Cento modi...

02 luglio 2013 ore 06:27 segnala
di dirti buonanotte.
Che sara' bello risentirti domani.
Che sara' triste non esserti stato d'aiuto.
Che e' magico immaginarti.
Che i lupi staranno lontani da casa.
Che sto gia' pensando a cosa scrivere, domani.
Che pensavo non mi avresti guardato...e invece.
Che sarai un aquila, se non domani, dopodomani.
Che vorrei dirtelo a voce, ma accontentati....
Buonanotte.
6978a49f-edc6-4f38-9e0d-c72a8456b773
di dirti buonanotte. Che sara' bello risentirti domani. Che sara' triste non esserti stato d'aiuto. Che e' magico immaginarti. Che i lupi staranno lontani da casa. Che sto gia' pensando a cosa scrivere, domani. Che pensavo non mi avresti guardato...e invece. Che sarai un aquila, se non domani,...
Post
02/07/2013 06:27:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment

Vorrei..

01 luglio 2013 ore 14:34 segnala
..essere uno scoiattolo: entrerei nella tua casa e tu, saresti carina con me.
Mi accarezzeresti e il tuo sguardo avrebbe vita.
Vorrei essere strano e inusuale, agitare la tua vita, ravvivare le pareti del tuo io, farti battere velocemente il cuore, buttare all'aria le sicurezze, i tuoi piatti e i letti fatti.
Vorrei essere un ladro, entrare nella tua casa, e rubarti quelle poche cose care che conservi, per restituirtele. le cose di tutti i giorni diventano importanti, quando qualcuno te le porta via.
Vorrei, dunque vederti rivivere, correre trafelata per un ritardo, e sognare di rifare il mondo.
8f091755-dbd0-4882-b58a-bb0adf89cacd
..essere uno scoiattolo: entrerei nella tua casa e tu, saresti carina con me. Mi accarezzeresti e il tuo sguardo avrebbe vita. Vorrei essere strano e inusuale, agitare la tua vita, ravvivare le pareti del tuo io, farti battere velocemente il cuore, buttare all'aria le sicurezze, i tuoi piatti e i...
Post
01/07/2013 14:34:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
  • commenti
    comment
    Comment
    2

L'aquila

01 luglio 2013 ore 11:13 segnala

La mia amica e' un'aquila, un'aquila che ha scordato il volo; zampetta nell'aia come un grosso pollo, e ricorda i fasti passati. Ed io, mi sforzo di farle ricordare del colore del cielo, dell'aria che la sosteneva, della sua maestosa planata.
Ogni tanto, saltella e rimbalza, e i suoi occhi mi cercano, quando non ci sono: anche io sono diventato un'abitudine, e so, che prima di morire, lei, spicchera' il volo, e se ne andra', ricordando che un'amico e' una cosa che c'e' quando i venti sono bassi, e che va via quando sei alta nei cieli.
e8444a28-9e9c-4f0d-a4c7-7a6f1f785e7e
« immagine » La mia amica e' un'aquila, un'aquila che ha scordato il volo; zampetta nell'aia come un grosso pollo, e ricorda i fasti passati. Ed io, mi sforzo di farle ricordare del colore del cielo, dell'aria che la sosteneva, della sua maestosa planata. Ogni tanto, saltella e rimbalza, e i suoi ...
Post
01/07/2013 11:13:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment
    1

Allegria

29 giugno 2013 ore 18:16 segnala

Dio, che bel videt,
fresca,
a ta ridan i occ e te se bela da muri',
a mori, par ul cor che stonfa,
e ho prega
perche' te fudesat inscii.
Ma fa che sia inscii
anca duman:
l'incoo,
duman,
al sara' nagott.


Dio, che bello vederti,
fresca,
gli occhi sembrano sorridere, e sei bella da morire,
e ho pregato
perche' tu fossi cosi', davvero.
Ma, fa che tu rimanga cosi
anche domani:
l'oggi,
domani,
non sara' nulla.
58415f4f-7a23-4acb-8eb0-39a04dd6bacb
« video » Dio, che bel videt, fresca, a ta ridan i occ e te se bela da muri', a mori, par ul cor che stonfa, e ho prega perche' te fudesat inscii. Ma fa che sia inscii anca duman: l'incoo, duman, al sara' nagott. Dio, che bello vederti, fresca, gli occhi sembrano sorridere, e sei bella da mor...
Post
29/06/2013 18:16:47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
  • commenti
    comment
    Comment

Katy's song

29 giugno 2013 ore 17:59 segnala

Non avro' mai paure delle tue
bellezze,
ne' del volo dei tuoi sogni,
casomai,....
restero' a guardare, qui, buono,
come gratti alla mia porta.
E, per favore, non urlarmi il tuo amore,
la mia anima ha
orecchie fragili,
stringi i miei sogni,
e
piangi per loro.

Campi d'oro

29 giugno 2013 ore 17:58 segnala

Quando quell'oro, quello vero riempie gli occhi e gli splendori si preparano a rendere l'anima alla notte, vedo il mio niente ai piedi di montagne di stupori, di rimpianti d'esser stato cieco e sordo nel momento giusto.
Ora che un'ora non e' una misura ma un'entita', in questo campo d'oro, mi adagio per morire, mi stava aspettando.

Piaceri

28 giugno 2013 ore 10:08 segnala
Piaceri (Bertolt Brecht)


Il primo sguardo dalla finestra al mattino
il vecchio libro ritrovato
volti entusiasti
neve, il mutare delle stagioni
il giornale
il cane
la dialettica
fare la doccia, nuotare
musica antica
scarpe comode
capire
musica moderna
scrivere, piantare
viaggiare
cantare
essere gentili.

piaceri fatti di poche cose, autocostruiti, mai urlati, quasi sempre, vissuti in solitudine, piaceri che lo diventan, quando senti l'odore della morte, nella via vicina alla tua, e che molti, cercano di portarti via.
Questi piaceri, non abbisognano di immagini, ma di odori, e quelli, qui, non ve li posso dare.
Immaginateli

Lavoro serale

27 giugno 2013 ore 16:57 segnala
L'e' mia giust,
par mangia', mia videt,
no, le mia giust, e ti tel set.
Ma lauri tutti i di', dai set ai vundes,
e ul me cor, al mor quandu finisi,
perche' al sa, che a ta vedaro' mia.
Quandu a moriro', vori' anda' in un post
in dua a sa lavura mia....
dai set ai vundes.
Non e' giusto no,
per mangiare, non vederti,
no, non e' giusto, e lo sai.
Ma lavoro tutti i giorni, dalle sette alle undici,
e il mio cuore muore quando finisco
perche' sa, che non ti vedro'.
Quando moriro', voglio andare in un posto
dove non si lavora,
dalle sette alle undici.

Ul calc in cul

26 giugno 2013 ore 18:00 segnala

Seram li, cul nas par aria,
quater stupid cui brag curt e i man in tasca,
quater cor, pu' se grand da un pensee,
che guardava cuma l'era fai un sogn.
E ti te serat la, a gira cunt i man tacaa
ai caden,
serat li' e te guardavat no, in bass,
ma mi, cui cavei che vulavan da chi e da la',
ta guardavi un mument, e ul mument dopo,
murivi par ti.

Traduzione per gli Italiani:

Eravamo li', con il naso per aria,
quattro stupidotti, con i calzoni corti e le mani in tasca,
quattro cuori, un po' piu' grandi di un pensiero,
che guardavamo come fosse fatto un sogno.
E tu eri li' a girare, con le mani attaccate alle
catene,
eri' lassu' e non guardavi in basso,
ma io, con i capelli che volavano di qui e di la',
un momento prima ti guardai,
il momento dopo,
morivo per te.
9769202d-39f1-4614-8095-942f499bf8dd
« immagine » Seram li, cul nas par aria, quater stupid cui brag curt e i man in tasca, quater cor, pu' se grand da un pensee, che guardava cuma l'era fai un sogn. E ti te serat la, a gira cunt i man tacaa ai caden, serat li' e te guardavat no, in bass, ma mi, cui cavei che vulavan da chi e da la',...
Post
26/06/2013 18:00:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
  • commenti
    comment
    Comment
    1

La bala de strasc

26 giugno 2013 ore 10:08 segnala
A te me dai
una bala da strasc, e..
te me di': giuga e rump mia i bal,
perche' a l'era quel ul mod da di...
ta vori ben,
propri cume mi, incoo,
a ta disi: ti amo, amor mio.

Traduzione:

Mi hai dato
una palla di stracci, e...
mi hai detto: gioca e non scocciare,
perche', quello era, allora, il modo per dire...
ti voglio bene,
proprio come io, oggi,
ti dico: ti amo, amor mio.