Due o tre cose sul BDSM

04 luglio 2018 ore 21:17 segnala

Ormai è ufficiale. La sigla BDSM è più conosciuta di altre sigle che hanno una storia molto più antica e gloriosa come INRI, SPQR, INPS, CGL CSL e UIL. Il merito di averla fatta conoscere al mondo intero va a EL James con il suo libro: “50 sfumature di grigio”. A chi però pratica i giochi erotici di bondage, dominazione e sottomissione il romanzo non è piaciuto, perché Il BDSM è stato trattato in modo stucchevole, di maniera. Mancava la passione, la complicità, il rispetto che il BDSM ha in sé. Insomma, mancava l’anima.

In realtà, come giustamente ha detto qualcuno, la storia di Anastacia e Christian Grey è solo una fiaba romantica: Lei è una giovane donna inesperta che incontra il principe azzurro che, essendo principe, è ricco sfondato da far schifo ed essendo una fiaba dei giorni nostri, anziché scendere da un cavallo bianco scende da un elicottero di sua proprietà. Probabilmente il successo del libro (comprato per lo più da donne) non sta nel BDSM, ma nella loro semplice storia d’amore. E’ la loro storia d’amore che è centrale, il sadomaso fa da specchietto per allodole, serve solo per vendere il libro e i cultori del BDSM l’hanno notato.

Chi non conosceva il BDSM prima del libro, potrebbe pensare che il gioco consista nella dominazione dell’uomo e nella sottomissione della donna. La realtà è totalmente diversa: Il BDSM produce un fatturato enorme: Bene, la fetta più consistente proviene da articoli e prodotti di genere Mistress, dove è cioè la donna a dominare l’uomo. Si verifica la singolare convergenza di uomini e donne verso la sottomissione. Sì, perché la maggior parte delle donne e degli uomini che praticano il BDSM pendono per la sottomissione e il numero dei dominatori è sensibilmente più ridotto. Si potrebbe pensare che l’uomo che nella vita quotidiana è costretto a prendere decisioni continuamente, voglia, a letto, mettere in stand by il cervello e fare quello che gli dicono. Per le donne invece… beh, ditelo voi che siete donne…

Le statistiche dicono che in Italia sono circa 5 milioni i praticanti. Un numero molto alto se si pensa che molti non hanno il coraggio di confessare al proprio partner desideri che esulano dalla "normalità" e temono di essere considerati dei pervertiti.

Purtroppo quello che ci manca è una cultura della sessualità dovuta al fatto che noi abbiano in seno al nostro paese il Vaticano. Piaccia o non piaccia.
5235b121-712e-4e2c-b8bd-ed7a52c042c3
« immagine » Ormai è ufficiale. La sigla BDSM è più conosciuta di altre sigle che hanno una storia molto più antica e gloriosa come INRI, SPQR, INPS, CGL CSL e UIL. Il merito di averla fatta conoscere al mondo intero va a EL James con il suo libro: “50 sfumature di grigio”. A chi però pratica i gi...
Post
04/07/2018 21:17:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.