Akuaduulza.

05 gennaio 2020 ore 18:30 segnala


Dir di si...e parlarti tacendo, quando l'aria si fa fredda,....vieni al bordo del bosco, tra gli scalpiccii nel fango; brina il fiato, scrocchia come una meringa, tu ripari le mani sotto le mie ascelle, e aspettiamo il buio come due frati.
Che dici, torniamo? Siamo quasi nudi per quest'aria di blizzard padano, e nulla di cio' che diciamo, galleggia, anzi, cade affranto...e siamo senza musica.


Cur, cur, pien da piocc,
ul sacrista al sona, la meza,
cur cur, e svoia ul sidel,
mi, t'aspeti chi
fin che ul sul al mor.


Il senso dei tuoi sguardi in quest'acqua dolce,
tra le montagne e i guadi,....
rivedo l'amore delle tue assenze,
dei tuoi pudori nella brina a fondo valle.
Non aver paura a chiamare il mio nome,
non abbassare lo sguardo al mio sorriso:
di un bel pudore non devi vergognarti.



30306976-4c1a-4a5b-9fc6-dbc4fe17c30c
« immagine » Dir di si...e parlarti tacendo, quando l'aria si fa fredda,....vieni al bordo del bosco, tra gli scalpiccii nel fango; brina il fiato, scrocchia come una meringa, tu ripari le mani sotto le mie ascelle, e aspettiamo il buio come due frati. Che dici, torniamo? Siamo quasi nudi per que...
Post
05/01/2020 18:30:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.