Lettere di Nabokov. 2

11 gennaio 2018 ore 10:51 segnala




Dopo averle fatto una meravigliosa confessione sul fatto di aver iniziato a scriverle una poesia sul foglio “rimanendogli solo un piccolo e non sufficiente retro per continuare” e non avendo altri fogli su cui poter cominciare di nuovo, continuò con il suo spirito caratteristico di onesto slancio lirico con un pizzico di disarmante irriverenza:

“Ciò che voglio più di ogni altra cosa è che tu sia felice, e credo di poterti dare quel tipo di felicità – una solare e semplice felicità – e non un tipo di felicità comune… Sono pronto a darti tutto il mio sangue, se necessario. È difficile da spiegare. Suona un po’ sciatto, ma è quello che sento. Ti dico che con il mio amore posso affrontare dieci secoli di fiamme, canzoni ed eroismo, dieci secoli interi, immensi e alati; pieni di cavalieri che cavalcano ardenti colline; di leggende sui giganti; della ferocia di Troia; di vele arancioni; di pirati e poeti. E questa non è letteratura, se tu ti mettessi a rileggere con attenzione scopriresti che i cavalieri sono diventati grassi.”.....continua.


80bb3f0b-6c20-49c4-b532-7de367cc1690
« immagine » Dopo averle fatto una meravigliosa confessione sul fatto di aver iniziato a scriverle una poesia sul foglio “rimanendogli solo un piccolo e non sufficiente retro per continuare” e non avendo altri fogli su cui poter cominciare di nuovo, continuò con il suo spirito caratteristico di...
Post
11/01/2018 10:51:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Commenti

  1. xspirito.liberox 11 gennaio 2018 ore 13:17
    Ti dico che con il mio amore posso affrontare dieci secoli di fiamme
  2. s.hela 11 gennaio 2018 ore 18:45
    Si fa sempre più interessante :ok

    Al prossimo "continua"...

    Ciao :rosa
  3. luc.ariello 11 gennaio 2018 ore 19:00
    Ciao :rosa
  4. francuzzoserpico 11 gennaio 2018 ore 19:12
    Beh, trovare qui le lettere d'amore che Nabokov scriveva a sua moglie, in mezzo a frittelle impanate e post da barzelletta come i miei, è come uno squarcio nel buio, anche perché la sua prosa era parecchio ricercata. Tentativo coraggioso!
  5. luc.ariello 11 gennaio 2018 ore 19:15
    Piu' che tentativo,...abitudine.

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.