Nileve.

26 marzo 2017 ore 11:26 segnala




Era di sera, ricordi, quando la tua ansia di sorreggerti a qualcosa che fosse un pò piu' di una misera considerazione, di un apprezzamento volgare mi incontrò, così, per caso, all'angolo della tua vita, come un volantino di una svendita, un termometro che indicava.....freddo, freddo.

Ero indolente, di una mancata voglia di considerare nulla come un senso vitale, non una disperazione, no, ...ma come il tepore d'un liquido amniotico, il benessere dilagante d'una sbronza leggera, sai di che parlo, vero?

E così, per non farla lunga, ci guardammo, senza troppa ansia, e buttammo lì un'idea, di divertirci a sputarci addosso, parole, parole, parole, quasi fossero venti in un otre racchiusi, e poi nelle parole spuntò un nome, il tuo,così, come se fosse.....pentola, paracarro, menestrello.

Ma il tuo nome, brillò di vita propria, vagò divertito tra noi e divenne.....un aquilone.
Eccolo quel volo....adesso inizia.
Fallo volare tu.

Non dirmi che ciò che resta...
è sonno,
no, ...prima di andare,
prima, dammi un bacio, un soffio della tua
anima,
prima di perderti in paradisi strani,
resta un poco e dimmi di si.
Cerca tra le scartoffie, i piatti da lavare,
cercalo, quel bacio,
ci deve essere:
ricordo che stavi per darmelo, l'ultima volta,
ricordo che, disperata, lo tenesti un poco
tra le dita.
Prima di andare,
prima,
dammi un bacio.



40f694be-e826-4e3f-acee-2af94d839f28
« immagine » Era di sera, ricordi, quando la tua ansia di sorreggerti a qualcosa che fosse un pò piu' di una misera considerazione, di un apprezzamento volgare mi incontrò, così, per caso, all'angolo della tua vita, come un volantino di una svendita, un termometro che indicava.....freddo, fredd...
Post
26/03/2017 11:26:55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Commenti

  1. la.zagara 28 marzo 2017 ore 18:40
    C'è un posto nel cuore
    che non sarà mai riempito.
    Uno spazio.
    Lo conosceremo più che mai.
    C'è un posto nel cuore
    che non può essere riempito.
    E noi aspetteremo, e aspetteremo
    .... in quello spazio.
  2. luc.ariello 28 marzo 2017 ore 18:42
    ma quando arriva quello che aspetti, poi sai riconoscerlo?

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.