Terra nostra.

11 febbraio 2017 ore 09:48 segnala




Lo zolloso scacciar aria
delle scarpacce fangose fu il sospiro
della fatica,
e anche
un suonar di campanello
alla porta del ritorno.
La minestra caldeggiava in occhiate benevole,
e le volute di sapor di patata,
si arrotavano nell'aria di languore lucido,
non si parlo' di nulla
e il posar corpo e anima su una sedia
fu un morir di una gioia, calma,
di quelle gioie senza parole.
Quelle strisce di terra sul piancito,
furon una traccia,
un sospiro d'amore,
per una terra rossa del sangue
di una vita che cadeva addosso
come un'abito assolutamente
fuori moda.


c2b08069-370c-4e53-adae-497d14491f0d
immagine Lo zolloso scacciar aria delle scarpacce fangose fu il sospiro della fatica, e anche un suonar di campanello alla porta del ritorno. La minestra caldeggiava in occhiate benevole, e le volute di sapor di patata, si arrotavano nell'aria di languore lucido, non si parlo' di nulla e il...
Post
11/02/2017 09:48:10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.