Falsario.

30 novembre 2019 ore 16:43 segnala



Non le ho le parole,
gli aggettivi,
nemmeno i sostantivi, no,
e allora li conio,
rumoreggio con le idee e i sospiri,
"ti amicchio" in ombreggianti silenzi,
"nuvoleggi" tra stizziti rimproveri.
A che serve il silenzio,...
è una parete bianca,
una mano sulle labbra del cuore:
voglio far baccano,
guttureggiare tra i tuoi stupori:
lasciami fare...
è amore anche quello,
magari
un amoreggio.


3db4566a-5147-4aad-9a42-9e04520975cf
« immagine » Non le ho le parole, gli aggettivi, nemmeno i sostantivi, no, e allora li conio, rumoreggio con le idee e i sospiri, "ti amicchio" in ombreggianti silenzi, "nuvoleggi" tra stizziti rimproveri. A che serve il silenzio,... è una parete bianca, una mano sulle labbra del cuore: voglio f...
Post
30/11/2019 16:43:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. crenabog 01 dicembre 2019 ore 16:00
    ci vuole sapienza per giocare con le parole
    ci vuole saggezza per bene indirizzarle
    ci vuole un fine spirito per comprenderle
    ed un cuore aperto per apprezzarle

    il che ovviamente - o purtroppo - non è cosa comune...
  2. luc.ariello 01 dicembre 2019 ore 17:04
    @crenabog
    E dopo averle scelte
    m'acoorgo che 'ste parole son suoni e nulla piu'.
    E se avessimo chiamato un cucchiaio, che so.....cipolla,
    avrei dovuto inventar un tamburreggiar che sapesse
    del mio intendere.
    E allora come parlarti di questo crepitio dell'anima?
    Come farti pianger d'un mio dolore senza che nulla di me ti tocchi?
    E' una tragedia!
  3. luc.ariello 01 dicembre 2019 ore 17:14
    A che servono le parole?
    A dar corpo a gesti che per pudore, nascondo.
    Ma la tua anima, è abile;
    mi legge nella lievità
    d'un gesto.
  4. Aron.darklight 01 dicembre 2019 ore 18:57
    Complimenti, semplicemente
    Giocare con le parole è un gioco serio e tu hai giocato egregiamente
  5. crenabog 01 dicembre 2019 ore 22:08
    I bravi autori scrivono con il cervello, i grandi autori scrivono con il cuore e fortunato è il lettore che ha la ventura di incrociare le loro strade
  6. luc.ariello 01 dicembre 2019 ore 22:56
    @Aron.darklight
    E così, detto questo,
    tu giuri d'aver correttamente inteso
    il senso del mio dire.
    Allora, un pezzo della mia anima
    ora è tua;
    fanne buon uso.
  7. Aron.darklight 02 dicembre 2019 ore 07:45
    Grazie di cuore , un pezzo di anima non sarà un po' troppo?
    È un onore per me leggere e impegnarmi a capire ( cervellarmi) , non sempre ci riesco e a volte mi basta il suono della parola stessa per gioire di una lettura , vista per caso , letta per caso e tornata a posta per rileggerla, grazie
  8. VirPaucisVerbo 02 dicembre 2019 ore 08:54
    Un costruttore di parole è un grandissimo artigiano, è un esploratore che traccia nuove vie e sono lieto di poter percorrere i tuoi sentieri.
    Buona giornata.
  9. luc.ariello 02 dicembre 2019 ore 12:27
    @VirPaucisVerbo
    Attento! Perdersi nei meandri linguistici può diventare ossessione.
  10. VirPaucisVerbo 02 dicembre 2019 ore 13:38
    @luc.ariello: mica son brutte ossessioni, anzi!

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.