :) BUon pomeriggio :)
  11. leggendolamano 22 novembre 2016 ore 15:02
    grazie buon pomeriggio anche a te.... la libertà di essere noi stessi non deve togliercela nessuno, condivido....
  12. dadalory 22 novembre 2016 ore 15:06
    :bye
  13. Njlo 24 novembre 2016 ore 13:50
    Sinceramente non intraprendo un viaggio dentro me stessa mettendomi davanti allo specchio e masturbandomi. L'introspezione, scusa tanto, è un'altra cosa.
  14. leggendolamano 24 novembre 2016 ore 15:32
    Ne prendo atto ma non credo se ne debba fare una questione personale. Ognuno ha le proprie strade, le proprie problematiche, le proprie risposte alle proprie domande.
    Troppe donne vivono ancora la sessualità come un tabù. Superarlo vuol dire aprirsi verso nuove strade e nuovi orizzonti interiori che a te paia vero o no .
  15. Njlo 24 novembre 2016 ore 15:39
    Non ne faccio una questione personale e uso l'io per semplificazione. Comunque non credo che i tabù sessuali si superino con l'autoerotismo oppure siamo tutte delle superficiali che si mettono a gambe allargate davanti ad uno specchio.
    Mi fa piacere che un uomo si preoccupi tanto di darci indicazioni su come "viverci".
  16. vagarsenzameta 24 novembre 2016 ore 16:21
    Questo significa che non so usare i mezzi di espressione verbale per far apparire il mio sentimento in maniera intellegibile o che non ho affatto sentimento e cio' che dico di provare e' mera struttura e abitudine linguistica?
  17. leggendolamano 24 novembre 2016 ore 17:15
    Leggi " monologhi della vagina " ......
  18. vagarsenzameta 24 novembre 2016 ore 17:19
    Dove devo cercare in rete o in libreria?
  19. Njlo 24 novembre 2016 ore 17:37
    Sì sì, lo leggeremo.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.