ricordi

05 aprile 2018 ore 17:31 segnala

Ho attraversato in silenzio la tua strada, l’ho fatto con il pudore di un bambino ingenuo e stupito,
ho annusato l’aria che respiravi
ho guardato la luce che guardavi
ho udito i suoni che tu udivi.
Non osando ho osato essere me stesso incrociando uno sguardo che non mi apparteneva e che mai mi sarebbe appartenuto pur essendo già mio nel profondo.
Poi ............un ombrello dimenticato per non dimenticare.
Leggendo
a489a57e-5f90-4403-baa8-1f97cdc76b97
« immagine » Ho attraversato in silenzio la tua strada, l’ho fatto con il pudore di un bambino ingenuo e stupito, ho annusato l’aria che respiravi ho guardato la luce che guardavi ho udito i suoni che tu udivi. Non osando ho osato essere me stesso incrociando uno sguardo che non mi apparteneva e...
Post
05/04/2018 17:31:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13

Commenti

  1. s.hela 05 aprile 2018 ore 17:49
    E mentre leggendo cercavo di capire,
    intorno a me tutto si muoveva ed era
    il tempo che passava e come un gran
    signore , mi riportava a volte ricordi
    mai passati e sempre belli da respirare.


    Ottimo :-) Un saluto
    Giulia :bye
  2. leggendolamano 05 aprile 2018 ore 18:05
    si ma dobbiamo essere capaci di metabolizzare i ricordi per quello che sono, ricordi appunto, sapendo in partenza se sono intrisi di rimpianto, di dolcezza o, chissà... di speranza.
  3. silent74 25 ottobre 2018 ore 06:21
    ...ricordarsi l'ombrello ....
    (peccato che cmq é stupendo camminare sotto la pioggia...a piedi nudi in un parco e con l'ombrello dimenticato su una panchina.... ;-) :rosa :cuore
  4. leggendolamano 25 ottobre 2018 ore 06:43
    Bello per il senso di libertà ma di di un triste senso di solitudine
  5. silent74 01 novembre 2018 ore 12:35
    dimenticarsi è triste ..ricordarlo..per nn dimenticare é il senso della Vita ...
  6. leggendolamano 01 novembre 2018 ore 12:39
    hai colto perfettamente nel segno delle volte si dimentica qualcosa per avere una scusa per non dimenticare qualcuno.
  7. ismaell 27 febbraio 2020 ore 18:31
    I ricordi sono come onde del mare, vanno e vengono capricciosi e talvolta malevoli ci ravvicinano a un momento del passato, una voce.Tutti siamo fatti di ricordi che ci determinano e ci costruiscono,essi sono le nostre radici e delineano ciò che noi siamo.Sono speso triste,...perchè mi assale sempre un vecchio ricordo...che non riesco a dimenticare. mi assale sempre quando sento una vecchia canzone un ricordo lontano e dolce...ma anche amaro.. SONO UNA PERSONA EMOTIVA CONCLUDO DICENDO CHE SIAMO ESSERI CHE SPERIMENTIAMO CRESCIAMO MATURIAMO E APPRENDIAMO
  8. leggendolamano 27 febbraio 2020 ore 18:42
    i ricordi sono la nostra vita....sono le notra emozioni, sono le nostre speranze, sono le nostre paure

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.