Immortalità.

03 aprile 2018 ore 21:23 segnala


Quello che mi lasci, senza saper di farlo, è un vagar per strade già percorse, con passo silente, in sere tutte uguali, senza apparenti stimoli, senza brilliii di lucidità. Ma è pur sempre tanto: un profumo d'eternità, di elegiaca immortalità.

È un me che non conoscevi,
un fronzolo avanzato di una festa,
sono ciò che non sarei dovuto essere,
un'aria di operetta in teatrino di periferia.


Quello che mi lasci è un segnale di libero che non vuol dire nulla, un semaforo sempre giallo, uno star qui ad aspettar un tram che non arriva, che non esiste. Quanto t'è costato quell'esser così irraggiungibile, quanto il non ascoltar più i miei canti....e quanto il resister, a non carezzar la mia anima? Poco,...tanto,...chissà.

Senza anima un cuore batte per inerzia,
e le nostre strade corrono parallele,
il tuo mare e i miei monti, seguon le loro vie,
ma quella luna lassù è la stessa
da me, da te,
una unione,
un giuramento.
684f93d9-e4f5-4e2d-af31-3520c5ccbc88
« immagine » Quello che mi lasci, senza saper di farlo, è un vagar per strade già percorse, con passo silente, in sere tutte uguali, senza apparenti stimoli, senza brilliii di lucidità. Ma è pur sempre tanto: un profumo d'eternità, di elegiaca immortalità. È un me che non conoscevi, un fronzol...
Post
03/04/2018 21:23:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Commenti

  1. s.hela 03 aprile 2018 ore 22:23
    E se " anche tu vedi la stessa Luna , non siamo poi così lontani"...

    Queste parole di una bellissima canzone , dicono molto anche nella loro brevità.

    I tuoi pensieri sono piu' che belli.

    Buona notte Luc :bye

    Giulia


Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.