A man i'll never be.

10 maggio 2018 ore 10:36 segnala



Rivoglio la mia vita di stelle,
l'idea assurda di ciò che eri,
di ciò che non sei,
rivoglio i concetti, le convinzioni d'essere nel giusto,
i colori di una città che non non esiste,
rivoglio la fame dei tuoi sguardi, le lettere scritte a mano,
le virgole, le canzoni d'estate, la sabbia nelle scarpe.

E rivoglio la tua casa di sera, i lampioni, le tue lacrime,
e poi ridammi la tua verginità, i letti sfatti, i treni e le stazioni.
Rivoglio, insomma, solo una eternità che non hai,
il calore di una mano che ama il mio corpo,
e non so neanche perché quello che ti voglio dire
lo dico in una lingua che non parli,
la lingua del cuore.


7e0ba311-f15b-41d7-a5cd-f5c40741278a
« immagine » Rivoglio la mia vita di stelle, l'idea assurda di ciò che eri, di ciò che non sei, rivoglio i concetti, le convinzioni d'essere nel giusto, i colori di una città che non non esiste, rivoglio la fame dei tuoi sguardi, le lettere scritte a mano, le virgole, le canzoni d'estate, la sab...
Post
10/05/2018 10:36:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.