ATTIMI DI ...FELICITA'

29 marzo 2014 ore 11:59 segnala

INNAMORATA DELLA VITA
Nessuno è veramente solo in questo mondo: ognuno ha il suo Dio e il suo dolore a fargli compagnia.
Vorrei che anche nella vita e non solo in strada ci fossero i segnali, per sapere quando proseguire, quando girare o dare la precedenza. Ma precedenza o no! ne approfitto del fatto che ho scoperto una forza di cui non sospettavo nemmeno l'esistenza, e dico a me stessa che a partire da adesso la userò per il resto dei miei giorni.
Nella vita può accadere di smarrirmi, ma lascio che i sogni e la speranze vivano dentro me, e prima o poi scorgerò nuovamente l'orizzonte.Ciò che conta è vivere per conquistare anche un solo attimo di felicità.Voglio Innamorarmi della vita e faccio si che la mia gioia...
NON TRAMONTI INSIEME AL SOLE OGNI GIORNO. Lina Viglione
***************************
L'ALTRA PARTE DELLA MEDAGLIA.
Il mondo che io vorrei cammina con l'ausilio di una stampella e io faccio il possibile per tenermi in equilibrio ma sempre in allegria .Questo è il mio modo di essere e voglio descrivere il mio personale concetto di felicità.
Mi ritengo una persona tranquilla ,a volte allegra a volte incazzata - enigmatica ,ma non troppo- Spiritosa,ma quando serve.
Sono determinata-testarda - generosa Spesso pensierosa, conformista e pure altruista- Odio L'indifferenza - Non Amo il dolce far nulla- Mi piace stare in mezzo alla gente e ridere di niente,e se a volte sembro un pochino sciocca… pazienza .
E il fatto che a gli occhi delle gente sembro felice e se lotto per esserlo poco importa: Ma intendiamoci :che io lo sia davvero è tutto da vedere .L'altra parte della medaglia? al momento trovo superficiale descriverla, visto che prevale quella sopra citata....
E VI SEMBRA POCO? FELICE GIORNO A TUTTI . LINA Viglione
:kissy
62686a8a-8520-4f82-98e3-77c85282aedf
« immagine » Nessuno è veramente solo in questo mondo: ognuno ha il suo Dio e il suo dolore a fargli compagnia. Vorrei che anche nella vita e non solo in strada ci fossero i segnali, per sapere quando proseguire, quando girare o dare la precedenza. Ma precedenza o...no! ne approfitto del fatto che...
Post
29/03/2014 11:59:14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Commenti

  1. Lina14 23 agosto 2014 ore 17:46
    E dire che non basta un'intera vita per scrivere le cinque parole di un verso poetico, che nella loro profondità scavano nel proprio dell'animo e in quello degli altri .Ed io non leggo le poesie degli altri per cercare nuove idee ma per illuminare ciò che già sò e attraverso le parole e i pensieri degli altri riesco a far luce su certi aspetti di me stessa calati nel profondo , invisibili ma già presenti nella mia mente. Da questa sensibilità nasce la "poesia " che non sarebbe tale se non toccasse le corde delle emozioni ,della inquietudini , e del rapporto col divino . La poesia è un rigurgito improvviso di parole che escono dal cuore senza che si riesce a fermarle, un fiotto improvviso di sensazioni tramutato in scrittura, di pensieri che escono insieme al respiro con dita che scivolano sulla tastiera, parole che scaturiscono come un fiume in piena.Ecco! Come nasce la " poesia" Non c'è un perchè c'è solo il bisogno di dire che nasce dal nostro "io".Io le scrivo di getto,Con una penna trasferisco su un foglio emozioni dettate dalla mia anima. L'importante e chi legge ciò che scrivo percepisce la parte più profonda ed intensa di me .Lina Viglione :inchino
  2. Lina14 23 agosto 2014 ore 17:47
    IL TRASLOGO DELLA VITA
    Non cerco convinzioni se esse dipendono da altri, ma li cerco dentro di me . La migliore forma di convinzione è lavorare su di me .La vita è fatta di successi ma anche di insuccessi, e io devo accettare sia gli uni che gli altri perchè gli insegnamenti provengono da tutte le fonti . Solo io so cosa può rendermi felice, e cos'è giusto per per me .Io non dico di saper vivere meglio di altri ,e non penso neppure di essere in grado di insegnare qualcosa e dare nessun consiglio in merito . Anzi, sono io che umilmente chiedo aiuto facendomi una domanda, "c'è qualcuno che conosce un altro mondo per me"? Poi il trasloco lo faccio da sola.Scrisse un saggio:Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l'ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.Poi che Accettare il fallimento è un'attitudine da vincenti.Lina Viglione
    :bye
  3. Lina14 23 agosto 2014 ore 17:48
    Amo le mani che sanno accarezzare. Mani che rubano una lacrima. Mani piccole e innocenti che esplorano il mondo in una sola stretta di mano .Mani che stringono una rosa per donarla agli altri .Mani che si cerchiamo nel buio che accendono una vita- ma mai per portarla via . Quante mani in questo mondo di diversi colori Ho! Mio Dio! che bello sarebbe se solo si potesse stringerle tutte insieme tante mani. Che dolce scherzo che la natura ha voluto inventare per fermare i discorsi quando le parole diventano troppo inutili. Carezze baci , stette di mano che vengono dal cuore e sono molto più importanti di mille parole.Con strette di mano e baci si possono esprimere tutti quei sentimenti che a volte non si riescono a dire e si può esprimere tutto ciò che si prova. E gratuido e fa bene al cuore! Lascio a voi che mi leggete un sorriso e una carezza Lina Viglione :bye

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.