Today.

10 giugno 2018 ore 11:14 segnala


Oggi le ho telefonato.
Di nascosto.
Come due amanti.
E' stato bello.
Lei rideva, chiusa nella sua auto, rideva di tutto, mentre un cane fuori abbaiava e lei rideva anche di questo;
ci siamo ricordati di come eravamo, dei jeans sdruciti,
mancava la pioggia....e il dottor Zivago, anche il tempo scorreva in un modo diverso, a me sembrava di vederla, nel suo vestito inadatto al posto, con le mani piene di oggetti e la voce che tendeva al pianto.
Poi se ne è andata, e il telefono, lampeggiava di segnali eleganti:
un buco nello stomaco gorgogliava e mi ha spinto a muovermi...
mi sono fatto un caffè, e il suo amore, riempiva la stanza.
Oggi.


Ti sei stancata di portare il mio peso



Ti sei stancata di portare il mio peso

ti sei stancata delle mie mani

dei miei occhi della mia ombra



le mie parole erano incendi

le mie parole eran pozzi profondi


verrà un giorno un giorno improvvisamente

sentirai dentro di te

le orme dei miei passi

che si allontanano



e quel peso sarà il più grave

Nazim Hikmet



5c36abfe-7177-4e0f-9c27-408247bd65ae
« immagine » Oggi le ho telefonato. Di nascosto. Come due amanti. E' stato bello. Lei rideva, chiusa nella sua auto, rideva di tutto, mentre un cane fuori abbaiava e lei rideva anche di questo; ci siamo ricordati di come eravamo, dei jeans sdruciti, mancava la pioggia....e il dottor Zivago, ...
Post
10/06/2018 11:14:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3

Scrivi commento

Fai la login per commentare

Accedi al sito per lasciare un commento a questo post.