Chiara abita qui.

13 febbraio 2017 ore 21:24 segnala


Mi appresto a finire la nostra casa, da lontano osservo le linee, gli accostamenti a prati e alberi, e cerco di intravedere l'effetto della tua presenza davanti ad essa.
Tu sei piccola e minuta, e la tua anima, gentile, sono stato attento a non invader in altezza, quella parte di cielo che delimitava il guardo, a non escludere linee brevi, arbusti magri e lignei, tutto, insomma cio' che a te mi facesse pensare, quando non ci sei.
Non ci sei con il corpo, a volte, con la mente; sono un limite al tuo volo, lo so, e allora apro la porticina della tua gabbia e tu....voli, voli d'un volo ribelle, quasi a dirmi che....senza me, riesci ad innalzare il corpo, oltre l'orizzonte, quello dal quale io vengo, quello che e' cosi' lontano dal tuo.


123738b4-e811-4a0f-aba6-05b56183c345
immagine Mi appresto a finire la nostra casa, da lontano osservo le linee, gli accostamenti a prati e alberi, e cerco di intravedere l'effetto della tua presenza davanti ad essa. Tu sei piccola e minuta, e la tua anima, gentile, sono stato attento a non invader in altezza, quella parte di cie...
Post
13/02/2017 21:24:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Commenti

  1. vagarsenzameta 13 febbraio 2017 ore 21:30
    Ma perche non le capisco le tue poesie e i tuoi pensieri?
    Ho qualcosa che non va? :-(
  2. luc.ariello 13 febbraio 2017 ore 21:33
    Uno scritto che si capisce un pistolotto.
    Uno che ti emoziona, creativo.
    Una musica non importante tu la capisca; ma che ti emozioni, quello si.
  3. vagarsenzameta 13 febbraio 2017 ore 21:35
    E' la fine,non capisco neanche piu i semplici commenti :drunk
  4. Decisamente.1977 13 febbraio 2017 ore 21:35
    Spesso non ci si sente a casa quando si sta tra le proprie quattro mura ,ma ci si sente a casa tra i pensieri di qualcuno ...qualcuno che t'ama ,che t'ama di un'amore puro e che fluttua tutto intorno a noi, a me ,a te a quello che c', quello che potrebbe esserci e quello che non c'.
    Sorrido, immaginandomi in uno scenario di me che danzo e un'uomo con la pipa in bocca e il giornale in grembo, ammira la mia danza in un luogo senza mura, senza cielo ...solo casa .
    Tu ..sei casa .
  5. vagarsenzameta 13 febbraio 2017 ore 21:35
    E' la fine,non capisco neanche piu i semplici commenti :drunk
  6. leggendolamano 13 febbraio 2017 ore 21:40
    limiti illimitanti, gabbie che liberano, porte aperte che rinchiudono.
    Tutto il contrario di tutto quando si ama

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.