Come un'altalena

15 gennaio 2018 ore 18:19 segnala



C’è una specie di luminosità nel suo sguardo stamattina.
Si vede da come è entrato in ufficio, da come ha centrato l’attaccapanni con la giacca e da come mi ha salutato unendo pollice e indice e alzandoli alla bocca per invitarmi a prendere il caffè.
Mentre lavoriamo, ogni tanto si tocca il gesso e non può fare a meno di sorridere.
Mi avvicino e fingo di leggere il comunicato che ha davanti: una piccola scritta storta spicca sulla piega bianca dell’ingessatura, “…come un’altalena”; non riconosco quella calligrafia.
Mi ha sorpresa a sbirciare ed ecco i miei occhi cadere consapevolmente nei suoi.
“E’ vero”, sottolineo.
“Lo so”, risponde, compiaciuto.

Sta per grandinare. Siamo ancora a giovedì e io non faccio altro che pensare alla domenica passata e a quella che verrà, cercando di capire se le mie mani invecchieranno nelle sue.
Torno a sedermi, lontana dai respiri insoddisfatti degli altri; quasi tutti sono intenti a guardare fuori, dalle finestre, il vento che scuote quei Liquidambar altissimi e porta l’unica risposta sensata alle preghiere di chi ama seppure stia sbagliando: tutto cambia.
Come è giusto che sia, la grandine inizia a picchiare sul vetro alle mie spalle; il tic-tac è un sonnifero, poi una sveglia. Tic-tac, tic-tac, tic-tac, e richiamo alla mente quelle due ore di quattro giorni fa, splendide in un luogo squallido.

Settemila lire all’ora, per la riservatezza che una stanza spoglia in zona Fuorigrotta può dare.
Prima di entrare mi ero ripromessa di non cedere —non esiste cervello tra le carni delle bestie innamorate— poi ho ceduto. La luce soffusa è stata complice del suo profumo. Non riesco a dimenticare la parete fredda sulla schiena, le sue dita brave sotto il cotone, quella lingua di brace. E ho proteso le braccia, con le mani sul suo sedere me lo sono spinto contro; in quell’attimo è stato mio, solo mio. I nostri corpi impazziti, ballerini, si sono respirati addosso e lasciati andare al richiamo delle pulsioni. Le sue labbra bollenti sul collo, mentre ero la preda consenziente, mi hanno fatto aprire occhi e gambe; “ti voglio”.
La verità è che sono sempre stata troppo brava a mentirmi, perché una donna sola può creare castelli dal nulla, come può farli diventare latrine.
Mi ha portato le mutandine alle ginocchia, tirandole coi denti, mentre la sua barba precisa sfiorava la pelle; infine è risalito arricciandomi la gonna del tailleur alla vita e la sua lingua mi è impazzita dentro, poi fuori e ancora dentro, come fosse una moltitudine di pistilli ebbri di passione.
In quel momento avrei voluto essere muta —se la mente è vergine il corpo tace— invece ho strillato, beata. Mi sono amata.
Ero felice. Tremavo. Tremo, ma sto bene; chiunque lo nota!

“Ti senti bene?”
“Sì, sì certo, scusami, …Schiani?”
“Schiano, Schiano! Alberto Schiano. C’è una cessione del fabbricato, te la lascio qui. Sicura di stare bene?”
“Grazie Schiani, sto bene, …sto bene”

Sembra quasi che ogni vita altrui debba essere collegata alla mia; mi chiedo se sia possibile farli sparire in un pentolone e mescolarli sino a farli diventare un unico, insignificante, individuo da poter ignorare. Invece sono qui, sono troppi, avvoltoi che bramano lacrime, a cercare quel lembo d’infinito che possa riempire la loro stupida e abitudinaria vita: sono cravatte, cravatte strette e poi allentate, spioventi da quei colli senza testa.
I chicchi di ghiaccio sono fermi, morti, poi scivolano sul cristallo mentre altri finalmente li rimpiazzano; “forse siamo tutti immobili e deceduti, oppure ruzzoliamo lenti in qualche sacca nascosta di un qualsiasi viandante, vivi ma impotenti”. Tutto cambia e tutto resta certo.
Le mie dita non riescono a stare ferme, il nervosismo impera, i miei occhi lo cercano sempre e lo trovano distratto o altrimenti attento a tutt’altro.
Sono una poco di buono, una guasta-famiglie, una pazza, oppure un pesce d'acquario illuso; le sue parole, però, mi hanno sempre viziata:

“Troverò una soluzione, fidati di me. Mia moglie ha un altro, lo sospetto, prima o poi chiederò il divorzio”
“Io non ce la faccio più a stare così, non ho un punto di riferimento!”
“Sono io il tuo punto di riferimento. Cristo santo! ma li vedi i miei occhi? ti sembra che stia fingendo?”
“Io ti amo! lo vuoi capire? Non posso pensare che sono solo un ripiego, uno sfogo, oppure la tua distrazione dalla famiglia! Tu, tu sei instabile; sei il mio divertimento come la mia paura, un complesso d’insicurezza che mi esplode nel petto ogni volta che te ne vai, poi sei la cassaforte chiusa bene dove ripongo il mio cuore, quando ci sei. Non so definirti, non so più come definirti, sul serio…“

Poi si è rotto il braccio, chissà dove e come; eppure un mio conoscente giurerebbe di saperlo: sulle scale all’uscita di un Motel, ma non in zona Fuorigrotta.

Ha smesso di grandinare, finalmente.

Tra poco dividerò anche questo caffè, senza zucchero, facendo l’ennesimo giro di parole, sorretta dalle stesse catene fragili, attorno all’uomo che mi fa vivere, mi uccide, poi mi fa volare sussurrandomi che soffrirò, come su una giostra innocente.
Lui, ...come un'altalena.
111f468d-2353-4309-9a0c-44e007e2d44b
« immagine » C’è una specie di luminosità nel suo sguardo stamattina. Si vede da come è entrato in ufficio, da come ha centrato l’attaccapanni con la giacca e da come mi ha salutato unendo pollice e indice e alzandoli alla bocca per invitarmi a prendere il caffè. Mentre lavoriamo, ogni tanto si ...
Post
15/01/2018 18:19:13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9

Commenti

  1. Sugartunes 15 gennaio 2018 ore 19:35
    Non sarò mai sicuro abbastanza se queste sono esperienze, momenti, passioni o che so io da vivere .. La strascico di disperazione (e in alcuni casi anche morte) che comportano certe storie di autentica perversione è tale da costringermi a starmene abbondantemente alla larga .. Del resto dove l'istinto prevale sulla ragione non ci troviamo più di fronte a persone .. Mediti chi può !!
  2. Limite.Esente 15 gennaio 2018 ore 19:44
    @Sugartunes Sono pienamente d'accordo. Ho voluto provare a mettermi nei panni di una donna in questo meditare che bene o male ci riguarda tutti (a volte inconsapevoli), e, distante dalle esperienze passate, posso sottolineare "perversione" e "disperazione" come stati mentali che accompagnano certe situazioni, brevi o lunghe che siano.
    Da starne alla larga prima che il cuore prenda il sopravvento.
  3. PadreAmoth 15 gennaio 2018 ore 19:50
    Scrivi davvero bene ..
  4. Limite.Esente 15 gennaio 2018 ore 19:52
    @PadreAmoth Ti ringrazio cara :*
  5. Sugartunes 15 gennaio 2018 ore 20:02
    Potrei (ma anche no) capire una single tale da non aver nulla da perdere .. Ma in nessun modo mi sentirei di assolvere una donna sposata che sacrifica matrimonio e figli per abbandonarsi a un morto di figa, quasi sempre spiantato, di provenienza fallimentare .. Si farebbe meno male se scegliesse il suicidio l'idiotessa illusa di dare una svolta positiva alla propria esistenza ..
  6. Stella.679 20 gennaio 2018 ore 15:11
    Non so se sia tu a raccontare queste cose, ad elaborarle...ma sono parole molto toccanti , fanno riflettere su alcune realtà difficili. Complimenti!
    Tiro fuori il limoncello...
  7. Limite.Esente 20 gennaio 2018 ore 15:12
    @Stella.679 Farina del mio sacco bucato.
    Dopo brindiamo!
  8. gattamannara 26 gennaio 2018 ore 13:46
    Molto coinvolgente,complimenti, non è un tema facile questo, sul quale poter commentare..
  9. Limite.Esente 26 gennaio 2018 ore 13:47
    @gattamannara Ti ringrazio cara
  10. iocelafaro 27 gennaio 2018 ore 16:43
    poche storie...prima o poi ci caschiamo tutte e ti rimane un'amaro in bocca che non immagini, eppure avvertivi le altre e dicevi "io mai"...poi incontri uno che ti dice che però è libero,che con te si vuol impegnare e tu ci credi...non ti sei solo messo nei panni, sei la donna che scrive.
    Scrivi benissimo.
    Fremo.
  11. Limite.Esente 27 gennaio 2018 ore 16:44
    @iocelafaro Grazie mille
  12. R.ocknRolla 04 giugno 2018 ore 00:04
    Hanno già detto tutto coloro che mi hanno preceduta. Bravo davvero.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.